Jump to content
Dominus

A-12 Avenger 2

Recommended Posts

In verità l’A-12 più che dell’F-117 era coevo del B-2 e dell’F-22 e come tale già si affrancava dalle soluzioni un po’ acerbe del Nighthawk.
Non era più vincolato a superfici piane e sfaccettate, perché i calcolatori del tempo erano già in grado di ottimizzare la curvatura delle superfici, in modo tale da evitare la riflessione radar verso la sorgente.
Le linee erano poi senza soluzione di continuità per evitare che le onde radar producessero correnti superficiali che sugli spigoli dessero origine a onde di ritorno e comunque la forma era tale da impedire che le correnti aggirassero l’aereo e producessero onde elettromagnetiche dirette verso la sorgente.

 

Insomma c’era tutto quello che possiamo trovare ancora oggi in termini di forma, anche se non in termini realizzativi, visto che la precisione costruttiva e i nuovi materiali hanno ridotto l’utilizzo di delicati sigillanti tra i pannelli e rivestimenti RAM. Aerei come l’F-35 adottano soluzioni più moderne e durature, ma in generale hanno ambizioni inferiori in quanto a contenimento della traccia radar e infrarossa.

 

Sebbene non mi pare ci siano dati e misurazioni certe, se non altro perché non si arrivò mai a completare un prototipo, è plausibile pensare che la stealthness dell’A-12 fosse superiore non solo a quella dell’F-117, ma anche a quella del contemporaneo F-22 e del successivo e similare F-35 che erano prima di tutto caccia e cacciabombardieri supersonici: proprio la forma così estrema e priva di fusoliera e impennaggi, non a caso ripresa da qualche concetto di drone e in modo ancor più spinto dal futuro B-21, garantiva una bassa traccia radar non solo nella banda X dei radar di puntamento, ma anche in quella S ed L dei radar di sorveglianza, per giunta in ogni direzione, permettendo al velivolo di penetrare indisturbato in un’area controllata e ostile, cosa molto utile ad un bombardiere.

Edited by Flaggy

Share this post


Link to post
Share on other sites

SI hai ragione, ho fatto male i conti. Tendo a considerarlo più "veccho" probabilmente perché non ha avuto seguito mentre F-22 e B-2 li abbiamo "in giro" ancora oggi.

Interessante il fatto che l'A-12 fosse pensato come penetratore stealth "estremo", una specie di mini B-2. Se le cose fossero andate come dovevano, forse, avrebbe potuto costituire la componente "high", lato bombardamento, corrispondente dell'F-22 (lato caccia), da integrare col "cavallo da tiro" F-35.

Era comunque un progetto affascinante.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Già, ai tempi avrebbe dovuto sostituire l’Intruder presso reparti USNavy e dei Marines ed essere affiancato come caccia pesante dal rimpiazzo designato dell’F-14, quel NATF che avrebbe dovuto essere un F-22 navalizzato e con ali a geometria variabile.

Alla fine non se ne fece nulla e l’unico superstite di tutti i programmi pensati e concepiti in quegli anni, facendo collezione di sigle e passando da JAST a CALF e fino a JSF è diventato il rimpiazzo per la linea “leggera” su F-18 e AV-8B (appunto l’F-35).
Di più, il defunto A-12, in una sorta di scambio di progetti tra USAF e USNavy avrebbe dovuto seguire la strada contraria a quella dell’ATF e passare dalla Marina all’Aeronautica con un'apposita versione.

 

The Navy originally planned to buy 620 of the McDonnell Douglas/General Dynamics aircraft, with the Marine Corps purchasing an additional 238 planes. And the Air Force at one point considered buying 400, at an average cost that was estimated at close to $100 million each.

http://www.globalsecurity.org/military/systems/aircraft/a-12.htm

 

La realtà come sappiamo fu molto diversa: erano tempi di tagli, soprattutto per i progetti coi costi fuori controllo, ma anche tempi in cui era ancora difficile far digerire alla Navy un caccia pensato per l’Aeronautica e all’Aeronautica un bombardiere subsonico "tascabile" pensato per la Marina e di fatto senza un velivolo equivalente da sostituire: F-111 e F-15E non assomigliavano un granché all’Intruder…
Si finì con tagliare tutto e il resto è storia, col tappabuchi F-18E a ricoprire i posti vacanti dopo il ritiro di F-14 e A-6.

Share this post


Link to post
Share on other sites
quel NATF che avrebbe dovuto essere un F-22 navalizzato e con ali a geometria variabile.

 

Certo che, pensandoci, se l'F-22 già così com'è, pesa (a vuoto) circa quanto un F-14 (e cioè molto di più di un F-15!)... non oso pensare quanto sarebbe potuta pesare una versione a geometria variabile. Roba da sforare dai pesi massimi consentiti come l'F-111B...

Si finì con tagliare tutto e il resto è storia, col tappabuchi F-18E a ricoprire i posti vacanti dopo il ritiro di F-14 e A-6.

 

L'F-18 ha un po' finito col diventare il degno contraltare dell'F-15C/E nel senso che gli hanno affidato tutti i ruoli disponibili... ecco forse la cellula di partenza non è proprio dello stesso livello diciamo... non amo molto questo velivolo. Permettetemi questa divagazione di carattere personale.

Edited by Signs_of_Life

Share this post


Link to post
Share on other sites

Cosa non si trova in rete…

gallery_714_192_643650.jpg
gallery_714_192_37524.jpg
gallery_714_192_495615.jpg
gallery_714_192_156950.jpg
gallery_714_192_503244.jpg
gallery_714_192_283213.jpg

 

Degno di nota il gancio d’appontaggio la cui struttura di ancoraggio era telescopica e lo faceva ritrarre traslando in avanti in un vano sotto i motori, i condotti delle prese d’aria ad S divise da lunghissimi setti che arrivavano fino ai motori e ne mascheravano le ventole.

Prese d’aria che erano di quanto già non apparissero, visto che avevano il labbro inferiore che poteva traslare in avanti e ruotare in basso aumentando la portata d’aria in decollo.

La sezione delle due stive principali era veramente impressionante sia in larghezza che profondità e consentiva di trasportare due armi di grosso calibro appaiate.
Interessanti anche le stive più piccole contenenti l’armamento aria-aria, letteralmente sagomate attorno alla forma degli AIM-9 e degli AIM-120, con dei recessi in cui infilare le pinne dei missili.

In mezzo a questa selva di aperture ventrali che devono aver causato non pochi grattacapi strutturali e aver avuto una discreta responsabilità degli sforamenti di peso, c’era anche posto per due piloni esterni.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×