Jump to content
TT-1 Pinto

Tempest - Discussione Ufficiale

Recommended Posts

In caso di disastri credo che ci si mangi le quote di produzione più che il ruolo di Cameri come MRO&U come d'altra parte è avvenuto quando si è scesi da 131 a 90.

Share this post


Link to post
Share on other sites
7 ore fa, Flaggy ha scritto:

D'accordo fare di nuovo la fesseria di due aerei in Europa (almeno non son tre come adesso...) ma almeno evitiamo la duplicazione delle linee...

Siamo ancora molto agli inizi dell'avventura e sebbene sia meglio non affrettare conclusioni , mi sembra improbabile che un qualsiasi italico governo non cerchi di procurare lavoro alle linee di assemblaggio qui da noi . Del resto spostare componenti o elementi strutturali voluminosi dall'Italia alla Gran Bretagna  è meno facile che spedirli dalla Germania alla Francia . La cosa potrebbe influire sui tempi di costruzione e sui costi conseguenti.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Avere la linea di produzione dà prestigio e un minimo di autonomia produttiva al paese che la richiede (molto minima visto che i pezzi arriverebbero da ogni dove...), ma esistono modi più intelligenti ed efficienti di procurare lavoro che duplicare le linee e per esempio ATR ha una suddivisione 50-50 tra Francia e Italia anche se la linea di assemblaggio degli ATR -42 e 72 è una ed è in Francia…E pensa un po’, non c’è nemmeno bisogno di spartirsi il mercato delle esportazioni scannandosi su chi deve sponsorizzare (magari male come in Svizzera, Austria e India per l’EF-2000) e produrre gli aerei che devono andare in un paese piuttosto che un altro.

Ormai moltissimi aerei vengono assemblati con grossi sub assiemi provenienti da mezzo mondo (l’F-35 non è il primo e nemmeno sarà l’ultimo) e non è che spostare grossi elementi strutturali abbia un costo paragonabile a quello di mettere in piedi e mantenere una linea di assemblaggio finale probabilmente stitica, senza contare che avere più linee di assemblaggio non evita nemmeno il trasporto degli stessi elementi strutturali, perché questi sarebbero certamente single source nel programma Tempest, come lo sono per Eurofighter.

Se (ipotizzo a ruota libera pensando a quanto avviene su progetti come EF-2000 e T-X) la parte anteriore si facesse in Gran Bretagna, quella centrale in Italia e quella posteriore in Svezia, comunque questi tre grossi sub assiemi dovrebbero girare per l’Europa e non ci sarebbe modo di impedirlo.

A fare una linea sola oltre la Manica dovresti spedire in GB la parte centrale e quella posteriore.

A farne una anche in Italia dovresti far arrivare qui la parte anteriore e quella posteriore.

Certa componentistica va ordinata anni prima dell’assemblaggio finale, ma non è che i tempi di trasporto di un grosso sub assieme influiscano in modo particolarmente pesante su quelli di consegna…

Edited by Flaggy

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×