Jump to content

F-35 Lightning II - Discussione Ufficiale


Recommended Posts

  • Replies 8.4k
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Top Posters In This Topic

Popular Posts

Tra le altre cose uno degli step del Block 4 introduce le SDB II battezzate GBU 53/B StormBreaker https://www.janes.com/article/81956/stormbreaker-enters-operational-test-phase Poco interess

Forse può essere interessante soffermarsi su qualche aspetto della struttura dell’F-35 e sulla sua evoluzione a partire dal primo prototipo, per arrivare ai velivoli di serie, che hanno recepito quant

In realtà, anche se a prima vista non sembra, il tettuccio dell’F-35 è in un pezzo singolo... Il montante è un supporto che fa da appoggio all’interno, ma non divide il plexiglass in due, pe

Posted Images

qualcuno mi sa spiegare se e in che senso la versione B dell'F 35 è inferiore nel combattimento aria-aria? Azzardo un'ipotesi: perché monta meno armi nelle stive interne?

La versione B è inferiore in tutto alle due CTOL;minore velocità massima,minore autonomia,minor fattore di carico limite ecc..questo perchè la configurazione STOVL impone dei compromessi.Le dimensioni delle stive incidono solo sulla capacità delle bombe(2ordigni max da 1000 lb contro le 2000 lb degli A e C)in quanto,per ciò che concerne le missioni aria aria,dovrebbe portare lo stesso numero di missili(anche se ad esempio il lanciatore doppio cui faceva riferimento Flaggy non so se ci sta).

Link to post
Share on other sites

E' difficile dire quanti missili entreranno nelle stive del B, se non altro perchè nessuno ha visto questo fantomatico eiettore doppio che verrà implementato solo in un secondo tempo, anche se a parlare di 6 missili in stiva è stato lo stesso costruttore.

 

Aviation Week

 

L'impressione è che non ci sia fretta per infilare qualche missile in più in stiva: non sono certo i caccia che mancano ai principali futuri clienti dell'aereo, ma i bombardieri stealth. A mano a mano che le consegne proseguiranno e i caccia di generazione precedente cominceranno a ridursi troppo, anche il numero di missili in stiva comincerà ad aumentare.

Quel che è certo è che le stive del B sono più corte e sono lunghe a malapena quanto un AIM-120.

Difficile quindi installare 2 missili sull'eiettore doppio che, per ragioni di ingombro credo dovrebbe alloggiare i missili sfasati per evitare che gli impennaggi degli stessi entrino in interferenza fra loro.

Aspettiamo un po'...magari qualcuno in Lockheed-Martin prima o poi si periterà di farci vedere un disegnino di quello che entra in stiva in configurazione aria-aria...

Per il momento si sa che 2 missili a corto raggio possono essere tranquillamente montati ai piloni subalari esterni, senza penalizzare troppo la stealthness (i piloni sono pure inclinati lateralmente per nascondere la rotaia col corpo del missile).

 

f35weaponarrangementdb5.jpg

 

Perchè non li hanno messi su rotaie all'estremità alari degli A o B (sui C tra slat e alettoni resta ben poco...)?

Pare che questa predisposizione avrebbe penalizzato la stealthness anche quando rotaie e missili non sono montati (o vengono sganciati), senza contare il fatto che tutti i bordi delle ali, estremità incluse, sono letteralmente imbottiti di antenne e antennine di ogni genere annegate nei pannelli.

Link to post
Share on other sites
No, la cosa funziona così.

 

Ipotizziamo per comodità che il costo di sviluppo dell' F-35 è pari a 100.

 

L'Italia partecipa intorno al 4 % del costo di sviluppo, quindi ha diritto a un "ritorno" analogo: 4 %.

 

Per ogni aereo che si vende, l'Italia incassa il 4 %.

 

Quindi, quando compra i suoi, già li compra con il 4 % di sconto.

 

Poi immaginiamo che l' F-35 si venda bene: ad esempio ipotizziamo che si vendono 1000 aerei all'estero: l'Italia incassa il 4 % dei ricavi.

 

Ora, se si tiene conto che l'Italia ha investito qualcosa come un miliardo di dollari nel programma F-35, e che si prevede la vendita all'estero di qualcosa come 1000-2000 F-35 che costano 50 milioni di dollari l'uno, quindi per un totale che va da 50 a 100 miliardi di dollari, ecco che l'Italia minimo ricava, solo dalle vendite all'estero, qualcosa come 2-4 miliardi di dollari.

Per non parlare del ritorno degli esemplari venduti agli USA, che al momento si prevede siano altri 2000-3000 aerei.

 

Ecco quindi che con un investimento di 1 miliardo di dollari, se ne guadagnano da 6 a 10 secondo come andrà il mercato.

Più che sufficienti per pagarsi i propri F-35 e per mettersi in tasca qualcosa (ma qui bisogna stare attenti: questo ritorno dubito che finirà nelle tasche dello Stato, ma probabilmente finirà in quelle delle industrie italiane, comunque sono soldi che rientrano e portano benefici all'economia).

pero scusa l'ignoranza...anche dal efa dovremmo guadagnarci...?o mi sbaglio..?dove guadagneremmo di piu?

Link to post
Share on other sites
pero scusa l'ignoranza...anche dal efa dovremmo guadagnarci...?o mi sbaglio..?dove guadagneremmo di piu?

 

per quanto riguarda i guadagni le differenze tra efa e f35 sono queste:

-per l'efa ogni stato ha la propria catena di montaggio quindi le aziende italiane guadagnano solo riguardo agli efa che compra l'italia e di riflesso guadagna anche lo stato italiano nel momento in cui queste aziende vanno a pagare le tasse sui loro introiti

-per l'f35 le aziende italiane coinvolte nel progetto guadagneranno il 4% sulla vendita di ogni singolo aereo prodotto, cioè il 4% su ogni singolo aereo che si vende, e di riflesso guadagnerà anche lo stato all'atto del pagamento delle tasse da parte di queste stesse imprese.

 

ora l'italia guadagnerà dal progetto efa solo per il centinaio di velivoli prodotti in italia mentre dal progetto f35 guadagnerà su tutti i velivoli che si venderanno e che le stime più pessimistiche attestano a non meno del migliaio (ma solo quelle molto pessimistiche)...

 

mi sembra chiaro dove guadagneremo di più...

Link to post
Share on other sites

Peccato che le quote delle aziende italiane di partecipazione al programma JSF dipendano, oltre che dall'avanzato know-how di cui dispongono, anche dall'entità dei liquidi che il nostro governo sta versando nel programma...

 

Comunque, Flaggy, riguardo alla rotaia da estremità alare, facendo una ricerca immagini su Google ho trovato questa:

 

20gfpxw.jpg

 

Che mi sai dire? Possibile che sulla versione per portaerei convenzionali, data la conformazione dell'ala, monteranno un sistema del genere?

 

Consiglio inoltre di leggere su Aeronautica&Difesa di ottobre l'articolo riguardo le evoluzioni dal dimostratore di tecnologia al prototipo. Interessantissimo.

Link to post
Share on other sites
Peccato che le quote delle aziende italiane di partecipazione al programma JSF dipendano, oltre che dall'avanzato know-how di cui dispongono, anche dall'entità dei liquidi che il nostro governo sta versando nel programma...

 

infatti è previsto che i liquidi che il nostro governo versarà (salvo variazioni) saranno pari al 4% del costo del programma, è questo il motivo per cui, come ha già spiegato gianni, le nostre aziende guadagneranno il 4% del prezzo di ogni singolo aereo venduto.

 

ho letto l'articolo di Aeronautica&Difesa che hai segnalato ed è veramente interessante.

Link to post
Share on other sites
infatti è previsto che i liquidi che il nostro governo versarà (salvo variazioni) saranno pari al 4% del costo del programma, è questo il motivo per cui, come ha già spiegato gianni, le nostre aziende guadagneranno il 4% del prezzo di ogni singolo aereo venduto.

Attenzione, io ho detto anche, è un programma all'americana, se in Lichtenstein avessero un'azienda per componentistica migliore e a prezzi ridotti, è probabile che comprino assegnino quote anche a quest'ultima! ;)

Link to post
Share on other sites

Mah probabilmente sarà possibile mettere una rotaia all'estremità alare ma non credo che il gioco valga la candela in termini di RCS.

Personalmente vedo bene solo l'utilizzo di armamento standoff e serbatoi sui piloni, anch'essi sganciabili, da usare prima di entrare nella zona "calda" oppure qualora si richieda lunga persistenza in condizione di superiorità aerea.

Link to post
Share on other sites
Peccato che le quote delle aziende italiane di partecipazione al programma JSF dipendano, oltre che dall'avanzato know-how di cui dispongono, anche dall'entità dei liquidi che il nostro governo sta versando nel programma...

 

Comunque, Flaggy, riguardo alla rotaia da estremità alare, facendo una ricerca immagini su Google ho trovato questa:

 

20gfpxw.jpg

 

Che mi sai dire? Possibile che sulla versione per portaerei convenzionali, data la conformazione dell'ala, monteranno un sistema del genere?

 

Lascia perdere quell'immagine Tuccio...

E' un tarocco di un trittico della versione C dell'F-35.

Quell'immagine è il risultato della fantasia di qualche zelante utente di un forum di aviazione, che voleva magari dimostrare che di missili in stiva ce ne starebbero addirittura 12...

Cazzate di uno che ha visto troppe puntate di Mazinga...

Le dichiarazioni ufficiali sono per 6 missili interni (anche se per il momento sono 2 sicuri o 4 senza grandi sforzi).

Al massimo là dentro ci entrano 10 ordigni (di cui 8 sono le piccolissime Small Diameter Bomb...).

Che sia un tarocco lo si riconosce anche dal muso allungato (forse qualcuno si illude che basti per andar più veloci) e dall'ugello a geometria variabile stile F-22 (qualcuno lo vuole più manovrabile?).

Entrambe cazzate...Non si cambia la forma di uno stealth senza rischiare di dargli la traccia radar di un vagone ferroviario...

Quanto ai missili all'estremità alare, mi piacerebbe sapere a cosa è attaccata la rotaia...A 10 centimetri di ala visto che tra slat e alettoni non resta quasi nulla?...

Che sia chiaro, l'immagine originale da cui quell'oscenità è stato ricavata è questa...

 

f35_schem_03.jpg

Link to post
Share on other sites
Lascia perdere quell'immagine Tuccio...

E' un tarocco di un trittico della versione C dell'F-35.

Quell'immagine è il risultato della fantasia di qualche zelante utente di un forum di aviazione, che voleva magari dimostrare che di missili in stiva ce ne starebbero addirittura 12...

Cazzate di uno che ha visto troppe puntate di Mazinga...

Le dichiarazioni ufficiali sono per 6 missili interni (anche se per il momento sono 2 sicuri o 4 senza grandi sforzi).

Al massimo là dentro ci entrano 10 ordigni (di cui 8 sono le piccolissime Small Diameter Bomb...).

Che sia un tarocco lo si riconosce anche dal muso allungato (forse qualcuno si illude che basti per andar più veloci) e dall'ugello a geometria variabile stile F-22 (qualcuno lo vuole più manovrabile?).

Entrambe cazzate...Non si cambia la forma di uno stealth senza rischiare di dargli la traccia radar di un vagone ferroviario...

Quanto ai missili all'estremità alare, mi piacerebbe sapere a cosa è attaccata la rotaia...A 10 centimetri di ala visto che tra slat e alettoni non resta quasi nulla?...

Che sia chiaro, l'immagine originale da cui quell'oscenità è stato ricavata è questa...

...

 

:adorazione: complimenti, forse per te sono errori grossolani, io me li sono bevuti tranquillamente; tutto sommato questo "tarocco" è stato molto educativo, grazie al tuo intervento!

Link to post
Share on other sites

l'F-35b è l'unica versione a decollo verticale, e fin qui ci sto, ma ,mi pare di aver sentito che tutti gli f-35 hanno capacita STOL, cioè di decollo e atterraggio abbastanza corto, è vero?

Edited by fighter
Link to post
Share on other sites

Non ricordo se questo tipo di dati relativi all' F-35 siano stati divulgati.

In ogni caso, i caccia moderni, specialmente quelli che hanno un favorevole rapporto spinta/peso e che dispongono di una buona dotazione in atterraggio (flap di grande superficie, inversori di spinta, paracadute freno) hanno già prestazioni che qualche decennio fa sarebbero state considerate STOL o quasi.

Ad esempio, un Mirage 2000 decolla e atterra in 600 metri, un F-16 e un F-18 ce la fanno in 700-800 metri.

L'F-35 ha un peso a vuoto sulle 14 tonnellate e un motore da oltre 19 tonnellate di spinta, per cui credo che in decollo possa garantire prestazioni brucianti.

In atterraggio immagino che non farà peggio di un F-16.

 

;-)

Link to post
Share on other sites

Si riferisce ad uno studio della RAND, che evidenzia sopratutto il limite dei pochi missili a/a trasportabili dall'aereo in caso di scontri in condizioni di inferiorità numerica (bello e realistico lo scenario analizzato, uno scontro tra USA e Cina sui cieli di Taiwan) e, inoltre, spiega con dati e grafici l'inferiorità dell'aereo nel combattimento WVR (Within visual range, a pag 80). Lo studio completo è scaricabile, in pdf, qua: LINK STUDIO RAND

 

Sempre sul problema dei pochi missili trasportati, sul sito www.ausairpower.net/ (molto ben fatto e documentato questo sito), sono interessanti i primi due paragrafi di questo studio Russian philosophy of BVR air combat

 

Infine segnalo questo studio dell'Air Force Association, una messa a confronto tra le capacità dell'F-22 e quelle dell'F-35, tutta centrata sul fatto che l'F-35 è un complemento dell'F-22. Molto interessante il grafico sull'inviluppo in volo dei due velivoli LINK STUDIO AFA

 

Gianni, ne hai da leggere :adorazione:

Edited by Rick86
Link to post
Share on other sites

Spero che ci rendiamo conto che stiamo commentando la sparata di un troll che giustamente Gianni non ha nemmeno degnato di una risposta...

Comunque...

Non esiste nessuna simulazione fatta dell'USAF che dia questo esito nello scontro F-35 - Flanker e men che meno lo studio della RAND porta a simili conclusioni sulle capacità e le prestazioni dell'F-35...

Riguardo a tale simulazione è lo stesso direttore del RAND Project Air Force a dire:

 

“Recently, articles have appeared in the Australian press with assertions regarding a war game in which analysts from the RAND Corporation were involved. Those reports are not accurate. RAND did not present any analysis at the war game relating to the performance of the F-35 Joint Strike Fighter, nor did the game attempt detailed adjudication of air-to-air combat. Neither the game nor the assessments by RAND in support of the game undertook any comparison of the fighting qualities of particular fighter aircraft.”

http://www.rand.org/news/press/2008/09/25/index.html

 

Appurato questo, ribadisco dunque ad uso consumo dei più restii a comprendere...

 

1) L'F-35 non porta pochi missili: in stiva ne enterranno fino a 6 e, se si vuole accontentare quelli che ipotizzano scontri aerei sui cieli di Taiwan a suon di missili aria-aria, bene, sotto le ali ce ne stanno altrettanti.

Delle due l'una: o si dice che i missili in stiva son pochi (6 son pochi???), ma si sottolineano i vantaggi della configurazione stealth, o si dice che la stealthness non dia 'sti gran vantaggi, ma allora la critica sul numero di missili decade perchè F-35 e F-22, usando i piloni esterni, possono essere trasformati in incrociatori lanciamissili...

In ogni caso criticare l'F-35 perchè ha pochi missili dentro equivale a foderarsi gli occhi di prosciutto e non vedere che, per le dimensioni che ha, infilarcene dentro così tanti senza rinunciare al carburante è un capolavoro di ingegneria aeronautica.

 

2) Le prestazioni di un velivolo non si misurano dal rapporto spinta/peso e dal carico alare... soprattutto se a farlo (bovinamente) sono i sostenitori della fighter mafia.

Il rapporto spinta/peso è influenzato dal carburante imbarcato (e sull'F-35 è il doppio di quello di un caccia pariclasse), mentre il carico alare (anche questo legato al carburante imbarcato) non riesce comunque a quantificare adeguatamente il contributo portante della fusoliera (che in un aereo come l'F-35 è nettamente superiore alla media).

A pagina 80 dello studio RAND, per caso c'è scritto che quando l'F-35 ha il 50% di carburante, ha 2-3 tonnellate di combustibile in più rispetto ai pariclasse?...Combustibile che userà per restare in zona di operazioni mentre gli altri dovranno fare dietro front... Come dicevo un confronto bovino e quel grafico, se non lo si interpreta correttamente, è carta straccia...

 

3)Dire poi che gli ugelli orientabili raddoppino la manovrabilità (come in uno dei link forniti) è una stupidata intergalattica. Tali ugelli in gran parte dell'inviluppo di volo non danno alcun apprezzabile vantaggio, tanto che si è deciso di non metterli sull'EF-2000.

Daltra parte nessuno si sogna di dire che che l'F-22 (che li adotta) sia due volte più manovrabile dell'EF-2000 che non li adotta... come nemmeno l'F-35.

Solo nei dogfight più serrati le velocità possono scendere al punto da renderli più efficaci, mentre alle alte velocità, alle quali avvengono gran parte degli ingaggi aria-aria, essi non consentono certo all'aereo di virare più stretto.

A quelle velocità il limite è dato dal fattore di carico e, con o senza ugelli orientabili, a 9G il raggio di virata è sempre quello!

 

4) Solo i disinformati o i prevenuti giudicano un aereo senza che siano stati diffusi dati importanti relativi alle prestazioni o i risultati delle esercitazioni e delle simulazioni reali, men che meno lo si può fare dalla scheda tecnica (pure parzialmente basata sulle specifiche).

 

5) Nessuno ha mai preteso che un F-22 o un F-35 siano capaci di abbattere 8 aerei a testa in uno scontro aereo: sono progettati per essere superiori all'avversario, non per essere invincibili.

20 nanerottoli sono in grado di menare Mike Tyson? Embè? Lo sanno anche i muri che esiste un limite oltre il quale la qualità non supera la quantità, ma questo non ci deve far dimenticare che gli scontri aerei sono qualcosa di più di un semplice computo di missili e il dogfight è molto di più di una gara a chi ha prestazioni migliori...

E' fuor di dubbio che gli esercizi di simulazione come quello della RAND siano interessanti, ma non bisogna caricarli di un valore che nemmeno gli autori gli danno.

 

6) L'F-35 è un cacciabombardiere medio di quinta generazione...Confrontarlo con un caccia pesante della stessa generazione (F-22) e dire che è inferiore nell'aria-aria è ridicolo, tanto quanto dire che uno della generazione precedente (SU-35) lo surclassi...

Edited by Flaggy
Link to post
Share on other sites

Vorrei tornare un attimo sul discorso rapporto spinta/peso e carico alare...

 

Sia chiaro, i valori del rapporto spinta/peso dell'F-35 a vuoto sono migliori di quelli della maggior parte dei concorrenti e, quanto al carico alare a vuoto, anche senza considerare il contributo della fusoliera, i valori sono analoghi a quelli di diversi concorrenti.

Solo i delta-canard europei stanno su valori di carico alare più bassi, ma sono delta canard...ed è logico che abbiano tanta ala...

Per entrambi i valori comunque il Flanker stà dietro...

Al massimo peso al decollo invece, i valori dell'F-35 sono in linea con quelli di altri caccia...A volte migliori, a volte peggiori.

Per chi sa leggere questi dati senza preconcetti, significa che l'ala e il motore dell'F-35 si devono portare a spasso meno "ferraglia"dell'aereo, ma più carburante e armi per la missione, che sono la cosa che fa la differenza in battaglia, perchè costituiscono il carico utile.

L'aereo cioè è molto più efficiente.

I valori di questi due rapporti che si leggono in giro, sono peggiori solo perchè magari sono calcolati col massimo carico di carburante interno, che però equivale a 8 tonnellate per l'F-35, ma che è la metà nei concorrenti...

Discorso analogo per l'aereo col 50% di carburante interno.

Confrontare gli aerei al 50% di carburante interno è solo apparentemente un confronto alla pari, perchè con quel 50% l'F-35 fa molto di più di qualsiasi altro concorrente...

 

Mi pare che queste cose le si sia dette più volte...

Visto che non si comprendono facciamo un parallelo automobilistico...

 

Dire che l'F-35 è prestazionalmente una fetecchia rispetto a un caccia "tradizionale" è un po' come dire che una station wagon col bagagliaio pieno e 5 persone a bordo fa schifo rispetto alla sua versione berlina col bagagliaio pieno e con lo stesso motore...

Peccato che il bagagliaio pieno della station wagon contenga molta più roba di quello ridicolo della berlina.

Peccato che la berlina, per avere lo stesso carico, doverebbe usare il portapacchi sul tetto e andrebbe più lenta e sarebbe meno stabile in curva...

Peccato che, se svuotiamo il bagagliaio, le prestazioni non è che siano poi così diverse...

Peccato che certi carichi ingombranti (= missili) nella berlina non ci entreranno mai e li si dovrà portare sempre sul tetto.

 

Ora, si può discutere a lungo se per una persona sia meglio comprare una station wagon o una berlina...

Dipende se la usa per andare al lavoro a 5 chilometri da casa o per fare lunghi viaggi con gli amici.

Di sicuro però la station wagon è nettamente più versatile e gli si possono far fare entrambe le cose...

 

Io non mi sento di criticare chi compra una station wagon e soprattutto non capisco quelli che si vantano di andare in vacanza col portapacchi stracarico sul tetto e il bagagliaio piccolo...

Edited by Flaggy
Link to post
Share on other sites
Spero che ci rendiamo conto che stiamo commentando la sparata di un troll che giustamente Gianni non ha nemmeno degnato di una risposta...

 

1) L'F-35 non porta pochi missili: in stiva ne enterranno fino a 6 e, se si vuole accontentare quelli che ipotizzano scontri aerei sui cieli di Taiwan a suon di missili aria-aria, bene, sotto le ali ce ne stanno altrettanti.

 

 

2) Le prestazioni di un velivolo non si misurano dal rapporto spinta/peso e dal carico alare... soprattutto se a farlo (bovinamente) sono i sostenitori della fighter mafia.

 

A pagina 80 dello studio RAND, per caso c'è scritto che quando l'F-35 ha il 50% di carburante, ha 2-3 tonnellate di combustibile in più rispetto ai pariclasse?

 

3)Dire poi che gli ugelli orientabili raddoppino la manovrabilità (come in uno dei link forniti) è una stupidata intergalattica. Tali ugelli in gran parte dell'inviluppo di volo non danno alcun apprezzabile vantaggio, tanto che si è deciso di non metterli sull'EF-2000.

 

4) Solo i disinformati o i prevenuti giudicano un aereo senza che siano stati diffusi dati importanti relativi alle prestazioni o i risultati delle esercitazioni e delle simulazioni reali, men che meno lo si può fare dalla scheda tecnica (pure parzialmente basata sulle specifiche).

 

5) 20 nanerottoli sono in grado di menare Mike Tyson? Embè? Lo sanno anche i muri che esiste un limite oltre il quale la qualità non supera la quantità

 

6) L'F-35 è un cacciabombardiere medio di quinta generazione...Confrontarlo con un caccia pesante della stessa generazione (F-22) e dire che è inferiore nell'aria-aria è ridicolo, tanto quanto dire che uno della generazione precedente (SU-35) lo surclassi...

 

 

Basta quotare questo e dire AMEN! (la 5 è eccezionale!)

 

Flaggy 6 - 0 resto del mondo :rotfl:

Link to post
Share on other sites
Mi pare che queste cose le si sia dette più volte...

Visto che non si comprendono facciamo un parallelo automobilistico...

 

Dire che l'F-35 è prestazionalmente una fetecchia rispetto a un caccia "tradizionale" è un po' come dire che una station wagon col bagagliaio pieno e 5 persone a bordo fa schifo rispetto alla sua versione berlina col bagagliaio pieno e con lo stesso motore...

Peccato che il bagagliaio pieno della station wagon contenga molta più roba di quello ridicolo della berlina.

Peccato che la berlina, per avere lo stesso carico, doverebbe usare il portapacchi sul tetto e andrebbe più lenta e sarebbe meno stabile in curva...

Peccato che, se svuotiamo il bagagliaio, le prestazioni non è che siano poi così diverse...

Peccato che certi carichi ingombranti (= missili) nella berlina non ci entreranno mai e li si dovrà portare sempre sul tetto.

 

Ora, si può discutere a lungo se per una persona sia meglio comprare una station wagon o una berlina...

Dipende se la usa per andare al lavoro a 5 chilometri da casa o per fare lunghi viaggi con gli amici.

Di sicuro però la station wagon è nettamente più versatile e gli si possono far fare entrambe le cose...Io non mi sento di criticare chi compra una station wagon e soprattutto non capisco quelli che si vantano di andare in vacanza col portapacchi stracarico sul tetto e il bagagliaio piccolo...

 

Sono d'accordo Flaggy.I dati "nudi e crudi" non servono a niente se non vengono analizzati attentamente

Link to post
Share on other sites

F-35: Conclusi i test presso la Edwards AFB

 

L’F-35 Lightning II ha terminato la sua prima campagna di test presso la base aerea di Edwards, California, durante la quale sono stati analizzati dodici casi studio riguardanti la capacità dell’aereo di rispondere ad un imprevisto guasto al propulsore e di spegnere e riaccendere ripetutamente il motore F135 in volo. Ora l’aereo farà ritorno alla convenzionale sede Lockheed Martin di Fort Worth, in Texas, per procedere nelle normali attività di sviluppo.

 

“Il primo giro di test a Edwards è solo il principio. L’eccezionale performance dell’aereo e di quelli che lo supportano mostra che il team è pronto per procedere speditamente con i prossimi test di volo a Edwards e alla Naval Air Station di Patuxent River” ha detto Doug Pearson, vice presidente alla Lockheed Martin della Integrated Test Force. Per la fine del 2009 tutti i 19 velivoli f-35 di prova saranno completati e le attività di collaudo in volo si intensificheranno fino a condurre alla fase iniziale di test operativi e di valutazione, la Initial Operational Test and Evaluation (OT&E), programmata per il 2013/14.

 

Il propulsore F135, il più potente motore destinato ad aerei da caccia mai costruito, è sviluppato e prodotto da Pratt & Whitney. Capace di 40.000 lb di spinta, l’f135 è un’ evoluzione dell’F119 che equipaggia in coppia l’F-22 Raptor. Pratt & Withney ha recentemente vinto un contratto da 78 milioni di dollari per la produzione dei componenti necessari alla costruzione dei motori che dovranno essere installati a bordo di sette F-35A e sette F-35B a decollo corto e atterraggio verticale.

 

L’F-35 Lightning II è un velivolo supersonico, multiruolo di quinta generazione con capacità stealth. Il monomotore F-35 è realizzato in tre versioni: CTOL (Conventional Take Off and Landing), STOVL (Short Take Off and Vertical Landing) e CV (Carrier Variant). Le tre versioni dell’F-35 condividono la stessa progettazione e utilizzano la stessa infrastruttura di supporto in tutto il mondo. Il velivolo sostituirà almeno 13 tipi di aerei, inizialmente in 11 paesi; in tal modo il Lightning II sarà il programma per un velivolo da difesa con il miglior rapporto costo-efficacia della storia.

Lockheed Martin sta sviluppando l’F-35 con i suoi principali partner industriali, Northrop Grumman e BAE Systems. Due F-35 stanno effettuando i test di volo, altri due le prove a terra e ulteriori 19 sono in vari stadi di assemblaggio, inclusi i primi due esemplari di serie la cui consegna all’USAF è prevista per il 2010.

 

DifesaNews

Link to post
Share on other sites
  • fabio-22raptor featured, unfeatured, pinned, unpinned, featured and unfeatured this topic

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

×
×
  • Create New...