Jump to content

F-35 Lightning II - Discussione Ufficiale


easy
 Share

Recommended Posts

invece al contrario di quello che dice enrr, ho letto che Tom Burbage (general manager del progetto) è entusiasta dei risultati raggiunti e prevede un recupero quasi immediato dei ritardi, riuscendo ad arrivare ben primmdel 2016 alla produzione di 1 velivolo al giorno.

Link to comment
Share on other sites

invece al contrario di quello che dice enrr, ho letto che Tom Burbage (general manager del progetto) è entusiasta dei risultati raggiunti

Fidarsi cecamente del macellaio che afferma con fierezza che la carne è ben frollata non mi sembra il caso.

 

Comunque l'articolo che ho riportato arriva da Aviation Week

Link to comment
Share on other sites

Un articolo interessante che sintetizza le modifiche e l'evoluzione che ha consentito di passare dal dimostratore XF-35 all'attuale F-35, con tanto di disegni esplicativi...

E' sicuramente interessante e abbastanza...illuminante per chi per es si ostina a dire che con 4 modifiche in croce si potrebbe ricavare un supercaccia dal compianto YF-23 (come se avesse senso farlo...).

 

Per passare da un dimostratore a un aereo di serie c'è una vagonata di lavoro da fare, miriadi di problemi da risolvere...e qualche soldino da spendere...

 

http://www.codeonemagazine.com/archives/20...tion/index.html

Link to comment
Share on other sites

piccolo aggiornamento :rolleyes:

 

FORT WORTH, Texas: un F-35 Lightning II in prova strutturale, due in test di volo, sei in assemblaggio finale altri 14 in varie fasi di produzione, sabato è stato ultimato il montaggio del quarto F-35B (STOVL) . Procede a ritmo serrato la produzione dell' F-35 e secondo quanto comunicato dal vice presidente esecutivo della Lockheed Martin nonchè direttore generale del programma F-35, Dan Crowley, " Appena avremo in consegna la fusoliera, primo elemento portante dell' F-35C in pochi giorni avremo tutte e tre le varianti del Lightning II in assemblaggio finale" . Una volta assemblato.il nuovo velivolo verrà spostato immediatamente alla linea di volo, dove subirà una estesa serie di test al suolo prima del relativo primo volo, che si prevede all'inizio di 2009.

Il primo F-35B ha effettuato il suo volo inaugurale l'11 giugno ed ha completato nove missioni. Il primo F-35A, a decollo ed atterraggio convenzionale (CTOL), ha volato 45 volte.

U.S. Marine Corps si aspetta di poter operare con circa 340 F-35B.

fonte Lockheed Martin | Aug 19, 2008

Link to comment
Share on other sites

JSF Pre-STOVL System Flight Test Imminent

 

PALMDALE, Calif. – Lockheed Martin plans to conduct more test flights of the first short-takeoff-and-vertical-landing (STOVL) F-35B this week to evaluate propulsion systems doors and nozzles in flight before temporarily grounding the aircraft until early next year, pending installation of a redesigned Pratt & Whitney F135 engine.

 

The planned 10th flight of BF-1, the first F-35B, is expected to take place Aug. 20 or shortly after, according to Tom Burbage, Lockheed executive vice president and general manager of F-35 program integration. “We will open the nozzle doors and other STOVL propulsion system doors in flight,” he said.

 

The F-35B allows this below air speeds of 250 knots even if no STOVL operation by the engine or lift fan is initiated. By performing as many of the peripheral STOVL propulsion system handling quality tests as possible now, the Lockheed-led industry team hopes to save some test time early in 2009 when STOVL tests will resume. Pratt & Whitney is expected to ship the first, fully-qualified engine for flight tests to Lockheed around Jan. 9, 2009.

 

Meanwhile, the long-delayed ferry flight to Edwards Air Force Base, Calif., of the first F-35, AA-1, could now come by the second week in September. But the exact timing depends on the outcome of work to improve the reliability of nacelle vent fans that, in the non-representative initial test aircraft, are “buried deep” in the fuselage, Burbage said.

 

Once at Edwards, AA-1 is due to conduct in-flight engine shutdown and re-lights, as well as verify overall noise characteristics.

 

Burbage spoke earlier this week at a ceremony for Northrop Grumman’s Palmdale, Calif., facility to mark the completion of the first center fuselage for the U.S. Navy’s F-35C carrier version (CV), the CF-1. At the same time, Lockheed completed assembly of the second F-35B, which is due to join the flight test effort early next year. The CF-1 fuselage should be delivered to Texas by the end of September and will roll out as a finished aircraft in the first quarter of 2009.

 

“We have to do the ground vibration tests, and flutter before getting to first flight before October 2009. But that’s an important date to the carrier variant because we have to fly before then and demonstrate it to bring funding for it into LRIP [low rate initial production] 4,” Burbage said.

 

Northrop, meanwhile, is starting assembly of center fuselages for the first LRIP 2 aircraft in Palmdale. The first fuselages for LRIP 1, two conventional take-off and landing aircraft AF-6 and -7, were “loaded” into jigs over the past few months. Work on AF-8, the first LRIP 2 aircraft, began in July. In all, Northrop will build 19 center fuselages during the system development and demonstration (SDD) phase, of which 12 have been delivered so far. A further seven SDD fuselages are still in the assembly flow. Including three units already delivered, Northrop will ship 10 F-35 fuselages to Texas this year.

 

Mark Tucker, Northrop vice president and F-35 program manager, said the first Navy fuselage was completed on time despite encountering interference issues with the final assembly in the mating with the Lockheed-built forward fuselage. The problems were discovered ahead of time using the digital pre-assembly design system and corrections were made by adjusting the tooling.

Link to comment
Share on other sites

  • 2 weeks later...

L'italia DEVE acquistarli TUTTI ANCHE SE NON VUOLE!!!!!!!! ormai gli accordi industriali sono stati fatti in base alla partecipazione al programma , noi siamo patner di 2 livello (solo USA & UK sono 1) e secondo voi che senso ha fare una FACO in italia per 100 velivoli (50 nostri 50 olandesi) non ha senso, se non si comprerranno tutti i 131 VOLERANNO MULTE SALATTISSIME che è meglio evitare.......

Link to comment
Share on other sites

L'italia DEVE acquistarli TUTTI ANCHE SE NON VUOLE!!!!!!!! ormai gli accordi industriali sono stati fatti in base alla partecipazione al programma , noi siamo patner di 2 livello (solo USA & UK sono 1) e secondo voi che senso ha fare una FACO in italia per 100 velivoli (50 nostri 50 olandesi) non ha senso, se non si comprerranno tutti i 131 VOLERANNO MULTE SALATTISSIME che è meglio evitare.......

 

 

Certo dire solo 50 è un'assurdità ma dire DEVE acquistarli tutti pure... E' successo, succede e succederà ad ogni commessa militare un ridimensionamento degli ordini o il dirottamento delle proprie quote ad altri paesi.

 

Per esempio la Romania potrebbe scegliere degli F-16 di seconda mano per sostituire i suoi anziani MiG-21. Lo ha dichiarato il Segretario di Stato Corneliu Dobritoiu precisando che tale decisione deve essere presa in un ottica che vede l’F-35 diventare il caccia standard NATO nei prossimi dieci anni e che la Romania sarebbe isolata se non avesse un aereo compatibile con questo. Se lo dice la Romania...

Link to comment
Share on other sites

Certo dire solo 50 è un'assurdità ma dire DEVE acquistarli tutti pure... E' successo, succede e succederà ad ogni commessa militare un ridimensionamento degli ordini o il dirottamento delle proprie quote ad altri paesi.

 

Per esempio la Romania potrebbe scegliere degli F-16 di seconda mano per sostituire i suoi anziani MiG-21. Lo ha dichiarato il Segretario di Stato Corneliu Dobritoiu precisando che tale decisione deve essere presa in un ottica che vede l’F-35 diventare il caccia standard NATO nei prossimi dieci anni e che la Romania sarebbe isolata se non avesse un aereo compatibile con questo. Se lo dice la Romania...

bhe la romania può dire quel che vuole ma gli € non li ha adesso e non gli avrà nel futuro...... perchè F35 non è un caccia economico come l' F16, per quanto riguarda i nostri F35 non siamo come la romania (?!??! :rotfl::rotfl::rotfl::rotfl::rotfl::blink::blink::blink: ) che li comprerà ( :rotfl::rotfl::rotfl: ) quando sarà un aereo fatto e finito, noi lo costruiamo e LA NOSTRA industria HA RICEVUTO COMMESSE (FACO a Cameri , Alenia secondo produttore per TUTTE le ali di TUTTI i paesi ecc....) in base alla richiesta iniziale dei velivoli (131 f35 ,vi ricordo che sostituisce AMX,TORNADO e HARRIER, insomma mica 20 aerei....), il numero può essere diminuito ma non certo deciso dal governo italiano ma da un brusco taglio di aerei di tutto il programma (anche USA), se quando il F35 verrà prodotto e al governo ci sarà la lidia MENAPACE :rotfl::pianto: allora il programma verrà tagliato o annullato con multe che renderranno migliore l'ipotesi di costruirli e metterli nelle rotonde delle strade d'italia circondati da fiori e dipinti con un arcobaleno e con scritto sugli alettoni PEACE AND LOVE perchè eliminare il programma costerrebbe di più che produrli.....( lo aspetto davanti la rotonda vicino casa mia :rotfl: ) vi ricordo che l'F35 è un programma internazionale e l'italia non può fare di testa sua (solo gli yankee possono perchè è il loro aereo :rolleyes: ) se gli f35 fossero un aereo italiano allora sicuramente verrebbe tagliato il numero totale ,ma siccome è un programma internazionale (dove ci sono pesci più grossi di noi) BISOGNA rispettare le regole.

Link to comment
Share on other sites

bhe la romania può dire quel che vuole ma gli € non li ha adesso e non gli avrà nel futuro...... perchè F35 non è un caccia economico come l' F16, per quanto riguarda i nostri F35 non siamo come la romania (?!??! :rotfl::rotfl::rotfl::rotfl::rotfl::blink::blink::blink: ) che li comprerà ( :rotfl::rotfl::rotfl: ) quando sarà un aereo fatto e finito, noi lo costruiamo e LA NOSTRA industria HA RICEVUTO COMMESSE (FACO a Cameri , Alenia secondo produttore per TUTTE le ali di TUTTI i paesi ecc....) in base alla richiesta iniziale dei velivoli (131 f35 ,vi ricordo che sostituisce AMX,TORNADO e HARRIER, insomma mica 20 aerei....), il numero può essere diminuito ma non certo deciso dal governo italiano ma da un brusco taglio di aerei di tutto il programma (anche USA), se quando il F35 verrà prodotto e al governo ci sarà la lidia MENAPACE :rotfl::pianto: allora il programma verrà tagliato o annullato con multe che renderranno migliore l'ipotesi di costruirli e metterli nelle rotonde delle strade d'italia circondati da fiori e dipinti con un arcobaleno e con scritto sugli alettoni PEACE AND LOVE perchè eliminare il programma costerrebbe di più che produrli.....( lo aspetto davanti la rotonda vicino casa mia :rotfl: ) vi ricordo che l'F35 è un programma internazionale e l'italia non può fare di testa sua (solo gli yankee possono perchè è il loro aereo :rolleyes: ) se gli f35 fossero un aereo italiano allora sicuramente verrebbe tagliato il numero totale ,ma siccome è un programma internazionale (dove ci sono pesci più grossi di noi) BISOGNA rispettare le regole.

 

Non è che mettendo ventisette faccine ti dai ragione... Le commesse non vengono MAI rispettate (odio parlare per assolutismi ma quando ci vuole ci vuole) e l'esempio della Romania era per far intendere che, nel caso uno dei principali committenti non dovesse riaspettare le sue quote, ci sono nazioni pronte a farsi avanti per compensarle.

 

 

P.S. Si scrive Rumsfeld, con la "d".

Edited by Thunderalex
Link to comment
Share on other sites

Non è che mettendo ventisette faccine ti dai ragione... Le commesse non vengono MAI rispettate (odio parlare per assolutismi ma quando ci vuole ci vuole) e l'esempio della Romania era per far intendere che, nel caso uno dei principali committenti non dovesse riaspettare le sue quote, ci sono nazioni pronte a farsi avanti per compensarle.

P.S. Si scrive Rumsfeld, con la "d".

MA GUARDA CHE NON CAPISCI MOLTO! anche la Bae system ha venduto il typhoon agli arabi MA GLI AEREI INGLESI NON SARANNO MENO!!!!!! solo che quelli che erano destinati alla RAF verranno venduti all'arabia saudita ma poi dovranno costruire anche i propri che hanno ceduto all'arabia!!!!!!! sveglia!!!! anche l'italia vuole diminuire i typhoon ma tedeschi e spagnoli non vogliono annullare la terza commessa e quindi verranno costruiti TUTTI I TYPHOON ,infatti si parla di vendere i primi aerei a prezzi stracciati :pianto: ma non annullare la terza scommessa, tu non capisci che ormai gli accordi industriali sono stati FATTI e non si può fare come dici tu (all'italiana) firmare gli accordi e poi far finta di niente ,proprio non lo capisci...................... se gli F35 verranno venduti a altri peasi (romania? :rotfl: spagna ecc..) magari possono prendere i nostri dalla linea di montaggio ma alla fine i nostri 131 prima o poi devono essere costruiti.... sono gli accordi industriali a dettare legge.... insomma io voglio comprare qualcosa e voglio anche fare in modo che la mia industria sia coinvolta,vado dal progettista e politici yankee, scaccio i soldi e si decide quali ritorni industriali avrà il mio paese in base alla richiesta iniziale di velivoli con meccanismi MOLTO complessi, una volta che iniziamo a produrre gli aerei non vogliamo più comprarli tutti 131 ma solo 90 (contento?) e guarda caso il resto dei 41 velivoli li giriamo alla romania :whistling: per noi va benissimo giusto? per gli yankee no perchè noi dovevamo comprare i nostri 131 F35 e cosi la Lockheed Martin invece di vendere 171 (131 nostri e 40 rumeni per esempio, cosa peraltro impossible....e più probabile spagna) ne vende solo 131. allora io se fossi Lockheed martin e il governo americano che ha stipulato degli accordi industriali con il nostro governo mi arrabierei molto perchè per noi non cambia nulla ,tanto i ritorni industriali sono gli stessi, ma gli yankee vendono 40 aerei in meno e non sono bruscolini..........

Edited by Donald Henry Rumsfel
Link to comment
Share on other sites

Guarda che l'Italia non ha firmato nessun tipo di accordo industriale con un numero di aerei ben preciso.

Il numero di 131, che gira da un annetto, sarebbe solo il requisito operativo (aumentabile fino a 150), il resto sono chiacchiere.

Non esiste nessun contratto da Difesa Italiana e quella USA o Lockheed Martin riguardo il fatto che l'Italia si sia impegnata a costruire e comprare 131 Lightning.

L'unico accordo industriale riguarda la FACO, che dovrà costruire tutti gli F35 europei (fatta eccezione di quelli per la Gran Bretagna) e metà delle ali di tutti gli F35 in circolazione, ma anche quì il numero di 131 non è affatto ufficiale.

 

Cosa simile riguarda il Typhoon.

L'Italia non è che si è impegnata a comprare 121 F2000 A/B Typhoon, ma a finanziare, sviluppare e acquistare le 3 tranche che per noi erano 121 aerei, per un totale di X miliardi di € di finanziamento.

Ora il costo del singolo velivolo è aumentato, e con quei X € non ce ne prendi più 121, ma forse un centinaio, cosa che probabilmente farà l'Italia.

Link to comment
Share on other sites

Soprattutto tra la modalità con cui è stato impostato il consorzio Eurofighter (nonchè Eurojet e tutti i consorzi "all'europea maniera) ed il team JSF c'è una sostanziale differenza.

 

Nel primo caso i parametri sono rigidi, calcolati unicamente sui ritorni industriali in base all'investimento del governo del singolo paese, con penali elevatissime in caso di recessione dal contratto, e non si parla di numeri di aerei da acquistare, ma di soldi da immettere sul cc del consorzio, che qualche anno fa corrispondevano a 121 aerei, ora ad un centinaio, come diceva giustamente Little Bird.

 

Nel caso del team (team, notare, non consorzio) JSF, si è visto tutto in un'ottica più americana e liberista: gli appalti sono stati assegnati a chi ha mostrato capacità ingenieristiche e produttive, tant'è che i finanziamenti italiani, ad esempio, riguardano soprattutto la progettazione del velivolo. Questo ha portato le industrie italiane (e quindi il Ministero del Tesoro, tramite Finmeccanica e non solo) ad avere un ritorno economico iniziale stimato di 1:6. Andando avanti con gli anni, inoltre, l'industria italiana si è vista assegnare una fetta sempre maggiore del progetto, passando da un'iniziale 2,qualcosa% all'attuale circa 4% (non ho i numeri sottomano), a fronte dello stesso investimento, merito soprattutto di Avio e Piaggio Aero, le quali progetteranno e produrranno rispettivamente la turbina del motore F-135 ed il compressore di alta dell'alternativo F-136.

 

Donald Henry Rumsfeld, probabilmente sei tu che ti lasci sfuggire qualcosa dei difficilissimi intrighi politici e industriali legati ai proglrammi internazionali. Ti pregherei di evitare, inoltre, certi toni derisori nei confronti degli altri utenti (in particolar modo Thunderalex che è sempre stato corretto e disponibile ad un costruttivo dialogo). Non sono un moderatore ma certe cose mi danno fastidio.

 

A tutti gli altri: se ho sbagliato numeri e sigle correggetemi pure, ho postato andando a memoria...

Edited by Tuccio14
Link to comment
Share on other sites

(...)

Donald Henry Rumsfeld, probabilmente sei tu che ti lasci sfuggire qualcosa dei difficilissimi intrighi politici e industriali legati ai proglrammi internazionali. Ti pregherei di evitare, inoltre, certi toni derisori nei confronti degli altri utenti (in particolar modo Thunderalex che è sempre stato corretto e disponibile ad un costruttivo dialogo). Non sono un moderatore ma certe cose mi danno fastidio.

 

Condivido.

Link to comment
Share on other sites

Soprattutto tra la modalità con cui è stato impostato il consorzio Eurofighter (nonchè Eurojet e tutti i consorzi "all'europea maniera) ed il team JSF c'è una sostanziale differenza.

 

Nel primo caso i parametri sono rigidi, calcolati unicamente sui ritorni industriali in base all'investimento del governo del singolo paese, con penali elevatissime in caso di recessione dal contratto, e non si parla di numeri di aerei da acquistare, ma di soldi da immettere sul cc del consorzio, che qualche anno fa corrispondevano a 121 aerei, ora ad un centinaio, come diceva giustamente Little Bird.

 

Nel caso del team (team, notare, non consorzio) JSF, si è visto tutto in un'ottica più americana e liberista: gli appalti sono stati assegnati a chi ha mostrato capacità ingenieristiche e produttive, tant'è che i finanziamenti italiani, ad esempio, riguardano soprattutto la progettazione del velivolo. Questo ha portato le industrie italiane (e quindi il Ministero del Tesoro, tramite Finmeccanica e non solo) ad avere un ritorno economico iniziale stimato di 1:6. Andando avanti con gli anni, inoltre, l'industria italiana si è vista assegnare una fetta sempre maggiore del progetto, passando da un'iniziale 2,qualcosa% all'attuale circa 4% (non ho i numeri sottomano), a fronte dello stesso investimento, merito soprattutto di Avio e Piaggio Aero, le quali progetteranno e produrranno rispettivamente la turbina del motore F-135 ed il compressore di alta dell'alternativo F-136.

 

Donald Henry Rumsfeld, probabilmente sei tu che ti lasci sfuggire qualcosa dei difficilissimi intrighi politici e industriali legati ai proglrammi internazionali. Ti pregherei di evitare, inoltre, certi toni derisori nei confronti degli altri utenti (in particolar modo Thunderalex che è sempre stato corretto e disponibile ad un costruttivo dialogo). Non sono un moderatore ma certe cose mi danno fastidio.

 

A tutti gli altri: se ho sbagliato numeri e sigle correggetemi pure, ho postato andando a memoria...

 

 

Francamente a me risulta che il "contratto ombrello" sia legato proprio al numero complessivo di aerei in base al quale si calcola la quota di partecipazione industriale. D'altra parte legarla ad un ammontare fisso di moneta non avrebbe senso economico data la volatilità dei tassi di cambio, inflazione e costi imprevedibili di ogni programma. Ergo il contratto ombrello prevede 620 aerei per i quattro partner di cui 121 per l'Italia e di conseguenza la nostra partecipazione industriale (italiana, da non confondersi con quella Finmeccanica, che dopo l'acquisto delle attività avioniche britanniche è salita sostanzialmente..).

Link to comment
Share on other sites

non credo che l'italia aquistera solamente 50 f35

 

secondo me l'italia li acquistera tutti anche perche da quanto ho capito i nostri sono scontati.

se non e cosi punitemi...

 

Come avrai capito tu stesso dalla discussione non si tratta di uno sconto ma del fatto che l'Italia avrà un tornaconto economico dovuto alla sua partecipazione industriale.

 

Sta tranquillo non ho nessuna intenzione di punirti! ;)

 

E comunque non mi sentirei in diritto di farlo, soprattutto perchè non posso :asd: altrimenti già avrei :sm:

 

scherzo ovviamente. :lol:

Link to comment
Share on other sites

su A&D di questo mese a pag 22 c'è un articolo che dice "...e pur senza conferme ufficiali da parte del ministerop della difesa, vi sono indicazioni secondo le quali i JSf per le nostre forza armate più dei 131 esemplari programmati..."

 

Cosa ne pensate?? Ma soprattutto tra T3 e questi i soldi La Russa dove li trova??

Link to comment
Share on other sites

Ma il problema non sta solamente nell'acquistarli, si dilazionano i pagamenti per 30 anni e via (cosa che per altro, non è che condivido tanto...).

Il problema vero starà nel mantenerli aggiornati, nel farli volare, nel non cannibalizzarli, nel farl volare i piloti le 180ore che sono il minimo nello standard NATO... vedo che quì molti queste problematiche non le considerano minimamente... bà, staremo a vedere.

 

Personalmente, preferirei i 90 e qualcosa Typhoon di cui si parla e circa 85 F35A (per l'AMI parlo), da tenere però tutti aggiornati e con i piloti che volano un bel pò di ore, per noi sarebbero più che sufficienti!

Edited by Little_Bird
Link to comment
Share on other sites

Ma il problema non sta solamente nell'acquistarli, si dilazionano i pagamenti per 30 anni e via (cosa che per altro, non è che condivido tanto...).

Il problema vero starà nel mantenerli aggiornati, nel farli volare, nel non cannibalizzarli, nel farl volare i piloti le 180ore che sono il minimo nello standard NATO... vedo che quì molti queste problematiche non le considerano minimamente... bà, staremo a vedere.

 

Personalmente, preferirei i 90 e qualcosa Typhoon di cui si parla e circa 85 F35A (per l'AMI parlo), da tenere però tutti aggiornati e con i piloti che volano un bel pò di ore, per noi sarebbero più che sufficienti!

 

 

 

si e secondo te noi con 85 f35 riusciremo a sostituire tutti i tornado amx e mb339 se la difesa ha i mente di acquistarne 131 evidentemente ce ne la neccessita.

inoltre devi anche calcora gli aerei tenuti in riserva quelli utillizzati per addestramento e calcola anche quelli che si potranno perdere in incidenti(spero mai)

Link to comment
Share on other sites

certo che quelli dell'AM sono dei fenomeni....non abbiamo nessun sistema AWACS, rifornitori al lumicino( e non sono ancora arrivati), nessun sistema di trasporto strategico, aerei da pattugliamento marittimo che cadono a pezzi, sistema di difesa a lungo raggio inesistente, un aereo d'addestramento da comprare a tutti i costi per dare credibilità internazionale al progetto eccc...e questi vogliono comprare ancora più F-35...ma chi c'è a gestire le cose, topo gigio????????????? :furioso::furioso::furioso::furioso::furioso::furioso:

Link to comment
Share on other sites

  • fabio-22raptor featured, unfeatured, pinned, unpinned, featured and unfeatured this topic

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
×
  • Create New...