Jump to content
easy

F-35 Lightning II - Discussione Ufficiale

Recommended Posts

Posso capire che l’F-35 sia conosciuto come Lockheed Martin, ma sta di fatto che la fusoliera centale è prodotta da Northrop Grumman, quella posteriore da BAE Systems e l’ala può essere prodotta in Italia.

Son solo esempi di parti di una certa dimensione...che spesso vengono consegnate anche per via aerea (e così ci è arrivato alla linea di Fort Worth il primo cassone alare italiano).

 

I fornitori si contano a centinaia e di fatto la stessa linea americana in gran parte assembla pezzi (strutture, impianti e avionica) che arrivano dall’America e da tutto il mondo da ditte che non sono Lockheed Martin.

 

Per quanto riguarda l’Italia, non è che ci sia solo la divisione aeronautica di Finmeccanica ma l’arlecchino che ne viene fuori è questo.

 

map_english.jpg

 

Le stesse attrezzature quindi non è che sino Lockheed Martin, ma in generale possono essere di vari fornitori, anche italiani e non solo per gli aerei italiani.

Un esempio è la gru per il sollevamento di parti del velivolo da usarsi per la manutenzione a bordo delle portaerei, progettata e prodotta in Italia dalla Aviogei.

 

http://www.airpressonline.it/8716/aviogei-di-aprilia-fornira-gru-per-lf-35/

 

E’ un esempio, perchè un elenco delle attrezzature di costruzione e manutenzione sarebbe già più complicato da farsi...ma credo renda l’idea del fatto che un velivolo non è solo un assieme di pezzi, ma intorno ci girano migliaia di persone e centinaia di ditte e non qualche operaio “IKEA” assunto nello stabilimento di Cameri come a molti detrattori fa comodo dire.

 

Rigardo all'ultima domanda credo che la risposta sia quindi sottointesa.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Grazie ancora,

ora il mio quadro è molto più chiaro... In effetti non si pensa mai che le cose siano così complesse, non conoscevo nemmeno la presenza della Northrop...

Sapevo che altre ditte italiane fossero implicate, ma pensavo fossero sempre succursali di Finmeccanica.

 

Vado un attimo Off-topic e rinnovo la richiesta che avevo fatto tempo fa:

Non è che te o qualcun altro abbia tempo e voglia di aggiornare qualche info su wikipedia riguardo all'F-35? Come per molti, è stata la mia prima fonte di info e, prima di conoscere questo forum, mi aveva dato un impressione sbagliata su questo velivolo. Ho corretto qualche parte "datata" come quella che diceva che la versione B era in forse e probabilmente cancellata per via delle poche richieste e che quindi l'ammiraglia Italiana sarebbe diventata una portaelicotteri.

Ci sono molti strafalcioni e dati vetusti. Ci vorrebbe la mano di qualcuno esperto per aggiornare e sistemare le cose in modo che i molti visitatori possano farsi un quadro più realistico.

E' facile, chiunque può apportare modifiche...

Fine Off-topic

Share this post


Link to post
Share on other sites

Northrop, Grumman, Lockheed, Martin.......solo per citare le industrie americane piu famose e importanti. Non lo sapevo nemmo io, ci manca solo la Boeing, la Rockwell e la McDonnellDouglas (scherzo! :D ) e poi la squadra è al completo!!

Cio comunque ammorbidisce la mia visione sul gruppo Lockheed-Martin, che prima io vedevo come una sorta di Skynet o i Spectre, tesa a voler ricoprire tutto il mondo di un solo prodotto per tutti gli usi..mentre nvece pare che in gioco ci siano anche molte altre industrie, oltre a loro.

Secondo me cio è una buona cosa

Share this post


Link to post
Share on other sites

È vero, però non vorrei che si corra il rischio di avere una sorta di "cartello" per alzare i prezzi. Si mettono d'accordo, tanto se vinco io tu mi fai questo, se vinci tu io ti faccio quello...

Potrebbe anche essere vero il contrario: questo sistema permette ai "perdenti" di rimanere in campo e non creare un monopolio...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Puo essere anche come dici tu, il rischio in effetti c'è, inutile negarlo

Share this post


Link to post
Share on other sites

Mc Donnell Douglas è stata incorporata da Boeing alcuni anni fa. Così come la Martin è stata mangiata da Lockheed , che di recente si è presa anche Sikorsky .

General Dynamics ( ex Convair ) e Rocwell ( ex North American ) si sono staccate dal businness dello sviluppo di aerostrutture , almeno per adesso. Quindi faranno i sub- contraenti.

I blocchi sono due : quello attorno a Boeing e quello attorno a Lockheed . Con Textron ( Bell , Cessna ) possibile futuro terzo .

Northrop e Grumman si sono fuse nel 1994 e , per adesso, si trastullano con le ali volanti - possibili futuri bombardieri .

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il che ha un senso visto che loro usano questi sistemi per il targeting. Ma oltre all'hw dovranno modificare anche il software. Insomma gia' iniziano a volerci mettere su le mani, cosa che a LM non mi sembra andasse particolarmente giu'.. a meno che Israele non paghi per farselo fare da LM.

Edited by fabio-22raptor

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il che ha un senso visto che loro usano questi sistemi per il targeting. Ma oltre all'hw dovranno modificare anche il software. Insomma gia' iniziano a volerco mettere su le mani, cosa che a LM non mi sembra andasse particolarmente giu'.. a meno che Israele non paghi per farselo fare da LM.

Ma questa customizzazione del FLIR gli israeliani se la pagano coi loro fondi o finisce nel conto dell'assistenza militare cge gli USA forniscono a Israele? Così tanto per sapere si tra i clienti ci sono figli e figliastri

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ma questa customizzazione del FLIR gli israeliani se la pagano coi loro fondi o finisce nel conto dell'assistenza militare cge gli USA forniscono a Israele? Così tanto per sapere si tra i clienti ci sono figli e figliastri

Hanno sempre fatto le cose in proprio pagando di tasca propria. Quindi, se voglio modifiche al EOTS e dovranno passare da LM le pagheranno di tasca propria. Ma sono piu' che convinto che alla fine faranno quello che vogliono e lo faranno in casa.. Come sempre.

Edited by fabio-22raptor

Share this post


Link to post
Share on other sites

Punto primo: DifesaOnline non è un sito affidabile, meglio cercare altre fonti

Punto secondo: sono normali problemi di messa a punto (se veri) che si verificano sempre, nella messa a punto di nuovi armamenti

Punto terzo: penso proprio che sia il caso di smetterl di sparare falsità su questo aereo. Ormai ce l'abbiamo: lo abbiamo ordinato, ne costruiamo degli importanti pezi, fa parte anche della nostra aeronautica, meglio farsene una ragione: avremo un avanzatissimo cacciabombardiere.

Alla faccia di chi ci voleva far ancora volare su quel ferrovecchio fabbricavedove del F-104!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Signor nib se la cosa era rivolta a me ha speso parole inutili,non sono un detrattore del velivolo.

Ho postato la notizia perché potrebbe essere una nuova notizia su problematiche circa la messa a punto,non era una polemica.

Deduco questo leggendo che la release 3I forse verrà sostituita dai codici usati nei test per non ritardare la IOC.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Piu che altro mi riferivo ai soliti creatori degli articoli di Difesaonline, da sempre uno dei peggiori siti ddel settore, con ben poco di giornalistico e troppo sensazionalismo :D

Share this post


Link to post
Share on other sites

Veramente il minimo per non rischiare di farsi buttare fuori dal programma e per andare un minimo incontro alla pianificazione AMI e MM.

Paradossalmente però quello che alla fine è un ridimensionamento da 16 a 10 velivoli dei lotti da 9 a 12, a questo punto sono costretto a leggerlo come una boccata d’aria, vista la snervante stasi degli ultimi mesi, e il salto del turno AMI dai massimi incarichi imposto dalll’esecutivo.

Pur con il rischio di non definire nulla nei tempi entro i quali l’attuale governo/legislatura defungeranno, lasciando probabilmente il passo a equilibri politici più populisti.

Edited by Scagnetti

Share this post


Link to post
Share on other sites

Una riduzione da 16 a 10 a me pare un taglio piuttosto drastico. Solo qualche mese fa si era detto che ne avremmo acquistati 38 entro il 2020 adesso si parla di 27-30. Non è certo un bel segnale di coerenza da parte del nostro governo. Vorrebbe dire tagliarne altri 2-5 pure nei due lotti successivi.

Se davvero il numero finale di 90 resta confermato, la voglio vedere come un modo per spostare in avanti gli acquisti e quindi pagare di meno i prossimi aerei perché comprati da lotti di produzione a più alta produttività ma resta comunque il fatto dell'incoerenza tra quanto annunciato a maggio e quanto fatto fin qui.

Sono d'accordo con Scagnetti sulla "boccata d'aria" ma chiedo: spostare gli acquisti più avanti è un modo intelligente per risparmiare dei soldi arrivando comunque al 2027 con i 90 aerei? Io preferirei che li avessero presi tutti ma magari hanno ragione loro... Oltretutto spostando gli acquisti più in avanti ci ritroveremmo con dei velivoli più "maturi" no?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Problemi anche "solo" trasferendo il software 2B in un nuovo hardware per creare la configurazione 3I. La combinazione porta a una minore stabilità del sistema.

https://www.flightglobal.com/news/articles/software-fix-readied-to-prevent-further-f-35-delay-423497/

 

Servirà mica un’operazione simpatia?

https://www.flightglobal.com/news/articles/f-35-goes-on-global-publicity-tour-in-battle-for-he-423527/

Share this post


Link to post
Share on other sites

Se è solo software....alla fin fine fine chissenefrega? Lo si semplifica e buonanotte. L'importante è che voli, che funzioni il motore, che abbia capacità STOL e che funzionino le armi.

Vabè...un po scherzso, è ovvio, ma non è posdsibile che dei bug di un software blocchilo sviluppo di un aereo ormai comprato. E' ridicolo, assurdo.

Chi lo fa, il software? la Microsoft?

Vola e spara, tanto dovrebbe bastare, del resto è un caccia santiddio, mica un AWACS

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il problema è che , in quest'aereo, la parte elettronica ed informatica è così dominante che volare e sparare dipende dal software e dall'hardware che lo accoglie ( = processori , schede elettroniche e memorie ) .

Se il software diventa instabile , l'aereo può andare fuori controllo .

 

Mi ricordo , anni fa , le immagini di un incidente occorso ad un Gripen , con i pianetti canard che oscillavano come banderuole impazzite, probabilmente per una perdita efficacia del sistema di controllo.

 

Se , invece , intendi che i costruttori ed il cliente principale ( USAF ) non hanno ancora un'idea precisa di cosa si vuole dall'aereo , probabilmente cominci ad aver ragione , dopo più di cento esemplari costruiti.

Edited by engine

Share this post


Link to post
Share on other sites

L'F-35 non diventa incontrollabile. Se il problema riguardasse i comandi di volo, sarebbe messo a terra, palesemente.

 

Non è una novità che un sensore imbarcato abbia periodicamente bisogno di un ri-avvio, ma al momento, dopo il porting del software 2B su processore TR2, questo succede troppo di frequente. Se un sensore mediamente si riavvia ogni 4 ore, la probabilità che accada in un momento scomodo di una missione di combattimento è elevata, e questo non va bene, perchè il riavvio non è un processo istantaneo ma richiede qualche minuto per tornare alla normalità.

 

Cosa si vuole dall'aereo lo si sa benissimo, è ottenerlo che non è scontato.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

×
×
  • Create New...