Jump to content
easy

F-35 Lightning II - Discussione Ufficiale

Recommended Posts

interessante l'intervista!....ne emerge che in ogni caso il programma f35 non sarà cancellato per l'Italia ( al massimo ridotto).

 

fra l'altro volevo portare alla vostra attenzione il mini-articolo di pag20 di aeronautica e difesa di questo mese dove si dice esplicitamente che entro un anno sarà pronto il primo JSF per l'Italia poichè è stato modificato il programma ed ora prevede anche l'acquisizione di componentistica a lungo termine per 12.8 milioni di euro.

 

Tuttavia si dovranno effettuare attività di collaudo negli Stati Uniti.

 

Mi sembra sempre più evidente che la teoria di una cancellazione del programma JSF Italia sia sempre più remota !

Share this post


Link to post
Share on other sites

 

No mi pare che non sia stato postato. Però mi sembra che sia stato redatto a Dicembre 2010, quindi sullo stato del programma di collaudo, mi sembra più aggiornato e, quindi più completo il documento linkato da Flaggy nella pagina precedente, scaricabile da http://s3.documentcloud.org/documents/283239/section-on-the-f-35-joint-strike-fighter-from.pdf e che mi sembra redatto tra fine 2011 e inizio 2012. Significativo che quest'ultimo documento faccia riferimento anche ai collaudi dell'F35-B sull'USS Wasp a ottobre 2011, mentre la data di questi test era ancora da definire nel documento da te postato. Comunque un file ufficiale, anche se non recentissimo.

Edited by Scagnetti

Share this post


Link to post
Share on other sites

Discorso buffeting transonico. Si è migliorato parecchio agendo sul software, ma se non lo si ritiene sufficiente (rilassando i requisiti) bisognerà lavorare sulla struttura/aerodinamica. Sono problemi fastidiosi da risolvere e l'F-18E ne sa qualcosa con la soluzione definitiva raggiunta dopo parecchi anni e diverse soluzioni intermedie non del tutto soddisfacenti.

 

I vari sensori sono stati provati singolarmente (con i noti problemi di integrazione DAS-casco visore), ma mancano ancora adeguati test sulla sensor fusion.

 

La richiesta di manutenzione vista l'immaturità del sistema è ovviamente elevata e il fatto che la logistica dei ricambi non sia ancora operativa e collegata al sistema di autodiagnosi non aiuta.

 

E comunque tanto lavoro da fare...

 

un aggiornamento source

 

The F-35 Lightning II’s transonic acceleration may not meet the requirements originally set forth for the program, a top Lockheed Martin official said.

 

“Based on the original spec, all three of the airplanes are challenged by that spec,” said Tom Burbage, Lockheed’s program manager for the F-35. “The cross-sectional area of the airplane with the internal weapons bays is quite a bit bigger than the airplanes we’re replacing.”

 

In particolare riguardo la versione carrier

 

A recent report by the Defense Department’s top tester, J. Michael Gilmore, says that the Navy’s F-35C model aircraft, which has larger wing and tail surfaces, is not meeting requirements for acceleration.

 

The report doesn’t say whether the F-35A and F-35B have hit similar snags.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Articolo interessante, anche se non riguarda il buffeting transonico cui mi riferivo nel passo che hai quotato, ma il discorso accelerazione transonica: sono due problemi diversi.

Sostanzialmnte il costruttore dice che l'accelerazione transonica è penalizzata dalla sezione pittusto ampia, legata soprattutto alla presenza della stiva e il problema è più sensibile sulla variante C che ha un'ala più grande e di conseguenza anche una sezione trasversale maggiore.

Ribadisce comunque che in configurazione armata l'aereo (comunque non un intercettore...) si comporta meglio degli attuali velivoli proprio perchè le prestazioni di questi sono eccellenti solo in configurazione pulita, mentre l'F-35, armato o meno, ha praticamente la stessa la resistenza tranne il contributo della resistenza indotta (ovviamente più peso=più portanza=più resistenza indotta) che però a queste velocità pesa di meno rispetto alla resistenza di forma e d'onda.

Il vantaggio è ancora più marcato ai regimi alto subsonici, mentre a quelli transonici la penalizzazione della sezione ampia fa sentire il suo effetto nonostante la maggiore pulizia delle linee (la regola delle aree vale per tutti...).

 

Quanto al gancio di coda della variante C citato nel precedente messaggio la posizione ufficiale di Lockheed Martin è quella nota: ritengono di risolvere il problema modificando lo smorzatore e il profilo del gancio.

In sostanza la ridotta distanza dal carrello principale è considerato un vincolo di progetto dato dalla stealthness (motore incassato fra i piani di coda e gancio nascosto da n portello) e dalla configurazione monomotore e per quanto non sia una situazione ottimale non è ritenuta determinante al fine di raggiungere lo scopo, se si lavora adeguatamente sul resto.

Staremo a vedere, visto che le modifiche in atto sono rapide e entro primavera si proverà di nuovo...

Edited by Flaggy

Share this post


Link to post
Share on other sites

Nel frattempo pare si sia trovato come risolvere uno dei 5 problemi nella lista nera (quelli per i quali non ere stata ancora studiata una soluzione) del rapporto presentato a dicembre e cioè a quello del rischio di incendio associato all'espulsione in emergenza del carburante tramite una valvola posta sotto la semiala sinistra; rischio più elevato sulla variante B dove il carburante poteva colare dopo l'atterraggio sui getti di controllo larerali ancora incandescenti.

 

http://www.airforce-technology.com/news/newslockheed-develops-f-35-jsf-fuel-dump-system-repair-solution

 

Il fatto che la soluzione verrà testata nel secondo trimestre di quest'anno lascia supporre che si sia ridisegnata la zona di scarico piuttosto che riposizionare la valvola...

 

In questo video del 2007 si vede lo scarico rapido del carburante in funzione a 0.45 secondi.

 

Edited by Flaggy

Share this post


Link to post
Share on other sites

Alcuni aggiornamenti

 

Gli USA sosterranno l'F-35B (si era parlato di un possibile annullamento di questo modello in caso di mancata risoluzione dei noti problemi). Rumors da Reuters e da Bloomberg

 

Consegnato il terzo F-35B alla Base USAF di Eglin source

 

Lockheed Martin conferma che riprogetterà il "tailhook" per la versione F-35C source

 

132029_1.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Rumors da Reuters e da Bloomberg

Adesso è ufficiale, il periodo di prova per l'F-35B è finito e il progetto è sufficientemente stabile da non essere più a rischio cancellazione.

 

George Little, Panetta’s spokesman, said the secretary’s decision to lift the probation was underpinned by improvements in five key areas: structural shortcomings in the Stovl bulkhead, flutter in the auxiliary inlet door, problems in the lift-fan clutch, unexpected wear and tear on the drive shaft and heating on the roll post actuator.

http://www.aviationweek.com/aw/generic/story_channel.jsp?channel=defense&id=news/awx/2012/01/20/awx_01_20_2012_p0-416683.xml&headline=Panetta%20Lifts%20F-35B%20Probation

 

Informazioni anche sullo stato attuale dei test...

 

The team has already conducted flights of the F-35B carrying weapons at subsonic and supersonic speeds. Initial flutter testing with the weapon bay doors open in flight have shown no significant problems, Kelly says. The major step, he says, is to drop weapons for the first time, a milestone expected in the second half of the year. Likely candidates will be the 500-lb. Joint Direct Attack Munition and the AIM-120 and AIM-9X missiles.

 

Thus far, the F-35B has been flown to Mach 1.4.

Share this post


Link to post
Share on other sites

io già ci vedevo una bella X sopra la versione STOVL ... e in generale temevo per il nostro Bel Paese .. davvero rassicurante ma speriamo che comunque risolvano presto i vari problemi tecnici ... si sà, la pubertà è un periodo difficile per tutti, F-35 incluso :rotfl:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Un F-35 VTOL veramente può muoversi in questo modo? :blink::rolleyes:<_<

Edited by Berkut

Share this post


Link to post
Share on other sites

Qualche dubbio, però, ancora permane ....

 

The U.S. military is committed to developing the Marine Corps version of the next-generation strike fighter jet, Defense Secretary Leon Panetta said Friday, but he warned that the program is "not out of the woods yet."

Link .... http://www.foxnews.com/politics/2012/01/20/panetta-says-military-committed-to-f-35-fighter-but-program-not-out-woods/

 

 

6ga2jn.jpg

 

23a5ah.jpg

 

1ikk8o.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Certamente si deve lavorare ancora parecchio, ma anche con le altre versioni che non sono certo esenti da problemi.

Per l'F-35B finisce però un periodo da sorvegliato speciale, che derivava essenzialmente dalle peculiarità di questa versione di cui era proprio messo in discussione il concetto.

A questo risultato si è giunti, nel rispetto di vincoli molto stringenti di peso e a costi accettabili (Gates era stato molto preciso su questi due punti), con la soluzione dei problemi ai portelli, alla struttura, all'albero del lift fan e anche, recentemente, allo scarico rapido del carburante, unito a un programma di prove molto aggressivo che ha consentito di recuperare parecchio del tempo perduto e di dimostrare che l'aereo può fare ciò per cui è stato progettato.

In effetti Gates aveva imposto un periodo di prova di 2 anni, durante i quali si sarebbe dovuti uscire dal tunnel, pena la cancellazione della versione. Il fatto che il lavoro sia stato fatto e anche in metà del tempo concesso è quindi molto positivo.

Edited by Flaggy

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ecco quanto in effetti detto, in occasione della visita a Pax River, dal Segretario della Difesa ....

 

American troops have long gone to battle secure in the knowledge that we command the skies. This fifth-generation fighter behind me is absolutely vital to maintaining our air superiority. And it will enable the kind of vital operations that we need in anti-access environments.

 

I want you all to know that as secretary of defense, my department is committed to the development of the F-35. It's absolutely critical, absolutely critical that we get it right. And that's why you're here. The developmental testing that's going on here will ensure that we get this right.

 

Early in 2011 DOD was compelled to put STOVL -- it's the -- one of the variants of the GSF (sic) -- on probation.

 

Over the course of last year, you here at Pax River helped make an incredible difference by completing tremendous amounts of STOVL testing. More, frankly, than had been planned. You demonstrated that we've made real progress -- real progress towards fixing some of the known problems that we had with STOVL. We now believe that because of your work, that the STOVL variant is demonstrating the kind of performance and maturity that is in line with the other two variants of the JSF.

 

As a result of your hard work and the hard work of JSF's government and industry team -- and it's a tremendous team; I've had the opportunity to meet many of its members today -- the STOVL variant has made, I believe and all of us believe, sufficient progress so that as of today, I am lifting the STOVL probation. (Applause.)

 

Please accept my deepest thanks for your work and dedication.

 

I couldn't do it without you.

 

It's not to say we don't have a long way to go; we do. We've got a long way to go with the JSF testing, and it's obviously not out of the woods yet. But I am confident that if we continue to do the hard work necessary, if we continue to do the dedicated work that all of you have been doing, that both the carrier and the STOVL variants are going to be ready for operations and are going to be ready for doing the work that they have to do, which is to help protect this country.

Link .... http://www.defense.gov/transcripts/transcript.aspx?transcriptid=4961

Share this post


Link to post
Share on other sites

su stealthness e mode varie.... interessante lettura di un articolo di Silvio Lora Lamia apparso su Analisi Difesa

 

http://cca.analisidifesa.it/downloads/4458681437_it.pdf

 

articolo molto interessante. Finalmente ho capito questa storia delle bande di frequenza radar, L, D e compagnia briscola.

 

Resta da capire quanto sia realistico. Mi sembra di capire che questa prospettiva sia basata su quella espressa da Air Power Australia... però penso di essermi perso le altre prospettive, se mai fossero citate.

Certo, magari qualcosa di meno propagandistico dei comunicati ufficiali di LM, ma comunque una fonte indipendente diversa.

 

Messa in questi termini la storia sembra abbastanza preoccupante:

- L'F-35 nasce già "vecchio"

- La sua caratteristica di punta, ovvero la LO, non solo non è eccelsa, ma è già stata compromessa, anche sul piano strutturale dell'aereo stesso.

- ad esempio il J-20 possiede una conformazione della fusoliera assai più stealth.

- T-50 e J-20 riusciranno a vedere l'F-35

- il Typhoon vede l'F-35 (?!?!?)

- la tecnologia stealth, salvo scenari di guerra asimmetrica, non serve a un piffero perché costa più di quanto sia efficace.

- e negli scenari di guerra asimmetrica la tecnologia stealth non è necessaria.

- conclusione: F-35 cacca

 

Io sono perplesso...

Share this post


Link to post
Share on other sites

.... Io sono perplesso...

E non sei l'unico ....

 

Resta comunque il fatto che ormai in questo progetto sono state profuse dagli USA (e dagli altri paesi partecipanti a vario titolo) quantità di denaro talmente ingenti che il fare un passo indietro, nel senso di cancellazione dell'intero programma o di parte di esso, risulterebbe catastrofico .... in quanto lascerebbe le varie forze aeree americane, in particolar modo, con una dotazione di velivoli che, per quanto possano essere stati aggiornati, risalgono concettualmente agli anni Settanta .... se non prima.

 

Senza contare inoltre che la tanto decantata industria aerospaziale statunitense ci perderebbe semplicemente la faccia ....

 

Un bel rebus, dunque .... :hmm:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Posto che non entro nel merito 'tecnico' della discussione (AUSA e' come noto un sito molto 'tecnico', ma altresì molto schierato contro lo F35: è un po il contraltare, in questo senso, di LM, che ovviamente dice che va tutto bene, mentre AUSA dice che va tutto male: la verità probabilmente e' nel mezzo), a mio avviso e' importante di questo articolo l'aspetto 'filosofico', che e' quello poi che mi preoccupa da sempre.

 

Ovvero: posto che tutta la filosofia stealth si basa su un fattore di vantaggio basato solo ed esclusivamente (F22 a parte) su quello, nella storia di scudo e spada che l'autore riporta nel titolo, prima o poi si trova la contromisura per qualsiasi cosa.

 

In soldoni: se l'aereo punta tutto su questo, e poi questa cosa non funziona a dovere, i problemi sono davvero enormi. Il tanto declassato Tifone, per esempio, a parità di stealthness, ovvero senza il 'vantaggio competitivo' dell'F35 in questo campo, probabilmente lo sbranerebbe. Ma questo, proprio per aerodinamica, potenza, eccetera.

 

Ecco, credo che il problema, e non lo dico da oggi, sia li: si sono messe tutte le uova (o quasi) in un paniere, ma prima o poi (la tecnologia avanza) si troverà una contromisura. Il rischio concreto e' di trovarsi con un mediocre aereo, in mezzo al guado. O guano, se si preferisce.

 

Fermo restando le problematiche, i costi, ecc ecc.

Share this post


Link to post
Share on other sites

"...Si va da nuovi tentativi e metodologie per ridurre i campi gravitaziona- li, già applicati sul B-2..."

Qualcuno ha idea di cosa significhi?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Un rebus che si propone con forza ancora maggiore per un paese come l'Italia.

Alla luce di queste considerazioni sarebbe opportuno riesaminare attentamente la partecipazione del nostro paese ad un simile programma.

A parte la scelta inevitabile per la successione degli AV-8B+ della nostra Marina, quanto ci può convenire legarci mani e piedi ad un programma costosissimo, i cui vantaggi sono assai dubbi, che rappresenta una ipoteca notevole sulla nostra industria aerospaziale?

Un programma di cui non avremmo le chiavi (i famosissimi codici sorgente del sistema d'arma) rimanendo in posizione subalterna per qualsiasi aggiornamento o sviluppo ulteriore della macchina, con un travaso tecnologico rigidamente controllato (e limitato), dalla controparte, con ritorni industriali che si prospettano al di sotto delle aspettative.

Si, c'è la FACO, ma quanto può convenire il ruolo di assemblatore - manutentore in un programma sostanzialmente in mano altrui rispetto all'estinzione della linea di sviluppo e produzione di un sistema tecnologico di cui, questo sì, siamo padroni, anche se per una parte, come il nostro Eurofighter?

Non si tratta di rinunciare, come molti anno sbrigativamente prospettato, ma di scegliere.

Io penso che potrebbe forse convenire sia alla nostra Industria che alle Forze Armate investire le stesse ingenti somme previste per l'acquisto di un prodotto dei nostri amici americani, che non ci hanno mai regalato niente (vedi VH-71, C-27J ecc. ecc.), nello sviluppo teconologico già prefigurato del nostro eccellente Eurofighter (radar Aesa, ugelli orientabili, sensors fusion, integrazione di nuovi armamenti e, magari, versioni potenziate dei motori, versione SEAD).

Non saremmo soli: la Gran Bretagna, primo partner nel programma F-35, lo ha scelto per sostituire solo gli Harrier, non i Tornado, rimanendo ben salda in sella al programma Eurofighter, dei cui ulteriori sviluppi è la più strenua sostenitrice.

Io penso che abbia le sue buone ragioni, che andrebebro attentamente soppesate.

E sulle stesse posizioni avremmo anche Germania, Spagna e, per il futuro, persino la Francia, che si è resa conto di quanto sia ormai ardua la via autarchica del Rafale.

Paesi tutt'altro che sprovveduti o rinunciatari nelle proprie politiche di difesa e, oltretuttop, il nerbo dell'Europa.

Può essere davvero così conveniente mettere i remi in barca e legarci mani e piedi, tecnologicamente e operativamente, all'alleato di oltre atlantico?

Share this post


Link to post
Share on other sites

ciao Gepiro...io mi sono appena iscritto ma seguo il forum da diversi anni e la risposta che mi sento di dire è:

1 gli inglesi hanno scelto l'F35 solo per portaerei...ma rimangono con un'aviazione senza cacciabombardieri perchè mantenere in servizio i vecchi Tornado di concezione anni '80 è pura follia...mentre l'Eurofighter non può sostituirlo poichè è nato come intercettore....

2 noi in Italia abbiamo gli AMX molto vecchi ed appunto i Tornado anch'essi vecchi di oltre 20 anni e dobbiamo sostituirli....e di sicuro non lo faremo con l'Eurofighter che è appunto un intercettore....

3 mettiamo che sia vero che il cinese j-20 ed il russo T-50 siano molto più stealth dell'F35....cosa facciamo rinunciamo all'F35 per passare ad un aereo cinese o russo???IMPOSSIBILE..non siamo neanche alleati....non condividerebbero mai con noi una tale tecnologia....mentre con gli USA siamo alleati e dell'F35 conosciamo un pò tutto....

 

QUINDI IL PUNTO ESSENZIALE E' CHE O PRENDIAMO L'F35 con le pecche che potrebbe avere (anche riducendone il numero di acquisto) oppure cosa facciamo compriamo il RAFALE?? oppure i peasi europei si mettono assieme per produrre un nuovo cacciabombardiere assumendoci poi anche gli INGENTISSIMI COSTI (vedi i costi dell'F35)????

 

Al momento non abbiamo una alternativa valida....

 

poi una piccola considerazione..se gli inglesi sono strenui difensori del progetto Eurofighter....come mai visto la possibile versione navale del caccia europeo...gli inglesi hanno scelto per il caccia americano....??? sarà per i soldi già spesi nel progetto???? eppure anche nell'Eurofighter sono stati spesi ingenti somme....a voi le considerazioni.....

Share this post


Link to post
Share on other sites

Posto che non entro nel merito 'tecnico' della discussione (AUSA e' come noto un sito molto 'tecnico', ma altresì molto schierato contro lo F35: è un po il contraltare, in questo senso, di LM, che ovviamente dice che va tutto bene, mentre AUSA dice che va tutto male: la verità probabilmente e' nel mezzo), a mio avviso e' importante di questo articolo l'aspetto 'filosofico', che e' quello poi che mi preoccupa da sempre.

 

Ovvero: posto che tutta la filosofia stealth si basa su un fattore di vantaggio basato solo ed esclusivamente (F22 a parte) su quello, nella storia di scudo e spada che l'autore riporta nel titolo, prima o poi si trova la contromisura per qualsiasi cosa.

 

In soldoni: se l'aereo punta tutto su questo, e poi questa cosa non funziona a dovere, i problemi sono davvero enormi. Il tanto declassato Tifone, per esempio, a parità di stealthness, ovvero senza il 'vantaggio competitivo' dell'F35 in questo campo, probabilmente lo sbranerebbe. Ma questo, proprio per aerodinamica, potenza, eccetera.

 

Ecco, credo che il problema, e non lo dico da oggi, sia li: si sono messe tutte le uova (o quasi) in un paniere, ma prima o poi (la tecnologia avanza) si troverà una contromisura. Il rischio concreto e' di trovarsi con un mediocre aereo, in mezzo al guado. O guano, se si preferisce.

 

Fermo restando le problematiche, i costi, ecc ecc.

 

Ogni tanto è divertente leggere anche qualche delirio.. :lol:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

×
×
  • Create New...