Jump to content

FCAS - Accordo franco-tedesco per un caccia di nuova generazione


Recommended Posts

SCAF: il governo francese assume posizioni difensive contro Berlino

Quote

In altre parole, le linee rosse tracciate da Florence Parly sono già state entrambe superate, e lo hanno fatto più volte. Poiché sembra molto improbabile che il Ministero delle Forze Armate possa aver commesso un tale errore di giudizio, è quindi quasi certo che si tratti effettivamente di una manovra difensiva del governo francese, intesa a fare pressione su Madrid e Berlino, o, dove appropriato, per designare queste due capitali come l'origine del fallimento del programma SCAF, almeno di fronte all'opinione pubblica francese. Insieme al discorso di Eric Trappier al Comitato del Senato, il messaggio inviato dalla Francia ai suoi partner è ora molto chiaro: Torna indietro o non esiteremo a ritirarci dal / i programma / i, abbiamo già l'opportunità (linea rossa) e i mezzi (Dassault Piano B).

 

Link to post
Share on other sites
  • Replies 147
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Top Posters In This Topic

Popular Posts

Non credo possa definirsi un flop totale, altrimenti non lo produrrebbero e non lo comprerebbero tutti, ma soprattutto non è un consorzio: è una partnership, ed è probabilmente il motivo per cui alla

Dannatamente prevedibile...?   Da europeista convintissimo mi permetto di dire: questi programmi europei sono una perdita di tempo e continueranno ad esserlo fintanto che l'Europa non si dote

Francia e Germania dicono di voler realizzare assieme il successore del Rafale e del Typhoon ...     Fonte: DefenseNews ... France and Germany agree to jointly build new generation fighter jet

Posted Images

I nodi vengono al pettine :

https://it.insideover.com/guerra/la-francia-ha-un-problema-con-lo-scaf-o-e-la-francia-il-problema.html

nell'articolo c'è un piccolo momento semiserio :   

.... "  Nella diatriba, recentemente, è intervenuta anche Madrid che ha avanzato la richiesta di ottenere il 30% dell’attività del programma per le sue industrie nazionali. " ......  🤣😂

 

Link to post
Share on other sites
12 ore fa, engine ha scritto:

.... "  Nella diatriba, recentemente, è intervenuta anche Madrid che ha avanzato la richiesta di ottenere il 30% dell’attività del programma per le sue industrie nazionali. " ......  🤣😂

 

credo che i francesi accetterebbero ben volentiri una tale ripartizione dei lavori, anche se non proprio a loro favorevole, pur di avere i finanziamenti tedeschi, ma il problema maggiore sono la condivisione delle tecnologie che a dassault non ne vogliono proprio sapere

Link to post
Share on other sites

Airbus tells French lawmakers there’s no ‘Plan B’ for FCAS from defensenews.com

Quote

Il pregiudizio da entrambe le parti è più o meno questo, secondo Bouvier: alcuni tedeschi pensano che i francesi vogliano costruire un aereo francese con denaro tedesco, mentre alcuni francesi pensano che i tedeschi vogliano rubare segreti commerciali e costruire un'arma propria.

 

Link to post
Share on other sites

Riporto la seguente frase:

Quote

The “invective and polemic” surrounding the program — French business newspaper La Tribune had recently trashed Germany’s FCAS motives in a series of articles — was beginning to “pollute” the debate

L'articolo lo abbiamo segnalato anche noi e abbiamo ben evidenziato i toni da fanboy utilizzati sul rispettato e ben noto quotidiano di economia francese, che hanno colpito e irritato i tedeschi, ma evidentemente era tutto studiato a tavolino.

 

Lo scontro tra francesi e tedeschi ormai è a vari livelli e su numerosi progetti militari, indice di una diversa visione su politica estera, difesa e industria.

I tedeschi tra pochi mesi voteranno per il rinnovo parlamento ed è rimasto poco tempo per firmare un accordo. Infatti il prossimo parlamento potrebbe anche bocciare il progetto SCAF, se il partito dei Verdi dovesse andare al potere. I Verdi non sono in linea di principo contrari allo SCAF, ma assolutamente non vogliono sentire parlare di armamento nucleare o di droni (robot assissini). Alla fine fine le forze armate sono un'espressione della volontà del parlamento e del governo e gli aerei lo strumento di cui possono disporre per mettere in atto gli atti parlamentari e governativi. La decisione di cassare l'F-35 ne è un esempio.

https://ecfr.eu/article/how-germanys-greens-could-spell-the-end-for-the-franco-german-fighter-jet/


Comunque secondo l'ultimo articolo della Tribune, le trattative tra Airbus e Dassault proseguono ed Airbus avrebbe fatto una nuova proposta a Dassault e l'accordo potrebbe essere in vista. La fine dello SCAF non farebbe bene a nessuno e probabilmente un effetto a catena si riverserebbe su altri programmi.

https://www.latribune.fr/entreprises-finance/industrie/aeronautique-defense/scaf-operation-deminage-pour-airbus-880249.html

 

Link to post
Share on other sites

Qualche considerazione sul perché il progetto SCAF è arrivato a questo livello di tensione.

Il 13 luglio 2017 a margine del consiglio di difesa franco tedesco Emmanuel Macron annunciò l'intenzione dei due paesi di sviluppare un nuovo velivolo militare per sostituire le flotte esistenti.

Il peccato originale risiede nell'annuncio che Macron fece senza avere prima lanciato uno studio di impatto con la Direzione Generale degli Armamenti.

I francesi e tedeschi hanno visioni molto diverse su cosa significhi investire in difesa e armamento.

I tedeschi sono molto cauti nel vendere e concedere esportazioni militari all'estero. In un rapporto del senato francese del 2020 le aziende militari francesi hanno denunciato la sempre crescente renitenza tedesca a concedere licenze d'esportazione provocando numerose difficoltà, quasi arrivando ad invocare di pensare a prodotti German-free, alla stessa stregua dei componenti ITAR Free.

Poi sono sorti i problemi già noti. La Spagna è entrata nel progetto SCAF, modificando gli assetti dell'alleanza e la richiesta tedesca di accedere e condividere i segreti industriali, cosa a cui Dassault si oppone strenuamente.
 
Germania e Francia hanno soprattutto esigenze di difesa diverse. La Germania ha bisogno di un sistema per proteggere il territorio nazionale e la popolazione, mentre la Francia ha bisogno di un mezzo per poter operare militarmente anche in teatri stranieri. Il risultato è che la Francia ha bisogno di un mezzo polivalente, capace di operare anche dalle portaerei e di portare anche armi nucleari, mentre  la Germania ha bisogno di un mezzo prevalentemente da difesa aerea.
 
L'amministratore delegato di Dassualt Eric Trappier ha ventilato l'ipotesi di un piano B, qualora la situazione precipitasse. Il piano B consisterebbe nello sviluppo ulteriore del Rafale in versione F4, migliorando connettività, velocità di trasferimento dati e ulteriori integrazioni, sfruttando anche l'esperienza del progetto Neuron.
 
https://www.marianne.net/societe/defense/pourquoi-couple-franco-allemand-se-dechire-autour-du-scaf-le-projet-davion-du-futur
 
http://www.senat.fr/rap/r19-642/r19-6421.pdf

https://www.meta-defense.fr/it/2021/03/22/larrive-probable-des-verts-au-gouvernement-allemand-menace-le-programme-scaf/ 
 


A proposito del Defence Command Paper rilasciato qualche giorno fa dal governo britannico ecco un riassunto:

https://ukdefencejournal.org.uk/summary-of-the-uk-defence-review/

https://ukdefencejournal.org.uk/uk-to-increase-f-35b-fleet-beyond-48-jets/

Link to post
Share on other sites
9 ore fa, zander ha scritto:

L'amministratore delegato di Dassualt Eric Trappier ha ventilato l'ipotesi di un piano B, qualora la situazione precipitasse. Il piano B consisterebbe nello sviluppo ulteriore del Rafale in versione F4, migliorando connettività, velocità di trasferimento dati e ulteriori integrazioni, sfruttando anche l'esperienza del progetto Neuron.

escluderei che questo possa essere il piano B, significherebbe ammettere che senza la germania non possono costruirlo e questo la grandeur francese non lo consente, al massimo puo signicare che avrebbero bisogno di più tempo e quindi si renderebbe necessario fare affidamento sui rafale per un tempo maggiore.

Link to post
Share on other sites

L'articolo di Meta Defense è interessante anche perché accenna al Tempest.

Quote

Va notato che questo modello è abbastanza equivalente a quello che oggi collega Gran Bretagna, Italia e Svezia all'interno del programma Tempest. Londra e Roma condividono infatti la stessa esigenza, ovvero quella di sostituire i loro Typhoon dedicati principalmente alla superiorità aerea, e svilupperanno così insieme, con una forte prerogativa britannica, la stessa Tempest. D'altra parte, per Stoccolma e Flygvapnet, il Tempest è un dispositivo troppo grande e probabilmente troppo costoso. Inoltre, il paese vuole mantenere il know-how del suo produttore SAAB come pilota. Questo è il motivo per cui la Svezia partecipa al programma FCAS solo a livello di mattoni tecnologici, con l'ambizione di sviluppare un proprio caccia leggero destinato a sostituire il Gripen, attingendo per questo alle tecnologie chiave del programma FCAS che da solo non può sviluppare. come il motore per esempio."


Nel frattempo dalla Tribune partono nuove bordate contro i tedeschi.

Un altro fantomatico think tank, chiamato Vauban, sermoneggia sulle relazioni storiche franco tedesche cercando di trarre lezioni per dipanare la situazione presente.

Fondamentalmente tedeschi e francesi hanno destini diversi.

Quote

Paris, une vocation mondiale ; Berlin, une vocation continentale

Da decenni i francesi hanno eletto i tedeschi come interlocutori esclusivi per la difesa e politica estera con l'obiettivo di spingerli a puntare alto su programmi comuni, ma i tedeschi hanno sempre preferito la dimensione europea e guardato agli Stati Uniti mentre la Francia da sempre avrebbe una vocazione mondiale...

Le differenze tra i due stati sono molto ampie.

Oggi Parigi e Berlino hanno obiettivi militari totalmente diversi. La Francia ha come nemico l'islamismo mentre la Berlino vedrebbe come nemico la Russia. Di conseguenza la Francia concepisce un esercito autonomo e dinamico in grado di operare ovunque, mentre Berlino pensa ad un esercito statico e integrato (sclerotizzato...) nella NATO. LA Francia è dotata di armi nucleari mentre la Germania no. Due visioni completamente diverse. Questa differenza di obiettivi si riflette ad esempio nei nuovi carri da battaglia in quanto Parigi vorrebbe un carro polivalente per ambito urbano mentre Berlino punta ad un carro molto più pesante.

L'articolo critica ancora la Germania perché difende le proprie industrie firmando contratti di dubbia moralità con Israele, Egitto e Algeria, paesi poco raccomandabili.

La grande critica di Vauban ai tedeschi nell'ambito della cooperazione militare è racchiusa da questa affermazione:

Quote

Avec un principe, affirmé avec force par Mme Merkel le 5 février dernier dans son allocution : ce qui est allemand, n'est pas négociable (domaine terrestre) ; ce qui est français (domaine aéronautique) doit être renégocié dans le sens des intérêts allemands.


I francesi sono scontenti che nel carniere dei diversi programmi militari in corso con i tedeschi nel corso dei mesi il workshare sia diminuito a favore dei tedeschi, con grande insoddisfazione francese.

In conclusione l'articolo critica pesantemente la leadership francese che si è legata troppo al mondo teutonico, senza avere in comune obiettivi, lingua cultura, mentalità e costituzione:

Quote

 coopérations avec un partenaire qui n'a rien en commun avec la France, dont on ne connaît rien (ni langue ni culture ; ni mentalités ni constitution)


L'articolo non dice molto di più di quanto già non si conoscesse, ma che mette in luce tutto lo sciovinismo di cui sono capaci i galletti. Un'altra bordata sparata dalla Tribune che avrà provocato ulteriore gastrite a Berlino.

https://www.latribune.fr/opinions/armement-les-erreurs-allemandes-de-la-france-880193.html

Link to post
Share on other sites

Ovviamente questa è solo e soltanto la campana francese e il suono stona.

Qualche .....  appunto :

1/ Paris, une vocation mondiale ; Berlin, une vocation continentale

Quando Berlino provò a darsi una " vocation mondiale " , fabbricando corazzate e incrociatori  , scoppiò la prima guerra mondiale. Sto leggendo il libro " 1914 - quando la luce si spense sul modo di ieri " di Margareth Mc Millan  che, in questo senso, è abbastanza istruttivo .

2/ Allemagne : récupérer les leviers du pouvoir  -->  ... " Si en France, on parle de « couple franco-allemand », de « moteur franco-allemand », de « solidarité franco-allemande », en Allemagne, on ne parle que le langage du réalisme mercantile. " ...    " A la doctrine de Mme Goulard ( una ex- collaboratrice di Romano Prodi ), fondée sur un altruisme français consenti au nom d'une Europe fédérale,    🤣😂:rotfl:    Berlin oppose la Realpolitik la plus dure. " ...  

Les pauvres !
Dopo aver cercato di fregare tutti , prima con la pretesa di dominare il progetto Eurofighter , poi con la faccenda dei cantieri STX , tanto per dirne due , ora sbattono il muso con una Germania che pensa solo ai fatti suoi . Ovvio che la mutti  Merkel potrebbe replicare che Dassault non può pretendere di fare il FCAS per conto suo con gli altri a far da lustrascarpe.   E comunque se ne accorgono adesso ? Il trattato di Aquisgrana non l'ho firmato io .

3/ Des doctrines militaires radicalement différentes

Armée expéditionnaire, la France mène une Blitzkrieg dynamique contre l'islamisme qui est la seule vraie menace de l'Europe  " .

per contro l'Armée  si guarda bene dal ripulire le banlieues dagli elementi pericolosi per non parlare del traffico di clandestini , praticato da europei , francesi e  tedeschi in particolare .

... " Alors que la France a besoin d'un char mobile, léger et polyvalent (combat urbain et combat blindé  -- contro i gilet gialli ? -- ), l'Allemagne en demeure au concept du Leopard, " ...

e per fortuna che dovevano fare assieme anche il futuro carro europeo, a leadership tedesca ; ora cominciano a litigare anche su quello .

4/ Ce qui est allemand, n'est pas négociable

Paris aurait dû comprendre enfin que l'industrie de défense n'est pas considérée de la même manière en Allemagne. Même si elle n'a pas le caractère stratégique qu'on lui accorde à Paris, Berlin sait parfaitement bien la défendre.

Contesto : se la Germania avesse voluto difendere la sua industria  degli armamenti non si sarebbe mai messa con  francesi. Con noi ha fatto il Tornado e il Typhoon ; con i francesi ha fatto lo A 400, l'Alpha jet  e ha rinunciato allo F-35 .

La perla :

Allemagne, une attitude qui n'est pas choquante

Avec une méthode : l'irruption de tiers qui déstabilise l'adversaire et le renforce. L'irruption (injustifiée) de Rheinmetall dans le programme MGCS a diminué les parts françaises et renforcé celle de l'Allemagne ; l'intégration (incompréhensible) de l'Espagne dans le programme SCAF a diminué les parts françaises dans les lead-shares et work-shares, tout en renforçant ses positions ; l'intervention régulière des syndicats (IG Metall), des comités d'entreprise d'Airbus D&S et du Bundestag, donne un moyen de négociation considérable au gouvernement allemand sur la partie française et une constante épée de Damoclès sur Paris.

A sentire questi ,  gli spagnoli sono solo dei campesinos buoni per fare aeroplanini da trasporto e coltivare arance . E si stupiscono se i tedeschi vogliono dominare il progetto del tank. ( cosa che era sottintesa nell'accordo col FCAS )

" ... Disons-le tout net : cette attitude globale de l'Allemagne n'est pas choquante. Ce qui est choquant, scandaleux et irresponsable, est la légèreté française à s'être engagée dans ces coopérations avec un partenaire qui n'a rien en commun avec la France,     :metal:    dont on ne connaît rien (ni langue ni culture ; ni mentalités ni constitution)   " ....

E qui mi fermo  😷  per non tediarvi ( sennò finisce che scrivo una bibbia )  , limitandomi a ricordare che il francese è destinato a diventare la lingua di africani e magrebini  🇬🇭🇲🇦  :osama:  :adorazione:   ( anche se parlato come Toro seduto parlava l'inglese ) con i franchi in minoranza     .
Una simile accozzaglia d' idiozie è tipica della stampa d'oltralpe .

Ce qui est choquant, scandaleux et irresponsable, est la légèreté française de publier des choses pareilles .

Spero che il Gen. Zander sia stato l'unico a leggere l'articolo.

Edited by engine
Link to post
Share on other sites

Questa mattina la Tribune, dopo le bordate dei giorni scorsi, ha ospitato l'intervento di Françoise Dumas, presidente della commissione della difesa e delle forze armate del parlamento francese, che ha ribaltato i toni degli articoli dei giorni precedenti, ha buttato acqua sul fuoco delle polemiche e ha teso un ramoscello d'ulivo ai tedeschi. La presidente della commissione ha ricordato la stretta collaborazione franco-tedesca in Sahel e la necessità di collaborare per poter meglio gestire gli eventi internazionali. I compiti futuri sono di tali dimensioni che sarà necessario sviluppare insieme sistemi che i singoli paesi non saranno in grado di affrontare.

Un chiaro invito alla distensione.

https://www.latribune.fr/opinions/tribunes/la-france-et-l-allemagne-ont-besoin-l-une-de-l-autre-pour-eviter-le-declassement-technologique-et-une-perte-d-influence-880790.html


Questo pomeriggio sempre sulla Tribune è infine comparso un articolo che invece fa sperare ad un riavvicinamento delle parti e ad un accordo imminente sullo SCAF:

https://www.latribune.fr/entreprises-finance/industrie/aeronautique-defense/scaf-des-negociations-au-bord-du-precipice-a-un-accord-inespere-880878.html

Stay tuned!

Link to post
Share on other sites

Dopo gli scontri e le riconciliazioni, Airbus e Dassault avrebbero trovato l'accordo sul Next Generation Fighter (NGF), ovvero l'aereo da combattimento del progetto SCAF.

https://www.latribune.fr/entreprises-finance/industrie/aeronautique-defense/scaf-dassault-aviation-et-airbus-ont-trouve-un-accord-de-principe-sur-l-avion-de-combat-ngf-881500.html

 

Link to post
Share on other sites

E' ancora presto per dichiararne il decesso ...

Quote

Il y a peu le programme SCAF était presque considéré comme mort, du moins dans sa configuration de base, on évoquait, il y a peu, un éventuel plan B du côté de chez Dassault Aviation. 
Mais tant que le patient n’est pas déclaré mort, il faut le sauver. 
A la manière d’une équipe médicale, les différents membres du projet se sont attelés à un difficile exercice sur le partage des tâches du programme afin de redonner une chance à ce dernier.
Les dernières nouvelles semblent plutôt positives, avec ce qui semble bien être un accord de base entre Dassault Aviation et Airbus. 
Cette entente implique les trois pays du programme, la France, l’Allemagne te l’Espagne. 
L’accord de fond débouche sur une nouvelle offre qui doit permettre la réalisation d’un démonstrateur.

 

... psk.blog.24heures.ch ... http://psk.blog.24heures.ch/archive/2021/04/05/le-scaf-va-mieux-mais-n-est-pas-encore-sauve-870822.html ...

🇫🇷 🇩🇪 🇪🇸

Link to post
Share on other sites

Il Senato francese concede la sua benedizione all'accordo industriale ...

Quote

The two companies leading the trinational Future Combat Air System (FCAS) effort have completed a deal on the program’s centerpiece: the next-generation fighter aircraft.
Airbus and Dassault reached an agreement that removed “the main obstacle” to launching the demonstrator portion of the fighter program, said the French Senate’s foreign affairs and defense committee in a Tuesday press release. 
The agreement, called “a major turning point” by the panel, could be approved by the German Bundestag by summer.
The accord, first reported April 2 by La Tribune, comes after months of simmering doubt that the FCAS lead executives would be able to resolve important issues for the program’s progress ...

... defensenews.com ... https://www.defensenews.com/global/europe/2021/04/06/french-senate-confirms-new-industry-pact-on-fcas-fighter-jet-program/ ...

🇫🇷

Link to post
Share on other sites

Sta circolando la notizia di un accordo sul motore al quale hanno aderito soltanto Safran e MTU ... non la spagnola ITP ...

Articolo incompleto ...  la tribune.fr ... https://www.latribune.fr/entreprises-finance/industrie/aeronautique-defense/scaf-accord-entre-safran-et-l-allemand-mtu-sur-le-moteur-mais-sans-l-espagnol-itp-881742.html ...

🇫🇷 + 🇩🇪 - 🇪🇸 = :scratch:

Link to post
Share on other sites
  • 4 weeks later...

Il motore ... la Spagna ora si associa ...

Quote

The French-German-Spanish team responsible for developing the engine that will power the European Next-Generation Fighter (NGF) has been formed. 
As a first step, France’s Safran Aircraft Engines and Germany’s MTU Aero Engines announced a 50/50 joint venture known as EUMET GmbH (European military engine team) on April 29, following earlier letters of intent and terms of agreement. 
On the same day, a partnership was announced between EUMET and Spain’s ITP Aero.
To be headed by a Safran-nominated CEO and based in Munich, Germany, EUMET will oversee the development, production, and support of the engine for the NGF, which is itself part of the wider Future Combat Air System (FCAS) program. 
In addition, the joint venture will oversee the integration of the existing Snecma (Safran) M88—which powers the Rafale fighter - into the flying demonstrator planned for the NGF.

... ainonline.com ... https://www.ainonline.com/aviation-news/defense/2021-04-30/european-next-generation-fighter-engine-team-takes-shape ...

🇫🇷 + 🇩🇪 + 🇪🇸 = B-)

Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

×
×
  • Create New...