Jump to content
-{-Legolas-}-

F-104 Starfighter - discussione ufficiale

Recommended Posts

 

Bel sito. A guardare quelle foto m'immagino il vento relativo scorrere a Mach 2 a 30 cm dalla faccia...brrr... :shutup:

 

Pape, il tempo ti ha dato ragione, non ti posso dire niente. Per me era/è solo un bel caccia.

Edited by -{-Legolas-}-

Share this post


Link to post
Share on other sites
...

Ma che ci posso fare se lo Starfighter non mi piace??? Lo vedo come il responsabile primo dei mali che hanno afflitto e affligono l'AMI!!! Da piccolo mi portavano agli airshow e vedevo le altre nazioni presentare aerei bellissimi, noi invece sempre 'sto missile con le ali.

 

Eri troppo piccolo per capire, giovanotto impertinente! :furioso:

 

Qualcuno ha notizie sul suo impiego in combattimento da parte dei vari utilizzatori?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Eri troppo piccolo per capire, giovanotto impertinente! :furioso:

 

Qualcuno ha notizie sul suo impiego in combattimento da parte dei vari utilizzatori?

 

No no....purtroppo non sono più tanto giovane! :P

 

Da quello che so non è mai stato molto impiegato in azion (poco Vietnam -con molte perdite- e qualche presunto abbattimento nei conflitti Indo-pakistano e Taiwanese)....solo numerosi intercettamenti (per lo più di carrette dell'aria sprovviste dei piani di volo!....ad intercettare i Tupolev mandavano gli F-15! :asd: )

 

Ecco lo stato di servizio dello Starfighter (da Wikipedia):

Il Lockheed F104 non divenne solamente famoso per i suoi molti anni di servizio accumulati nelle varie aeronautiche militari nelle quali ha prestato servizio, ma anche per i molti velivoli persi durante le esercitazioni. Specialmente nei primi anni dopo la sua entrata in servizio, molti velivoli andarono persi sia a causa della scarsa esperienza dei piloti sia per i problemi tecnici che affliggevano questo velivolo. Durante questo periodo ci furono così tanti incidenti mortali che l'F104 si guadagnò il nome di fabbrica di vedove.

 

Alcune delle maggiori carenze tecniche che caratterizzarono questo velivolo erano:

 

-Sulla prima versione, la "A" fornita all'inizio solo all'Aviazione Militare Americana, il seggiolino eiettabile non veniva espulso verso l'alto, ma analogamente a quanto accadeva sui bombardieri B-52 verso il basso. Questo faceva si che non fosse possibile eiettarsi a basse quote e che di conseguenza effettuare missioni a volo radente risultasse particolarmente rischioso. Solo successivamente, dopo alcuni incidenti mortali avvenuti durante le fasi di decollo ed atterraggio, i velivoli furono dotati di eiezione verso l'alto sempre con i seggiolini C-2 seggiolini. Successivamente negli anni '70, questi seggiolini furono cambiati con i più performanti Martin-Baker IQ-7A, che permettevano l'abbandono del velivolo a quota e velocità 0.

-Un ulteriore problema era dato dal fatto che il carrello d'atterraggio doveva essere ritirato all'interno della fusoliera immediatamente dopo il decollo, a causa dell'alta velocità. Se questa operazione non veniva effettuata tempestivamente dal pilota, la struttura del carrello poteva subire gravi danni compromettendone il corretto funzionamento.

-Come precedentemente detto, gli "accoppiamenti inerziali" furono uno dei principali difetti del velivolo, il superamento di valori critici d' "angolo d'attacco" portava spesso il velivolo in una condizione di volo pericolosa e non più recuperabile, per ovviare a questo inconveniente fu inserito nei comandi di volo il "shaker" ed il "kicker", il primo faceva vibrare la cloche all'approssimarsi dell'angolo critico, il secondo forzava il velivolo ad "andare giù" di muso per riprendere il volo livellato.

-Il profilo "non convenzionale" dell'ala obbligava il velivolo a volare "cabrato" di 5°.

-Durante l'atterraggio, l'elevato angolo dei flap non consentiva un corretto flusso aerodinamico, per ovviare a questo inconveniente, si spillava aria dal motore, il problema era che non era possibile scendere sotto l'85% di potenza del motore pena lo stallo del velivolo.

 

Le statistiche parlano di circa un milione di ore di volo sull'F-104 da parte dell'AMI, con 928.000 volate a tutto il 1997 (pari a circa 100 anni consecutivi, ovvero a 70 ore per giorno) e la perdita per quell'anno di un totale di 137 apparecchi, pari al 38% del numero consegnato. Ogni ora di volo aveva all'inizio degli anni novanta un costo di 13.000.000 di lire. Lo spillone (il soprannome dato dai reparti italiani) ha avuto un rapporto di perdite di 15 velivoli per 100.000 ore di volo, il triplo del valore dell'F-15 e il doppio dell'F-4

Edited by paperinik

Share this post


Link to post
Share on other sites
...solo numerosi intercettamenti (per lo più di carrette dell'aria sprovviste dei piani di volo!....ad intercettare i Tupolev mandavano gli F-15! :asd: )

....

 

Fortuna che c'erano i nostri:

Tu-16.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

CHE FOTO STUPENDA LENDER!!!

 

Quello schema mimetico del 36mo era stupendo!

 

Comunque da Wikipedia USA ecco qualche dettaglio sul mission book degli F-104, con note tutt'altro che soddisfacenti:

Vietnam War

Commencing with the Operation Rolling Thunder campaign, the Starfighter was used both in the air-superiority role and in the air support mission; although it saw little aerial combat and scored no air-to-air kills, Starfighters were successful in deterring MiG interceptors.[10] Starfighter squadrons made two deployments to Vietnam, the first being from April 1965 to November 1965, flying 2,937 combat sorties. During that first deployment, two Starfighters were shot down by ground fire, one was shot down by a Chinese MiG-19 (Shenyang J-6) when the F-104 strayed over the border, and two F-104s were lost to a mid-air collision associated with that air-to-air battle.[11] The 476th Tactical Fighter Squadron deployed to Vietnam in April 1965 through July 1965, losing one Starfighter; and the 436th Tactical Fighter Squadron deployed to Vietnam in July 1965 through October 1965, losing four.[12]

 

Starfighters returned to Vietnam when the 435th Tactical Fighter Squadron deployed from June 1966 until July 1967, in which time they flew a further 2,269 combat sorties, for a total of 5,206 sorties. Nine more F-104s were lost; two F-104s to ground fire, three to surface-to-air missiles, and the final four losses were operational (engine failures). The Starfighters rotated and/or transitioned to F-4 Phantoms in July 1967, having lost a total of 14 F-104s to all causes in Vietnam.[13][14]

The USAF was less than satisfied with the Starfighter and procured only 296 examples in single-seat and two-seat versions.[14]

 

1967 Taiwan Strait Conflict

On 13 January 1967, four Republic of China (Taiwan) Air Force F-104G aircraft engaged a formation of 12 MiG-19s of the People's Liberation Army Air Force over the disputed island of Kinmen. One MiG-19 was claimed shot down with one F-104 also lost.[16]

 

 

India-Pakistan Wars

 

At dawn on 6 September 1965, Flight Lieutenant Aftab Alam Khan in an F-104 claimed a Dassault Mystère IV destroyed over West Pakistan and another damaged, to mark the start of aerial combat in the Indo-Pakistani War of 1965. At that time it was claimed as the first combat kill by any Mach 2 aircraft, and the first missile kill for the Pakistan Air Force. Indian sources dispute this claim.[17] The PAF lost one F-104 Starfighter during the 1965 operations, scoring two kills in return, during the 1971 war, the Starfighter was no longer considered a dreaded fighter after MIG-21's success in every combat. However one of the F-104 Starfighter's victim was an Alize aircraft which belonged to the Indian Navy, which was shot down when a Starfighter was returning home from an aborted mission.[18]

 

The Starfighter is also believed to have been instrumental in intercepting an Indian Air Force Folland Gnat earlier, on 3 September 1965. F-104s were vectored to intercept the Gnat flying over Pakistan, returning to its home base. The F-104s, closing in at supersonic speed, caused the Gnat pilot to lower the undercarriage and land at a nearby disused Pakistani airfield to surrender. The Indian AF claims Squadron Leader Brij Pal Singh (who later rose to be an Air Marshal) made a navigation error that led him to land on the Pakistani airstrip. Singh was taken as a POW and later released.[18] The IAF Gnat is now displayed at the PAF Museum, Karachi. In the 1971 war, four F-104As were lost in combat against the IAF MiG-21s. [19]

 

Insomma, considerando solo gli abbattimenti durante i dog-fight, lo starfighter si porta a casa un davvero poco encomiabile bilancio a sfavore di 5 a 7!

Abbattimenti: un Mig-19, un mystere IV, un Alize, 2 imprecisati

Perdite sofferte: 2 da Mig-19, 4 da Mig-21, 1 imprecisato

Edited by paperinik

Share this post


Link to post
Share on other sites
...

Insomma, considerando solo gli abbattimenti durante i dog-fight, lo starfighter si porta a casa un davvero poco encomiabile bilancio a sfavore di 5 a 7!

Abbattimenti: un Mig-19, un mystere IV, un Alize, 2 imprecisati

Perdite sofferte: 2 da Mig-19, 4 da Mig-21, 1 imprecisato

 

C'è da dire però che il 104 non era certo nato per fare dogfight!

 

Qualche altro link per approfondire le vicende degli F-104 pakistani:

 

http://www.defencejournal.com/2000/may/f-104.htm

http://home.att.net/~jbaugher1/f104_5.html

http://www.bharat-rakshak.com/IAF/History/1971War/Soni.html

 

 

An artist's rendition of the moment, Flt. Lt. Soni opened fire at the fleeing F-104 Starfighter

Soni-Painting.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ma sicuri non ci fosse un vecchio topic sullo spillone :blink:

Comunque veramente foto bellissime, per me lo spillone rimane sempre Il Caccia, infatti, anche se in seguito ho capito tutti i problemi che ha causato alla nostra Aereonautica mantenerlo in servizio, il primo amore non si scorda mai e quello fu il primo caccia che vidi dal vivo.

Share this post


Link to post
Share on other sites
...

Comunque veramente foto bellissime, per me lo spillone rimane sempre Il Caccia, infatti, anche se in seguito ho capito tutti i problemi che ha causato alla nostra Aereonautica mantenerlo in servizio, il primo amore non si scorda mai e quello fu il primo caccia che vidi dal vivo.

 

Come non darti ragione!

 

Altro link sui 104 italiani (devo averlo già postato da qualche parte): http://web.tiscali.it/F104-Starfighter/

 

Merita la sezione sui racconti.

Edited by lender

Share this post


Link to post
Share on other sites

bene per questo thread...

 

così posso sfogarmi qui senza andare OT. In questi giorni sulla sezione dedicata ai missili AA, ed in particolare agli Sparrow, abbiamo discettato su una considerazione piuttosto antipatica.

 

Almeno per il primo decennio di impiego (fino all'arrivo degli Aspide) i nostri F104S erano praticamente inutili come caccia.

 

E non per la poca maneggevolezza o cose simili. Problemi che comunque c'erano tutti, anche se forse in forma leggermente ridotta rispetto ai meno potenti F104G o ai primitivi F104A e F104C.

No, perchè sbarcando il Vulcan e sostituendolo con uno Sparrow (uno di numero, di più non ci andavano nella vita reale) avevano tirato giù un arma forse primitiva (si fa per dire, il Vulcan è un gioiello di meccanica ancora oggi) e a basso raggio d'azione ma letale con una che semplicemente non funzionava.

 

Come barattare un bel revolver con un fucile mitragliatore a puntamento laser ma con poche cartucce e che si inceppa nove volte su dieci!

 

Kill rate nel Vietnam dello Sparrow: intorno al 10%!!! Quindi sarebbero serviti almeno 10 F104S per abbattere un singolo Mig a suon di Sparrow. In realtà di più perchè qualche F104 non sarebbe mai arrivato a lanciare il suo Sparrow, per mille motivi.

 

E pure gli Aim9B, a parte che per riuscire a lanciarli con qualche chance bisognava comunque mettersi di coda al bersaglio, cosa non banale per un 104, come kill rate non è che stessero così meglio.

 

Insomma negli anni sessanta e settanta l'F104S era un bella sport car, certo, ma guai a cercare di usarlo come caccia...

 

Poi certo nei tanti anni succssivi arrivarono gli Aspide, gli Aim9L e a un certo punto è pure rispuntato il Vulcan!

Share this post


Link to post
Share on other sites
bene per questo thread...

 

così posso sfogarmi qui senza andare OT. In questi giorni sulla sezione dedicata ai missili AA, ed in particolare agli Sparrow, abbiamo discettato su una considerazione piuttosto antipatica.

 

Almeno per il primo decennio di impiego (fino all'arrivo degli Aspide) i nostri F104S erano praticamente inutili come caccia.

 

E non per la poca maneggevolezza o cose simili. Problemi che comunque c'erano tutti, anche se forse in forma leggermente ridotta rispetto ai meno potenti F104G o ai primitivi F104A e F104C.

No, perchè sbarcando il Vulcan e sostituendolo con uno Sparrow (uno di numero, di più non ci andavano nella vita reale) avevano tirato giù un arma forse primitiva (si fa per dire, il Vulcan è un gioiello di meccanica ancora oggi) e a basso raggio d'azione ma letale con una che semplicemente non funzionava.

 

Come barattare un bel revolver con un fucile mitragliatore a puntamento laser ma con poche cartucce e che si inceppa nove volte su dieci!

 

Kill rate nel Vietnam dello Sparrow: intorno al 10%!!! Quindi sarebbero serviti almeno 10 F104S per abbattere un singolo Mig a suon di Sparrow. In realtà di più perchè qualche F104 non sarebbe mai arrivato a lanciare il suo Sparrow, per mille motivi.

 

E pure gli Aim9B, a parte che per riuscire a lanciarli con qualche chance bisognava comunque mettersi di coda al bersaglio, cosa non banale per un 104, come kill rate non è che stessero così meglio.

 

Insomma negli anni sessanta e settanta l'F104S era un bella sport car, certo, ma guai a cercare di usarlo come caccia...

 

Poi certo nei tanti anni succssivi arrivarono gli Aspide, gli Aim9L e a un certo punto è pure rispuntato il Vulcan!

Beh messa così in effetti;però ci sarebbero da fare alcune considerazioni,a parziale difesa del velivolo.L F104S fu adottato nel 67 e all'epoca la guerra del Vietnam era ancora in corso e tutti i dati inerenti al kill rate dello Sparrow non erano ancora a disposizione;la variante F104S era l'UNICO altro caccia occidentale dotato di Sparrow,oltre all'F4, e pertanto le sue capacità BVR erano un'esclusiva(se non includiamo Mirage 3 ed F1 i cui R530 non mi sembrano molto meglio)cosa che nel ruolo di intercettore costituiva un certo vantaggio;infatti l'S ha proseguito la carriera del G come "scudo"nei confronti dei bombardieri sovietici.Poi i nostri piloti volavano tantissimo sugli spilloni,tanto da conoscerne pregi e limiti,ed a mio avviso,nei confronti di avversari quali quelli che ci trovavamo,ovvero paesi satelliti dell'URSS e Libia,potevano tranquillamente dargli le paste se usati secondo le giuste tattiche.Non dimentichiamo che i nostri F104S sono riusciti durante le DACT a steccare avversari ben più pericolosi,in termini di addestramento e materiale.Detto questo ovviamente ritengo che l'S poteva andare bene come soluzione ponte(magari da acquisire in un numero limitato)come doveva essere ma non come definitiva come invece è stato,dato che il suo potenziale di sviluppo era ormai esaurito;o si comprava il Phantom nel 67 come hanno fatto i tedeschi oppure si aspettava qualche anno e si prendeva gli F16.Ma come al solito la FIAT ci ha messo il suo..

PS:comunque il Vulcan sugli S era presente sulla versione CB(caccia bombardiere),che infatti non era dotata di AIM-7 ma non mi risulta sia mai ricomparso nei Gruppi CI,eccezione fatta per il 18° che ebbe in dotazione questa versione(ed in seguito passò sull'ASA-M senza Vulcan)ed aveva infatti un doppio compito CI/CB.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Insomma negli anni sessanta e settanta l'F104S era un bella sport car, certo, ma guai a cercare di usarlo come caccia...

 

...purtroppo per l'AMI anche negli anni ottanta, novanta e primi del duemila.

 

L'Aspide a l'Aim-9L verranno integrati solo nei 147 esemplari ASA.

Tuttavia i primi F-104ASA erano allo standard ASA-1, privi ancora del missile ASPIDE che verrà introdotto solo con la fase ASA-2 del 1991, ovvero circa 15 anni dopo che il missile era entrato in servizio nella marina militare.

 

Dei 205 F-104S consegnati all'AMI, 147 hanno beneficiato del sistema ASA costato la cifra stratosferica di 600 miliardi di lire. Successivamente (nel 1998) 49 F-104S ASA e 15 TF-104G vennero aggiornati al programma ASA/M, altrettanto costoso e necessario solo a trascinare lo Starfighter fino al 2004. I 49 F-104S ASA/M sono stati i velivoli che dal 1998 al 2004 hanno protetto lo spazio aereo internazionale armati di 2 Aspide e 2 Sidewinder e 2 serbatoi wingtip.

Lockheed_F-104_STARFIGHTER.png

Edited by paperinik

Share this post


Link to post
Share on other sites

Bè, all'inizio non c'era molto di più dello Sparrow per contrastare l'avversario, e per parafrasare pilotadelladomenica: meglio un intercettore con un missile che con il cannone, anchè perchè aggiungo io, l'intercettazione avviene arrivando frontalmente rispetto al bombardiere nemico che lo Spillone era destinato a fermare, dove il Vulcan non serve, e se ne fosse stato richiesto l'uso, significa mettersi in coda a un bombardiere con un cannone nel cono di poppa.

tu-16-DNST8908432_JPG.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Cerchiamo di fare un po' di chiarezza su alcuni punti, i quali mi sembrano alquanto fumosi.

Innazitutto i nostri F-104 volavano con un AIM-9 ed un AIM-7/Aspide soltanto perchè quella era la configurazione più idonea a svolgere il ruolo di polizia aerea, ovvero il decollo su allarme in tempo di pace o "Guerra Fredda".

In caso di conflitto o quando la situazione si faceva particolarmente calda l'armamento missilistico raddoppiava, passando a due AIM-9 sulle rails alari e due missili a guida semiattiva sotto le ali. Anche i serbatoi diventavano quelli Fletcher, quindi idonei ad essere sganciati in volo.

Questa configurazione non è poi così sconosciuta, visto che in tante esercitazioni dell'epoca: "Dragon Hammer", "Display Determination", etc. i nostri volavano così.

 

Il cannone venne sbarcato per fare spazio al sistema di guida semiattiva per i missili Sparrow (dalla versione S in poi) e soprattutto perchè inutile in un velivolo che aveva la prerogativa di non accettare MAI un dogfight, a meno che l'altro velivolo non fosse anch'esso un 104. Le tecniche erano del tipo mordi-e-fuggi. Attacco rapido puntando verso il velivolo avversario, lancio del missile e via a tutto AB lontano per riposizionarsi per un altro attacco, senza quasi mai virare e tutto posto sul piano verticale.

Il Vulcan non è stato MAI montato sugli intercettori. Forse qualcuno si confonde con qualche esemplare del 22° Gruppo a metà anni '70 e più recentemente con gli esemplari del 18° Gruppo di Trapani. Nel primo caso si trattava di macchine CB prestate dal 155° Gruppo anch'esso all'epoca ad Istrana, mentre nel secondo caso erano gli esemplari CB del 156° Gruppo passati a Trapani per l'arrivo del Tornado, che a Trapani usarono come CB e CIO per un certo tempo e poi passarono all'intercettazione con i vulcan e gli AIM-9L, fino all'arrivo degli ASA-M, che videro sbarcare il vulcan da tutti i mezzi CB.

 

La versione dello Sparrow in uso sul 104 era la AIM-7E, decisamente aggiornata nelle sue sottoversioni rispetto ai missili utilizzati nel conflitto vietnamita, un'arma efficiente se impiegata nel suo corretto contesto operativo, ovvero quello del kill oltre il raggio visivo. Da sottolineare che in Vietnam i problemi di un basso rateo di Kill (giustamente detto del 10%) erano dovuti in massima parte a tre fattori: scarsa manutenzione e poca conoscenza del missile, con problemi dovuti anche al clima tropicale, addestramento dei piloti USAF ridicolmente limitato nel dogfight e regole d'ingaggio che negavano l'impiego dei missili BVR (Beyond Visual Range), cosa che fece impiegare lo Sparrow alla stessa stregua dell'AIM-9 in un inviluppo di volo a corto raggio che non era il suo. Anche gli AIM-9 non fecero bella figura, al contrario dell'U.S. Navy, dove invece fece la sua buona figura. Su 40 Abbattimenti confermati da parte di velivoli che potevano lanciare lo sparrow (F-4B ed F-4J), ben 16 furono con gli AIM-7, un buon 40% complessivo. Ma i piloti Navy avevano un addestramento decisamente diverso dei colleghi dell'USAF e perdippiù non avevano un cannone che si chiamasse tale.

 

Bye, bye

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non linciatemi... io purtroppo sono nella stessa lunghezza d'onda di paperinik...

 

bisogna dare atto che lo spillone ha scritto pagine di storia dell'aviazione, e merita rispetto, ma per colpa sua(anzi del suo abitacolo) non sono potuto entrare in accademia aeronautica!! lo odio!!!! :pianto: :pianto:

Share this post


Link to post
Share on other sites
I 49 F-104S ASA/M sono stati i velivoli che dal 1998 al 2004 hanno protetto lo spazio aereo internazionale armati di 2 Aspide e 2 Sidewinder e 2 serbatoi wingtip.

 

Effettivamente nei miei post precedenti c'è un errore....la configurazione Alpha Scramble (quindi allerta reale) è quella descritta da F-104 (il cui nick fa presumere larga conoscenza in materia di starfighter).

 

Erano 2 Aim-9L agganciati alle wingtip, 2 Aspide agganciati alle stazioni subalari esterne e 2 serbatoi ausiliari sganciabili a quelle esterne.

Edited by paperinik

Share this post


Link to post
Share on other sites
Anche gli AIM-9 non fecero bella figura, al contrario dell'U.S. Navy, dove invece fece la sua buona figura. Su 40 Abbattimenti confermati da parte di velivoli che potevano lanciare lo sparrow (F-4B ed F-4J), ben 16 furono con gli AIM-7, un buon 40% complessivo. Ma i piloti Navy avevano un addestramento decisamente diverso dei colleghi dell'USAF e perdippiù non avevano un cannone che si chiamasse tale.

 

Quoto, infatti l'Us Navy, non sviluppò mai un Phantom armato di cannone e, a ogni modo, nuovi sviluppi (tra cui in particolare l'addestramento al combattimento manovrato Air Combat Manoeuvre ACM, che condusse alla scuola di caccia della Navy Top Gun) si dimostrarono molto più importanti del cannone contro i Mig. ;)

Edited by Blue Sky

Share this post


Link to post
Share on other sites
Non linciatemi... io purtroppo sono nella stessa lunghezza d'onda di paperinik...

 

bisogna dare atto che lo spillone ha scritto pagine di storia dell'aviazione, e merita rispetto, ma per colpa sua(anzi del suo abitacolo) non sono potuto entrare in accademia aeronautica!! lo odio!!!! :pianto: :pianto:

Eh ma qui si entra nel personale! :lol:

 

Comunque quotone per F104, sia l'utente che l'aereo, che nonostante nell'AMI sia stato portato oltre la frutta, ha comunque costituito la spina dorsale della nostra difesa aerea per anni. Ovvio, contro un Fulcrum non avrebbe potuto gran che, ma leggendo di racconti di piloti durante le esercitazioni ci si rende conto di quanto siano fondamentali addestramento, esperienza e tecnica di impiego. I nostri piloti sono riusciti a tirar fuori dallo Spillone l'impossibile.

 

Consideriamo inoltre il progetto in sè, le specifiche per cui è stato progettato ed il contesto in cui si sarebbe dovuto inserire. Il dogfight, nella disciplina dell'epoca, era considerato una tattica al tramonto della sua esistenza. Qualche anno prima, aerei come lo Scorpion erano progettati per decollare e sparare salve di decine e decine di razzi non pilotati contro le formazioni di bomners sovietici, neanche si stesse parlando dei tedeschi contro le Flyning Fortess nella IIWW. Il 104 era progettato per intercettare i bombardieri sovietici il prima possibile (notare il rateo di salita e la velocità dello Starfighter per rendersene conto), arrivare a distanza di tiro del missile trasportato, lanciarlo e scappare a tutta manetta (e notare nuovamente la velocità di punta dello Spillone). Appunto, come già detto, mordi e fuggi.

 

Che poi gli si sia fatto fare di tutto perchè ci si è resi conto che una dottrina simile con un aereo talmente specializzato era assurda è un altro discorso, ma consideriamo anche che all'epoca si riteneva che navi, aerei e carri sarebbero stati presto soppiantati in toto dai missili. C'era, all'epoca, chi sosteneva che l'F-104 sarebbe stato l'ultimo aereo pilotato ad essere progettato in Occidente! :rotfl:

 

Chiudo il topic con una bella immagine di un aereo che, seppure io sia giovane, mi ha sempre affascinato per la sua linea e per quell'aria di "Guerra Fredda" che si portava dietro, periodo che mi ha sempre appassionato.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Cerchiamo di fare un po' di chiarezza su alcuni punti, i quali mi sembrano alquanto fumosi.

Innazitutto i nostri F-104 volavano con un AIM-9 ed un AIM-7/Aspide soltanto perchè quella era la configurazione più idonea a svolgere il ruolo di polizia aerea, ovvero il decollo su allarme in tempo di pace o "Guerra Fredda".

In caso di conflitto o quando la situazione si faceva particolarmente calda l'armamento missilistico raddoppiava, passando a due AIM-9 sulle rails alari e due missili a guida semiattiva sotto le ali. Anche i serbatoi diventavano quelli Fletcher, quindi idonei ad essere sganciati in volo.

Questa configurazione non è poi così sconosciuta, visto che in tante esercitazioni dell'epoca: "Dragon Hammer", "Display Determination", etc. i nostri volavano così.

In effetti la configurazione con 2 missili è quella da polizia aerea adottata anche dagli attuali intercettori F16 ed EF2000.Però la configurazione con carico bellico massimo era prevista solo in caso di guerra o esrcitazioni;da quel che ho letto gli AIM-9B se usati dalle rotaie ventrali davano problemi di ingestioni di detriti da parte delle prese d'aria mentre se montati sulle tip alari davano qualche problema di stabilità.A prescindere comunque dal numero di missili ritengo che puntare sull'F104 nel 67 fu un grosso errore.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Per i denigratori del 104 consiglio di leggere questo esaustivo articolo delle condizioni d'impiego dello Zipper nel SEA (Sud Est Asia), potreste trovarlo amaro, per chi ne è un estimatore invece sarà una goduria.

 

The F-104 in SEA

 

Solo una citazione d'esempio

 

(4) By 1962, the F-104 had established a reputation as almost unbeatable in ACM. This reputation was later justified during the USAF's Project Featherduster evaluations, the USN's F-4/F-104 maneuvering target testing, and numerous F-104 wildcard appearances at the USAF-FWS. Notably, the F-104's ACM capability was assessed by the USAF as "superior to all other aircraft evaluated at altitudes below 20,000 ft."

 

anzi un paio

 

On 11 July 1965, the 476th TFS completed its 96th day of TDY deployment. In all, 476th aircraft had flown 1182 combat sorties. 52% of these sorties were EC-121 escort; 24% were MiG screen; 5% were weather recce and 18% were ground attack missions. During this period, the 476th F-104s maintained an in-commission rate of 94.7%, a testimony both to the quality of 476th maintenance personnel and to the simplicity and maintainability of F-104 systems

 

facciamo tre e buonanotte, questo quel che successe a quei due F-104 che si sono scontrati in volo

 

The day was not over though. Two F-104s returning from searching for Capt. Smith's F-104 collided while penetrating weather on a nighttime approach to DaNang. Both pilots ejected and were recovered unharmed

 

di notte, senza visibilità... e grazie!

Edited by -{-Legolas-}-

Share this post


Link to post
Share on other sites
Cos'è il lancio dell'Ariane V???? :asd:

 

Bellissima foto, scherzi a parte.

 

Ma che ci posso fare se lo Starfighter non mi piace??? Lo vedo come il responsabile primo dei mali che hanno afflitto e affligono l'AMI!!! Da piccolo mi portavano agli airshow e vedevo le altre nazioni presentare aerei bellissimi, noi invece sempre 'sto missile con le ali.

 

 

dipende da cosa intendi per bellissimo....se la creatura di "Kelly" Jhonson non è bella ? puo non piacerti, ma in quanto a bellezza e pulizia dinamica fine a se stessa!!!!!non la batte nessuno

Share this post


Link to post
Share on other sites
dipende da cosa intendi per bellissimo....se la creatura di "Kelly" Jhonson non è bella ? puo non piacerti, ma in quanto a bellezza e pulizia dinamica fine a se stessa!!!!!non la batte nessuno

 

Decisamente molto criptico.... a casa mia quando scrivo "bellissima foto" intendo solo dire "bellissima foto".

--------------------------------

 

Legolas a me risulta che l'USAF non fu affatto entuasiasta delle performance dello Starfighter

Nel compito di intercettore non ebbe fortuna: tanto è che l'Air Defence Command ridusse dopo solo 1 anno gli ordini di F-104A da 722 a soli 153, girati poi alla ANG. Occorre dire che il 104 fu scelto in questo caso come gap-filler in attesa degli F-106 Delta-dart

 

Nel compito di caccia-bombardiere o caccia multiruolo l'F-104C/D (98 esemplari: 77 monoposto, 21 biposto), impiegato dal Tactical Air Command, non ebbe destino tanto diverso, ed anche in questo caso i pochi esemplari ordinati vennero girati alla ANG.

 

In totale l'USAF ha ordinato soli 296 Starfighters (nelle varie versioni monoposto/biposto) con un generale basso gradimento per la macchina, che risultava del tutto insadeguata sia per i compiti di intercettazione (inadatto al combattimento manovrato) che per i compiti di bombardamento (per i quali non aveva sufficente capacità di carico).

 

Dal 1965 in poi gli F-104 iniziarono la fase di phase-out, fase che si completerà nel 1969 (salvo la Puerto Rico ANG che continuerà a impiegarli fino al 1975).

Dal primo F-104 operativo (1958) all'ultimo dismesso (1969) trascorrono quindi soli 11 anni.

 

I dati descrivono quindi una realtà ben diversa: lo Starfighter fu tutto meno che apprezzato in ambito USAF, che all'epoca evidentemente non nutriva interesse per un velivolo da superiorità aerea.

Edited by paperinik

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×