Jump to content

Crisi Ucraina & Crimea


Sergetto75
 Share

Recommended Posts

Penso che occorra impedire con tutti i mezzi che l' Ucraina sia, a causa di questa offensiva massiccia nel Donbass, sconfitta e contemporaneamente contrastare certa propaganda attiva su Facebook. Temo anche che, se questa offensiva russa incontrerà successi, che da parte occidentale si dovranno ponderare due opzioni: o accettare una pace equivalente a una resa, oppure un intervento molto più pesante in Ucraina. 

Link to comment
Share on other sites

Sicuramente colpire i depositi di carburante russi e incasinargli la vita oltre confine con dei bei falò, può essere un obiettivo, anche se gli ucraini pare parlino di false flag come per il precedente attacco a Belgorod.

Diciamo che se va a fuoco il carburante russo agli ucraini va bene, come va bene dire che il territorio russo non è stato attaccato da loro, visto che la cosa viene usata per sostenere la retorica dell'attacco diretto alla Madre Russia...

L’ultimo un po' ironico aggiornamento di un “certo Tom” (…) che in merito laconicamente non si sbilancia su chi ha fatto cosa...

https://medium.com/@x_TomCooper_x/ukraine-war-23-24-april-2022-9732d1d1a42

E di MilitaryLand

https://militaryland.net/ukraine/invasion-day-59-summary/

Da segnalare la penetrazione russa a sud di Izium di almeno 10 km e conseguente minaccia alle linee di comunicazione stradali e ferroviarie tra Barvinkove and Slovyansk con l’obiettivo di tagliare i rifornimenti e tentare di chiudere attorno a Slovyansk e Kramatorsk. Da parte ucraina l’attacco a nord di Kharkiv ha portato alla liberazione di Bezruky, Slatine, and Prudianka e l’avvicinamento al confine russo.

Situazione difficile con pesanti combattimenti un po’ più a sud presso Zelene Pole ad est di Zaporizhzhia.

Edited by Flaggy
Link to comment
Share on other sites

Dove si trova Bryansk e a che servono quei depositi.

 

Il sonoro non sembra quello di un mozzicone di sigaretta che cade a terra...

Vantaggio per gli ucraini a fare una cosa del genere? mah...

False flag o no, lì comunque succedono altre cose...

Intanto, un altro Su-34 finisce male...

 

 

Edited by Flaggy
Link to comment
Share on other sites

In passato l'hanno chiamata "ricerca di spazio vitale" o persino "operazione di pace", ora si pretende di chiamarla "operazione militare speciale", ma la guerra non si può chiamare con nomi diversi dal suo.

La guerra non si può tenere sotto controllo. In guerra non muoiono solo gli eroi colpiti da una pallottola in fronte mentre avanzano sprezzanti del pericolo nei campi di grano. In guerra muoiono gli indifesi e gli innocenti, e non basta fare spallucce dicendo "eh, ma è la guerra".

Già, è vero, è la guerra.

Proprio per questo esiste sempre una alternativa alla scelta di scatenare una guerra.

Proprio per questo, al di là delle colpe di chi la guerre la auspica, la pianifica, la progetta, l prepara o la organizza, il primo criminale è colui che la guerra la comincia.

Vladimir Putin, che tu possa essere mille volte maledetto.

https://www.ansa.it/sito/notizie/mondo/2022/04/24/ucraina-la-piccola-kira-morta-insieme-alla-mamma-a-odessa_9d0850d4-7ea9-4ac1-bab3-e02504caa7e9.html

Link to comment
Share on other sites

6 hours ago, Flaggy said:

Sicuramente colpire i depositi di carburante russi e incasinargli la vita oltre confine con dei bei falò, può essere un obiettivo, anche se gli ucraini pare parlino di false flag come per il precedente attacco a Belgorod.

Diciamo che se va a fuoco il carburante russo agli ucraini va bene, come va bene dire che il territorio russo non è stato attaccato da loro, visto che la cosa viene usata per sostenere la retorica dell'attacco diretto alla Madre Russia...

L’ultimo un po' ironico aggiornamento di un “certo Tom” (…) che in merito laconicamente non si sbilancia su chi ha fatto cosa...

https://medium.com/@x_TomCooper_x/ukraine-war-23-24-april-2022-9732d1d1a42

E di MilitaryLand

https://militaryland.net/ukraine/invasion-day-59-summary/

Da segnalare la penetrazione russa a sud di Izium di almeno 10 km e conseguente minaccia alle linee di comunicazione stradali e ferroviarie tra Barvinkove and Slovyansk con l’obiettivo di tagliare i rifornimenti e tentare di chiudere attorno a Slovyansk e Kramatorsk. Da parte ucraina l’attacco a nord di Kharkiv ha portato alla liberazione di Bezruky, Slatine, and Prudianka e l’avvicinamento al confine russo.

Situazione difficile con pesanti combattimenti un po’ più a sud presso Zelene Pole ad est di Zaporizhzhia.

Però hanno abbattuto un tb-2 a kurks. Forse di rientro.. 

Non credo che gli ucraini facciano ragionamenti di tipo politico.. Sono comunque due obbiettivi militari (uno ufficiale, uno abbastanza collegabile essendo carburante..)

La manovra a tenaglia è partita. Unita ad attacchi a nord ovest su linee ferroviare. Probabilmente per interrompere il flusso di aiuti al fronte.

Che apparati anti aereo / missile hanno? Alto tasso di intercettazioni di kalibir.  Soprattutto su Odessa.

Edited by nik978
Link to comment
Share on other sites

2 ore fa, nik978 ha scritto:

Che apparati anti aereo / missile hanno? Alto tasso di intercettazioni di kalibir.  Soprattutto su Odessa.

in teoria li tirano giù coi Sa-10 ed infinite sue versioni, ma anche i Sa-11 e 15 dovrebbero poter dire la loro.
sicuramente @Flaggy o @Gian Vito possono dire qualcosa in più, in merito alla questione.

comunque, hanno uscito anche il T-90M... e non mettetevi a fare facile ironia tra le gabbie per i polli ed i pallet, mi raccomando 🤣
278956315_5044869562264893_9323420218254

Edited by vorthex
Link to comment
Share on other sites

Stando a RID sicuramente alcuni Kalibr e altri cruise li hanno tirati giù con gli SA-12 (S-300V1) che dell’S-300 è la versione con limitate capacità antimissile contro SRBM e appunto cruise e che si aggiungono sul lungo raggio ai meno recenti S-300PS/PT (SA-10) di cui a inizio conflitto c’erano una ventina di batterie.

I medio raggio BUK-M1 (SA-11) hanno buone probabilità di abbattere un cruise (parrebbe 40%) visto che sono abbastanza moderni, mentre non è specificato il ruolo in questo senso dei vecchi SA-6 KUB e degli ancor più vecchi SA-3 PECHORA, entrambi aggiornati. Tutta roba che però ha tirato giù svariati aerei.

Altri cruise ne hanno abbattuti con i corto raggio SA-15 (TOR-M) e con gli SA-8B GECKO (OSA-AK/AKM).

Poi a inizio guerra c'erano 70 semoventi TUNGUSKA (SA-19).

La rete radar si avvale invece di P-18 MALAKHIT, di 36D6/36D6M (credo utili contro i cruise perché lavorano bene anche a bassa quota), poi altri radar mobili 76K6 PELIKAN e 80K6KS1 PHOENIX (che costituisce gli occhi del sistema missilistico BUK).

Infine non dimentichiamo il fottio di manpads che hanno tra Strela-10, IGLA, Stinger, GROM, Mistral, StarStreak: questi tra un po' arrivano con il corriere Amazon...e a farne le spese sono stati aerei, elicotteri ('na strage) e droni.

Insomma, nonostante la supremazia dell’aeronautica russa e le perdite subite dalla difesa aerea ucraina, non è che non abbiano una lista di sigle da far venire il mal di testa (e me l’hanno fatto venire…) per tiragli giù un po’ di roba…e infatti gliela tirano giù ogni giorno…

Edited by Flaggy
Link to comment
Share on other sites

Foto assolutamente Fake. Non c’è nessun T-90 in quella foto. Solo gabbie per polli :asd:

Comunque il video dell’abbattimento del Su-34 di ieri penso lo abbiamo visto tutti, coi 2 paracaduti che si aprono. Qui una seconda prospettiva. È completamente in flat spin 

 

https://amp.censor.net/en/photo_news/3336644/russian_su34_fighterbomber_shot_down_in_kharkiv_region_videophotos
 

beh.. in origine il Flanker fu chiamato Tomcatsky dall’intelligence, proprio perché somigliava al gattone per certi versi. Beh il fullback pare sia riuscito a imitarlo meglio mi sa. 

Link to comment
Share on other sites

3 ore fa, nik978 ha scritto:

Però hanno abbattuto un tb-2 a kurks. Forse di rientro.. 

Non credo che gli ucraini facciano ragionamenti di tipo politico.. Sono comunque due obbiettivi militari (uno ufficiale, uno abbastanza collegabile essendo carburante..)

La manovra a tenaglia è partita. Unita ad attacchi a nord ovest su linee ferroviare. Probabilmente per interrompere il flusso di aiuti al fronte.

Un “certo Tom”(sempre lui con gran gioia di qualcuno…) propenderebbe per false flag, sia per l’attacco al deposito che per quello al treno, che farebbero il paio con l’attacco in Transinistria (tanto per far casino e giustificare l'imbecillata di PUC di riunire qualsiasi enclave russa alla madre patria).

https://medium.com/@x_TomCooper_x/supplement-strikes-on-pol-and-transporation-facilities-in-russia-and-in-ukraine-25-april-2022-637202e7352c

Considerando con che razza di squallido e ignobile personaggio abbiamo a che fare al Cremlino, non mi stupirei se fosse così.

In fondo sono cose che piacciono tanto ai russi che già si sono distinti pure in territorio ucraino con infiltrazioni e attacchi da parte di soldati che indossavano uniformi (o meglio bande) ucraine.

Link to comment
Share on other sites

13 minuti fa, maxiss ha scritto:
Purtroppo a volte pure gli ucraini toppano,o forse dovremmo dire osano troppo..
 
Results of the foiled attack on Kozacha Lopan, #Kharkiv Oblast, April 22nd by the Ukrainian army - as seen at least two Ukrainian BMP-2 IFVs, BTR-80 APC, supply truck and T-64BV tank were destroyed.
 
 
Image
 
Image
 
Image
 
Image

Ci sono informazioni su come è stato distrutto il convoglio? Grazie

 Vedo che anche il t64 soffre della sindrome della torretta volante

 

Edited by Ale9
Link to comment
Share on other sites

Non mi pare ci siano informazioni anche perché i russi (cui certo non mancano carri e missili anticarro) sono meno "loquaci" e gli ucraini come ovvio non pubblicizzano le perdite (in questo caso almeno 5 o 6 mezzi). Gli ucraini stanno attaccando a nord di Kharkiv e dopo aver preso Bezruky, Slatine e Prudianka, a Kozacha deve essere andata male.

Poi, tutti i carri di concezione sovietica soffrono della sindrome della torretta volante, perché tutti, anche se con qualche differenza concettuale, hanno la giostrina con le munizioni sotto la torretta.

 

Comunque nell'Oblast di Karkiv si combatte pesantemente.

Qui, più a sud (intorno a Izium) un’unità di fanteria ucraina dotata di Stugna P (la versione da esportazione Skif a giudicare dai caratteri sullo schermo…) fa strage di mezzi russi e in rapida successione distrugge 4 carri e un BMP nascosti fra gli alberi.

 

Edited by Flaggy
Link to comment
Share on other sites

16 hours ago, Flaggy said:

Un “certo Tom”(sempre lui con gran gioia di qualcuno…) propenderebbe per false flag, sia per l’attacco al deposito che per quello al treno, che farebbero il paio con l’attacco in Transinistria (tanto per far casino e giustificare l'imbecillata di PUC di riunire qualsiasi enclave russa alla madre patria).

 

 

https://medium.com/@x_TomCooper_x/supplement-strikes-on-pol-and-transporation-facilities-in-russia-and-in-ukraine-25-april-2022-637202e7352c

Considerando con che razza di squallido e ignobile personaggio abbiamo a che fare al Cremlino, non mi stupirei se fosse così.

 

In fondo sono cose che piacciono tanto ai russi che già si sono distinti pure in territorio ucraino con infiltrazioni e attacchi da parte di soldati che indossavano uniformi (o meglio bande) ucraine.

 

L'esplosione in transinistra è la pubblicità del false flag.

Da 2 settimane le forze di sicurezza russe ai confini prossimi parlano di elevato rischio terrorismo. E guardacaso treni ed altro. Più che false flag anche io penso ad un movimento interno. A parte, non pochissimi, nazionalisti, l'opinione russa è tutt'altro che allineata sulla necessità di un conflitto del genere. Come dicevo tempo fa, non è che possono digerire Afghanistan, Cecenia etc sempre mettendo avanti la nostalgia dell'impero. Gli USA hanno avuto il Vietnam. I russi probabilmente avranno questo conflitto. Numeri gonfiati o meno, in media, questo conflitto sta facendo un numero di vittime enorme rispetto ai precedenti.  

E l'approvazione per Putin non è più la stessa degli inizi del suo regno.

 

T-90 in varie versioni ce ne sono fin dall'inizio e chi lo nega oramai è veramente fuori dal mondo.  

E poi io vedo tutti sti carri come papere sedute senza fanteria e scouting che controlla se c'è qualcuno con un atgm appostato.. Insomma non è Aleppo od una città dove bene o male i posti per nascondersi sono una marea e le perdite sono fisiologiche..

Edited by nik978
Link to comment
Share on other sites

Link to comment
Share on other sites

Questo dell aviazione ucraina viva 3 vegeta mi sa di parziale fake,almeno sui caccia,che è difficile far funzionare con officine e ricambi,figuriamoci se un mig 29 può andare riparato  col filo di ferro e parcheggiato sotto un ponte..

Qualche discorso diverso si può fare per la componente elicotteristica.

La vera aviazione ucraina sono i droni punto

Link to comment
Share on other sites

Comunque (da capire a quando si riferisce il video)...

é in ogni caso notizia di giorni fa l'incremento dei velivoli disponibili non tanto dovuto alla consegna di nuovi caccia (anche se da non escludersi col dubbio che si tratti di Mig-29 bulgari), quanto a quello di ricambistica proveniente dai paesi Nato dell'Est...e forse non solo da quelli (2 o tre giorni fa ricordo di aver visto su Flightradar un AN-124 Ucraino in atterraggio a Rzeszow proveniente dall'Irak che ha radiato i Mig-29 da tempo, ma che può avere ricambi in deposito di questi e altro...).

D'altra parte nei giorni scorsi erano circolate immagini di Mig-29 danneggiati e rattoppati alla bell'e meglio...

 

Intanto, fare un referendum di annessione a Kherson è un pochino prematuro...

 

Edited by Flaggy
Link to comment
Share on other sites

Stai facendo un confronto basato meramente sui numeri e non sul resto. Anche wiki te ne da un'assaggio senza scendere in complessi volumi: 

 

Cita

 

Iraq also possessed a large number of anti-aircraft artillery (AAA), with 972 AAA sites, 2,404 fixed AA guns and 6,100 mobile AA guns.[27] Providing complete coverage of Iraqi airspace were 478 early warning radars, 75 high-frequency radars, and 154 acquisition radars.[23]

Much of this equipment was combined into an integrated air defense system (IADS) overseen by Kari, an automated C2 computer system developed by Iraq and built by French contractors in the wake of Operation Opera (Kari in turn is the French spelling of Iraq backwards). Kari tied the entire IADS to a single location, the national Air Defense Operations Center (ADOC) located in an underground bunker in Baghdad, and in turn divided the country into four defense sectors each overseen by a Sector Operations Center (SOC) located at H-3, Kirkuk, Taji and Talil; a fifth SOC was added at Ali Al Salem to cover the recently conquered Kuwait. Each SOC oversaw the local airspace and commanded anywhere from two to five Intercept Operations Centers (IOCs) per sector. The IOCs were located in bunkers constructed at Iraqi Air Force bases and tied into local radar systems, whose information they could pass on to their SOC and thence on to Baghdad. In this way a SOC was capable of simultaneously tracking 120 aircraft and selecting for the appropriate weapon system to engage them. The SOC could automatically target for SA-2 and SA-3 SAM systems in their sector, which meant the SAMs did not have to turn on their own radar and reveal their position, or an IOC could direct local interceptors to engage the targets. Baghdad itself was one of the most heavily defended cities in the world—more heavily defended several times over than Hanoi during the Vietnam War—protected by 65% of Iraq's SAMs and over half of its AAA pieces.[28]

 



La cosa più importante è che questi sistemi facevano parte di una difesa integrata, e avercela fa la differenza. 
Se guardiamo in Ucraina non solo non c'è una difesa aerea integrata, ma sono pure statici: 
 

Cita

The long-range Ukrainian SA-10 sites are largely static due to a chronic lack of key Russian-made spare parts, which leaves them highly vulnerable to being rapidly destroyed by Russian long-range precision strikes at the outset of any clash. Furthermore, the practical degree of integration between Ukrainian SAM systems limits them to presenting standalone threats to any Russian incursions, rather than forming an integrated air defence system.


Per farla abbastanza breve, quel che è caduto è caduto per i manpads per la maggior parte. Se avessero avuto una difesa più coesa ed efficiente staremmo raccontando un'altra storia circa la campagna aerea russa che già non brilla di suo. Comunque il miglior sito dove far riferimento per queste cose è https://www.oryxspioenkop.com/2022/02/attack-on-europe-documenting-equipment.html dove le perdite sono documentate, vengono allegate le foto, e vengono riportate solo quelle che possono essere documentabili. Quindi non propagandate. Ma è altresì vero che non tutto può essere documentato (metti che un aereo cade in una zona controllata dai russi difficile poterlo fotografare).

 

Il resto fa parte della strategia di quel gran signore di Dvornikov, che le operazioni le conduce radendo al suolo qualsiasi cosa prima di muovere un passo avanti. Ma non è che in Siria abbia fatto granché. Sempre leggendoci il caro Tom 

 

Cita

f course, like any other ‘decent’ Russian general (and they’re all high-nosed chauvinists full of prejudice), Dvornikov was ‘not to be outdone by some camel-herding bimbos’ (see: IRGC). Therefore, although the minimal success of his operation was all thanks to the IRGC, he ignored this fact, and continued insisting on his own ideas, and — between others — demanding the IRGC to subject iself to his command. By June 2016, he (and Sevryukov) were so much at odds with the Iranians that Shoygu had to travel to Tehran to meet the Iranian and Assadist MODs (see my article here: https://warisboring.com/russia-syria-and-iran-have-made.../) — in attempt to sort things out.

Without success: eventually, Shoygu had no other solution but to send Dvornikov back home, and replace him by Lieutenant-General Zhuravlev (of course, both Dvornikov and Servyukov were highly decorated for ‘their achievements’….).


 

Link to comment
Share on other sites

3 ore fa, amartya ha scritto:

Settimane addietro avevo parlato di un nuovo approccio militare russo nell invasione dell Ucraina, lo chiamavo Avanzamento Incrementale. Trattasi come dice la stessa parola di avanzare lentamente ma assicurando il territorio conquistato. Negli ultimi assessments dell Institute For The Study of the War si delinea chiaramente questa strategia da parte dei russi. Così come anche riportato dalle analisi del NYT e CNN di oggi.

Molto interessante la prima parte dell analisi ISW che spiega chiaramente come e perché la nuova strategia russa sta consentendo di fare molti piccoli avanzamenti lungo la linea del fronte.

https://www.understandingwar.org/backgrounder/russian-offensive-campaign-assessment-april-26

https://www.understandingwar.org/backgrounder/russian-offensive-campaign-assessment-april-27

https://edition.cnn.com/2022/04/27/europe/russia-military-analysis-south-east-ukraine-intl/index.html

I bombardamenti senza sosta dei russi hanno in effetti, con la forza concentrata su aree di dimensioni minori,  causato danni molto più devastanti alla resistenza Ucraina che era schierata lungo una singola linea di difesa, saltata la quale i russi hanno occupato molte aree attorno a Izium e a sud. Solo L essere stati i russi in numero ridotto ha evitato agli ucraini maggiori penetrazioni nel loro territorio.

L avanzata dei russi si può sintetizzare nelle parole dell ISW “their advance are proceeding methodically rather than rapidly

Però Mi domando come non si riesca adesso a venirne a capo di appena 90.000 soldati (120.000 con le retrovie) schierati lungo un fronte di oltre 500 km su di un area di 120-130.000 kmq in territorio ostile in cui combattono in gran numero soldati occidentali addestrati all utilizzo di armi occidentali. In ogni caso i russi fanno lenti ma costanti progressi.

Di contro gli ucraini aiutati dagli occidentali su armamenti, intelligence e finanche militari sul campo riescono ad effettuare incursioni nel territorio russo distruggendo depositi di carburanti e munizioni.

allo stesso tempo i russi hanno degradato moltissimo la capacità logistica degli ucraini con attacchi su snodi ferroviari e depositi di carburanti.

Gli ucraini chiedono ed ottengono sempre più veicoli corazzati, tank in primis. Evidentemente nonostante le perdite dei russi questi armamenti presentano dei vantaggi.

Per quanto riguarda le perdite delle forze aeree russe ed ucraine c’è una pagina su Wikipedia in costante aggiornamento. Francamente non vedo questa catastrofe russa. Risultano persi ad oggi da parte dei russi 21 aeromobili e 19 elicotteri a volte per malfunzionamenti. Per fare un paragone nella prima guerra del golfo di durata simile (ad oggi) furono persi dagli occidentali 75 aeromobili di cui 44 direttamente imputabili ad azione irachena.

https://en.m.wikipedia.org/wiki/List_of_aircraft_losses_during_the_Russo-Ukrainian_War

https://en.m.wikipedia.org/wiki/Gulf_War

In conclusione possiamo dire che la nuova strategia militare dei russi appare molto più efficiente e sta causando molti piccoli ma costanti avanzamenti, tuttavia, la scarsezza di uomini sul terreno non comporta il raggiungimento di obiettivi breakthrough.

La situazione e’ in continua evoluzione se gli armamenti occidentali arriveranno agli ucraini al fronte in quantità sufficiente potremmo assistere a contrattacchi. Attenzione alle città di Sloviansk e Kramatorsk 

Trolluccio incrementale, vorrei chiederti una cosa: se sei russo come credo, pensi di influenzare chi? Forse il governo italiano? Quello  americano? Ok che un imbecille qua sopra ha scritto che sono Biden in incognito, ma anche se fosse non cambierebbe nulla. Se invece sei il solito utile idiota italiano, lesto di lingua e prono al vincitore, dimentico di stupri (anche di bambini), torture e massacri di ogni genere, quale risultato speri di ottenere? Solo noia

 

Nota Staff: linguaggio offensivo, viene disposta l’attribuzione di punti di avvertimento e contenuti sottoposti ad approvazione dello staff

Edited by fabio-22raptor
Link to comment
Share on other sites

3 ore fa, amartya ha scritto:

Settimane addietro avevo parlato di un nuovo approccio militare russo nell invasione dell Ucraina, lo chiamavo Avanzamento Incrementale. Trattasi come dice la stessa parola di avanzare lentamente ma assicurando il territorio conquistato. Negli ultimi assessments dell Institute For The Study of the War si delinea chiaramente questa strategia da parte dei russi. Così come anche riportato dalle analisi del NYT e CNN di oggi.

Molto interessante la prima parte dell analisi ISW che spiega chiaramente come e perché la nuova strategia russa sta consentendo di fare molti piccoli avanzamenti lungo la linea del fronte.

https://www.understandingwar.org/backgrounder/russian-offensive-campaign-assessment-april-26

https://www.understandingwar.org/backgrounder/russian-offensive-campaign-assessment-april-27

https://edition.cnn.com/2022/04/27/europe/russia-military-analysis-south-east-ukraine-intl/index.html

I bombardamenti senza sosta dei russi hanno in effetti, con la forza concentrata su aree di dimensioni minori,  causato danni molto più devastanti alla resistenza Ucraina che era schierata lungo una singola linea di difesa, saltata la quale i russi hanno occupato molte aree attorno a Izium e a sud. Solo L essere stati i russi in numero ridotto ha evitato agli ucraini maggiori penetrazioni nel loro territorio.

L avanzata dei russi si può sintetizzare nelle parole dell ISW “their advance are proceeding methodically rather than rapidly

Ancora con questo leggendario avanzamento incrementale…Ci tieni tanto a spiegarcelo, eh?…

Bene, ti spiego io una cosa... Dvornikov conosce solo una linea d'azione: artiglieria come se non ci fosse un domani e attacchi frontali. Quindi, se i russi procedono lentamente è solo perché fanno molteplici attacchi su un fronte amplissimo e non sono in grado di proseguirli perché dietro non hanno nessuno e i molteplici attacchi vengono in gran parte respinti con perdite pesanti. Quindi, in altre parole, l’unica cosa di metodico che c’è qui è il fallimento. Afferrato il concetto?

Cita

allo stesso tempo i russi hanno degradato moltissimo la capacità logistica degli ucraini con attacchi su snodi ferroviari e depositi di carburanti.

Si e no. La ferrovia si ripristina in modo relativamente semplice e in fatti è ripristinata.

Cita

the only thing that really matters right now is that the Ukrainian railway system is largely back at its full speed

https://medium.com/@x_TomCooper_x/ukraine-war-25-26-april-2022-aa0c1122320e

Anche perché la campagna aerea che tu ti ostini a confrontare con quella della Guerra del Golfo è condotta in maniera incompetente, oltre che su numeri molto più bassi (le perdite in proporzione sono inaccettabili) e inefficienti per quanto riguarda i colpi a segno anche da parte dei (sempre) pochi armamenti di precisione.

Cita

The ‘efficiency’ of Russian cruise missile strikes was ‘nicely’ illustrated in attack on the Zatoka Bridge, in the Odesa area, too: a crucial link in the road- and railway connection between south-western Ukraine and Rumania. The Russians targeted it by three missiles: one crashed harmlessly nearby, another fell into the water, and the third damaged the bridge. The Keystone Cops in Moscow claimed the bridge as ‘blocked’, but according to Ukrainian authorities, traffic resumed shortly after (even if along one line only — due to repairs on the railway line).

Cavolo, c'è sempre un "certo Tom"...

Il resto non lo commento nemmeno: solo fuffa per farcire la solita lunga supercazzola.

 

Edited by Flaggy
Link to comment
Share on other sites

3 hours ago, amartya said:

Per fare un paragone nella prima guerra del golfo di durata simile (ad oggi) furono persi dagli occidentali 75 aeromobili di cui 44 direttamente imputabili ad azione irachena.

Quante sortite avevano fatto in due mesi di guerra le aviazioni occidentali in iraq, e quante ne ha fatte la russia fino a ora?

Dai che se continui a ripetere un desiderio forse si avvera. La russia non sta perdendo la guerra, la russia non sta perdendo la guerra..

Link to comment
Share on other sites

Inoltre nel golfo si fecero preziose esperienze che vorrebbero anche oggi,tipo abbandonare per sempre voli a bassa quota...alla russa,ne sappiamo noi italiani con 5 tornado persi.

Poi sulle perdite elicotteristiche russe,fossero pure un po superiori a quelle che oryx può per ora documentare,sono anch'io convinto che siano poche,visto il modo a dir poco disinvolto con la quale i piloti russi vengono fatti volare. Chiaro che la difesa ucraina fu distrutta il primo giorno,ma i manpand fino a 4000 metri sono micidiali. Credo che le contromisure ultimo tipo istallate sugli elicotteri russi contro stinger vecchi di 20 anni abbiano fatto la differenza(e i sistemi inglesi??),molto di più rispetto le compagnie di carri russi dotate di mezzi senza le fantomatiche difese attive,aggredite da lanciamissili ultimo tipo. 

Riscontrate anche voi quanto dico? C'è questa discrepanza tra modernità  e obsolescenza tra la situazione aerea e terrestre russa ucraina?

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
×
  • Create New...