Jump to content

Crisi Ucraina & Crimea


Sergetto75
 Share

Recommended Posts

Concordo... Seppure non posso fare a meno di sottolineare la completa incompetenza dell'UE, che dopo la caduta dell'URSS dovrebbe essere il garante della sicurezza e della sovranità degli stati in essa presenti o che premono per esserlo, soprattutto se costretti a subire le prepotenze di uno stato "rivale" com'è stata la Russia stessa per oltre 50 anni.

 

@TT-1 Pinto le foto che hai postato di che cantiere navale si tratta?

Link to comment
Share on other sites

Avete sentito? la Flotta USA è nel Mar Nero..

 

Credo che sia la Squadra della George HW Bush, che era nel Mediterraneo in questi giorni

Link to comment
Share on other sites

intanto l'esercito regolare ucraino che aveva ricevuto ordini di ingaggio precisi, cede senza resistenza una base della marina ai "miliziani filorussi" (ma c'è ancora qualcuno che crede siano miliziani?? suvvia.......)

E i servizi segreti russi, pare, si portano via il comandante..

 

Per me agenti russi in ucraina ce ne sono una marea e da un sacco di tempo e se putin ha fatto certe mosse probabilmente sapeva benissimo che l'esercito, almeno quello stanziato più lontano da Kiev, non avrebbe opposto resistenza.. e dopo qualche giorno di attesa e pressione, si sta muovendo piano piano nelle zone dove sa che non incontrerà resistenza.

 

I problemi verrano fuori quando si incontreanno con i gruppi fedeli al nuovo governo che non credo staranno a guardare....

Link to comment
Share on other sites

 

Avete sentito? la Flotta USA è nel Mar Nero..

 

Credo che sia la Squadra della George HW Bush, che era nel Mediterraneo in questi giorni

il mediterraneo ed il mar nero sono due cose diverse e, comunque, nessuna portaerei può entrare nel mar nero anche perchè, diciamocelo, è inutile.

Link to comment
Share on other sites

Non proprio così, la Convenzione di Montreaux, formalmente ancora in vigore, non possono stazionare navi militari di stati non rivieraschi di più di 15000 tonnellate di dislocamentto. Inoltre si applicano anche altre restrizioni:

 

A number of highly specific restrictions were imposed on what type of warships are allowed passage. Non-Black Sea state warships in the Straits must be under 15,000 tons. No more than nine non-Black Sea state warships, with a total aggregate tonnage of no more than 30,000 tons, may pass at any one time, and they are permitted to stay in the Black Sea for no longer than twenty-one days.

 

Al momento kla US nAvy dovrebbe avere nel Mar Nero la vecchia USS Taylor, la USS Mount Whitney , un assetto ideeale per intelligence e C&C, proveniente dal suo home port di Gaeta a cui recentemente si è aggiunta la USS Truxtun a difesa della Mount Whiteney.

Link to comment
Share on other sites

Concordo... Seppure non posso fare a meno di sottolineare la completa incompetenza dell'UE, che dopo la caduta dell'URSS dovrebbe essere il garante della sicurezza e della sovranità degli stati in essa presenti o che premono per esserlo, soprattutto se costretti a subire le prepotenze di uno stato "rivale" com'è stata la Russia stessa per oltre 50 anni.

 

@TT-1 Pinto le foto che hai postato di che cantiere navale si tratta?

Beh, guarda che se le cose continuano ad andare come stanno andando, ovvero zona a maggioranza russa Annessa alla Russia e Zona ucraina che entra nella UE non è poi tanto male come cosa...

 

La situazione si stabilizzerà e probabilmente troveremo il modo di sederci allo stesso tavolo con Putin, tavolo dove eravamo seduti fin'ora...

 

Gli unici che se ne dovranno andare a mani vuote saranno gli USA. Probabilmente non hanno capito che questo continuo sfoggio di forza (crociere nel man nero etc..) non fa altro che creare instabilità, cosa che nessuno in europa vuole.

 

 

A me fa scompisciare sta cosa dei russi dipinti da molti media come invasori che stroncano la lotta per la libertà del popolo ucraino, ma intanto nelle zone in mano alle loro forze quanti scontri a fuoco ci sono stati? Quanti attentati? Quanti IED sono stati posizionati ai bordi delle strade per far saltare in aria i loro blindati?

 

Non molti.

Si è invece tentuo un referendum, e sappiamo come è andato. :-P

 

 

Vi ricordate invece come sono andate le guerre per la libertà e la democrazia in Afghanistan e in Iraq?

Scontri a fuoco, guerriglia, terrorismo, migliai dimorti e elezioni..... emm dopo quanto?

 

 

Edited by Blabbo
Link to comment
Share on other sites

Si personalmente ricordo le guerre per liberta' e democrazia.. cosi' come ricordo l'invasione dell'armata rossa per deporre la repubblica democratica afghana

 

Scontri a fuoco, guerriglia, terrorismo, migliaia di morti e 10 anni di guerra perche' a qualcuno stava scomoda la democrazia altrui.. e quel qualcuno non erano gli USA stavolta..

Edited by fabio-22raptor
Link to comment
Share on other sites

Mi intrometto un po' preoccupato leggendo le parole nientemeno che del segretario generale della NATO Rasmussen, parla addirittura di strategia russa più "ampia", di temere per la sicurezza dell'Europa e di concentrarsi sull'impatto strategico a lungo termine dell'aggressione russa sulla nostra sicurezza...

Link to comment
Share on other sites

intanto l'esercito regolare ucraino che aveva ricevuto ordini di ingaggio precisi, cede senza resistenza una base della marina ai "miliziani filorussi" (ma c'è ancora qualcuno che crede siano miliziani?? suvvia.......)

E i servizi segreti russi, pare, si portano via il comandante..

 

Per me agenti russi in ucraina ce ne sono una marea e da un sacco di tempo e se putin ha fatto certe mosse probabilmente sapeva benissimo che l'esercito, almeno quello stanziato più lontano da Kiev, non avrebbe opposto resistenza.. e dopo qualche giorno di attesa e pressione, si sta muovendo piano piano nelle zone dove sa che non incontrerà resistenza.

 

I problemi verrano fuori quando si incontreanno con i gruppi fedeli al nuovo governo che non credo staranno a guardare....

non mi pare abbiano disertato per loro scelta,per lo meno non tutti.E' stato il governo a ordinare di non sparare e di non inviare rinforzi.Praticamente una resa mai vista prima,non capisco il senso di avere un esercito a questo punto

Link to comment
Share on other sites

Si personalmente ricordo le guerre per liberta' e democrazia.. cosi' come ricordo l'invasione dell'armata rossa per deporre la repubblica democratica afghana

 

Scontri a fuoco, guerriglia, terrorismo, migliaia di morti e 10 anni di guerra perche' a qualcuno stava scomoda la democrazia altrui.. e quel qualcuno non erano gli USA stavolta..

Ed infatti nessuno si sogna d'affermare che il popolo afghano fosse fervente sostenitore del marxismo e del socialismo reale, ne che l'URSS abbia tratto giovamento da quella scelta, visto che si è dissolta poco dopo anche a causa delle conseguenze di quell'invasione.

 

 

Edited by Blabbo
Link to comment
Share on other sites

non mi pare abbiano disertato per loro scelta,per lo meno non tutti.E' stato il governo a ordinare di non sparare e di non inviare rinforzi.Praticamente una resa mai vista prima,non capisco il senso di avere un esercito a questo punto

Ufficialmente lo stato maggiore Ucraino aveva dato ordine di sparare a vista (quindi nemmeno "altolà chi va là" o colpi di avvertimento.

Una regola di ingaggio molto seria. Assolutamente non una posizione morbida.

Se i soldati ucraini incrimea, in stragrande maggioranza, hanno invece pensato di andare dalle famiglie invece di farsi ammazzare, probabilmente è perchè sanno che la popolazione della zona è favorevole alla russia e/o non hanno molta voglia di morire per una ucraina de-russizata

Chissà, probabilmente lo sono anche molti di loro favorevoli ad una annessione

Senza contare che per anni si sono addestrati assieme ed hanno avuto contatti con la controparte russa.

 

Diciamo che la cosa non è così strana. Non sappiamo dopo il rovesciamento di Yanukovic, in che percentuale l'esercito fosse d'accordo o no.

Ok, non è intervenuto nella protesta, ma questo non vuol dire che appoggiasse o meno il cambio di governo.

La facciata va preservata e gli annunci ci devono sempre essere, ma solo a kiev sanno realmente da che parte sta l'esercito

E il fatto che in fretta e furia abbiano inquadrato milizie fedeli al nuovo governo, mi fa pensare che l'esercito in gran parte si comporterà come ha fatto fino ad ora.

Edited by nik978
Link to comment
Share on other sites

Si personalmente ricordo le guerre per liberta' e democrazia.. cosi' come ricordo l'invasione dell'armata rossa per deporre la repubblica democratica afghana

 

Scontri a fuoco, guerriglia, terrorismo, migliaia di morti e 10 anni di guerra perche' a qualcuno stava scomoda la democrazia altrui.. e quel qualcuno non erano gli USA stavolta..

 

:hmm:

 

I sovietici entrarono in Afghanistan per sostenere la repubblica democratica afghana, non per abbatterla, e tra quelli a cui dava fastidio la "democratica" (democratica solo di nome) repubblica afghana c'erano gli USA; anche se il casino nacque perché il Pakistan non voleva un altro vicino marxista.

 

Che poi i sovietici non fossero dei santi non ci piove come non ci piove che Putin fa i suoi interessi; ma di santi, nella crisi ucraina, non ne vedo molti.

Link to comment
Share on other sites

 

:hmm:

 

I sovietici entrarono in Afghanistan per sostenere la repubblica democratica afghana, non per abbatterla, e tra quelli a cui dava fastidio la "democratica" (democratica solo di nome) repubblica afghana c'erano gli USA; anche se il casino nacque perché il Pakistan non voleva un altro vicino marxista.

 

Che poi i sovietici non fossero dei santi non ci piove come non ci piove che Putin fa i suoi interessi; ma di santi, nella crisi ucraina, non ne vedo molti.

vero....diciamo che poi chi ottenne il potere, gli Usa lo ritrovarono nel 2001... :scratch:

è pertanto giusto ricordare che l'Urss, invase anche perchè voleva che rimanesse un governo filo bolscevico, e che rispondesse a Mosca.

Link to comment
Share on other sites

 

è pertanto giusto ricordare che l'Urss, invase anche perchè voleva che rimanesse un governo filo bolscevico, e che rispondesse a Mosca.

 

Vero; in pratica successe quello che era successo qualche anno prima in Vietnam: il governo al potere chiese l'intervento di un potente alleato per difendersi da un attacco esterno e in entrambi i casi gli alleati diedero una mano più che volentieri sia per contrastare indirettamente il dominio della super potenza avversaria e sia per mantenere una zona di influenza in un territorio strategicamente importante.

 

Stranamente però, in tutti e due i casi, si parla sempre di un aggressione a uno stato libero ma in tutti i due casi l'aggressore non era la super potenza coinvolta direttamente negli scontri, e di questo ci si dimentica spesso e volentieri.

 

In Ucraina le cose sono un po' più complesse anche perché al potere attualmente c'è un governo che si è insediato con la forza e non si capisce bene se la popolazione è o non è con il governo e sopratutto se l'esercito è con il governo.

 

L'unica cosa da sperare è che la crisi non trasformi l'Ucraina in una nuova Siria.

Link to comment
Share on other sites

Errore mio.. :) beh come avevo detto in precedenza la Russia si sta comportando (o almeno fino a pochi giorbi prima del referendum) come fa di solito.. sconfina sovente in Ucraina .. aspettando che siano gli altri a fare il primo grande passo.e' per questo che non mi stupiscono piu' di tanto le parole di Rasmussen.

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
×
  • Create New...