Jump to content

Svizzera: forze armate "di milizia" o professionistiche?


Recommended Posts

il sorriso per giustificare un armamento che appare (attualmente) poco più che inutile... Che servono centinaia di carri Leo2, Pz2000 svedesi, obici blindati con 25 km di gittata?... Mah! Ci si avvia dunque, con evidente ritardo, verso un altro tipo di difesa. I mezzi cambiano ma il loro acquisto sarà per il medio lungo termine. Di previsto, a parte i Gripen, c'è la ristrutturazione della DCA con il programma BODLUV (Boden/Luftverteidigung-Difesa terra/aria).

 

Per quanto riguarda il Leopard 2.... La maggior parte é stata prodotta su licenza qui in svizzera con molti miglioramenti... resta pursempre il fatto che sono dello standard A4, secondo voi, c'è la possibilità di un ammodernamento allo standard A6/A6M (ultima versione)...

 

Da così:

800px-Pz_87_Leopard_-_Seite_-_Schweizer_

 

a così:

LEOPARD2A6-BIG-08.jpg

 

???????

:okok:

Link to post
Share on other sites

 

Per quanto riguarda il Leopard 2.... La maggior parte é stata prodotta su licenza qui in svizzera con molti miglioramenti... resta pursempre il fatto che sono dello standard A4, secondo voi, c'è la possibilità di un ammodernamento allo standard A6/A6M (ultima versione)...

 

.........

 

???????

:okok:

 

No, non ci sono più franchi per queste cose :asd: e nemmeno un nemico che le giustifichi .

 

I Leopard elvetici hanno già ricevuto un leggero upgrade previsto con il programma armamento 06 è fino al 2025, almeno, di spendere altri soldi per i carri non se ne parla.

 

02.parsys.41294.Image.jpeg

 

Attualmente sono 134 carri quelli aggiornati, che erano anche quelli messi in preventivo; dei 380 carri acquistati ai tempi 42 sono stati venduti alla tedesca Rheinmetall Landsysteme (quelli che ce li hanno venduti), 12 trasformati in carri del genio e sminamento e il resto messo sotto naftalina in qualche bunker :pianto:

 

La RUAG ha però messo in commercio un upgrade ( Leopard 2 midlife upgrade) nella speranza che verrà acquistato dall'esercito svizzero e anche senza arrivare allo standard A6 ne migliora sensibilmente le caratteristiche per il combattimento urbano; pagando nel contempo un consistente aumento di peso.

Link to post
Share on other sites

Grazie.....

 

Già, ma scusa la domanda idiota... non sono pratico di carri armati, ma cosa costerebbe mettere un nuovo pezzo di torretta (aumenta la sicurezza)????????????????????

 

Tra l' altro mi risulta, da una veloce occhiata da wikipedia che la svizzera (cioè noi, evvai :asd: ) è attualmente il più grande operatore dopo la germania di leopard 2....

Edited by hornet18
Link to post
Share on other sites

Grazie.....

 

Già, ma scusa la domanda idiota... non sono pratico di carri armati, ma cosa costerebbe mettere un nuovo pezzo di torretta (aumenta la sicurezza)????????????????????

 

Non lo so ma se già montare una telecamerina per la retromarcia è costato 395 milioni di fr non oso immaginare cosa costi rifare la torretta.

 

Poi non è detto che la sicurezza aumenti semplicemente rinforzando la torretta perché aumenti la massa in un luogo già infelice di suo (in alto lontano dal baricentro).

 

La modifica proposta dalla RUAG, da quello che ho letto in giro, metteva in crisi le sospensioni causando il cedimento delle barre di torsione; niente di irrisolvibile, basta aumentare il diametro delle barre di torsione ma così facendo aggiungiamo ulteriore massa con il rischio di mettere in crisi altre componenti del carro.

 

 

Tra l' altro mi risulta, da una veloce occhiata da wikipedia che la svizzera (cioè noi, evvai :asd: ) è attualmente il più grande operatore dopo la germania di leopard 2....

 

Purtroppo è stato l'acquisto peggiore che potevamo fare; non per colpa del carro in se ma per il fatto che abbiamo comprato 380 carri nel '87 e nel '89 è crollato il muro di Berlino rendendo di fatto inutili quei carri.

 

Erano altri tempi e nell'esercito tutti erano conviti che prima o poi ci saremmo ritrovati i carri sovietici al confine; la domanda non era se ci attaccheranno ma quando.

Link to post
Share on other sites

ah, ecco

 


Purtroppo è stato l'acquisto peggiore che potevamo fare; non per colpa del carro in se ma per il fatto che abbiamo comprato 380 carri nel '87 e nel '89 è crollato il muro di Berlino rendendo di fatto inutili quei carri.

 

Erano altri tempi e nell'esercito tutti erano conviti che prima o poi ci saremmo ritrovati i carri sovietici al confine; la domanda non era se ci attaccheranno ma quando.

 

Comunque, ora sono un po vecchiotti no?

:metal:

Link to post
Share on other sites

ah, ecco

 

 

Comunque, ora sono un po vecchiotti no?

:metal:

 

In che senso? Su un campo di battaglia fanno ancora la loro sporca figura; chiaramente se li paragoni a un Abrams sulla carta sono inferiori ma se un esercito ci attacca con gli Abrams la vedo dura difenderci (vorrebbe dire che è la NATO ad attaccarci).

 

A dire il vero non ho mai creduto che saremmo stati in grado di defenderci anche dai sovietici; insomma avrebbero prima dovuto annientare la Germania e le forze della NATO prima di attacarci quindi se non ce l'avrebbero fatta loro a contenere le orde sovietiche figuriamoci noi. :whistling:

Link to post
Share on other sites
  • 1 month later...

Buonasera a tutti

Mi permetto di utilizzare questo topic per porre un quesito ai forumisti elvetici

 

Recentemente ho letto un vecchio articolo riguardante le artiglierie in fortezza in territorio svizzero,in particolare le batterie di Bison da 155mm posizionate ad alta quota nei punti strategici.

Vorrei sapere se questi pezzi e le artiglierie più vecchie sono ancora in servizio o se sono state smantellate..

è vero che ad un certo punto si pensò di sostituire l'aviazione con postazioni fisse di artiglieria in grado di coprire a scopo difensivo tutto il territorio(in particolare nell'articolo,datato 1998, si cita il vantaggio di poter utilizzare i cannoni con qualsiasi condizione metereologica più semplicemente rispetto agli aerei),anche se poi non se ne fece niente?

Sempre nell'articolo si sottolinea anche la cura con il quale l'esercito svizzero ha costruito e protetto queste batterie,dotate di bunker con spessi muri,protezione NBC e corazze reattive in corrispondenza dell'apertura per la bocca da fuoco,investendo ingenti cifre,segno di una grande fiducia in questa tipologia di difesa.

Ovviamente ogni informazione in più è graditissima!!

Grazie

Link to post
Share on other sites

L'argomento si presterebbe ad ampie discussioni. Il "Ridotto nazionale" era stato concepito durante la II Guerra mondiale e appartiene ormai al passato. Fra le ultime armi istallate (anni 90) il cannone Bison da 155 mm con una gittata di 36 km. Gli ultimi colpi sparati risalgono al 22 giugno 2011. Armi sottoposte al segreto militare, si possono trovare ora facilmente in internet con dati e foto. La sperimentazione di questi cannoni, in mancanza di adeguate piazze di tiro in Svizzera, era stata fatta nel deserto israeliano del Negev. Le istallazioni militari di fortezza hanno svolto per decenni un ruolo molto importante nell'ambito della Difesa nazionale in Svizzera. Alle maggiori nel massiccio del San Gottardo si aggiungevano quelle vallesane di Saint Maurice e quelle di Sargans nel Canton San Gallo. Ve ne erano però di minori in un po' tutte le parti della Confederazione. La loro gestione e manutenzione era affidata al Corpo delle Guardie delle fortificazioni, circa 2'000 militari professionisti che si occupavano delle istallazioni durante gran parte dell'anno. Questo corpo non esiste più e parte dei loro membri è entrato a far parte della "Sicurezza militare". Difficile dire il futuro degli impianti esistenti. Il ministro Maurer, un paio di anni fa, aveva dichiarato che per smantellare le 11'000 (undicimila!!!) istallazioni di fortezza si doveva partire da un minimo di spesa di almeno un miliardo di Franchi...

Link to post
Share on other sites
  • 2 years later...

Il Consiglio federale (Esecutivo svizzero) ha deciso ieri di prolungare la missione del contingente svizzero in Kosovo (SWISSCOY) fino al 31 dicembre 2020. Trattandosi di un servizio che supera le tradizionali "tre settimane" la decisione dovrà essere avallata dai due rami del Parlamento. Il contingente, attualmente di 235 militari, sarà ridotto di alcune decine di unità. Il personale è composto unicamente da volontari che partecipano in base a un normale concorso.

La presenza di un contingente svizzero in Kosovo, una primizia per lo Stato federale, è giustificata dal legame particolare fra la Confederazione e la regione ex Jugoslava. In Svizzera vive infatti circa 1/10 della popolazione kosovara (2 milioni di ab.)

Edited by mo-mo
Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
×
×
  • Create New...