Jump to content
Leviathan

Iran - Discussione Ufficiale

La faranno una guerra in iran secondo voi?  

92 members have voted

  1. 1. La faranno una guerra in iran secondo voi?

    • si
      45
    • no
      37
    • per me assassineranno il presidente e non la faranno
      8


Recommended Posts

Ad un regime del genere puoi anche prostrarti ma manterranno sempre le loro posizioni, bisogna vedere se vi saranno reazioni da parte del popolo Iraniano, ma ne dubito visto che pochissimi hanno accesso a media che trasmettono questo discorso e i loro l'avranno adeguatamente manipolato agli usi del regime.

Per le elezioni, poi, niente di buono visto che l'unica alternativa "riformista" credibile, Khatami, si è ritirato dalla corsa, si prevede grossa astensione ma un plebiscito per il barbuto.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ipotesi non così strana.

 

Israele non ha mosso un dito contro il regime iraniano nonostante:

1) Stia cercando di dotarsi della bomba atomica e, particolare non indifferente, già dispone dei vettori necessari per recapitarla

2) Ripeta una volta al mese la necessità di cancellare dalle cartine geografiche Israele

 

Ora, storicamente Israele queste cose tende a prenderle molto sul serio. Vedi per esempio il trattamento riservato al reattore di Saddam o, più recentemente, il bombardamento su quella base segreta siriana.

Eppure con Theran come si diceva prima non ha mosso un dito. Perchè? Perchè secondo me aveva con Bush abbastanza assicurazioni che l'America non avrebbe permesso all'Iran di diventare una potenza regionale e, sopratutto, avrebbe preso tutte le misure necessarie incluse quelle militari per impedire che questi pazzi arrivino all'atomica.

 

Ma ora, con la crisi economica e con Obama, le cose sono molto cambiate. Non vedo come così assurda l'idea che, in un anno o due, ci pensi Israele stesso a ritardare di un decennio il programma atomico iraniano. Avete dato una occhiata all'ultima lista della spesa di Gerusalemme a proposito? Notato che tipo di bombe hanno comprato?

Share this post


Link to post
Share on other sites
...

Non vedo come così assurda l'idea che, in un anno o due, ci pensi Israele stesso a ritardare di un decennio il programma atomico iraniano.

...

Magari si realizzassero le tue previsioni!!! :adorazione:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Beh rick il fatto è che già la missione di osirak era considerata praticamente suicida, i piloti avevano scritto lettere alle famiglie e simili, un attacco contro gli stabilimenti nucleari in Iran, che sono molteplici, non localizzati e ben protetti (non dimentichiamo gli S-300, è veramente molto difficile.

In compenso pare che si stia verificando una strana moria di scienziati nucleari Iraniani :asd:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sulla moria di scienziati nucleari iraniani non ne so nulla :asd: Hai qualche link?

 

Sulla fattibilità, tenendo conto che devono sorvolare soltanto territorio amico o comunque neutrale prima dell'Iran, e che le loro aerocisterne possono tranquillamente aspettare i caccia nello spazio aereo irakeno, penso sia una operazione fattibile. Certo, rallenterebbero e basta il programma, mentre gli americani potrebbero fermarlo del tutto, ma secondo me ne vale la pena se non riescono a fermare Theran in un altro modo (cambio di governo incluso).

Share this post


Link to post
Share on other sites

Oddio se succede qualcosa del genere con un governo, in pratica, filoiraniano a baghdad sono cavoli.

Share this post


Link to post
Share on other sites
TEHERAN - Il Presidente iraniano Mahmoud Ahmadinejad ha annunciato l'esito positivo del "Sejjil-2", un nuovo missile terra-terra a media gittata che entra nello spazio per poi rientrare nell'atmosfera e colpire il bersaglio. Il governo iraniano sostiene che può colpire fino a 2000 chilometri di distanza, mettendo in pericolo le basi militari americane e israeliane nel Golfo Persico.

 

Elezioni. Intanto oggi il Consiglio dei guardiani

della costituzione ha approvato le candidature del presidente Mahmoud Ahmadinejad, di Mir Hossein Moussavi (sfidante principale del presidente), Mehdi Karoubi e Mohsen Rezaie per le elezioni presidenziali che si terranno in Iran il 12 giugno.

 

La campagna elettorale si aprirà ufficialmente venerdì prossimo.

http://www.repubblica.it/2009/05/sezioni/e...st-missile.html

 

entro tre anni testate atomiche:

http://www.corriere.it/esteri/09_maggio_20...44f02aabc.shtml

 

Israele: nonostante contrarietà di obama entro la fine dell'anno attacheremo

http://www.agi.it/ultime-notizie-page/2009...cco_a_fine_anno

 

il vertice Usa-Israele è andato malissimo.

Perchè?

Share this post


Link to post
Share on other sites
il vertice Usa-Israele è andato malissimo.

Perchè?

 

Perchè agli israeliani prudono le mani con l'Iran e perchè il buon benjamin non può garantire quello che vuole Obama per il processo di pace con i palestinesi.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Obama non mi pare stia dimostrando sufficiente fermezza nel gestire il MO, sia con gli iraniani sia col buon Benjamin (Likud o laburista che sia, il Presidente americano è sempre in grado di convincere il premier israeliano se adotta metodi abbastanza persuasivi*).

 

La dirigenza palestinese è talmente screditata che non vale neanche la pena considerarla

 

----------

* anche con l'Iran ce ne stanno molti di mezzi persuasivi, da 1000, 2000 e 5000 libbre

Share this post


Link to post
Share on other sites

E lo so, ma non puoi imporre a Netanhyau di dialogare con un ANP che, di fatto, non esiste, nè di aprire canali con chi grida alla distruzione di israele.

Stanti così le cose procedere alla creazione di uno stato palestinese è impossibile, con buona pace di obama.

L'ultima occasione è stata nel '98 ed è stato proprio il martire tanto idolatrato dalle sinistre europee a far fallire l'accordo e portare il suo popolo ad altri 10, ma saranno senz'altro almeno 20, anni di sofferenze.

Share this post


Link to post
Share on other sites
E' morto da 5 anni, forse e' meglio se guardiamo avanti...

 

 

Lo so, ma lui ha avuto l'ultima occasione di pace, ora serve un altro leader, con buona pace di chi pensa che i partiti e le fazioni funzionino da quelle parti, che porti i palestinesi a più miti consigli, e non vedo questa possibilità per almeno altri 10 anni.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Beh, Abu Mazen non ha la sua 'stoffa', ma e' forse l'unico. D'altra parte, parafrasando Begin, la pace la fai coi nemici, non con gli amici.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Dal link http://www.loccidentale.it/articolo/l%27ir...reagire.0071816

 

riporto:

 

Primo colpo

 

L'Iran sperimenta un nuovo missile e Israele si prepara a reagire

 

di Pietro Batacchi

 

21 Maggio 2009

 

israel-jets.jpg

 

Ieri l’Iran ha testato il nuovo missile balistico Sejil 2. Il test è stato giudicato da molti come una provocazione, proprio quando il sipario sull’incontro di Washington tra Netanyahu ed il presidente americano Obama si era appena chiuso. Il missile, un’evoluzione con diverse migliorie dello Shahab 3, è in grado di colpire Israele e, pare, anche l’Europa del Sud. Si ripropone così il problema delle intenzioni iraniane e dei programmi militari che il Paese sta portando avanti in barba alle pressioni internazionali. Da Washington sono arrivate reazioni molto dure e si è parlato di un “passo nella direzione sbagliata”, e di pazienza non “infinita”, mentre il nostro ministro degli Esteri Frattini, già con la valigia in mano, ha annullato la sua programmata visita in Iran.

 

Insomma, Ahmadinejad ha sparigliato ancora una volta le carte. Eppure, il lavorio diplomatico in corso da mesi per tentare di avviare un dialogo con Teheran su tutte le questioni sul tavolo – dalla stabilizzazione dell’Afghanistan, al nucleare ed oltre – faceva ben sperare. La visita di Frattini, la prima di un ministro degli Esteri occidentale in quattro anni, doveva portare a compimento questo processo e verificare il terreno per ulteriori aperture. Soprattutto alla luce del nuovo approccio da diplomazia diretta verso Teheran predicato dal presidente Obama, visto che la visita di Frattini a Teheran aveva ricevuto da tempo la benedizione della Casa Bianca. Con il lancio del missile adesso si richiude tutto.

 

Sulle motivazioni della provocazione si è già parlato molto. Lancio “elettorale” usato a fini interni, per far impennare il consenso del presidente attualmente in carica, o ennesimo messaggio per raffreddare i pruriti israeliani di attacco preventivo.

 

Le dichiarazioni ufficiali delle autorità iraniane hanno parlato di lancio deterrente. In realtà, queste provocazioni producono l’effetto contrario e non fanno altro che aumentare il senso di urgenza israeliano circa il crescere della minaccia iraniana. Anche perché il nuovo Governo Netanyahu non sembra disponibile a tirare la questione troppo per le lunghe. Già una volta Israele è stato costretto a fermare i propri aerei, quando questi erano già pronti a colpire Busher e Natanz, per le pressioni della Casa Bianca. Il presidente Bush non se la sentì di dare il suo via libera al premier Olmert che già sognava di ripetere con l’Iran il successo avuto con la Siria quando nel settembre 2007, un raid israeliano, rimasto segreto per mesi, incenerì il primo reattore nucleare siriano in costruzione con l’assistenza nordcoreana.

 

Adesso i termini della questione sono decisamente cambiati. Tra Washington e Gerusalemme regna l’incomprensione sulle questioni di politica estera. La visita di Netanyahu non ha contribuito ad allentare la cortina di freddezza che da mesi è calata sulle relazioni tra i due storici alleati. Le cause degli attriti, allargatisi adesso anche alla questione del dialogo con i palestinesi, riguardano proprio l’Iran. A Gerusalemme non piace l’approccio attendista adottato dagli americani con Teheran sin dall’ultimo periodo della presidenza Bush e rinnovato anche da Obama che, anzi, con l’Iran è deciso ad andare oltre giocando la carta degli incentivi e di un approccio diplomatico diretto.

 

Per questo i propositi militari israeliani si fanno sempre più concreti. Ma Israele avrebbe veramente la capacità di azzerare il programma nucleare iraniano con un attacco aereo e missilistico? La questione è molto complessa perché solleva interrogativi tecnici circa le rispettive capacità militari e operative che non è facile valutare con precisione. Lo scorso marzo ci ha provato l’autorevole think thank di Washington CSIS (Center for Strategic and International Studies) con un interessante rapporto a firma Antony Cordesman, uno dei massimi esperti americani di questioni strategico-militari, ed il bravissimo analista, specialista di Medio Oriente, Abdullah Toukan. Per l’Occidentale cercheremo anche noi di analizzare con una serie di articoli di prossima pubblicazione la questione prendendo spunto proprio dal report del CSIS.

Share this post


Link to post
Share on other sites

i casi sono due:

- o gli iraniani lo fanno davvero per raffreddare animi interni e per scopi elettorali

- o credono davvero a ciò che dicono e di avere una speranza contro Israele

 

che ci stanno guadagnando effettivamente gli iraniani?

Edited by Leviathan

Share this post


Link to post
Share on other sites
i casi sono due:

- o gli iraniani lo fanno davvero per raffreddare animi interni e per scopi elettorali

- o credono davvero a ciò che dicono e di avere una speranza contro Israele

 

che ci stanno guadagnando effettivamente gli iraniani?

 

 

Stabilità interna grazie ad un nemico comune.

Share this post


Link to post
Share on other sites

ma se così fosse, magari lo dico con ingenuità, per vie parallele non possono tranquillizzare Israele, farli visitare a suoi agenti questa dannata centrale nel più assoluto riserbo?

 

i fa per parlare chiaramente

Share this post


Link to post
Share on other sites
ma se così fosse, magari lo dico con ingenuità, per vie parallele non possono tranquillizzare Israele, farli visitare a suoi agenti questa dannata centrale nel più assoluto riserbo?

 

 

Non so se ti è chiaro che quelli la bomba la stanno facendo davvero...

Gli agenti israeliani al massimo ci entrano dalla porta di servizio parlando farsi con il C4 nella valigetta nelle centrali Iraniane...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ahmaninejad è solo un pazzo come Hitler, in tutti i sensi!

 

Come Hitler, pensa che la comunità internazionale, non reagirà mai alle sue provocazioni!

 

Come Hitler, porterà il suo paese alla sconfitta!

Share this post


Link to post
Share on other sites
Non so se ti è chiaro che quelli la bomba la stanno facendo davvero...

Gli agenti israeliani al massimo ci entrano dalla porta di servizio parlando farsi con il C4 nella valigetta nelle centrali Iraniane...

 

 

ah si scusa stavo dimenticando che la stanno facendo davvero

Share this post


Link to post
Share on other sites

Proprio adesso che gli UAE devono vedersi confermato dal congresso un accordo di cooperazione nucleare e militare salta fuori un vecchio video di un membro della famiglia reale che tortura violentemente un uomo, chissà chi l'avrà fatto arrivare nelle mani dei giornalisti...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×