Jump to content
Andrea75

IRAQ - Discussione ufficiale

Recommended Posts

Iraq PM confirms $4 Bln Arms deal with Russia

 

Russia will deliver attack helicopters and mobile air-defense systems to Iraq in arms deals worth $4.2 billion signed earlier this year, it was disclosed today during a visit to Moscow by Iraqi Prime Minister Nuri al-Maliki in which he met his counterpart Prime Minister Dmitry Medvedev.

 

Moscow will supply 30 Mil Mi-28NE night/all-weather capable attack helicopters, and 50 Pantsir-S1 gun-missile short-range air defense systems. The contracts, among the biggest ever signed between Iraq and Russia, were signed in April, July and August by Iraq's acting defense minister, according to documents released on Tuesday during al-Maliki's visit.

 

Vedomosti daily said the deal was Russia's largest arms deal since 2006.

 

Ally of Washington and Tehran visits Moscow to rekindle ties

 

Iraq Buys $4.2 Billion In Russian Weapons

Edited by Andrea75

Share this post


Link to post
Share on other sites

M1 Abrams Tanks for Iraq e BAE Systems Building Recovery Vehicles for Iraq

 

BAE Systems Land and Armaments L.P., York, PA receives a $34.6 million firm-fixed-price contract, for M88A2 Hercules vehicles “in support of Foreign Military Sales.” A subsequent BAE Systems release confirms that they will produce 8 new vehicles for Iraq, bringing the total to 16. That covers both of the 2008 DSCA requests, and after the 21 surplus American machines are refurbished and delivered, it will give Iraq a fleet of 37 recovery vehicles that can tow M1s out of trouble.

 

e sempre riguardo al mega contratto con la Russia Baby Come Back: Iraq is Buying Russian Weapons Again

Share this post


Link to post
Share on other sites

Iraq’s New Trainers: The Czech Is On The Way

 

Czech L-159s: Cheap to Good Home

 

Iraq to buy Czech L 159 trainer jets

 

The Iraqi government intends to buy Czech-made Aero Vodochody L-159 advanced trainer/light-attack jets, Iraq’s Prime Minister Nuri al-Maliki said on Thursday in Prague after talks with his Czech counterpart Petr Necas, local TV reported.

 

“Further talks about purchasing the L-159 will take place on Friday between the Iraqi and Czech defense ministries,” he said. Talks about an L-159 purchase between Baghdad and Prague have been underway for at least three years, acording to Defense Industry Daily.

 

The Czech government hopes to sell Iraq up to 24 of the jets, which Defense Industry Daily says are used aircraft which were operated for a short time by the Czech Air Force. Iraq used to operate the jet’s predecessor, the L-39 Albatros.

 

The L-159 can be armed with Sidewinder missiles, targeting pods and laser-guided air-to-surface weapons, and can operate from austere airstrips, the daily says.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Losing Iraq

 

Iraq does not seem like a success, even in these extremely limited terms. It is neither sovereign nor stable nor self-reliant. Its government does not reflect the will of its people; Sunni officials have been marginalized and, in some cases, driven out of office. And it is not a partner of the United States on any of the key issues in the region: From its evasion of economic sanctions on Iran to its support for the Syrian regime of Bashar Assad, Iraq stands in Tehran’s camp, not Washington’s. The reality is that the United States has not achieved its national-security objectives in Iraq and is not likely to do so.

Share this post


Link to post
Share on other sites

e anche qui: ci meravigliamo?

 

Dopo averli occupati 10 anni, bombardati due volte, ecc ecc, pretendevamo anche un 'grazie'?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Iraq says signs contract for 18 F-16 fighter jets

 

Iraq has signed a contract to buy its second set of 18 F-16 fighters from the United States, part of a deal to purchase 36 of the jets to rebuild its air force, Iraq's acting defense minister said on Thursday.

 

 

The New Iraqi Air Force: F-16IQ Block 52 Fighters

 

18 more? Acting Defense Minister Sadoun al-Dulaimi tells Reuters that Iraq has signed a contract for another 18 F-16IQs, on the same terms as the initial 18-plane buy. He adds all of Iraq’s F-16s are expected to arrive before the end of 2018.” Confirmation has been sketchy so far, beyond Reuters.

 

Duliami reportedly added that Iraq was also talking with American officials about buying air defense systems and AH-64 Apache attack helicopters. That’s an interesting comment, because Iraq just bought Russian counterparts to those systems.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Iraq Ratifies Additional Protocol

 

On 23 October 2012, the Iraqi Ambassador, Surood Rashid Najib, met IAEA Director General Yukiya Amano at the IAEA headquarters in Vienna.

 

Ambassador Najib notified the Director General that the Iraqi authorities have ratified the additional protocol to their comprehensive safeguards agreement and it has therefore entered into force.

 

The news of the Additional Protocol's ratification and entry into force was transmitted via an official letter from the Iraqi Foreign Minister Zebari to the Director General.

 

With Iraq's ratification, the number of States with an Additional Protocol in force has now reached 119.

Share this post


Link to post
Share on other sites

La lista della spesa ....

 

Iraq May Buy $2.4 Billion Air Defense System ....

 

The Pentagon’s Defense Security Cooperation Agency said the Iraqi government has requested the equipment, including 40 truck-mounted Avenger fire units made by Boeing Co., 681 Stinger surface-to-air missiles made by Raytheon Co. and 216 medium-range Hawk missiles also made Raytheon, among other products.

 

Fonte .... http://www.dodbuzz.com/2013/08/07/iraq-may-buy-2-4-billion-air-defense-system/

 

Mi sto chiedendo quanto sia prudente cedere ad un paese, tutto sommato ancora instabile, una tale quantità di MANPADS ....

 

:hmm:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ultime sull'evoluzione delle relazioni USA-Irak ....

 

Iraq's Evolving Role ....

 

While Iraq continues to struggle with internal threats, its security relationship with the United States has evolved since the end of Operation New Dawn in December 2011.

Today, the only presence of US troops in the country is via the Office of Security Cooperation-Iraq, which coordinates military ties and exchanges as well as foreign military sales.

In addition to building up its security forces, the United States has also worked with the Iraqi government to bolster its military investment in assets geared more for external defense.

The Iraqis are acquiring F-16s and on Aug. 5, the Pentagon announced a proposed package of short- and medium-range missiles, radars, and infrastructure associated with a revamped integrated air defense system, worth some $2.4 billion.

"As the security environment evolves, we are adapting to it, and we want to ensure that [OSC-I] matures," said Brig. Gen. Jeff Harrigian, US Central Command's deputy director of operations, during an Aug. 6 interview.

He said CENTCOM wants to give the Iraqis opportunities and training that can "broaden the aperture" so that they can not only support internal security, but also integrate into activities with the Gulf Cooperation Council and other countries.

 

For more coverage of Harrigian's interview, read Access and Denial in the Arabian Gulf and Rebalancing Engagement in CENTCOM's Area.

 

— Marc V. Schanz .... 8/9/2013 ....

 

Fonte ... Il "Daily Report" dell'AFA .... bhf5g7_th.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Vista la situzione mi pare il caso di aggiornare il topic.

 

Ecco un riassunto della grave situazione che attanaglia lo stato iracheno.

 

 

Tra giovedì 12 e venerdì 13 giugno la situazione in Iraq è peggiorata ulteriormente, con una nuova avanzata dello Stato Islamico dell’Iraq e del Levante (ISIS) – gruppo estremista sunnita che opera sia in Iraq che in Siria – in direzione della capitale Baghdad. L’ISIS ha preso il controllo di due città nella provincia di Diyala, poco più a est di Baghdad, e ha compiuto diverse esecuzioni pubbliche a Mosul, capoluogo della provincia di Ninawa, città conquistata negli ultimi giorni.

All’improvvisa e violenta offensiva dell’ISIS si è aggiunta una reazione intensa dei soldati curdi “Peshmerga”, che rispondono al governo regionale del Kurdistan iracheno, una regione che da tempo vuole separarsi dal resto dell’Iraq: i curdi hanno conquistato la città di Kirkuk – capoluogo della provincia di Kirkuk, a circa 250 chilometri a nord di Baghdad – sfruttando la debolezza del governo iracheno causata dall’offensiva dell’ISIS. E infine all’ISIS e ai curdi si sono aggiunti anche gli sciiti, il gruppo minoritario dell’islam (ma maggioritario in Iraq) a cui appartiene anche il primo ministro iracheno Nuri al-Maliki. Venerdì, di fronte alle difficoltà dell’esercito iracheno a confrontarsi con le recenti minacce, migliaia di combattenti sciiti si sono diretti verso Samarra, città a circa 110 chilometri a nord di Baghdad finita sotto il controllo dell’ISIS nella notte tra giovedì e venerdì. Una mappa di BBC mostra chiaramente come è messo oggi l’Iraq:

mappa-iraq1.gif

L’ISIS, e gli altri gruppi sunniti
I miliziani che stanno avanzando da giorni in direzione di Baghdad sono principalmente combattenti dell’ISIS, gruppo estremista il cui obiettivo primario è l’istituzione di un califfato islamico nella regione. Oltre all’ISIS ci sono anche gruppi sunniti che non condividono gli stessi obiettivi sulle sorti del paese, e che si sono mobilitati con un fine più circoscritto, cioè togliere il potere agli sciiti. Fanno parte di questa categoria i miliziani che appoggiavano l’ex presidente sunnita Saddam Hussein e che furono sconfitti dalle operazioni di sicurezza delle truppe statunitensi in territorio iracheno negli anni successivi all’invasione del 2003.

Da quanto si apprende da diversi autorevoli siti di news, i gruppi sunniti che hanno il controllo delle città nel nord ed est dell’Iraq si stanno organizzando per elaborare un piano comune di governo delle zone occupate. Il New York Times ha scritto che giovedì il leader di una milizia sunnita a Tikrit, città natale di Saddam Hussein conquistata ieri dall’ISIS, ha confermato un incontro tra i rappresentanti di tutte le fazioni di ribelli – incluse quelle dei sostenitori di Hussein – per stabilire delle regole di governo e rassicurare i residenti di Mosul che la vita in città continuerà a svolgersi in maniera normale. Qualche cambiamento sembra però che ci sia già stato: oltre alle centinaia di migliaia di persone che hanno lasciato la loro casa, sembra che gli occupanti sunniti abbiano vietato la vendita di alcol e sigarette e abbiano ordinato alle donne di rimanere chiuse nelle loro case.

L’altra battaglia dei curdi
Le forze curde sono conosciute come “Peshmerga” – termine che significa “quelli che affrontano la morte” – e a differenza dell’esercito iracheno sono disciplinate e leali ai loro leader e alla loro causa: l’autonomia e l’indipendenza dello stato curdo. Il governo regionale del Kurdistan iracheno, a cui fanno riferimento le “Peshmerga”, controlla la regione autonoma del Kurdistan, un’entità autonoma dell’Iraq internazionalmente riconosciuta. Kirkuk, la città finita ieri sotto il controllo dei curdi, era da tempo al centro di una disputa politica ed economica con il governo arabo di Baghdad, e per questo l’abbandono da parte dei soldati iracheni è ancora più significativo.

Per i curdi l’indebolimento dello stato iracheno e l’avanzata dell’ISIS sono un’opportunità (ma occhio: i curdi non sono alleati né amici dell’ISIS, e nella vicina Siria miliziani dei due gruppi si sono scontrati molto violentemente negli ultimi mesi). Come ha spiegato ad al Jazeera Shoresh Haji, membro curdo del Parlamento iracheno, «è una situazione molto triste per Mosul, ma allo stesso tempo la storia ci ha presentato solo uno o due altri momenti in cui abbiamo potuto recuperare il nostro territorio, e questa è un’opportunità che non possiamo ignorare».

Le milizie sciite, e l’Iran
Samarra è stata la quarta città del nord dell’Iraq a finire sotto il controllo dei miliziani sunniti. Tra giovedì e venerdì alcune milizie sciite si sono dirette verso Samarra per cercare di difendere i luoghi sacri della città e cacciare i sunniti: il Guardian riporta che nella giornata di venerdì combattenti sciiti e sunniti si sono scontrati violentemente appena fuori dai confini della città, e aggiunge che testimoni hanno detto che diversi sunniti presenti a Samarra sarebbero “arabi provenienti da altri paesi”. La mobilitazione di milizie sciite sembra poter allargarsi con il passare delle ore. Charles Lister, esperto analista del Jane’s Terrorism and Insurgency Center (centro di una società con base a Londra che si occupa di cose militari), ha scritto che durante la preghiera del venerdì anche il Grande Ayatollah Ali al-Sistani – la più autorevole guida spirituale e politica dell’Iraq – ha invitato gli sciiti a prendere le armi contro l’ISIS.

Secondo fonti non confermate ma riportate dal Wall Street Journal e poi riprese da altri siti di news americani, anche l’Iran – la cui leadership è sciita come quella del governo del primo ministro iracheno Nuri al-Maliki – si è attivato per mandare in Iraq alcuni membri delle Guardie Rivoluzionarie, una forza militare istituita nel 1979 dalla appena nata Repubblica Islamica dell’Iran. Non sarebbe la prima volta che l’Iran si interessa direttamente degli affari dell’Iraq (l’avevamo spiegato bene qui).

Cosa stanno facendo gli Stati Uniti?
Negli ultimi giorni diversi analisti hanno osservato come uno dei motivi del crollo dello stato iracheno sia stato il ritiro delle truppe americane alla fine del 2011. Al momento del ritiro, i soldati americani non erano riusciti a portare a termine i loro più importanti obiettivi, cioè la ricostruzione delle istituzioni irachene e l’addestramento delle forze di sicurezza nazionali. In queste ultime ore l’amministrazione americana è tornata a interessarsi delle vicende dell’Iraq, anche a seguito di una richiesta di aiuto diretta del primo ministro al-Maliki.

Secondo il New York Times, l’amministrazione di Obama si sarebbe trovata impreparata ai gravi sviluppi degli ultimi giorni in Iraq. Riconoscendo che si tratta di una “situazione di emergenza” Obama si starebbe muovendo su diversi fronti, tra cui lo studio di possibili attacchi aerei contro le milizie sunnite. Per il momento comunque non è stata decisa alcuna azione specifica.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Per mesi gli analisti hanno avvertito gli occidentali che armare e addestrare la feccia islamica siriana avrebbe portato una destabilizzazione dell'intera regione non sono stati ascoltati ed ecco quello che é successo...

Share this post


Link to post
Share on other sites

la questione siriana è solo collaterale a quella irakena ed è di molto posteriore ad essa.

comunque, erano cose che si sapevano da tempo... la situazione in Irak non è mai stata pacificata e questa è solo l'ultima novità della guerra civile in atto da anni, in un paese che è solo una serie di linee nel deserto e non certo un nazione.

 

in ogni caso, o ci rimettiamo un Saddam a caso o si continueranno a scannare per i secoli dei secoli, as usal.

Edited by vorthex

Share this post


Link to post
Share on other sites

http://www.rferl.mobi/a/iranian-warplanes-reportedly-deployed-in-iraq/25443396.html

 

I Su-25 Iraniani (si, ho detto proprio Iraniani, precisamente delle guardie della rivoluzione islamica), rischierati a protezione dello Stato Iracheno.. se anche gli iraniani fanno cio', la situazione in iraq preoccupa davvero tutti.

Share this post


Link to post
Share on other sites

una bomba sporca ...sarebbe ?

Share this post


Link to post
Share on other sites

una bomba sporca ...sarebbe ?

 

Bomba sporca = armi radiologiche.

 

"Attualmente esiste un dibattito riguardante la possibilità e la convenienza per i terroristi di utilizzare un'arma del genere...", "L'effetto dominante sarebbe un danno morale ed economico a causa del panico causato da un tale incidente. D'altra parte, alcuni medici pensano che il danno biologico, quantizzabile in morti e feriti possa essere molto più severo."

 

http://areeweb.polito.it/didattica/polymath/htmlS/Studenti/Tesine/Ottobre'06/Img/image030.png

Share this post


Link to post
Share on other sites

http://www.repubblica.it/esteri/2014/08/03/news/iraq_tragedia_umanitaria_nord_isis_curdi-93041303/?ref=HREC1-6

 

L'ISIS avanza ancora.

 

Quanto è realmente pericolosa questa gente?

Sinceramente sono sorpreso dalla sconfitta dei Curdi forse ho sottovalutare le loro debolezze economiche e militari

 

Economia

Nonostante rappresentino oltre il 20pct della popolazione 1/4 del petrolio estratto venga dai loro campi petroliferi ricevono come da accordi solo il 13 pct delle risorse rivenienti dal petrolio, questa quota di fatto è stata raramente rispettata, da quando c'è Al Maliki poi le cose sono peggiorate addirittura da settembre il Curdistan è di fatto sotto embargo da parte del governo centrale cosa che causa notevoli problemi economici al Paese. Basti pensare che nel loro territorio vi sono oltre 1 milione di profughi arabi, per il loro mantenimento non ricevono niente dal governo centrale.

 

Politica militare

I Curdi hanno ricevuto solo briciole dei copiosi rifornimenti di armi ed equipaggiamenti che in questi 11 anni sono arrivati in Iraq e nessuno dei moderni equipaggiamenti militari forniti dagli stati uniti negli ultimi tempi (M1,M2, M109, F16 ecc ecc).

 

Le forze curde all'interno dell'esercito Irakeno sono state fortemente ridimensionate ultimamente delle 20 divisioni solo due sono definite curde (16° e 17° denominate "leggere" al massimo 15.000 uomini). Di conseguenza le armi pesanti che hanno sono i residui abbandonati dall'esercito di Saddam al momento della resa, e aggiustati da loro stessi

 

Poi non dobbiamo dimenticare che i Curdi di fatto NON combattono più dal 2003 visto che anche negli anni peggiori il Curdistan è sempre stato fuori dai massacri che ci sono stati in altre parti. Questo se è stato indubbiamente un vantaggio può forse aver nuociuto al loro esercito nel senso che i loro soldati al di sotto dei trent'anni di fatto non hanno esperienze militari.

 

Resta da stabilire se il loro cedimenti è dovuto a quasi due mesi di incessanti combattimenti che hanno logorato le loro forze o è dovuto all'arrivo di copiosi rinforzi alle forze islamiste.

 

Comunque la politica dell'amministrazione americana mi lascia sempre più perplesso.

Saluti

Share this post


Link to post
Share on other sites

Perche' ti lascia perplesso?

 

Perché a due mesi dalla caduta di Mosul l'amministrazione americana sembra aver dimenticato l'Iraq, passi ignorare le richieste di rifornimenti militari di Al Maliki, perchè rischierebbero di finire in mano all'Iran, e poi considerando l'uso che ne fanno.......

Ma perché ignorare i Curdi, nella zona sono l'unico alleato VERO che gli è rimasto, se comprare il loro petrolio o dargli mezzi moderni viene considerato politicamente pericolo, poteva bastare fargli avere dei prestiti e dargli mezzi e munizioni di provenienza sovietico/cinese. Insomma di T54/e semoventi russi è pieno il mondo!!!.

E INVECE...... NIENTE!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

E' QUESTO CHE MI LASCIA PERPLESSO

Non dobbiamo dimenticarci che gli islamisti sono tutt'altro che poveri e male armati/equipaggiati visto che sappiamo tutti che ricevono soldi e armi da alcuni paesi (Arabia Saudita e Qatar tanto per non fare nomi)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ma non si può nemmeno pretendere che abbiano sempre e comunque il ruolo di paciere nel mondo ( e che abbiano i fondi per farlo ).. Poi un qualsiasi nuovo intervento in Iraq che effetti avrebbe sull'opinione pubblica? noi forse ci metteremo a gridare contro l'americano cattivo che vuole solo il petrolio, il popolo americano stesso se la prenderebbe con Obama forse, che i sondaggi tipo "se si votasse domani" danno per sconfitto (anche se non si ricandiderà, questo fa capire quanto sia sceso il favore nei suoi confronti) .. La domanda da porsi è: a che pro tornare in lieve o grave misura in iraq?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ma non si può nemmeno pretendere che abbiano sempre e comunque il ruolo di paciere nel mondo ( e che abbiano i fondi per farlo ).. Poi un qualsiasi nuovo intervento in Iraq che effetti avrebbe sull'opinione pubblica? noi forse ci metteremo a gridare contro l'americano cattivo che vuole solo il petrolio, il popolo americano stesso se la prenderebbe con Obama forse, che i sondaggi tipo "se si votasse domani" danno per sconfitto (anche se non si ricandiderà, questo fa capire quanto sia sceso il favore nei suoi confronti) .. La domanda da porsi è: a che pro tornare in lieve o grave misura in iraq?

Veramente si tratterebbe di uno sforzo limitato, basterebbe far volare qualche drone e fornire del materiale che per gli standard americani è ferrovecchio, avrebbero il plauso della popolazione, e credo che nessun paese avrebbe da che dire. Quanto ai soldi si tratterebbe di un ANTICIPO, non è che il Curdistan sia in bolletta!!! ha miliardi di crediti nei confronti del governo centrale. Il rischio è che presi dalla disperazione si rivolgano ai Russi che con poca spesa si aggiudicherebbero un importante alleato.

 

Quanto al perché tornare in Irak? intanto perché se continua così il paese rischia di cadere nelle mani del califfato, Alcune fonti dicono che gli Iraniani dopo aver visto come combattono (male) gli Sciti Iracheni siano molto preoccupati.

Edited by ROSSETTI BRUNO

Share this post


Link to post
Share on other sites

L'iraq e la sua popolazione secondo me devono decidere cosa vogliono fare da grandi. Gli USA hanno da badare all'Europa continentale, che spende per la difesa meno di quanto spendiamo tutti gli italiani per un panino e una birra al giorno. Poi hanno ingenti risorse dispiegate nell'area pacifica, dalla VII Flotta a Guam, passando per le varie nazioni dell'area. Non e' che tutto questo non costi agli USA. L'iraq corre il rischio di diventare un califfato, ma sostanzialmente stiamo parlando di quello stato che comunque si macchiava di gravi attentati (da parte sempre degli islamisti) contro gli USA, mentre il governo centrale e' gestito da tizi che dopo aver assaggiato un briciolo di democrazia e preso qualche armamento, hanno ben pensato di sdebitarsi tempo fa non concedendo agli americani l'uso delle proprie basi e del proprio spazio aereo in caso di operazioni contro la Siria. Poi sia chiaro: la debolezza in politica estera dell'attuale presidente Obama e' nota ai piu'... purtroppo!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Veramente si tratterebbe di uno sforzo limitato, basterebbe far volare qualche drone e fornire del materiale che per gli standard americani è ferrovecchio, avrebbero il plauso della popolazione, e credo che nessun paese avrebbe da che dire. Quanto ai soldi si tratterebbe di un ANTICIPO, non è che il Curdistan sia in bolletta!!! ha miliardi di crediti nei confronti del governo centrale. Il rischio è che presi dalla disperazione si rivolgano ai Russi che con poca spesa si aggiudicherebbero un importante alleato.

 

Quanto al perché tornare in Irak? intanto perché se continua così il paese rischia di cadere nelle mani del califfato, Alcune fonti dicono che gli Iraniani dopo aver visto come combattono (male) gli Sciti Iracheni siano molto preoccupati.

 

 

Prendetele con le pinze (1) ma SEMBRA che stiano arrivano a rinforzo dei Curdi Iracheni, connazionali da tutto il mondo, particolarmente da Siria, Turchia, Iran, Europa e Russia!!!! (armata rossa?)

 

 

1) Visto che la maggior parte delle fonti fino a 10 giorni fa diceva che i Curdi stavano respingendo con facilità gli attacchi islamici e si preparavano all'offensiva !! :huh:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×