Jump to content
Sign in to follow this  
Manuele

Reggiane Re.2005 "Bifusoliera"

Recommended Posts

Ciao a Tutti,

Sto' cercando un trittico e notizie del progetto Re.2005 "Bifusoliera", qualcuno puo' aiutarmi ?

 

:okok::okok::okok::okok:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sembra curiosamente simile al "Twin Mustang" che,pur essendo fabbricato in grandi numeri e con intenzioni ambiziose, non ha entusiasmato molto. Bisogna però dire che entro le Officine Meccaniche Reggiane le idee non mancavano, temo che dopo la Guerra la volontà di smantellare la parte aeronautica- per volere soprattutto angloamericano- ha privato il nostro Paese di una realtà dinamica che probabilmente ci ha reso un po' più poveri

Share this post


Link to post
Share on other sites

...era stato studiato come risposta al P38 americano.......oltre a questo trittico esiste anche un modello da officina in mogano con parti in ottone, dove però la cabina di pilotaggio è sulla fusoliera di destra e non nella sinistra...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Com'erano le qualità di volo di questi velivoli?

Mi sono sempre sembrati difficili da pilotare in quanto il pilota è messo di lato, sottoponentodolo ad accelerazioni diverse se si rolla a destra o a sinistra. Immagino che anche il puntamento dei bersagli nemici fosse più difficile e complicato.

I piloti cosa ne pensavano di queste soluzioni bi -fusoliera?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Com'erano le qualità di volo di questi velivoli?

Mi sono sempre sembrati difficili da pilotare in quanto il pilota è messo di lato, sottoponentodolo ad accelerazioni diverse se si rolla a destra o a sinistra. Immagino che anche il puntamento dei bersagli nemici fosse più difficile e complicato.

I piloti cosa ne pensavano di queste soluzioni bi -fusoliera?

...i piloti del tempo credo che non pensassero niente visto che è rimasto allo stadio di solo studio.......ma le complicazioni di pilotaggio che tu hai citato sarebbero state ben evidenti nel caso si fosse realizzato....

Share this post


Link to post
Share on other sites

Se non ricordo male la -lunga- discussione sul P38 di questo Sito era stato concepito bi-corpo per contenere la grande quantità di carburante necessaria per scortare durante le lunghissime missioni sul continente i bombardieri strategici, ma l'Italia all'epoca aveva più che altro esigenze "localizzate", a meno che non ci fosse l'intenzione, da parte dell'aeronautica, di assumere un ruolo molto più offensivo e spingere la propria attività fin nel nordafrica ed oltre

Share this post


Link to post
Share on other sites

Se non ricordo male la -lunga- discussione sul P38 di questo Sito era stato concepito bi-corpo per contenere la grande quantità di carburante necessaria per scortare durante le lunghissime missioni sul continente i bombardieri strategici, ma l'Italia all'epoca aveva più che altro esigenze "localizzate", a meno che non ci fosse l'intenzione, da parte dell'aeronautica, di assumere un ruolo molto più offensivo e spingere la propria attività fin nel nordafrica ed oltre

 

 

La seconda forse meglio. Io penso che un aereo del genere sarebbe servito come il pane. L'idea dell'Italia fascista era quella di diventare una potenza è vero "locale", ma con un bacino d'influenza che comprendeva tutto il Mediterraneo. Specie il mediterraneo orientale. Se poi avessimo conquistato Suez avremmo vinto per davvero. Avremmo cacciato gli inglesi dal Medio Oriente e permesso ai tedeschi di risalire il Caucaso verso la Russia, ma questa è fantastoria.

 

In un ottica del genere un aereo come il bifusoliera, con una bella autonomia e specie in assenza di portaerei della marina italiana, avrebbe potuto servire eccome, potendosi spingere bene al largo e dominare il Mediterraneo partendo dalla Sicilia, da Creta, dal Dodecaneso, ecc...

 

L'unica cosa, io l'abitacolo l'avrei posto nel centro come nel P-38 e non su una delle fusoliere laterali.

Share this post


Link to post
Share on other sites

ho la netta sensazione che avrebbe fatto la fine di qualsiasi caccia bimotore quando incontrava un monomotore...

Share this post


Link to post
Share on other sites

La seconda forse meglio. Io penso che un aereo del genere sarebbe servito come il pane. L'idea dell'Italia fascista era quella di diventare una potenza è vero "locale", ma con un bacino d'influenza che comprendeva tutto il Mediterraneo. Specie il mediterraneo orientale. Se poi avessimo conquistato Suez avremmo vinto per davvero. Avremmo cacciato gli inglesi dal Medio Oriente e permesso ai tedeschi di risalire il Caucaso verso la Russia, ma questa è fantastoria.

 

In un ottica del genere un aereo come il bifusoliera, con una bella autonomia e specie in assenza di portaerei della marina italiana, avrebbe potuto servire eccome, potendosi spingere bene al largo e dominare il Mediterraneo partendo dalla Sicilia, da Creta, dal Dodecaneso, ecc...

 

L'unica cosa, io l'abitacolo l'avrei posto nel centro come nel P-38 e non su una delle fusoliere laterali.

 

 

Il RE2005 bifusoliera è un progetto di fine 1942. Avesse volato, lo avrebbe fatto all'epoca dell'armistizio, e conseguentemente il suo impatto sulle operazioni belliche sarebbe stato nullo. Qualsiasi ruolo avesse avuto.

Share this post


Link to post
Share on other sites

ho la netta sensazione che avrebbe fatto la fine di qualsiasi caccia bimotore quando incontrava un monomotore...

 

beh...il p38 credo che qualche monomotore lo abbia tirato giù no?

Share this post


Link to post
Share on other sites

beh...il p38 credo che qualche monomotore lo abbia tirato giù no?

...beh si...però qualsiasi pilota tedesco, giapponese, italiano se avesse potuto scegliere contro chi battersi fra il P51, il P47 ed il P38 credo proprio che il P38 sarebbe stato quello scelto da tutti......addirittura il P38 fu l'ultimo tipo di aereo abbattuto da un biplano (un Cr42!!!) prima della fine della guerra (febbraio del 1945)

Share this post


Link to post
Share on other sites

vabè ma il P-38 era il miglior bimotore su piazza e, nonostante ciò, in Europa finì col fare l'assaltatore... solo in Pacifico, dove godeva di un oggettivo vantaggio prestazionale, divenne un avversario davvero temibile.

Share this post


Link to post
Share on other sites

visto il buco nell'acqua che ha fatto la serie Zerstörer, temo che questo Bifusoliera in condizioni che non fossero la superiorità aerea totale della quale godevano i P38 che riuscivano a volare in maniera sicuramente più indisturbata, avrebbe fatto una brutta fine! :thumbdown:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il P38 per l'aereo che era (un intercettore e cacciabombardiere a lunga autonomia) era perfetto per il ruolo, e il suo score bellico lo dimostra. Ovviamente aveva difficoltà contro quelli che erano gli eccellenti caccia tedeschi dell'epoca (che mettevano in difficoltà anche P51, P47, Spitfire ultime versioni e Yak-3, ovvero l'eccellenza degli aerei alleati della 2GM).

 

Ma il suo ruolo era un altro, come quello di tutti i caccia bimotori, che nascevano per compiti diversi dai monomotori. Questo non significa che non fosse un aereo eccellente (e comunque nel Pacifico fece sfracelli) che non ebbe una carriera più che dignitosa.

 

Il RE2005 se usato in quel modo sarebbe stato utile (la REI mancò sempre di un aereo a largo raggio capace di autodifesa) certo non decisivo.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
Sign in to follow this  

×
×
  • Create New...