Jump to content
Sign in to follow this  
cdbruno

Attacco al petrolio tedesco

Recommended Posts

Complimenti per il tuo lavoro :adorazione:

 

Ho letto solo una decina di pagine, per ora, ma un paio di errori abbastanza gravi (scherzo) balzano all'occhio.

 

" il Flak 37 da 8.8 cm (chiamato anche acth acth),"

 

Otto in tedesco si scrive "acHT" e di conseguenza il FlaK (con la K in maiuscolo) veniva chiamato acht - acht o anche acht - achter.

 

Sono solo dei piccoli refusi e, se non ti da fastidio, se ne trovo altri te li segnalerò.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Per carità, gli aeroplani ed i mezzi corazzati necessitavano di carburante per cui, senza di esso, si poteva fare ben poco, però le forze armate tedesche erano meno assetate di benzina o gasolio rispetto agli Alleati, almeno come litri/uomo per anno. Molte unità erano ippotrainate (e negli anni '40 non vi era poi una differenza abissale in velocità sostenuta fra autocarri e cavalli). Si tende, soprattutto da parte Americana, a credere che senza motori non si possa fare niente,anche perchè la civiltà Americana è la più motorizzata che esista, ma in Germania era molto usata la bicicletta per gli spostamenti dei soldati sulle medie distanze.

Se pensiamo ai bassopiani tedeschi, non è peregrino considerare la bicicletta con il cambio di velocità un mezzo che garantisce una buona velocità di spostamento senza consumare una goccia di carburante anche su distanze medio-lunghe, anche un cicloturista può percorrere 100-200 km al giorno in pianura, a maggior ragione poteva farlo un giovane soldato tedesco allenato fisicamente, e ci sono documenti che mostrano bicicli modificati per trasportare piccole quantità di merci

Share this post


Link to post
Share on other sites

intanto, i tedeschi erano sempre oppressi dalla mancanza di carburante... evidentemente le bici non potevano far tutto.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Per carità, gli aeroplani ed i mezzi corazzati necessitavano di carburante per cui, senza di esso, si poteva fare ben poco, però le forze armate tedesche erano meno assetate di benzina o gasolio rispetto agli Alleati, almeno come litri/uomo per anno. Molte unità erano ippotrainate (e negli anni '40 non vi era poi una differenza abissale in velocità sostenuta fra autocarri e cavalli). Si tende, soprattutto da parte Americana, a credere che senza motori non si possa fare niente,anche perchè la civiltà Americana è la più motorizzata che esista, ma in Germania era molto usata la bicicletta per gli spostamenti dei soldati sulle medie distanze.

Se pensiamo ai bassopiani tedeschi, non è peregrino considerare la bicicletta con il cambio di velocità un mezzo che garantisce una buona velocità di spostamento senza consumare una goccia di carburante anche su distanze medio-lunghe, anche un cicloturista può percorrere 100-200 km al giorno in pianura, a maggior ragione poteva farlo un giovane soldato tedesco allenato fisicamente, e ci sono documenti che mostrano bicicli modificati per trasportare piccole quantità di merci

 

Infatti gli Alleati erano ben noti per la loro sete ... Un'ottima grappa dicono venisse dal liquido dei freni dei carri fermentato. Il problema è che poi bevutisi la grappa dei freni il carro armato non frenava più specie in discesa.

 

I tedeschi bevevano meno perchè di benzina ce n'era meno. Nell'epoca dei motori a scoppio un uomo a cavallo o a piedi non va da nessuna parte anche se è un atleta olimpionico.

 

Esempio: Mussolini si affrettò a spedire gli Alpini in Russia per dar man forte ai tedeschi nel Caucaso (dove guarda caso c'è il petrolio per i motori). Sulla carta, tutto bene. Nella realtà un po' meno. Gli Alpini nel Caucaso non ci sono mai arrivati, ma sono stati usati come fanteria "normale" sull'ansa del Don dalle parti di Serafimovic, a ovest di Stalingrado.

 

Gli Alpini sono truppe da montagna. In montagna ci vogliono i muli, ottimi per arrampicarsi con tutto l'equipaggiamento e gli obici. Questo perchè l'obice è simile al mortaio, cioè prima il proiettile sale e poi scende in una traiettoria a U rovesciata utilissima quando devi sparare da dietro vette montane, ma pressocchè inutile in mezzo a una pianura sconfinata, come sulle rive del Don; dove le vette montane non sanno manco che sono e serve invece una traiettoria tesa come sui mari, specie contro i carri armati nemici.

 

Gli Alpini quindi, si trovarono senza veri cannoni, appiedati e solo con i muli. In poche parole in una pianura aperta erano quasi immobili di fronte a un nemico che invece attaccò con i T-34 (a ondate ...).

 

Come fai a scappare a piedi o a dorso di mulo dai carri armati?

 

Senza motori in guerra NON fai niente. Miri al risparmio e desideri un comportamento ecologico e fai trainare l'artiglieria ai cavalli? Fai la fine di Napoleone in Russia: i cavalli morti di fame (e mangiati) per lo sfinimento di dover trainare tonnellate nel fango e nella neve alta tre metri. A che velocità poi? Mezzo chilometro/ora?

 

Inoltre, tu prova a metterti a sparare cannonate dal sito X/Y e vedi che fine fai se dopo aver sparato tutti i colpi non impacchetti tutto e ti dilegui ... E per dileguarsi è meglio essere veloci (a meno che tu non voglia abbandonare i cannoni al nemico), per cui con i cavalli scappi molto meno che con un bel semovente d'artiglieria cingolato, specie se c'è la neve. Semovente significa in grado di muoversi da solo e cioè a motore.

 

Il che dovrebbe significare che il movimento deve essere rapido, sia in attacco che in ritirata. E i cavalli sono troppo lenti.

 

I bicicli è meglio lasciarli perdere io credo.

 

 

Un Sdkfz-8 trattore d'artiglieria tedesco in Ucraina, mentre transita sopra un ponte volante. Al traino credo un pezzo da 105 mm con le munizioni.

 

sdkfz8usedasatractorove.jpg

Edited by Vultur

Share this post


Link to post
Share on other sites

Speer nelle sue memorie indica nel 12 maggio 1944 il giorno in cui la Germania perse la guerra tecnologica. Fu il giorno del grande attacco alleato agli impianti di produzione carburante sintetico

Share this post


Link to post
Share on other sites

Speer nelle sue memorie indica nel 12 maggio 1944 il giorno in cui la Germania perse la guerra tecnologica. Fu il giorno del grande attacco alleato agli impianti di produzione carburante sintetico

 

nel 44 i tedeschi avevano già perso la guerra,c'era un rapporto di inferiorità 4-1 nel fronte orientale,

e nel frattempo i russi avevano acquisito armamenti e tattiche addeguate ...

la strada era segnata....

Share this post


Link to post
Share on other sites

I tedeschi avevano perso la guerra quando si incamminarono sullo studio del reattore ad acqua pesante anzichè a grafite come elemento rallentante. Se non avessero capitolato nel maggio 45 in agosto le bombe di Hiroshima e Nagasaki avrebbero incenerito Berlino e Monaco. Ma nel maggio 44, con l'invasione alleata ancora da effettuare avevano qualche chanche di concludere una buona pace.
Cmq quello ripostato è il parere del ministro degli armamenti che, a posteriori, considerò la campagna per il petrolio il colpo mortale per la guerra tecnologica

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
Sign in to follow this  

×
×
  • Create New...