Jump to content
TT-1 Pinto

Miss Febbraio - 6th gen. fighter USA

Recommended Posts

LMT%20Fighter%20560.jpg

 

Lockheed Martin's 2012 calendar -- which your blogger received in the mail but casually deposited, unopened, in the trash -- contained the company's first concept design for a sixth generation fighter to succeed the F-22 after 2030.

 

Call her "Miss February".

Così ha scritto il giornalista britannico Stephen Trimble nel suo blog "The DEW Line" ....

 

http://www.flightglobal.com/blogs/the-dewline/2012/01/picture-lockheed-reveals-conce.html

 

.... e su "Flightglobal.com" ....

 

http://www.flightglobal.com/news/articles/lockheed-reveals-bold-technology-plans-with-6th-gen-fighter-concept-366533/

Share this post


Link to post
Share on other sites

Segnalo questo articolo Sixth generation fighter aircraft: rise of the F/A-XX

 

Il concept di Lockheed Martin è già stato postato sopra

 

Lockheed Martin's proposal is still conceptual, the company has led calls for greater speed, range, stealth and self-healing structures; developments that will require new breakthroughs in propulsion, materials, power generation and weapon technology. Self-healing structures in particular would pose a significant advantage over modern-day aircraft, remaining airborne despite taking heavy fire.

 

ecco invece un concept della Boeing per F/A-XX

 

Boeing_SGF_FA-XX_430.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ecco il link ad un documento del Sottosegretario della Difesa USA che fà iniziare la fase di studio del progetto per l'aereo di 6^ generazione Start thinking about the future of air dominance after the F-35, (anche se si sono già percepiti alcuni rumors - vedi post precedenti)

 

Pentagon Seeks Air-Combat Brainstorm on Future After F-35

 

... e il Giappone Japan Aims To Launch F-3 Development In 2016-17

 

.... l'Europa ___________ ?!?

 

 

P.S.: ai moderatori

non si potrebbe adeguare il nome della discussione?

Share this post


Link to post
Share on other sites

P.S.: ai moderatori

non si potrebbe adeguare il nome della discussione?

Per quanto mi concerne .... dal momento che era stato il sottoscritto ad aprire questo 'thread' alcuni mesi fa .... potrei anche essere d’accordo sulla proposta .... naturalmente spetta poi allo Staff del Forum accoglierla o meno ....

Share this post


Link to post
Share on other sites

AFRL’s Invent Program Tackles Aircraft System Efficiency

 

At the heart of the Energy Optimized Aircraft (EOA) national plan will be the U.S. Air Force Research Laboratory's (AFRL) Integrated Vehicle Energy Technology (Invent) program, which is developing adaptive, smart aircraft power systems using model-based design.

Invent will be one of four core technical products of the EOA plan. The program's goal is to integrate hybrid-electric systems to maximize energy efficiency, minimize thermal challenges, and provide power and cooling on demand, based on the duty cycles of individual aircraft systems.

The Pentagon's EOA plan will set the goals for a broader technology initiative to enable energy-efficient aircraft with enhanced operational capabilities, minimized thermal constraints and increased power growth capacity.

Invent and the EOA plan to address two interrelated challenges: increasing aircraft fuel efficiency to reduce Pentagon energy demands and managing thermal issues on stealth aircraft that have nowhere to dump waste heat but into the fuel. “More efficient engines shift the balance—25 percent less fuel burned is 25 percent less heat that can be dumped,” says Steve Iden, AFRL Invent program manager.

...

The $150 million program has three phases.

Spiral 1 focused on near-term technologies that could be spun off to the F-35 to help tackle thermal-management problems. Goals include doubling ground hold time, and increasing flight time at low altitude fourfold—both times when fuel heats up in the absence of effective cooling.

Spiral 2, now underway, is aimed at midterm requirements for next-generation energy-optimized aircraft. Goals include a 10% increase in range/endurance from integrated systems, a five-fold increase in power and cooling capacity, on demand, with no thermal restrictions.

Invent aims to cut energy demand by reducing combined subsystem weight, now twice that of a single engine, and reducing bleed-air and power-extraction to minimize the fuel-consumption and thrust penalties. The program is demonstrating three key systems for the next generation of more-electric aircraft: adaptive power and thermal management (APTMS), robust electrical power (REPS) and high-performance electromechanical actuation (HPEAS).

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il ritorno di "Miss Febbraio" .... :woot:

 

Ad un paio d'anni dalla sua prima apparizione .... questa mattina il rendering dell'ipotetico caccia Lockheed Martin di 6^ generazione è riemerso in un breve articolo del "Daily Report" dell'AFA .... nel quale si annuncia la presenza di stanziamenti, nel bilancio 2015, relativi all'eventuale successore del 'Raptor' ....

 

2qdpcok.jpg

The Air Force starts work on a sixth-generation fighter to succeed the F-22 in the Fiscal 2015 budget, Air Force Undersecretary Eric Fanning told defense reporters during a meeting in Washington, D.C., on March 11, 2014.

This is an artist rendering from Lockheed Martin of a potential sixth-gen fighter.

 

Sixth-Gen Fighter Appears in FY’15 Budget ....

 

The Air Force's Fiscal 2015 budget request includes $15.7 million to start work on a sixth generation fighter to succeed the F-22, according to budget documents.

Air Force Undersecretary Eric Fanning told reporters in Washington, D.C., Tuesday that maintaining USAF’s technological edge was a “guiding principle” in building the budget, and there was recognition that “to develop these types of platforms requires long leads.”

Even as the Air Force is producing the fifth-gen F-35, he said, “We need to be investing in the research and science and technology necessary to be looking at sixth generation.”

 

John A. Tirpak - 3/13/2014

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Torna la Miss Febbraio.. anzi Marzo. l'Air Force sta iniziando a pensare "come mantenersi sempre un passo avanti" visto il Gap che ha quasi sempre avuto nei confronti delle altre aeronautiche. Vedremo cosa ci proporrà l'industria bellica :)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Vedremo cosa ci proporrà l'industria bellica :)

 

Qualcosa di questo genere .... piccolo, maneggevole, pressoché invisibile al radar e, soprattutto, a basso costo .... :whistling:

 

whglqa.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Alla fine credo che si tratta di raccogliere e valutare le prime tecnologie che si stanno sviluppando.

 

Parliamo della nuova generazione di motori

http://defensetech.org/2014/02/26/air-force-set-to-launch-next-generation-engine-program/,

 

nuovi sistemi d'arma http://news.usni.org/2013/11/20/air-force-seeks-laser-weapons-next-generation-fighters

 

 

nuovi materiali http://www.rense.com/general34/lockheedworking.htm

 

nuove architetture sensoristiche http://www.militaryaerospace.com/articles/2012/10/passive-radar-surveillance.html

Share this post


Link to post
Share on other sites

Si nota il loro nuovo "prototipo" per il futuro F/A-XX/F-X, ma si notano le prese d'aria nella parte superiore... per quanto possano essere buone per la RCS, non causerebbero problemi ad alti AOA?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sicuramente non sarebbe una posizione ottimale, ma c’è da dire che per questi velivoli si adopererebbero motori di nuova generazione a ciclo variabile e presumibilmente con tre flussi.

Uno dei vantaggi del terzo flusso è quello di variarne la portata dirottandovi l’aria in eccesso o prelevando quella in difetto in modo da far lavorare il core del motore sempre con la portata meno penalizzante a qualsiasi regime e...assetto. Il risultato dovrebbe essere un motore molto più resistente a certi maltrattamenti, sempre ammesso che le specifiche li contemplino visto che il futuro del combattimento aereo è nebuloso...

 

C’è però da dire che i rendering lasciano il tempo che trovano e vanno presi col benefici d’inventario, senza ricamarci troppi commenti, visto che in passato l’aereo che faceva il roll out aveva ben poco a che spartire con certe immagini ad effetto, che nella migliore delle ipotesi assomigliavano vagamente a una delle tante configurazioni prese in considerazione, ma poi scartate.

Senza scomodare il trito e ritrito esempio dell’F-117, forse non tutti ricordano che secondo le anticipazioni Lockheed-Martin l’F-22 fosse questo…

 

atf1.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

http://www.airforcetimes.com/story/military/2016/02/12/sixth-gen-fighter-likely-wont-common-across-us-services-air-force-general-says/80308582/

 

Niente piattaforme comuni per il prossimo caccia di sesta gen.. air force e navy avranno caccia separati con l'uso di tecnologie comuni.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Comunque da notare la lentezza, fino al FY19 si parla solo di soldi dati a "experimentation and technology demonstration", quindi dubito che vedremo qualcosa prima del 2030-33...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sembrerebbe che l’USAF punti molto sulle prestazioni (vuole prima di tutto un caccia che sia il degno successore di F-15 ed F-22), mentre l’US Navy vuole un cacciabombardiere pesante che ovviamente deve finire su una portaerei. D’altra parte l’US Navy non ha i bombardieri dell’USAF ed è ancora orfana del’A-6. E’ orfana anche dell’F-14, di per se non certo un peso piuma e necessariamente meno “dinamico”del più leggero F-15.

 

Il problema di fondo è che una cellula che punta molto sulle prestazioni è difficilmente conciliabile con un design di compromesso.

L’F-35A era pensato per fare il lavoro dell’A-10 e dell’F-16, quindi di per se era un bel compromesso che non poteva avere prestazioni estreme. Già più facile era condividerne l’impostazione con l’US Navy che cercava primariamente un velivolo da attacco al suolo.

 

Possibile appianare le divergenze? Certo, ma ciascuno deve rinunciare a qualcosa, fermo restando che non vedrei l’utilità da parte dell’USAF di precludersi la possibilità di avere un cacciabombardiere, visto che sia l’F-15 che l’F-22 hanno finito per farlo con upgrade o versioni dedicate.

 

La convivenza forzata nell’F-35 credo abbia evidenziato che sia utile trovare una convergenza nei sistemi (motori e avionica in primis), ma che le comunanze “strutturali” non apportano altrettanti vantaggi, specie quando la componentistica è simile, però comunque alla fine non è identica. Passare da qualcosa di simile a qualcosa di molto diverso diventa quindi molto facile quando i requisiti si allontanano.

 

Con ATF e NATF abbiamo però visto in anteprima cosa potrebbe accadere... In teoria il secondo era una versione navalizzata del primo, ma intanto l’F-22 navale prevedeva le ali a freccia variabile, mentre l’F-23 da portaerei sarebbe diventato un canard molto diverso dal fratello terrestre. Se il costruttore resta lo stesso gioco forza molte soluzioni restano in comune, anche se gli aerei cambiano profondamente.

Magari vedremo qualcosa di simile…se almeno stavolta andrà in porto...

 

Di fatto c’è ancora tempo e ci saranno varie amministrazioni che potranno dire la loro e costringere USAF e US Navy a compromessi più o meno spinti e fregandosene della loro storica rivalità.

Edited by Flaggy

Share this post


Link to post
Share on other sites

E non potrebbe invece essere anche un modo per "dare lavoro" a due industrie spaziali differenti? Del resto il budget americano lo consente. In ambito europeo ed italico questo sarebbe un abominio, ma in ambito USA potrebbe avere un significato.

 

PS: Flaggy, per i requisiti USAF ti immagini per caso un aereo "supermanovrabile" con spiccate doti stealth?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Molto probabilmente anche per quello, avere 2/3 industrie è una cosa buona per una potenza che può permetterselo. Sulla supermanovrabilità credo l'incognita sia grande, sarà presente ma fino a che punto?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Si potrebbe dare i due aerei a due aziende diverse, ma presumibilmente ciascuna azienda cercerebbe di accaparrarsi entrambi i concorsi e tenderebbe a farlo con due aerei quanto più possibile simili.
Se poi il concorso venisse vinto o “pilotato” ad essere vinto da due aziende diverse, allora necessariamente i due aerei avrebbero poco in comune.
Bisogna però vedere come il tutto viene impostato. Daccordo, gli aerei sono due, ma il programma sarebbe uno (chi vince piglia tutto) o due separati? In questo secondo caso può succedere di tutto.

 

Quanto a come sarà l’aereo mi immagino un’integrazione di tutto quanto visto finora in modo più armonioso ed efficiente possibile. Mi immagino un velivolo molto flessibile ed in grado di adattarsi a tutte le situazioni, quindi molto veloce, manovrabile, a grande autonomia e sicuramente stealth, con ordigni sempre più piccoli e compatti in stiva e armi ad energia diretta per attaccare e per difendersi.

 

Ai motori verrà chiesto un grande salto di qualità, perchè per avere velocità e maneggevolezza servono linee pulite e leggerezza, quindi possibilmente bisognerebbe evitare di fare un bidone volante pieno di carburante, ma qualcosa di più leggero che consuma combustibile con una efficienza decisamente superiore a quanto visto finora, sia alle basse che alle elevate velocità supersoniche.

 

L’inviluppo di volo dovrebbe “riempirsi” consentendo al velivolo di sostenere elevati fattori di carico continui in un più ampio campo di velocità e quote, dove ancora il limite per muoversi nell’arena di combattimento è la macchina. Insomma, più che una ricerca della supermanovrabilità per il presunto riaccorciamento delle distanze nei combattimenti stealth contro stealth, o della velocità come consolidamento della tendenza al BVR, vedrei una ricerca del velivolo "per tutte le situazioni", un po' come una riedizione del velivolo ognitempo che ha soppiantato i caccia diurni e quelli notturni.

 

Se poi l'aereo resterà in servizio decenni è opportuno evitare di ritagliarne le specifiche intorno a un requisito che potrebbe venire superato.

Non sfruttare poi una simile flessibilità per svolgere un ampio spettro di missioni mi sembrerebbe uno spreco. Da cui le mie riserve sui ventilati utilizzi limitati alla caccia pura.

 

Comunque veramente mi sembra di parlare del sesso degli angeli: negli anni ho visto nascere e svanire nel nulla decine di programmi o idee che nemmeno erano ancora programmi.

Edited by Flaggy

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non è un pò prestino per le armi ad energia diretta imbarcate su velivoli ad alte prestazioni, per questioni di densità di energia?

Share this post


Link to post
Share on other sites

E' un problema non da poco, ma non è colpa mie se se ne parla e comunque potrei risponderti con un'altra domanda: non è un po' tardino per continuare con anacronistici cannoni a canne rotanti con una manciata di colpi che è un terno al lotto piazzare su un bersaglio manovrante?

Share this post


Link to post
Share on other sites

E' un problema non da poco, ma non è colpa mie se se ne parla e comunque potrei risponderti con un'altra domanda: non è un po' tardino per continuare con anacronistici cannoni a canne rotanti con una manciata di colpi che è un terno al lotto piazzare su un bersaglio manovrante?

Touchè :) Vedremo come si evolverà la tecnologia.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×