Jump to content
Sign in to follow this  
Alpino

RQ 170 abbattuto o...

Recommended Posts

Beh, mettiamola in questi termini.

La stealthness in questo caso non è concepita per proteggere un pilota e un aereo altrimenti costosissimo e dotato di tecnologie all'avanguardia, ma penso vada letta in termini di incremento della capacità del velivolo di portare a termine la missione assegnatagli.

Certo, si poteva usare anche un Predator, ma un lento aereo con un motore di un ultraleggero sotto al cofano potrebbe essere un bersaglio un po' troppo facile per farlo volare in uno spazio aereo ostile dove non è nemmeno possibile operare in condizioni di superiorità aerea o comunque metterlo al riparo da ogni possibile minaccia.

Uno stealth a reazione può invece arrivare non visto e comunque non dare il tempo alla difesa aerea di reagire: è quindi un velivolo più adatto a poter compiere una missione a elevato rischio (anche di imbarazzi come giustamente dici tu), rischio che comunque è sicuramente contemplato nel momento in cui realizzo struttura, impiantistica e aerodinamica non all'ultimo grido.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Calma, che sia stato disturbato il segnale è cosa comunque da dimostrare...tanto che viene smentita da fonti statunitensi ed è innegabile che un guasto sarebbe tuttaltro che improbabile, mentre che ne abbiano preso il controllo e l'abbiano fatto atterrare è pura fantasia.

 

 

Salve a tutti.

Sono d'accordo con te Flaggy,

oggigiorno le tecniche di filtraggio elettroniche sono eccezionali, puoi ricostruirti il segnale in mezzo ad un mare di disturbi.

Basta ricordare la modulazione in Quadratura, frequenza e fase, e cosi via.

Sicuramente non da terra, o al massimo se ci fossero andati sopra con un loro aereo e questi poi a piena potenza avrebbe sparato dei disturbi sopra le antenne di ricezione .....

Per me, se e vero che e stato perso, le cause più probabili sono:

1-Se preso un fulmine sulle antenne in modo anomalo, e quindi era senza comunicazione.

2-Baco software

3-In qualche modo gli "Iranians" sapevano come entrare .... e questo sarebbe un problema .... :ph34r:

4-Possibilita remotissima; sapevano ionizzare il mezzo in volo, saturando gli stadi di ricezione, ma non ci credo che abbiano un sistema di puntamento che permetta questo ..... e per un tempo sufficientemente lungo!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ecco una dichiarazione del Presidente del Comitato dell'Itelligence USA

"I am satisfied in this particular case that no outside force brought this drone down," said Rogers, R-Mich., speaking at a conference sponsored by the Foreign Policy Initiative. "I will say without hesitation that this came down due to a technical problem."

 

... ed ecco l'articolo http://www.defensenews.com/story.php?i=8555661&c=MID&s=TOP

Share this post


Link to post
Share on other sites

si, beh, non che potesse dire altro, in pubblico.

 

Avesse detto 'se ne sono impadroniti entrando nei nostri database' avrebbe provocato subito la messa a terra di tutti i drones in tutto il mondo.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Gli iraniani hanno riferito la loro capacità di modificare le coordinate GPS del drone, per farlo atterrare in territorio iraniano senza alcun danno.

 

Devo dire che l'ipotesi è verosimile, soprattutto considerato lo stato del drone nelle foto e video iraniani.

Non si vede lo stato del carrello, ma anche in un atterraggio d'emergenza molto fortunato, i danni si sarebbero visti.

Sembra propio che siano riusciti a farlo atterrare da loro!!!!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Vi posto l'opinione di un blogger che mi pare abbastanza competente.

 

http://theaviationist.com/2011/12/17/drone-infographic/

 

Infographic: how the U.S. top secret stealth drone was captured by Iran December 17, 2011

Posted by David Cenciotti in captured stealth drone, Military Aviation.

Tags: Beast of Kandahar, CIA, Creech Air Force Base, drone, Electronic Warfare, Global Positioning System, GPS spoofing, Iran drone, jamming, Lockheed Martin RQ-170 Sentinel, Operation Neptune's Spear, RQ-170, Security, Sentinel, Special Operations, stealth, UAS, United States Air Force, USAF

6 comments

 

Even if the story that the U.S. stealthy RQ-170 Sentinel drone captured by Iran was hijacked using a GPS spoofing attack is based on known facts and vulnerabilities highlighted in Air Force official documents, the “ambush”, as detailed by an Iranian Electronic Warfare engineer to the Christian Science Monitor, contains some controversial points.

 

First of all, the lost-link procedure does not foresse the RQ-170 landing autonomously at his actual homebase (because of the many variables, such as wind and traffic) but orbiting until link is re-established or the drone runs out of fuel.

 

For instance, even under Remote Split Operations, landing is performed in Line Of Sight by the local ground control station: latency induced by the SATCOM link is not compatible with the last phases of the flight when immediate reactions of the robot’s control surfaces to the inputs given remotely by the pilot are required to safely bring the drone on the ground.

 

Furthermore, provided that the autolanding is used in the lost-link events, it is not that easy to land the drone on a different landing field than its homebase without causing major damages.

 

Finally, it seems quite weird that any insider so proud to have achieved a hack of the most secret U.S. unmanned aerial system (UAS) could be at the same time so uncautious to give the details of the entire operation to the public domain, with the first and most obvious consequence of not being able to repeat it in the future. Unless, the type of attack they have described is all but unexpected but very well known because highlighted in the above mentioned official documents.

 

So, I’ve asked once again my friend Ugo Crisponi to put on a nice infographic what I think may have happened on Dec. 4, 2011, when the drone was “downed”, based on all the details I was able to collect so far.

 

Here it is.

 

sentinel-infographic.jpg

 

I think the drone’s link with Creech AFB was disrupted using jamming. How did the Iranians know the “Beast of Kandahar” was in the vicinity if they couldn’t see it on the radar? They may have intensified jamming around uranium enrichment sites.

 

Serbians were able to shot down the F-117 because during the Allied Force planners put the F117s on repetitive routings. Stealth planes are not invisible. They are extremely difficult to see, if you don’t know where they are and you are not close enough to track them. Maybe something similar happened in Iran.

 

I think that Iran played a role in the crash landing simply because they were able to recover it. If they hadn’t known where the drone had landed they would not have been able to get their hands on it.

 

Once the link was lost, as per procedure, the drone started an series of racetracks/orbits waiting for the signal to be re-established. In this phase, maybe the Iranians were able to spoof the onboard GPS and guide the drone in the wrong direction. Nevertheless this would mean that the most important American drone relies only on the GPS for navigational purposes and doesn’t use an INS (Inertial Navigation System) platform. Indeed even some GPS-guided bombs as the JDAM (Joint Direct Attack Munition) use anti-jamming and anti-GPS spoofing systems, some of those are based on simple inertial measurement units.

 

Then, when the Sentinel ran out of fuel, it crashed. Even though it was not mentioned before, there’s a possibility that the drone survived the impact because it was equipped with a safety chute. In fact, I’ve noticed a mysterious hatch on the top of the RQ-170, that, among other things could host the parachute used to safe the precious drone.

 

It’s obviously a speculation because such a chute could safe the airframe but could also preserve it for the enemy when the drone runs out of fuel during a mission behind the enemy lines. As happened in Iran.

 

Look at the following video.

 

Stay tuned.

This, along with all the previous articles on the Sentinel drone in Iran, can be found at the following link (click and scroll down): http://theaviationist.com/category/captured-stealth-drone/

 

Edited by Alpino

Share this post


Link to post
Share on other sites

In effetti, qualche dubbio sui sistemi di trasmissione dati, e di guida, sta cominciando a venire:

 

3.3.4 Encryption and Potential C2 Link Vulnerabilities

 

Historically, sensor/data downlinks for some RPAs have not been encrypted or obfuscated. Unencrypted sensor data (e.g., FMV) is beneficial because the downlink is used to feed ROVER systems used by Joint Terminal Attack Controllers (JTAC) and other ground personnel, including uncleared coalition members and contractors. This is a life-saving capability. Nevertheless, not protecting against interception of sensor data has been criticized. “Fixing” this security issue by mandating NSA Type 1 encryption is likely to lead to an unacceptable key management burden because of the large number of users of RPA data that have a wide variety of access rights. However, commercial-grade, NSA-approved cryptography is available (“Suite B”). Commercial cryptography of this kind does not require the same degree of rigor in handling key material and encryption devices, and is not limited in operation to cleared personnel. There is relevant Department of Defense (DOD) activity in this general area.

 

Encryption has generally been used on C2 messages because the risks associated with compromise are higher (loss of the vehicle), and there is a greatly reduced need for sharing of the C2 data as compared with sensor data. However, crypto issues will likely be exacerbated when doing coalition/joint swarming across platforms that require shared C2 across security domains – a capability that is desired to fully exploit the potential of networked RPA operations.

 

http://info.publicintelligence.net/USAF-RemoteIrregularWarfare.pdf

 

ps: la foto a pagina 19 e' terrificante.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Da altre parti invece si sottolinea come i droni non usino affatto il gps come sistema di navigazione principale, ma un più affidabile INS.

Stiamo imparando molto sui droni in questi giorni.

 

http://www.aviationweek.com/aw/blogs/defense/index.jsp?plckController=Blog&plckBlogPage=BlogViewPost&newspaperUserId=27ec4a53-dcc8-42d0-bd3a-01329aef79a7&plckPostId=Blog%3a27ec4a53-dcc8-42d0-bd3a-01329aef79a7Post%3abca8e6e2-70ef-40a3-8c56-f83aa6fc7ade&plckScript=blogScript&plckElementId=blogDest

Edited by Alpino

Share this post


Link to post
Share on other sites

secondo me....quel drone stava svolazzando per vedere quà e là...possibili lanciatori o missili..a lunghissima gittata con magari una testata nucleare...come se ne parlò tempo fa sulle possibili armi nucleari Iraniane......un pò come accadde a Cuba..con i missili sovietici nel 1962 solo che ora abbiamo la moda dei drone

il drone è stato pizzicato e buttato giù..........un pò come accadde all'epoca all'U-2

 

e se non ricordoi male..i drone non hanno mica un sistema di autodistruzione simile a quello dei missili?...tale sistema se non erro si dovrebbe innescare quando esso viene a mancare del segnale continuo di guida? (anche se hanno una guida-rotta già impostata ed eventualmente modificanbile in volo per via dati elettronici)

non è che stiamo parlando di un aereo radiocomandato...o guidato via sms.. :asd:

 

http://www.ivid.it/film/7777/THIRTEEN+DAYS

 

perchè del DRONE abbattuto nel Napoletano.... :lol::asd:

 

http://www.lunaset.it/news.aspx?news=15809

Edited by eugy78 Fishbed

Share this post


Link to post
Share on other sites

secondo me....quel drone stava svolazzando per vedere quà e là...possibili lanciatori o missili..a lunghissima gittata con magari una testata nucleare...come se ne parlò tempo fa sulle possibili armi nucleari Iraniane......un pò come accadde a Cuba..con i missili sovietici nel 1962 solo che ora abbiamo la moda dei drone

il drone è stato pizzicato e buttato giù..........un pò come accadde all'epoca all'U-2

 

e se non ricordoi male..i drone non hanno mica un sistema di autodistruzione simile a quello dei missili?...tale sistema se non erro si dovrebbe innescare quando esso viene a mancare del segnale continuo di guida? (anche se hanno una guida-rotta già impostata ed eventualmente modificanbile in volo per via dati elettronici)

non è che stiamo parlando di un aereo radiocomandato...o guidato via sms.. :asd:

 

http://www.ivid.it/film/7777/THIRTEEN+DAYS

 

perchè del DRONE abbattuto nel Napoletano.... :lol::asd:

 

http://www.lunaset.it/news.aspx?news=15809

 

Ti sbagli proprio, non ho mai sentito parlare di sistemi di autodistruzione sui droni, anche se a seguito di questo episodio in molti hanno posto la stessa domanda.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Vorrei aggiungere alcune considerazioni a quanto già scritto.

 

L'RQ-170 è stato trovato a terra nei pressi della città di Kashmar, situata a circa 200-300 km dal confine afghano. Se si osserva l'orografia dell'Iran, si può notare una larga valle circondata da alte montagne che parte dal confine afghano e porta verso Kashmar, per poi proseguire oltre.

 

Quindi l'RQ-170 deve essere partito dall'Afghanistan, deve avere percorso almeno 200 - 300 km all'interno del territorio iraniano attraverso questa valle.

Dubito che che l'RQ-170 fosse su territorio afghano e che la stazione di controllo ne abbia perso il controllo. Contro questa ipotesi ci sono i fatti che l'UAV fosse usato dalla CIA, che il drone avesse marcate caratteristiche LO rispetto ad un Predator, e quindi adatto ad un volo furtivo, e che sarebbe stato molto fortunato a non schiantarsi contro le montagne della regione.

 

La distanza tra il luogo del ritrovamento e il confine è troppo elevata per fare una trasmissione terra bordo di tipo Line of Sight (LOS). Questa si può effettuare per 100 - 150 km (vedi le trasmissioni VHF). Inoltre la trasmissione dati LOS (up e down link) implica che il drone diventi un emettitore di radiazioni elettromagnetiche, diventando rilevabile da sensori ostili ed inficiando le sue caratteristiche LO. Quindi probabilmente il suo scopo era quello di entrare furtivamente in Iran, andare sull'obiettivo (qualunque fosse), fare i rilevamenti e registrarli a bordo per poi essere scaricati ed analizzati in fase post missione.

Penso inoltre che, vista la lontananza dal confine e vista la necessità di discrezione, il drone stesse volando una missione pre-programmata sul computer di bordo (volo con autopilota), senza comandi da terra o da satellite. Probabilmente la trasmissione da terra in modalità LOS era stata prevista solo per decollo e atterraggio.

 

A supporto dell'ipotesi di mancanza di un controllo via satellite, si noti che nelle fotografie si evince chiaramente la mancanza di un radome superiore adatto ad ospitare una parabola satellitare. Le gibbosità presenti sono quelle che ospitano i carrelli e la gobba centrale che consente l'accesso al motore. A titolo di confronto si guardino i radome superiori dei Global Hawk e dei Predator: sono lisci senza irregolarità o pannelli di accesso. Invece sull'RQ-170 vediamo numerosi pannelli per l'accesso ai sistemi interni.

 

Ma allora il drone è precipitato come dicono gli USA oppure i sistemi Comando / Controllo e Navigazione/FCS sono stati hackerati come dicono gli iraniani?

 

Premessa: un sistema elettronico - informatico si può hackerare solo se si conosce il sistema HW / SW e se si ha tempo, conoscenze e fortuna per trovarne le debolezze. Per fare un parallelo con i PC, è possibile hackerare (in certi casi) i sistemi Windows proprio perché sono molto diffusi e i pirati informatici hanno la possibilità, i mezzi e il tempo di scoprirne le vulnerabilità.

Per hackerare il sistema avionico dell'RQ-170, gli iraniani dovrebbero possedere lo stesso sistema HW / SW e testarlo nei loro laboratori fino a trovare il modo di controllarlo. Dato che è da escludere che gli iraniani possiedano il sistema avionico del drone, è da escludere che abbiano potuto hackerarlo. Inoltre dovrebbero conoscere tutti i segnali, codificati in forma binaria, per comandare il volo, ma ad un livello così preciso da poter condurre una fase di volo delicata come l'atterraggio.

Direi quindi che è impossibile che gli iraniani si siano impossessati del velivolo mediante hacking in volo.

 

Un'ulteriore nota sul sistema di navigazione.

Il sistema di navigazione di un aeroplano militare moderno si basa su piattaforma inerziale integrata da modulo ricevitore di segnale GPS militare. Internamente questi sensori integrano, tramite sofisticati algoritmi (Filtri di Kalman), i dati di posizione della piattaforma inerziale e i dati GPS. In caso di degrado dei segnali GPS, la piattaforma inerziale diventa la fonte principale di navigazione, dal momento che ricava i dati da misurazioni indipendenti da ausili esterni.

 

Va aggiunto che il GPS militare è criptato e quindi non è ingannabile dai trucchetti descritti dagli iraniani. Se gli iraniani avessero realmente hackerato il sistema GPS militare, l'intero sistema militare della NATO (navale aereo e terrestre) avrebbe enormi problemi a cui fare fronte!

 

Dopo avere esposto queste considerazioni direi che l'RQ-170 è precipitato per un guasto sconosciuto.

Come già osservato il velivolo è praticamente integro, nella parte superiore e del bordo di attacco.

Ciò mi farebbe pensare che il velivolo abbia avuto un guasto al motore o all'impianto carburante e che sia venuta a mancare la spinta propulsiva. Gli altri sistemi nel frattempo avrebbero continuato a funzionare, in particolare impianto elettrico e FCS, mantenendo il drone in volo livellato fino all'impatto con il suolo.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Lockheed's new mystery drone

 

Skunk Works’ Mystery Drone

 

My colleague Zach Rosenberg found this interesting satellite image of Lockheed Martin's facility at Plant 42 in Palmdale, California. It looks a lot like a RQ-170, but bigger... in fact, the shape--from what we can make out--looks a lot like the P.420. But who knows?

 

OSGEOINT%20(04DEC11)%20Skunk%20Works%20UAV-thumb-560x419-158892.jpg

 

LMCO%20P-420%20%27Lightstar%27-thumb-560x822-158895.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Iran shows U.S. stealth drone captured last year

 

Dating back to Oct. 10, 2012, the following report (brought to my attention by Giuliano Ranieri – thanks!), aired by Al-Manar TV (Lebanon) and made available on Youtube by the MEMRI (Middle East Media Research Institute) TV, shows what seems to be the U.S. RQ-170 Sentinel drone captured by Iran in December 2011.

The stealthy drone, was put on display along with missiles with the aim to acquaint the public with the capabilities of the IRGC.

The report says Iran has developed its new drones (including the new Israeli Hermes 450/Watchkeeper clone capable of carrying missiles and the VTOL tilt-wing UAV) based on technologies possibly adopted from the RQ-170.

However, in spite of all claims, Tehran has not provided substantiated any evidence to prove it has really decoded the radar-evading tech in the captured Sentinel.

 

http://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=TG3RgiC3QKo

Share this post


Link to post
Share on other sites

If Iran has decoded all data in the captured U.S. stealth RQ-170 drone it’s no big deal

 

In the last of a series of similar claims, a senior Iranian commander announced that Tehran has just extracted all the data stored in the RQ-170 Sentinel stealth drone which was captured last year.

“All the intelligence existing in this drone has been completely decoded and extracted and we know each and every step it has taken (during its missions),” Commander of the Islamic Revolution Guards Corps (IRGC) Aerospace Force Brigadier General Amir Ali Hajizadeh said, according to the FARS News Agency.

Noteworthy, he went on to say: “The US President (Barack Obama) had told the Israeli officials that the drone was tasked with spying on Iran’s nuclear program, but our experts found after decoding the drone that it had not performed even a single nuclear mission over Iran.”

sentinel-infographic.jpg

lthough it is possible that the batwing’s internal memories were not completely wiped out following the loss of satellite link with the ground control station in spite of the automatic erase that should start as a consequence of the loss of control procedure to prevent data from being recovered, it’s hard to believe something really interesting was still stored on the Sentinel when it was recovered.

Most probably, pre-planned waypoints, routes, other navigation stuff, along with some radio communication setting to establish satellite links with the remote control station: something quite “interesting” to understand the procedures used by the U.S. to spy on Iran, to guess the preferred routes, the operating altitudes, but nothing really crucial, especially if we consider that, unlike the X-47B, the RQ-170 is no longer the American cutting edge robot tech.

On the other side, as already explained, the circuitry, lenses, memories and sensors that survived the crash landing might have been evaluated, tested, copied and, possibly, improved with the help of Russia and China.

Share this post


Link to post
Share on other sites

L'Iran .... circondato dai droni USA ....

 

In 2010, the U.S. Surrounded Iran With Stealth Drones - RQ-170 Sentinels secretly staged to the UAE ....

Starting at least four years ago, the U.S. Air Force and the Central Intelligence Agency secretly and systematically surrounded Iran with America’s most high-tech, radar-evading spy drones.

 

Fonte .... https://medium.com/war-is-boring/404024f84fc0

 

9azp03.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Considerando la fonte primaria (IRNA) potrebbe essere propaganda.

 

Tuttavia, sembrerebbe che l'RQ-170 Sentinel sia stato copiato con successo e abbia condotto il suo primo volo sui cieli iraniani.

 

http://www.reuters.com/article/2014/11/10/us-iran-usa-drones-idUSKCN0IU14B20141110

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sì Fabio, i dubbi sulle capacità operative del coso rimangono legittime. Tuttavia sui droni l’Iran ha una certa competenza (al contrario che per quanto riguarda gli aerei a pilotaggio tradizionale).

Se non ricordo male si dice che qualche anno fa i servizi israeliani "neutralizzarono" un ingegnere iraniano che era un’autorità a livello mondiale in materia (non ho tempo per trovare le fonti, maledetto lavoro...)

Share this post


Link to post
Share on other sites

RQ-170 ... dopo anni ... se ne torna a parlare ...

 

Avvistato nel cielo della Vandenberg AFB ... Pictures: Lockheed Martin RQ-170 Sentinel Sighting In California ...

 

Altre fonti ...

 

War is Boring ... The U.S. Air Force’s Stealth Drone Could Have a New Mission ...

 

The War Zone ... Exclusive: Uniquely Configured RQ-170 Stealth Spy Drone Appears At Vandenberg AFB ...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

×