Jump to content
Sign in to follow this  
°Delta

Osama Bin Laden Ucciso in Pakistan

Recommended Posts

comp181-725x626.jpg

 

Quel che resta del corpo principale dell'elicottero distrutto nel corso dell'operazione.

Nonostante quanto afferma la didascalia della foto ....

 

A photo made available on 03 May 2011 shows part of the wreckage of a US military helicopter that crashed outside the compound where Osama Bin Laden ....

.... il velivolo è caduto all'interno del perimetro, probabilmente proprio sul muro, spezzandosi in due tronconi.

 

Slide22.png

 

comp171-682x725.jpg

A photo made available on 03 May 2011 shows a Pakistani Army soldier inspecting the part of the wreckage of a US military helicopter that crashed inside the compound where Osama Bin Laden

 

A caccia di souvenirs ....

 

comp5-725x481.jpg

Journalist films a local resident holding parts of the wreckage of a US military helicopter that crashed outside the compound (in background) where Osama Bin Laden ....

Share this post


Link to post
Share on other sites
Allora se sono partiti da una base non troppo distante da abbottabad,...

 

Non sarebbe sbagliato quello che intuisci, è gia stato detto che gli UAV partono da basi in Pakistan, però questo cozzerebbe col bisogno di non far sapere ai pachistani che l'operazione era in corso. Rimane la possibilità di un posto segreto messo in piedi in poche ore.

 

Scusa Guglielmo, leggi MP..

Edited by -{-Legolas-}-

Share this post


Link to post
Share on other sites

Con le dovute differenze, posso testimoniare una simulazione vissuta in diretta di un approccio veloce di un Mangusta, dal momento che avverti il rumore al momento che arriva a 5 metri dal terreno passano si e no 10/15 secondi, e parlo del lontano 1990, l'ho visto in diretta all'interno di una base Italiana per l'esattezza Viterbo.

Basta sapere esattamente la direzione del vento, arriva sottovento ad altissima velocità e frena in modo impressionante e con precisione.

Per i radar scusate non sono esperto ma qual'è la quota minima di avvistamento per un oggetto a bassa tracciabilità come un elicottero modificato come avete detto sopra?

I Pakistani era meglio non sapessero sono troppe le falle dei servizi di quel paese, ma è plausibile , come ho già scritto in precedenza dato l'assetto politico attuale molto movimentato (colpi di stato, assassinio della Bhutto il premier ex marito ecc.) , che non ci sia coordinamento tra poteri e di conseguenza c'è chi sà e chi non sà, a che livelli...boh.

Comunque non ricordo il nome ma c'è un esponente della casa bianca in pianta stabile ad Islamabad da due o tre giorni, visto nelle conferenze stampa insieme al presidente, e anche la Clinton ha espresso parole a favore del Pakistan, magari il capo delle forze aeree in accordo con gli scambi di tecnologie insieme agli americani, ha , come dire, spento il radar di quel settore.......chi lo sà...

 

Per quanto riguarda le prove fotografiche del morto sono in linea con questo giornalista di repubblica

 

http://tv.repubblica.it/dossier/morte-bin-laden/foto-di-osama-le-valutazioni-della-casa-bianca/67547?video

Edited by Nippur

Share this post


Link to post
Share on other sites

Riassumo quello che avevo scritto anche come domande e risposte (per tutti, prendendo spuntoo anche da ciò che ha scritto gianalfy):

1) può essere che l'elicottero sia andato distrutto perchè hanno sbagliato ad atterrare (vedere il muretto)?

2) l'elicottero si presume sia Uh 60 (da quello che avete inserito voi), modificato per renderlo stealth, ma comunque credo che le carratteristiche di autonomia possano rimanere similari, al modello "base" (Ferry range: 1,380 mi[98] (1,200 nmi, 2,220 km) with ESSS stub wings and external tanks, quindi senza gli elemeneti esterni per il carburante, l'autonomia diminuisce). Da questo punto come mi ha spiegato anche Legolas, può essere partito anche da una base su suolo del pakistan (da dove partono predator e repar, per bombardare i campi talebani), perchè il confine dell'afgh. da Abbottabad, dista circa 300 km (preciso, il confine, non la base di partenza in afghanistain che forse è ancora più lontana dall'obiettivo). Oppure come dice il nostro collega Legolas, un posto segreto.

3) leggendo il blog del ragazzo pakistano (dovrebbe essere qui a pagina 2 il link) che ha raccontato il blitz, parla di 2 aerei di cui uno è "crashed", il blitz inizia 9:58 pm e si conclude alle 10:44 pm (ovviamente sono gli orari dei messaggi, se ricordo bene, quindi forse qualche minuto prima era iniziato ed era finito, comunque circa 45 minuti di durata), qualcuno parla di droni, ma sicuramente non di aerei talebani (dice che non ne sono in possesso), ne dei "nostri" (=i loro, esercito pakistano). Per caso parla anche di black energetico della zona?

Ovvio che qualche azione per bloccare le difese, per l'avanzata degli elicotteri c'è stata.

4) Nei mie post precedenti ho spiegato perchè obl doveva essere preso morto (almeno secondo me), per una serie di ragioni, (avevo però letto, in un articolo italiano, che forse era stato ucciso da una sua guardia??). Io continuo a pensare che in generale, sia stato meglio ucciderlo, che prenderlo vivo.

5) si dice che vivesse lì da 6 anni circa, su http://www.globalsecurity.org/intell/library/imint/osama-bin-laden-raid.htm , ci sono le immagini a livello temporale della zona. Molto interessante, e sono quindi convinto che obl sia stato aiutato dai pakistani, da sempre...ovvio non il presidente, ma altri esponenti (qui però ci sarebbe da analizzare tutto il "caos" a livello politico che c'è stato negli ultimi 5-6 anni in quel paese).

6) Vi sono molte lacune in questa storia, che non verranno mai alla luce. Voglio solo rimarcare una cosa: the most wanted fugitive in the world, viene trovato in una palazzina (ok abbastanza fortificata, a livello difensivo, ma si dice senza armi), in una città del pakistan, a poche decine di kilmetri dalla capitale, con mogli e figli...e costui è la mente della più grande e pericolosa organizzazione terroristica mondiale..."fa strano".probabilmente , come ho già scritto, forse non era più lui il capo, anche se rimaneva la faccia di al qaeda. forse...

 

Saluti

Guglielmo da Baskerville

Share this post


Link to post
Share on other sites

beh i bombardieri non sono stati usati perchè possono essere sprecisi (in confroto a un faccia a faccia) e visti anche i risultati a tora bora...dove se non ricordo male si erano bombardate queste montagne proprio per far fuori Osama Bin Laden.

 

avete visto le foto della coda dell'elicottero dei SEALS...avete riconusciuto che modello è? io no.

dopo posto due foto...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Anche questo articolo non è male.

 

Sixteen hours dal Daily Mail

 

P.S. In fondo all'articolo, ci sono i commenti di diversi showman, tra i quali David Letterman. Consigliato.

 

Dalla ricostruzione dell'ANSA, pare che il raid sia partito da Jalalabad in Afghanistan.

 

ANSA

 

In linea d'aria sembrano 250-300 Km da Jalalabad ad Abbotabad.

 

Una cronologia di tutte le smentite sulla morte di OBL e della donna uccisa nel raid.

Edited by -{-Legolas-}-

Share this post


Link to post
Share on other sites

Niente Foto di Osama (almeno per adesso)

La Casa Bianca annuncia la decisione di Obama: gli scatti del cadavere di bin Laden sono troppo cruenti e metterebbero a rischio la sicurezza nazionale.

Emergono nuovi particolari sull'operazione delle forze speciali nel compound di Abbottabad. Quando è stato ucciso, Bin Laden aveva 500 euro in tasca e un foglietto con due numeri di telefono cucito nei vestiti, e forse si preparava alla fuga. E la figlia sostiene che il padre fosse ancora vivo quando è stato preso, per poi essere ucciso davanti ai suoi familiari.

L'immagine del cadavere di Bin Laden è stata vista da molti parlamentari americani, e anche secondo il presidente della Commissione Servizi della Camera dei Rappresentanti, il deputato Mike Rogers, repubblicano, non vi sono ragioni sufficienti per pubblicarla. "I rischi della pubblicazione sono maggiori dei benefici" ha affermato, sottolineando che a suo avviso coloro che sostengono la teoria del complotto e che Bin Laden non sia stato ucciso perché non viene fornita alcuna prova concreta che fosse davvero lui continueranno a farlo anche in caso di pubblicazione e arriveranno a dire che la foto è un falso. La pubblicazione della foto, per Rogers ed altri colleghi, rischia di avere l'effetto di mettere in ulteriore pericolo i soldati americani impegnati in Medio Oriente. "Bin Laden non è un trofeo, è morto. Concentriamoci su Al Qaeda", invita il deputato.

La penso come lui....

 

Problemi con la combat camera

Vuoto di 25 minuti durante la diretta del blitz alla Casa Bianca. Anche se hanno seguito in diretta il raid dei Navy Seals in Pakistan, neppure il presidente e gli stati maggiori della sicurezza nazionale, riuniti nella Situation room alla Casa Bianca, hanno visto gli attimi della morte di Bin Laden. Nonostante le sofisticatissime tecnologie della Cia che hanno consentito di mettere la Situation room in condizione di seguire la missione in tempo reale, nel flusso di informazioni c'è stato un black out di 20, 25 minuti. Lo ha rivelato alla Pbs il direttore della Cia, Leon Panetta.

"Vi sono stati 20-25 minuti in cui davvero non sapevamo cosa stesse succedendo, sono stati momenti molto tesi - ha detto Panetta -. Poi l'ammiraglio McRaven è tornato per avvisarci che aveva colto la parola 'Geronimo', che era il nome in codice per dire che Bin Laden era stato preso". Ma in quell'intervallo di tempo, sia alla Casa Bianca sia alla Cia vi è stato silenzio assoluto. "Minuti lunghi come anni - ha ammesso Panetta - perché non sapevamo cosa stesse succedendo. Poi è arrivato il segnale 'Geronimo', seguito da EKIA", in gergo Enemy Killed in Action, nemico ucciso durante l'azione.

 

Link ad altre foto del raid dei resti dell'elicottero e delle vittime , un pò cruente:

http://www.repubblica.it/esteri/2011/05/04/foto/blitz_osama_le_foto_degli_altri_corpi-15791450/1/?ref=HREA-1

 

Dati estratti da La repubblica

Edited by Nippur

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sul Guardian c'è la foto della parte centrale del Balck Hawk distrutto dalle forze speciali.

 

wreckage-007.jpg

 

Un ex-membro delle SF, rivela in un intervista ad ArmyTimes, che gia negli anni 90 è stato chiesto alla Lockeed di fare in modo che il Black Hawk risultasse quanto più stealth possibile, con l'aggiunta di 500-1000 lbs di peso e le forme triangolari, simili a quelle di un F-117, i BH del 160th sarebbero molto più simili ad un Comanche che all'elicottero delle forze speciali che già conosciamo.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ancora dal "Daily Mail" a proposito dell'elicottero misterioso ....

 

http://www.dailymail.co.uk/news/article-1383482/Osama-Bin-Laden-dead-Did-US-forces-use-stealth-helicopters-raid.html

 

 

"Navy Time" accredita l'ipotesi di una versione stealth del "Back Hawk" ....

 

http://www.navytimes.com/news/2011/05/army-mission-helocopter-was-secret-stealth-black-hawk-050411/

 

 

050411tns-downed-chopper-800.JPG

Share this post


Link to post
Share on other sites

è anche vero che adesso dicono che era disarmato, ma immagino che in quei momenti anche un barattolo di schiuma da barba in mano sarebbe scambiato per un ordigno, poteva anche farsi saltare, chi gli ha sparato comunque ha tutta la mia solidarietà.....

 

Disarmato o no, se faccio irruzione in una stanza e trovo chi ha ucciso 4000 persone, in casa mia, per semplice fanatismo religioso, gli sparo in faccia anche se ha in mano uno spazzolino da denti.

Share this post


Link to post
Share on other sites

500 euro, mah, è strano per una parte del Mondo dove la moneta più conosciuta sono i dollari (vist che probabilmente molti non hanno mai visto un Euro, non essendoci un gran flusso turistico), a meno che non si preparasse a traslocare in Europa

Share this post


Link to post
Share on other sites

Niente Foto di Osama (almeno per adesso)

La Casa Bianca annuncia la decisione di Obama: gli scatti del cadavere di bin Laden sono troppo cruenti e metterebbero a rischio la sicurezza nazionale.

Emergono nuovi particolari sull'operazione delle forze speciali nel compound di Abbottabad. Quando è stato ucciso, Bin Laden aveva 500 euro in tasca e un foglietto con due numeri di telefono cucito nei vestiti, e forse si preparava alla fuga. E la figlia sostiene che il padre fosse ancora vivo quando è stato preso, per poi essere ucciso davanti ai suoi familiari.

L'immagine del cadavere di Bin Laden è stata vista da molti parlamentari americani, e anche secondo il presidente della Commissione Servizi della Camera dei Rappresentanti, il deputato Mike Rogers, repubblicano, non vi sono ragioni sufficienti per pubblicarla. "I rischi della pubblicazione sono maggiori dei benefici" ha affermato, sottolineando che a suo avviso coloro che sostengono la teoria del complotto e che Bin Laden non sia stato ucciso perché non viene fornita alcuna prova concreta che fosse davvero lui continueranno a farlo anche in caso di pubblicazione e arriveranno a dire che la foto è un falso. La pubblicazione della foto, per Rogers ed altri colleghi, rischia di avere l'effetto di mettere in ulteriore pericolo i soldati americani impegnati in Medio Oriente. "Bin Laden non è un trofeo, è morto. Concentriamoci su Al Qaeda", invita il deputato.

La penso come lui....

 

 

 

Più passa il tempo e quella che doveva essere una lineare operazione militare con ampi risvolti politico-stragegici assume sempre di più l'aspetto del classico pastrocchio all'americna come è oramai triste abutidine da 30 anni a questa parte.

 

Sono passati alcuni giorni dall'azione e ancora non è chiaro se l'obiettivo era di prendere OBL vivo oppure no.

Non entro nel merito della natura etica della questione, visto che c'è gente che avrebbe processato pure Stalin e Hitler....però al di là di questo genere di questione, la possibilità di portare vivo OBL non solo di fronte ad un giudice ma ad una commissione incaricata di spremerlo fino all'ultima goccia doveva essere l'opzione principale.

Lo dice la logica stessa della natura della counter-intelligence ma lo esige la storia politica USA degli ultimi 4 presidenti. (a voler essere micragnosi).

Osama doveva essere interrogato, doveva chiarire agli Americani la natura dei rapporti avuti con le amministrazioni precedenti, con i servizi segreti USA, doveva dare ampie informazioni sulla natura stessa di Al-Qaeda se ancora ne era a capo o fino a quando ne era stato, i suoi finanziatori e quali paesi dovevano essere annoverati tra i suoi fiancheggiatori.

La sua morte, la frettolosa sepoltura, le ridicole giustificazioni di immagini troppo cruente che "potrebbero mettere in pericolo la sicurezza nazionale" o ""la vita dei nostri soldati" suonano come una presa in giro, visto che su internet e sui canali in lingua araba come Al Jazeera circolano e sono circolate immagini che al confronto le immagini di un cadavere, per quanto illustre, sembrano le immagini per l'edizione settimanale di Gente.

Per chi conosce la mentalità araba sono più pericolose le immagini di un uomo morto o le immagini di una donna che tiene al guinzaglio un maschio musulmano?

E come mai nessuno ha avuto da dire su quanto arrivava da Fallujah. dove le immagini gettate in pasto alla gente non erano quelle di un uomo che aveva deciso con le proprie azioni il suo destino, ma quelle di civili (uomini, donne, bambini) rimasti intrappolati in una delle più cruente battaglie degli ultimi decenni.

E paventare il rischio di ricatti, di fomentare lo spirito di rivalsa, suona ancora a pietosa bugia, visto che non credo che nessuno da parte americana può attendersi una mitigazione delle eventuali rappresaglie terroristiche solo per il fatto di aver evitato di mostrare il cadavere di Osama e dopo aver constatato che cadavere o non cadavere il sentimento di protesta in larga parte dei paesi musulmani è montato a prescindere dell'esibizione e in virtù della natura stessa della comprensione da parte delle popolazioni musulmane della figura di OBL.

Come da censurare sono poi le notizie riguardo al funerale, specie dopo che si è comunicato al mondo intero che il corpo di OBL è stato portato in Afghanistan e lì fotografato, esaminato, quindi non mi si venga a parlare di osservanza dei precetti dela Shari'ah, quando si poteva facilmente tacitare ogni obiezione dell'ultimo mullah della terra, avvolgendo il cadavere in un lenzuolo bianco, mettere lo stesso con il capo rivolto alla Mecca e scegliere per evitare il pericolo di pellegrinaggi l'angolo più sperduuto e nascosto dell'Afghanistan.

E se dico questo lo dico anche in virtù del fatto che questa operazione è stata fatta, con finalità ancora da chiarire, da una amministrazione DEMOCRATICA e con un presidente che si è sempre voluto smarcare da ogni similitudine con le amministrazioni precedenti e che tra le file dei suoi sostenitori ha tutta una serie di individui che ancora oggi cavalcano in relazione agli eventi dell'11 settembre il "ronzino" della messinscena, dell'inganno, del tradimento.

Se gli avvenimenti di queste ore, l'uccisione di Bin Laden, la non divulgazione delle fotografie, il frettoloso funerale fossero state opera di una amministrazione REPUBBLICANA vogliamo solo immaginare quale sarebbe stata a livello MONDIALE la natura dei commenti?

 

Mi ripromettevo di tornare sul problema PAKISTAN e mi ha aiutato in questo senso l'intervento di Obama che ha tenuto a ribadire il ruolo essenziale svolto dai Pakistani nella vicenda.

C'era bisogno? o è stata una mossa necessaria per riallacciare i rapporti nel momento in cui almeno apparentemente per le azioni fatte, per quelle non fatte, per le dichiarazioni di alcuni componenti lo staff presidenziale si mette in discussione la lealtà del principale alleato alla lotta al terrorismo nella regione e chiaramente si stuzzica la sensibilità dei suoi dirigenti.

 

La mia personalissima opinione è che i pakistani da tempo avevano messo per così dire in custodia l'ex capo di Al Qaeda e con molta probabiltà la cosa non doveva essere sconosciuta agli stessi americani. Baso questa mia impressione sulle analisi che hanno fatto Francesi e Israeliani delle mosse dell'inntelligence americano e sulla natura degli sviluppi interni del Pakistan.

Che poi la necessità di passare all'azione debba essere collegata a motivi di politica interna per Obama o per il timore che OBL potesse trovare ospitalità altrove possiamo solo farla diventare materia di speculazioni.

Resta però evidente il fatto che: I Pakistani e gli USA sapevano da lungo tempo di OBL, che lo stesso era tenuto per così dire in naftalina, che la missione è stata concordata con le autorità pakistane e che quest'ultime devono aver venduto a caro prezzo il lor oprezioso ospite.

Sui primi due aspetti credo che siano tutti oramai d'accordo, sul fatto che l'arrivo della task force aerea sia stato per così dire "ignorat0" dalle forze di difesa aerea pakistane lo dice l'esame stesso della missione, il piano di volo come comunicato (se sono partiti da una base pakistana la questione non si pone nemmeno).

La regione in questione è piatta, le vie di avvicinamento all'obiettivo sono prive di rilevi, la rete radar di Islamabad è dal 2008 basata su apparati di costruzione USA di ottimo livello (AN/TPS-77) capace di identificare senza problemi bersagli fino a 250 miglia nautiche.

Possiamo anche accettare che in arrivo per circostanze da chiarire lla scoperta non possa essere avvenuta, ma che gli stessi in movimento sopra il bersaglio per 40 minuti e poi in allontanamento possano essere passati inosservati lo si può psiegare solo con il fatto di aver girato la testa dall'altra parte.

Cosa possa aver chiesto in cambio il Pakistan si può solo ipotizzare.

Qualcuno ha parlato della cessazione dei voli armati dgli UAV USA....può darsi, ma io non trascurerei il fatto che con il prossimo, ampiamente prevedibile disimpegno americano dall'Afghanistan, il Pakistan diventerà l'attore principale dei tentativi di contenimento e di lotta al terrorismo sia nei confronti dell'estremismo islamico sia nei confronti della opposizione talebana al governo di Kabul.

Serviranno soldi, mezzi, e i Cinesi hanno abbondanza degli uni e degli altri.....

 

 

G.L.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il ministro degli esteri pachistano Salman Bashir, ha affermato che gli USA hanno effettuato una grave ingerenza nella sovranità nazionale, essendo stati i loro radar "impediti" per tutto il tempo del raid.

 

Vai all'articolo

Share this post


Link to post
Share on other sites

 

La regione in questione è piatta, le vie di avvicinamento all'obiettivo sono prive di rilevi, la rete radar di Islamabad è dal 2008 basata su apparati di costruzione USA di ottimo livello (AN/TPS-77) capace di identificare senza problemi bersagli fino a 250 miglia nautiche.

Possiamo anche accettare che in arrivo per circostanze da chiarire lla scoperta non possa essere avvenuta, ma che gli stessi in movimento sopra il bersaglio per 40 minuti e poi in allontanamento possano essere passati inosservati lo si può psiegare solo con il fatto di aver girato la testa dall'altra parte.

 

 

La versione pakistana è che gli statunitensi gli hanno oscurato i radar:

 

13.20 - Pakistan: "Ci hanno bloccato i radar"

I radar pachistani furono paralizzati durante il blitz del Navy Seal Team nella casa di Osama Bin Laden ad Abbottabad. Lo ha rivelato il sottosegretario agli Esteri pachistano Salman Bashir. Alla domanda di un giornalista sul perché non vi è stata una reazione immediata del Pakistan al raid, Bashir ha risposto: "I nostri radar sono stati bloccati durante quella operazione. Si è trattato di una operazione segreta e i militari non erano stati infornati di essa".

 

TGcom

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il ministro degli esteri pachistano Salman Bashir, ha affermato che gli USA hanno effettuato una grave ingerenza nella sovranità nazionale, essendo stati i loro radar "impediti" per tutto il tempo del raid.

 

Vai all'articolo

 

 

Beh, spero che il responsabile della difesa aerea che per 40 minuti e passa ha avuto i radar oscurati e che non si è degnato neanche di far decollare un canarino per vedere se stava succedendo qualcosa venga preso a calci nel didietro e messo a sorvegliare le latrine......

 

Ma questi ci prendono per scemi?

 

G.L.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Forse un canarino avrebbe avuto maggiori possibilità di intercettare gli incursori che non un aereo da combattimento che, in una situazione di massicce interferenze sui sistemi radar, presumo, avrebbe avuto accecato anche il suo ....

Share this post


Link to post
Share on other sites

googlando ho trovato questo, che dite sarebbe un MH-60 modificato?

 

silenthawk.jpg

 

stealthhelo_sm.jpg

Edited by AureliaSS1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Si tratta di concetti ipotetici più o meno spinti, come quello apparso sul sito di David Cenciotti che, fra l'altro, è stato aggiornato ....

 

mh-x4-new.jpg

http://cencio4.wordpress.com/2011/05/05/stealth-black-hawk-down-revised-sketch/

 

 

In effetti questo è molto suggestivo .... e, quasi sicuramente, nei prossimi giorni ne appariranno degli altri.

La realtà potrebbe però risultare molto diversa .... si tratta soltanto di aspettare che venga rivelato qualcosa di più concreto.

 

La qual cosa mi riporta alla memoria il Febbraio del 1964, quando negli USA venne rivelato lo straordinario Lockheed A-11 (alias YF-12, alias SR-71).

All'inizio ne venne rilasciata soltanto un'immagine che lo ritraeva di profilo ....

 

http://www.flightglobal.com/pdfarchive/view/1964/1964%20-%200596.html

 

A-11

Since 1959 Lockheed Aircraft have been engaged in the development of a Mach 3 (2,000 m.p.h.) fighter for the USAir Force.

Designated A-11, the existence of the project was revealed on February 29 by President Johnson; it had previously been a secret kept as closely as the company's earlier U-2.

Obviously derived from the X-15, the A-11 is appreciably longer (estimate, 110ft) and has an air-breathing engine: a single Pratt & Whitney J58 (JT11) of some 45,OOOIb thrust with reheat.

It carries the experimental radar fire-control and air-to-air missile originally developed by Hughes Aircraft for the defunct F-108 Rapier.

According to Sen Robert Russell "11 or 12" of these aircraft are now flying from Edwards AFB, and are "almost ready to be accepted formally by the AirForce."

The A-11 is constructed largely of titanium, and has a range of "thousands of miles" at 70,000ft.

President Johnson said that the A-11 had brought "major advances in aircraft technology of great significance to both military and commercial application."

.... il resto venne lasciato all'immaginazione.

 

A quel punto tutte le principali riviste aeronautiche si precipitarono a realizzare e pubblicare disegni che rappresentavano la presunta pianta alare dell'aereo.

Nessuna la indovinò.

Il settimanale "Flight International" fu forse quello che vi andò più vicino ....

 

http://www.flightglobal.com/pdfarchive/view/1964/1964%20-%200652.html

 

.... ma si dovette aspettare sino a Ottobre per poter vedere com'era effettivamente fatto ....

 

http://www.flightglobal.com/pdfarchive/view/1964/1964%20-%202615.html

 

.

Edited by TT-1 Pinto

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ah, sapevo che c'era qualcosa di strano in quel rotore! In effetti a pensarci bene ha molto + senso un elicottero da utility a bassa osservabilità da utilizzare per questo genere di azioni piuttosto che un elicottero come il comanche. Mi chiedo se lo stallo e lo schianto del veivolo coinvolto nell'operazione siano dovuti a qualche errore di pilotaggio, al fuoco delle armi leggere da terra o a qualche tipo di problema dovuto ad un mezzo non maturo e testato al 100%.

 

 

Sul resto... c'è poco da dire. Il pakistan è stato beccato con le mani nella marmellata, sul fatto che in qualche modo abbiamo coperto Osama non ci piove, e sarebbe assurdo anche solo pensare il contrario.

 

Sulle foto di Osama morto e le modalità dell'uccisione, secondo il mio personalissimo (e ribadisco personalissimo) parere, se non le hanno pubblicate evidentemente c'è scappata qualche porcata.

Magari l'hanno sparato senza nemmeno dargli il tempo di arrendersi o mentre era inerme, o forse l'hanno catturato ed ucciso arbitrariamente, o forse ancora l'hanno picchiato e malmenato. Non so cosa è andato male, ma qualcosa di non proprio politically correct dev'essere successo. E la cosa che me lo fa credere è la velocità con il quale si sono sbarazzati del corpo. Nemmeno 24 ore...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Si, anche a mio parere il non mostrare il cadavere al mondo è stato un errore "di immagine" per così dire. Mostrare il corpo invece sarebbe stato molto più indicato.

Sicuramente avranno avuto i loro motivi per non mostrarlo, non mi immischio nella faccenda, ma gli antichi romani mi paiono molto più saggi di noi oggi. Appena sconfiggevano un nemico di Roma lo mostravano (ancora vivo se possibile) legato al carro del vincitore in trionfo.

Da quel che mi ricordo, Giulio Cesare portò a Roma Vercingetorige re dei Galli incatenato come una schiava alla biga del vincitore di Alesia e solo poi lo fece assassinare (ahivoglia i Francesi a inventarsi Asterix...).

Ottaviano Augusto, dopo la battaglia di Filippi, fece decapitare il cadavere di Bruto e mandò la testa a Roma, perchè così fosse chiaro a tutti cos'era successo e chi comandava ora (poi prese la testa di Bruto e dopo averla esibita come trofeo e come prova, la fece rotolare ai piedi della statua di suo padre adottivo, Cesare, che da Bruto era stato assassinato).

Perfino la mia gatta mi porta davanti casa i sorci che ammazza per farmi vedere quanto è brava, e qualche volta li porta ancora vivi, così mi fa vedere che sono freschi di giornata...

Mah!

Edited by Hobo

Share this post


Link to post
Share on other sites

Perfino la mia gatta mi porta davanti casa i sorci che ammazza per farmi vedere quanto è brava, e qualche volta li porta ancora vivi, così mi fa vedere che sono freschi di giornata...

Mah!

Bella questa :D

 

Comunque all'inizio di questa vicenda ero in completo disaccordo con Gianfly mentre a questo punto, dopo che l'amministrazione Obama si rifiuta di mostrare il corpo, qualche dubbio mi viene. Anche secondo me c'è scappata qualche porcata.

Tuttavia cercare di ipotizzare cosa sia successo e le ragioni per cui non mostrano il corpo è mera speculazione. Non abbiamo nessun elemento per dire che Bin Laden intrallazzava con i servizi segreti USA, o che è stato ucciso perchè sapeva "troppe cose" su persone "troppo influenti" (come è stato ipotizzato da qualcuno alcuni post indietro), o che è stato dilaniato da una granata, e sparso in mille pezzettini, per cui non ci sarebbe nessun corpo da mostrare. O magari è vivo e collabora segretamente, mentre tuttob il mondo lo crede morto..

 

Chi lo sa, quello che è sicuro è che non vedremo un altro suo video in cui incita i suoi sostenitori alla jihad, che al qaeda ha ricevuto un altro duro colpo, e che Obama ne benficierà in qualche modo.

Edited by PJ83

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

×