Jump to content

Libia - Discussione Ufficiale


Recommended Posts

 

Ma quale fobia,allora hanno fobia l'Egitto,la Libia,il generale Mori,il comandante Paglia,il ministro della difesa,il ministro degli esteri,Berlusconi.Tutti questi ci hanno chiesto di intervenire e prima di loro con condizioni simili Churchill,Bush e altri.

fermo restando gli statisti passati, se non addirittura morti e che non vedo cosa c'entrino... tu citi un paese confinante, che ha già di suo, problemi di terrorismo islamico interno e personaggi o ridicoli o che devono dire determinate cose ma che, a conti fatti, non mi pare abbiano ancora ordinato uno strike di tutta l'AMI su due tecniche pulciose o sbaglio?

 

 

Il terrorismo non c'entra niente,sarebbe la stessa cosa con nazisti a 300km a nord.

non è la stessa cosa e ti è già stato spiegato il perchè. sei pregato, quindi, o di rassegnarti o di far evolvere il discorso, anche perchè la cosa sta diventando controproducente per la discussione.

 

 

Il pacifista Vorthex li lascerebbe crescere e armarsi.

in anni di frequentazione del forum, ma mi avevano dato del pafista... signori, avete il diritto di sganasciarvi dalle risate :asd:

tornando seri... non è questione di essere pacifisti, è questione di essere persone più o meno razionali nell'affrontare il problema ISIS e nel capire che, anche alla luce delle ultime esperienze mondiali nell'affrontare tali problemi, non è spianandoli e basta che si risolve il problema.

 

 

Allora è fobia anche spendere 12 miliardi per gli F35,dove sono i cattivi che ci stanno attaccando per giustificare una spesa spropositata? Neanche si vedono all'orizzonte. La risposta è vecchia 2000 anni,non invento nulla di nuovo, si vis pacem para bellum e anche Cartago delenda est.

e infatti l'Italia, pur con mille scompesi, ha un suo bilancio della difesa ed i suoi programmi di rinnovo (vedasi anche la nuova legge navale) ed il paragone con Cartagine non ha alcun valore: Cartagine era in grado di portare la guerra in Italia, con un esercito convenzionale, e di minare i commerci di Roma... l'ISIS no.

 

Vorthex non ha risposto alla domanda se gli Stati Uniti lascerebbero il Califfato islamico davanti alla loro costa. La risposta onesta è che gli Stati Uniti interverrebbero

la risposta è che si sono tenuti e si tengono Cuba comunista da 60 e passa anni e che, quindi, si interviene quando lo si ritiene necessario, come ho sempre detto. sei tu che sei paranoico e riproponi le stesse domande.

Edited by vorthex
Link to post
Share on other sites
  • Replies 1.1k
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Top Posters In This Topic

Popular Posts

scusa f104, toglimi una curiosità. In che modo secondo te attaccare la libia renderebbe più difficile ai terroristi commettere un attentato in italia? Pensi forse che il fatto che la libia sia vicina

non è una questione di avere o meno gli attributi, ma di farti dispetto no vabè, seriamente, non si giudica conveniente intervenire adesso e non a torto, considerando anche i precedenti.   che c'

F-104 spero, vivamente, tu stia scherdando.

La domanda era un'altra e non hai risposto. Poi il fatto che "qualcuno" mi spieghi e dice che l'Isis è stato craeto dagli USA mi fa piacere. Sono ancora più convinto di quello che dico

Proprio creato é esagerato(nobili Sauditi e il Quatar sono i maggiori finanziatori) diciamo che finché si chiamavano ELS e massacravano solo civili siriani(esseri umani di serie b per la propaganda occidentale) facevano molto comodo in occidente e sono stati supportati un pò da tutti.

Link to post
Share on other sites

 

Vorthex non ha risposto alla domanda se gli Stati Uniti lascerebbero il Califfato islamico davanti alla loro costa.

 

 

la risposta è che si sono tenuti e si tengono Cuba comunista da 60 e passa anni e che, quindi, si interviene quando lo si ritiene necessario, come ho sempre detto. sei tu che sei paranoico e riproponi le stesse domande.

 

 

La domanda era un'altra e non hai risposto.

F-104, deciditi però :asd:

quale è sta benedetta domanda?

Link to post
Share on other sites

Gli Stati Uniti hanno Cuba a poche miglia dalla florida e la Russia non è tanto distante dall'Alaska... L'Isis ha presenze relativamente piccole in Libia, in Iraq e Siria sta indietreggiando e non potra mai avere capacita di sbarcare forze in Europa, il tuo allarmismo F-104 è un po esagerato direi

Link to post
Share on other sites

 

 

F-104, deciditi però :asd:

quale è sta benedetta domanda?

La domanda era se gli USA lascerebbero crescere il Califfato islamico davanti alla costa. Non hai potuto rispondere si' per non fare ridere tutto il mondo compreso Bin Laden in fondo all'oceano con in fronte una pallottola targata Navy Seal

Link to post
Share on other sites

ti ho già risposto. ri-quotiamo, forse questa volta leggerai la risposta:

la risposta è che si sono tenuti e si tengono Cuba comunista da 60 e passa anni e che, quindi, si interviene quando lo si ritiene necessario, come ho sempre detto. sei tu che sei paranoico e riproponi le stesse domande.

Edited by vorthex
Link to post
Share on other sites

Un pò deludente questo forum. "Poteva benissimo ospitare missili atomici" che gli USA stavano scatenando la fine del mondo. Vorthex fai un giro di parole e non fai il nome del califfato. Intanto il Canada è già impegnato in scontri via terra contro il Califfato,tanto per dimostrare chi ha le palle e chi consegna anche le mutande dietro minaccia di un coltellino per matite.

Link to post
Share on other sites

 

Un pò deludente questo forum.

se il forum non appaga il tuo fine palato, puoi anche abbandonarlo.

 

 

Vorthex fai un giro di parole e non fai il nome del califfato.

perchè non dovrei fare il nome del califfato e fare, contemporaneamente, un giro di parole? illuminaci.

 

 

Intanto il Canada è già impegnato in scontri via terra contro il Califfato tanto per dimostrare chi ha le palle e chi consegna anche le mutande dietro minaccia di un coltellino per matite.

uuu e chi ha consegnato le mutande? vogliamo nomi e cognomi.

ovviamente, tralasciamo di dire che il fatto accade in Irak, non Libia, dove opera, da mesi, una coalizione internazionale, di cui noi facciamo parte.

Edited by vorthex
Link to post
Share on other sites

Un pò deludente questo forum. "Poteva benissimo ospitare missili atomici" che gli USA stavano scatenando la fine del mondo.

 

Guarda io ho cercato di capire il tuo pensiero, forse è troppo alto per il mio misero livello ma sinceramente non capisco dove vuoi andare a parare, ripeto leggo il forum e questa discussione dove trovo spunti di discussione e idee molto interessanti ma penso che forse tu esageri un pochino.

Link to post
Share on other sites

 

Guarda io ho cercato di capire il tuo pensiero, forse è troppo alto per il mio misero livello ma sinceramente non capisco dove vuoi andare a parare, ripeto leggo il forum e questa discussione dove trovo spunti di discussione e idee molto interessanti ma penso che forse tu esageri un pochino.

Vado a parare dalla stessa parte del generale Mori,del comandante Paglia,dell'Egitto,del governo libico di Tobruk e cioè che è inaccettabile lasciare crescere e installarsi il califfato islamico a 300km dalla costa. Gli USA per esempio non lo permetterebbero ma la differenza è che loro hanno le palle,noi siamo famosi per essere tra i più vigliacchi al mondo.

Link to post
Share on other sites

Vado a parare dalla stessa parte del generale Mori,del comandante Paglia,dell'Egitto,del governo libico di Tobruk e cioè che è inaccettabile lasciare crescere e installarsi il califfato islamico a 300km dalla costa. Gli USA per esempio non lo permetterebbero ma la differenza è che loro hanno le palle,noi siamo famosi per essere tra i più vigliacchi al mondo.

Ci credo i libici lo hanno alle porte di casa é ovvio che siano preoccupati noi li abbiamo a difenderci il mediterraneo e risorse militari maggiori.

 

Tra l'altro tutte gli stati membri della coalizione anti-ISIS hanno forze speciali sul terreno.

 

Magari non tutti hanno la necessitá di sbandierarlo ai 4 venti come il premier canadese, giá noto per le sue uscite propagandistiche di dubbio gusto.

 

E quindi cosa facciamo scateniamo l'invasione e la rendiamo nostra colonia(ho trovato davvero commenti così in altri lidi)per poi ritrovarci coinvolti in una guerra civile e farci falciare dai cecchini e dalle IED.

Edited by davide9610
Link to post
Share on other sites

Vado a parare dalla stessa parte del generale Mori,del comandante Paglia,dell'Egitto,del governo libico di Tobruk e cioè che è inaccettabile lasciare crescere e installarsi il califfato islamico a 300km dalla costa. Gli USA per esempio non lo permetterebbero ma la differenza è che loro hanno le palle,noi siamo famosi per essere tra i più vigliacchi al mondo.

Una fama immeritata quella dei "più vigliacchi", posso capire il tuo punto di vista, ma vorrei sottolineare che:

1) Noi italiani non siamo più vigliacchi degli altri. Basta ricordare come scappavano le SS con i russi prima e Simon Wiesenthal poi alle calcagna.

 

2) Molto spesso, anche se non sempre, il più "vigliacco" è contemporaneamente anche il più intelligente del gruppo, dato soprattutto il fatto che ad essere "eroi" ci riescono anche e soprattutto i deficienti. Con questo non intendo fare l'apologia del vigliacco, ma voglio dire che molto spesso la vigliaccheria nasce da una corretta analisi delle forze in campo e dei loro rapporti e questa è sicuramente una forma di intelligenza. L'ultimo giapponese è uscito dalla giungla nel '72 perchè pensava che la guerra fosse ancora in corso. Un italiano ti pare che sarebbe mai arrivato a tanto?

 

3) I coltellini per matite a me mi fanno paura eccome, se a te non te la fanno ne sono lieto: mettiti pure in prima fila, parti (non so quanto ti convenga) e torna pure o vittorioso, o steso rigido e freddo sul tuo scudo. La tragedia è che non solo quando uno muore in guerra il mondo non smette di girare, ma pure se non muori e ritorni, non gliene frega lo stesso niente a nessuno. Delle due, sinceramente non so quale sia peggio. Ti sembra un buon affare? A me no.

 

4) Gli americani non hanno più palle di nessuno anzi, hanno solo, che piaccia o no, quella che è (ancora) la più fiorente economia del mondo e quindi si comportano di conseguenza. Con i mezzi che hanno a quest'ora chissà dove avrebbero potuto arrivare (e noi con loro) e invece a che punto stiamo? Saddam, Gheddafi e loro congeneri uccisi in circostanze confuse da gente che tutto è, meno che migliore di loro. Risultati? L'ISIS alle porte della NATO e del Mediterraneo???? Cos'è uno scherzo? No purtroppo. Come diceva quello dietro all'M-60: "Oh! Speriamo che non facciano sul serio! Io non sono ancora pronto !!!!!!!! Le palle da sole non sono mai bastate a fare qualcosa di diverso dai bambini, quando e se è ora di riprodursi. Per tutto il resto necessita anche materia organica grigia corticale comunemente detta cervello, altrimenti si è come uno che pretende di aggiustare un orologio svizzero con una mazza da quindici chili.

Detto questo, l'ISIS è un problema? Se lo è, per chi è un problema?

Edited by Balzac
Link to post
Share on other sites

Basta che non chiedete bombe nucleari e giustizia sommaria dopo la prima Beslan d'Italia. Sento già qualcuno chiedere la pena di morte per l'omicidio di un italiano da parte di un immigrato rientrato con un barcone dopo che era stato arrestato e espulso. La botte piena e moglie ubriaca non si possomo avere. Se non volete intervenire ok, risparmiamo scontri militari, lo svantaggio è che con il califfato a 300km dalla costa ci sarà una strage in una scuola o chiesa,le procure già rilevano commerci di mitra dell'andrangheta venduti a islamici.

Link to post
Share on other sites

La ndrangheta che vende mitra all'ISIS? Scusa, visto che sono calabrese mi posteresti la fonte? Da quello che ho visto sempre io "in giro" sono sempre i mediorientali a vendere armi alle cosche calabresi (ak-47 prevalentemente) e mai il contrario. Armi che provengono per la maggiore dall' Afghanistan, dove la ndrangheta ha dei bacini di rifornimento d'oppio, di cui non a caso e' il primo produttore mondiale. La ndrangheta di solito prende li oppio e armi. Il contrario non l'ho mai sentito.

Link to post
Share on other sites

 

Se non volete intervenire ok, risparmiamo scontri militari, lo svantaggio è che con il califfato a 300km dalla costa ci sarà una strage in una scuola o chiesa,le procure già rilevano commerci di mitra dell'andrangheta venduti a islamici.

F-104, è bene però, che tu le notizie le legga e le capisca bene, prima di condividerle, essendo già la seconda volta che prendi fischi per fiaschi... ci auguriamo in buona fede.

infatti, la procura non ha rilevato un bel niente, è solo l'idea, anche piuttosto claudicante, del procuratore di Reggio Calabria Federico Cafiero de Raho che, per la cronaca, come già detto da Fabio, non è niente di nuovo: si sa da anni che le mafie hanno rapporti con organizzazioni terroristiche per il traffico di droga... eppure non c'è mai stata una Beslan italiana.

 

inoltre, è bene ricordarsi che la presenza dell'ISIS in Libia è poca cosa e viene già combattuta dalle due fazioni che si contendono il dominio del paese. non è quindi la presenza o meno di un manipolo di folli in tunica nera ad essere preoccupante, dato che non hanno chissà quali mezzi per portare offesa sul territorio italiano, diversi da una qualsiasi altra organizzazione terroistica, quanto la situazione generale che non è risolvibile bombardando due tecniche a Derna.

Edited by vorthex
Link to post
Share on other sites

Basta che non chiedete bombe nucleari e giustizia sommaria dopo la prima Beslan d'Italia. Sento già qualcuno chiedere la pena di morte per l'omicidio di un italiano da parte di un immigrato rientrato con un barcone dopo che era stato arrestato e espulso. La botte piena e moglie ubriaca non si possomo avere. Se non volete intervenire ok, risparmiamo scontri militari, lo svantaggio è che con il califfato a 300km dalla costa ci sarà una strage in una scuola o chiesa,le procure già rilevano commerci di mitra dell'andrangheta venduti a islamici.

 

 

La ndrangheta che vende mitra all'ISIS? Scusa, visto che sono calabrese mi posteresti la fonte? Da quello che ho visto sempre io "in giro" sono sempre i mediorientali a vendere armi alle cosche calabresi (ak-47 prevalentemente) e mai il contrario. Armi che provengono per la maggiore dall' Afghanistan, dove la ndrangheta ha dei bacini di rifornimento d'oppio, di cui non a caso e' il primo produttore mondiale. La ndrangheta di solito prende li oppio e armi. Il contrario non l'ho mai sentito.

 

Mettiamo che ci può anche stare: schegge di islamisti fanatici, già in Italia, che cercano 1-2 ak-47 per fare una strage in stile Charlie Hebdo.

 

Resta il fatto che non capisco il terrorismo messo in campo da F-104 dove porta.

 

Non porta a nulla se non a creare dell'altro panico.

Ergo: chi si nasconde dietro il nickname F-104? un ragazzeto o un adulto? una persona terrorizzata o un esaltato? un agente del terrore? Ecco quest'ultima è l'unica che scarto, perchè il sistema per generare terrore e tensione, anche con l'insulto più o meno velato (gli italiani non hanno le palle, gli americani sì, siete dei pacifisti...), non mi pare che abbia portato alcun risultato. Mi pare che tutti te lo abbiano detto. Non si lascia crescere l'ISIS alle porte, ma lo si studia. Poi lo si colpisce con le giuste manovre. Questa è l'arte della guerra. Non vomitare tonnellate di tritolo che genererebbero centinaia di inutili vittime civili.

 

Caro F-104 dici che bisogna intervenire: io ti chiedo qual'è la tua strategia, visto che quella che ti hanno proposto in molti non ti piace.

 

Peccato, perchè l'F-104 è sempre stato uno dei miei arei preferiti... ;-)

Edited by freeflight63
Link to post
Share on other sites

"L'ISIS attacca l'Europa per marketing, per fare proseliti, e perché ritiene che i governi europei non reagiranno": a parlare ai microfoni di Sky TG24 è John Kiriakou, ex agente della CIA, l'uomo che dopo l'11 settembre ebbe la responsabilità di gestire la sezione antiterrorismo dell'Agenzia in Pakistan.

"L'Isis è un regime, va affrontato sul campo" - Esperto di Al Qaeda e Medio Oriente, Kiriakou non ha dubbi: più che un gruppo terroristico l'ISIS è un vero e proprio regime, e come tale andrebbe affrontato; ovvero militarmente e con soldati sul campo


 

 

 

Mettiamo che ci può anche stare: schegge di islamisti fanatici, già in Italia, che cercano 1-2 ak-47 per fare una strage in stile Charlie Hebdo.

 

Resta il fatto che non capisco il terrorismo messo in campo da F-104 dove porta.

 

Non porta a nulla se non a creare dell'altro panico.

Ergo: chi si nasconde dietro il nickname F-104? un ragazzeto o un adulto? una persona terrorizzata o un esaltato? un agente del terrore? Ecco quest'ultima è l'unica che scarto, perchè il sistema per generare terrore e tensione, anche con l'insulto più o meno velato (gli italiani non hanno le palle, gli americani sì, siete dei pacifisti...), non mi pare che abbia portato alcun risultato. Mi pare che tutti te lo abbiano detto. Non si lascia crescere l'ISIS alle porte, ma lo si studia. Poi lo si colpisce con le giuste manovre. Questa è l'arte della guerra. Non vomitare tonnellate di tritolo che genererebbero centinaia di inutili vittime civili.

 

Caro F-104 dici che bisogna intervenire: io ti chiedo qual'è la tua strategia, visto che quella che ti hanno proposto in molti non ti piace.

 

Peccato, perchè l'F-104 è sempre stato uno dei miei arei preferiti... ;-)

A parte che un conto è dire che non abbiamo le palle(cosa secondo me vera,basta la vicenda Marò per dimostrarlo) un altro conto è accusare di essere un terrorista. Come non porta a nulla distruggere la sede e i campi di addestramento dei terroristi, perchè non ci sono stati altri 11 settembre negli Stati Uniti? Enduring freedom per gli Stati Uniti ha tagliato la terra sotto i piedi ai terroristi,noi invece li lasciamo fare a soli 300km. Poi cosa significa "li studiamo", cosa ci sarebbe da studiare? La strategia non è nulla di nuovo o complesso,è il principio di Enduring Freedom,cacciare o per lo meno allontanare dalla costa le basi del califfato.

Link to post
Share on other sites

"L'ISIS attacca l'Europa per marketing, per fare proseliti, e perché ritiene che i governi europei non reagiranno": a parlare ai microfoni di Sky TG24 è John Kiriakou, ex agente della CIA, l'uomo che dopo l'11 settembre ebbe la responsabilità di gestire la sezione antiterrorismo dell'Agenzia in Pakistan.

 

"L'Isis è un regime, va affrontato sul campo" - Esperto di Al Qaeda e Medio Oriente, Kiriakou non ha dubbi: più che un gruppo terroristico l'ISIS è un vero e proprio regime, e come tale andrebbe affrontato; ovvero militarmente e con soldati sul campo

 

A parte che un conto è dire che non abbiamo le palle(cosa secondo me vera,basta la vicenda Marò per dimostrarlo) un altro conto è accusare di essere un terrorista. Come non porta a nulla distruggere la sede e i campi di addestramento dei terroristi, perchè non ci sono stati altri 11 settembre negli Stati Uniti? Enduring freedom per gli Stati Uniti ha tagliato la terra sotto i piedi ai terroristi,noi invece li lasciamo fare a soli 300km. Poi cosa significa "li studiamo", cosa ci sarebbe da studiare? La strategia non è nulla di nuovo o complesso,è il principio di Enduring Freedom,cacciare o per lo meno allontanare dalla costa le basi del califfato.

Ah si e l'assalto all'ambasciata USA in Libia nel 2012 e l'uccisione dell'ambasciatore cos'era?Un messaggio d'amore?

 

Spero mai più venga in mente alla NATO di intervenire decisamente nelle questioni mediorientali se non strettamente necessario.

 

Nel 2001 avevamo contro solo Al-queda dopo quasi 15 anni di guerre sobillate e combattute sul terreno tranne poche eccezioni metá del mondo arabo ci ha odia apertamente e l'altra metá ci stringe la mano e con l'altra nasconde il coltello

Edited by davide9610
Link to post
Share on other sites

"L'ISIS attacca l'Europa per marketing, per fare proseliti, e perché ritiene che i governi europei non reagiranno": a parlare ai microfoni di Sky TG24 è John Kiriakou, ex agente della CIA, l'uomo che dopo l'11 settembre ebbe la responsabilità di gestire la sezione antiterrorismo dell'Agenzia in Pakistan.

 

"L'Isis è un regime, va affrontato sul campo" - Esperto di Al Qaeda e Medio Oriente, Kiriakou non ha dubbi: più che un gruppo terroristico l'ISIS è un vero e proprio regime, e come tale andrebbe affrontato; ovvero militarmente e con soldati sul campo

A parte che un conto è dire che non abbiamo le palle(cosa secondo me vera,basta la vicenda Marò per dimostrarlo) un altro conto è accusare di essere un terrorista. Come non porta a nulla distruggere la sede e i campi di addestramento dei terroristi, perchè non ci sono stati altri 11 settembre negli Stati Uniti? Enduring freedom per gli Stati Uniti ha tagliato la terra sotto i piedi ai terroristi,noi invece li lasciamo fare a soli 300km. Poi cosa significa "li studiamo", cosa ci sarebbe da studiare? La strategia non è nulla di nuovo o complesso,è il principio di Enduring Freedom,cacciare o per lo meno allontanare dalla costa le basi del califfato.

 

Ecco, come soluzione Enduring Freedom è proprio quella da evitare. Infatti anzichè risolvere i problemi li ha moltiplicati. Ecco cosa significa 'Li studiamo' non siamo noi a proporre una alternativa al regime ISIS... che poi, sottolineamo. in Libia ci sono ben 2 governi e in mezzo l'ISIS che entrambi combattono. La Nato che fa? sbarca lì nel mezzo e si mette contro tutti? Andiamo, animo... va trovata una soluzione... araba... In questo gli Italiani sono bravi. Sai sicuramente meglio di me come andava in Libano nel settore italiano... e Nassiria fu frutto di un approccio errato, all'americana, come ora suggerisci...

Link to post
Share on other sites

Nel frattempo il califfato ha ammazzato i primi civili italiani.I terroristi si erano addestrati in Libia smentendo chi sul forum aveva detto che non esistevano campi di addestramento per colpire l'Italia.Margherita Boniver ex sottosegretario agli esteri comunica da sue fonti interne al ministero che cellule dell'Isis sono arrivate in Italia pronte all'azione.Abbiamo fatto una guerra in Kosovo per bloccare la strage di albanesi e non ne facciamo una per bloccare stragi di italiani.Sperare nella soluzione araba è come sperare nella pace tra Israele e palestinesi,è inutile.L'Iran sta aiutando i ribelli sciiti dello yemen contro i sunniti dell'Arabia Saudita che quindi aumenterà il suo appoggio all'Isis.

Link to post
Share on other sites

Nel frattempo il califfato ha ammazzato i primi civili italiani.I terroristi si erano addestrati in Libia smentendo chi sul forum aveva detto che non esistevano campi di addestramento per colpire l'Italia.Margherita Boniver ex sottosegretario agli esteri comunica da sue fonti interne al ministero che cellule dell'Isis sono arrivate in Italia pronte all'azione.Abbiamo fatto una guerra in Kosovo per bloccare la strage di albanesi e non ne facciamo una per bloccare stragi di italiani.Sperare nella soluzione araba è come sperare nella pace tra Israele e palestinesi,è inutile.L'Iran sta aiutando i ribelli sciiti dello yemen contro i sunniti dell'Arabia Saudita che quindi aumenterà il suo appoggio all'Isis.

Difatti l'attentato c'é stato in Tunisia mica in Italia e se non scegliessimmo come ambasciatori i soliti "trombati" senza attributi Costa Fascinosa non sarebbe nemmeno attraccata.

 

E con l'intervento in Kosovo cosa abbiamo risolto?

Invece degli Albanesi sono stati massacrati i Serbi e oggi il Kosovo é un crogiolo di traffico di esseri umani e droga.

 

E non per ultimo un buon bacino di reclutamento dell'ISIS.

Link to post
Share on other sites

Nel frattempo il califfato ha ammazzato i primi civili italiani.I terroristi si erano addestrati in Libia smentendo chi sul forum aveva detto che non esistevano campi di addestramento per colpire l'Italia.

 

Uhmmm non ricordo chi, qui dentro, ha detto che non ci sono basi addestrative in Libia. Io no (e puoi rivederti post per post) non mi pare neppure Vortex... Poi, al solito non riporti le fonti: dov'è l'intervista? In quella che ho trovato io la Boniver non dice quello che tu riporti, mi farebbe piacere il link all'articolo perchè ad ora sul web non ce n'è traccia (ma so che non esiste solo il web).

 

Son sempre più convito che dietro la tastiera si nasconda un mitomane e/o un provocatore... IMHO, ovvio.

 

Rettifico: nel titolo di sussidiario.net 'Boniver: cellule dormienti dell'ISIS pronte a colpire in italia', e nel finale si dice: 'probabilmente...' ergo, il titolo, inventato di sana pianta solo per aumentare i click, sul quale tu hai ulteriormente ricamato...

 

Chi volesse visionare...

http://www.ilsussidiario.net/News/Esteri/2015/3/20/ATTENTATI-TUNISIA-Boniver-cellule-dormienti-dell-Isis-pronte-a-colpire-in-Italia/592538/

Edited by freeflight63
Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

×
×
  • Create New...