Jump to content
Sign in to follow this  
°Delta

Libia - Discussione Ufficiale

Recommended Posts

Nel frattempo il potente ex ministro del petrolio del regime è in Italia ed il nostro governo sta fornendo aiuti economici ai ribelli per quasi mezzo miliardo di Euro.

 

Certo che fa un po' senso sapere che si foraggia con mezzo miliardo i ribelli quando 6 mesi fa hanno fatto scoppiare una baraonda che ha quasi fatto cadere il governo per limare 200 milioni dalle università...

 

Il vice presidente degli States durante una conferenza ci ha tenuto a precisare che nessun altro paese conosce la realtà libica meglio del nostro,

 

motivo per cui hanno chiesto all'Italia di intervenire in modo più pesante. Se la conducevano solo francesi ed inglesi questa guerra sarebbe durata in modo perenne con una nuova battaglia del nord africa... Appena siamo entrati noi in modo deciso i ribelli hanno fatto salti avanti decisi. Tra l'altro penso che la nostra inteligence sappia anche quanti peli ha nel culo il rais.

 

 

e l'ENI ha ricominciato ad accaparrarsi i contratti con i ribelli per i pozzi presenti nella cirenaica, l'area più ricca di petrolio del paese. Posso cinicamente affermare che i risultati della missione cominciano a farsi vedere, fone Rai News e stampa locale.

 

questa parte mi preoccupa. Non vorrei che fra poco avviene qualche tentativo di destabilizzare il nostro paese da parte dei soliti francesi ed inglesi. In fin dei conti lo hanno capito pure le pietre che questa guerra è stata creata ad hoc per fregare a noi i pozzi e non vorrei che ci coinvolgono in qualche rappresaglia da qualche parte (non per forza di tipo militare)... chi vuol intendere intenda.

 

Comunque vedrete che il nostro intervento continuerà, ormai la lega ha fatto la mossa di facciata per convincere l'elettorato, sanno bene che i comportamenti con gli alleati prescindono dal colore del partito, per lo meno spero che non siano così stupidi da vanificare i milioni spesi fin'ora.

 

ormai che siamo scesi in campo dobbiamo perforza rimanerci altrimenti saremmo dei co.glioni...

La lega sembra che si sia calmata perchè sta iniziando ad intravedere i possibili ricavi dell'operazione mentre prima vedeva le spese. In ogni caso la batosta elettorale di milano li ha fatti scendere su un piano di osservazione più corretto.

 

PS: in ogni caso di Frattini eviterei di dire siamo quasi alla fine, manca qualche giorno, gheddafi se ne deve andare e manfrine del genere in quanto i giorni che passano lo rendono sempre più ridicolo. Sarebbe meglio che dicesse "la guerra potrebbe durare anche un anno" così se finisce prima fa bella figura e se dura molto non fa brutta figura...

Share this post


Link to post
Share on other sites
Tra l'altro penso che la nostra inteligence sappia anche quanti peli ha nel culo il rais.

 

veramente il governo per tantissimo tempo non ha saputo cosa fare perchè l inteligence è stata colta di sorpresa e non riusciva a reperire informazioni .

 

 

''non gli telefono per non distrurbarlo '' è sistomo che non si conosceva affatto la forza del regime di fronte ad una rivolta ,nè ci si è preoccupati di sapere quali fossero le mosse degli altri paesi europee .

Edited by cama81

Share this post


Link to post
Share on other sites

L'intelligence che conta, o che serve, non e' appannaggio dei nostri servizi. Quando serve conoscere quali obiettivi colpire e perche' colpirli, quell'intelligence proviene sempre dalla solita fonte ......... anche se i francesi qualcosa sanno e fanno.

Share this post


Link to post
Share on other sites

veramente l' inteligence che si usa durante il conflitto è quello forse più facile da reperire ,dove sono le truppe, come si muovono , quali sono i comandanti e che armamento hanno, è un qualcosa di evidente rivelabile con il giocattolo tecnologico giusto

 

serve di più ed è molto più difficile, capire, in tempo di pace , se in un paese ci sono le premesse per una guerra civile , da che parte stanno le FF..AA, e lo si fa con l uomo sul campo con le reti di contatti o osservando le file per il pane nei negozi , questo da noi non ha funzionato .

Share this post


Link to post
Share on other sites

veramente l' inteligence che si usa durante il conflitto è quello forse più facile da reperire ,dove sono le truppe, come si muovono , quali sono i comandanti e che armamento hanno, è un qualcosa di evidente rivelabile con il giocattolo tecnologico giusto

 

serve di più ed è molto più difficile, capire, in tempo di pace , se in un paese ci sono le premesse per una guerra civile , da che parte stanno le FF..AA, e lo si fa con l uomo sul campo con le reti di contatti o osservando le file per il pane nei negozi , questo da noi non ha funzionato .

Quello che tu citi e' il "basic Intelligence" e' serve nelle fasi iniziali delle operazioni. Poi - ad esempio - per stabilire se in quel dato edificio si riuscono i fedelissimi del Colonnello libico, e' tutta un'altra storia decisamente non facile da valutare.

Posso solo dirti che le stime sulla capacita' residua delle armi e munizioni (di ogni tipo) in mano ai fedeli al colonnello, sono state rifatte diverse volte e sempre con numeri decisamente diversi tra loro.

Share this post


Link to post
Share on other sites

su youtube si trovano anche altri video di queste operazioni.

certo che fa quasi ridere la scelta francese di non integrare sui loro Tigre un armamento missilistico aria-suolo, lasciando il compito ai vetusti Gazelle :asd:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciao a tutti, che sappiate, ci sono per caso, eventuali progetti di un utilizzo anche dei nostri Mangusta?

 

La linea ufficiale del governo è che i nostri ECR vanno sulla Sirte a fare gite stile Guida Michelin............. non so come potrebbero giustificare l'invio di elicotteri d'attacco <_<

piuttosto, a meno che non si utilizza la Garibaldi a 50km max 80km dalle coste libiche, da dove li facciamo partire?

Share this post


Link to post
Share on other sites

La linea ufficiale del governo è che i nostri ECR vanno sulla Sirte a fare gite stile Guida Michelin............. non so come potrebbero giustificare l'invio di elicotteri d'attacco <_<

piuttosto, a meno che non si utilizza la Garibaldi a 50km max 80km dalle coste libiche, da dove li facciamo partire?

 

 

Lo chiedevo per via di questa criptica ansa del 25 maggio:

 

LA RUSSA, INVIO NOSTRI ELICOTTERI NON PREVISTO ORA ANSA 25 MAG - ”Al momento non abbiamo pensato all’invio di elicotteri italiani in Libia, anche se cio’ non contrasterebbe la risoluzione Onu, ma al momento non e’ nelle previsioni dell’Italia”. Lo ha detto il ministro della Difesa, Ignazio La Russa, a margine di una conferenza stampa.

 

Zitti zitti abbiamo fatto oltre 1000 sortite con Tornado e Harrier...

 

A che distanza operano la Tonnerre con i 12 Tigre e la Ocean con gli Apache?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Lo chiedevo per via di questa criptica ansa del 25 maggio:

 

LA RUSSA, INVIO NOSTRI ELICOTTERI NON PREVISTO ORA ANSA 25 MAG - ”Al momento non abbiamo pensato all’invio di elicotteri italiani in Libia, anche se cio’ non contrasterebbe la risoluzione Onu, ma al momento non e’ nelle previsioni dell’Italia”. Lo ha detto il ministro della Difesa, Ignazio La Russa, a margine di una conferenza stampa.

 

Zitti zitti abbiamo fatto oltre 1000 sortite con Tornado e Harrier...

 

A che distanza operano la Tonnerre con i 12 Tigre e la Ocean con gli Apache?

:asd: :asd: :asd: è noto a tutti che il il Mangusta ha spiccate attitudini nel conseguire l'air superiority sulle NFZ :rotfl: :rotfl: :rotfl: :rotfl: :rotfl:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Stavo cercando di capire....

 

In fondo e' gia accaduto che gli elicotteri Mangusta abbiano operato dalla Garibaldi sulla Somalia nel 1994 e 1995.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Lo chiedevo per via di questa criptica ansa del 25 maggio:

 

LA RUSSA, INVIO NOSTRI ELICOTTERI NON PREVISTO ORA ANSA 25 MAG - ”Al momento non abbiamo pensato all’invio di elicotteri italiani in Libia, anche se cio’ non contrasterebbe la risoluzione Onu, ma al momento non e’ nelle previsioni dell’Italia”. Lo ha detto il ministro della Difesa, Ignazio La Russa, a margine di una conferenza stampa.

 

Zitti zitti abbiamo fatto oltre 1000 sortite con Tornado e Harrier...

 

A che distanza operano la Tonnerre con i 12 Tigre e la Ocean con gli Apache?

 

Credo che sia FS Tonnerre che HMS Ocean se ne stiano ad almeno una 20 di NM dalla costa; e' successo in passato che la JDV e' stata oggetto di colpi di BM-21 (?) che sono arrivati a 13 NM, e lei era a 15 NM; e sembra che anche oggi siano stati sparati colpi contro un'altra unita' NATO.

 

Circa gli HELOs : noi italiani, al momento partecipiano a delle RECCE con gli EH-101.

Share this post


Link to post
Share on other sites

:asd: :asd: :asd: è noto a tutti che il il Mangusta ha spiccate attitudini nel conseguire l'air superiority sulle NFZ :rotfl: :rotfl: :rotfl: :rotfl: :rotfl:

La risoluzione ONU è molto fumosa e prevede di poter intervenire "con ogni mezzo" per proteggere i civili purchè non si mettano gli stivali per terra.

 

Comunque al massimo credo che si dovrà affiancare un'altra unità alla Garibaldi, dato che con Harrier ed EH-101 è già abbastanza "impegnata". La Cavour a che punto è? Notare, tra le altre cose, come La Russa non abbia detto "non invieremo elicotteri", bensì "al momento non è previsto l'uso", stesse parole pronunciate quando non dovevamo bombardare. Per gli AMX in Afghanistan ha chiaramente detto che non vuole armarli, purtroppo, non che al momento non è previsto l'uso di armamento di caduta.

 

Per quanto riguarda i fondi ai ribelli effettivamente fa specie, ma consideriamo anche che sono fondi straordinari, mentre la finanziaria per quel poco che ci capisco viene fatta per gestire e destinare fondi ordinari. Comunque il fatto è che sull'Università fai a tempo a recuperare tra un paio d'anni o tre, mentre la guerra in Libia si sta combattendo ora, motivo per cui i soldi si trovano, ed anche in fretta. Di certo sarebbe bello vederli tirare fuori anche per il bilancio ordinario.

Edited by Tuccio14

Share this post


Link to post
Share on other sites

Finalmente qualche video maggiormente 'operativo' sui nostri aerei in azione in Libia si può trovare sul sito www.aeronautica.difesa.it. Gli stessi video sono ripresi anche dal weblog http://cencio4.wordpress.com/. Cosa posso dire, ovviamente me ne compiaccio,tuttavia mi sembra che ci sia ancora poca informazione sull'attività dei nostri, bene questo piccolo passo, mi auguro in futuro reportage più completi e maggiore visibilità sui media nazionali. Anche per il fatto che il nostro impegno militare è considerevole tenendo conto del numero dei mezzi impiegati e delle ore volate: 247 missioni per circa 500 sortite (fonte ministero della difesa) partendo dal 28 aprile.

 

Mezzi impiegati fonte wikipedia:

 

Italian Navy

 

NMM Giuseppe Garibaldi aircraft carrier with[20]

8 × AV-8B Harrier II V/STOL ground-attack aircraft

4 × AW101 Merlin anti-submarine warfare helicopters

Boarding teams from the San Marco Regiment

 

Italian Air Force

4 x Tornado ECR SEAD planes operating from Trapani Air Base

4 x Eurofighter Typhoon fighter jets operating from Trapani Air Base

8 x Panavia Tornado IDS started air attacks against military targets in Libya with Storm Shadow Missiles and smart bombs JDAM and Paveway in 28 April, fighter jets operating from Trapani Air Base.

Edited by Cook767

Share this post


Link to post
Share on other sites

Euronews - Soldi ed armi ai ribelli

 

Il Tempo - Nuovi raid su Tripoli

 

Alla faccia della protezione dei civili! Spero solo che la pressione su Gheddafi si concretizzi in qualche risultato al più presto.

 

Comunque, come ho scritto in altri topic, credo che l'impiego dei nostri Mangusta potrebbe dare man forte agli Apache inglesi molto più che le formazioni di Tiger e Gazelle francesi: gli A-129 possono affrontare i corazzati di Gheddafi in maniera più flessibile, mentre i francesi sono costretti a far portare i missili anticarro ai vulnerabilissimi Gazelle dato che non li hanno integrati sui Tigre. Sarebbe tecnicamente interessante vedere come se la cavano. Anche ci fosse la volontà politica di impiegarli però bisognerebbe accertare che la Marina disponga di un'unità dalla quale farli operare e che l'Esercito non stia logorando troppo la flotta in Afghanistan: in teoria i dieci Mangusta in Afghanistan non dovrebbero aver diminuito a tal punto la capacità di produrre ore di volo, ma con i chiari di luna degli ultimi tempi non mi stupirebbe che sui 60 Mangusta in dotazione all'Esercito ne fossero efficienti meno della metà...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Finalmente qualche video maggiormente 'operativo' sui nostri aerei in azione in Libia si può trovare sul sito www.aeronautica.difesa.it. Gli stessi video sono ripresi anche dal weblog http://cencio4.wordpress.com/. Cosa posso dire, ovviamente me ne compiaccio,tuttavia mi sembra che ci sia ancora poca informazione sull'attività dei nostri, bene questo piccolo passo, mi auguro in futuro reportage più completi e maggiore visibilità sui media nazionali. Anche per il fatto che il nostro impegno militare è considerevole tenendo conto del numero dei mezzi impiegati e delle ore volate: 247 missioni per circa 500 sortite (fonte ministero della difesa) partendo dal 28 aprile.

 

Mezzi impiegati fonte wikipedia:

 

Italian Navy

 

NMM Giuseppe Garibaldi aircraft carrier with[20]

8 × AV-8B Harrier II V/STOL ground-attack aircraft

4 × AW101 Merlin anti-submarine warfare helicopters

Boarding teams from the San Marco Regiment

 

Italian Air Force

4 x Tornado ECR SEAD planes operating from Trapani Air Base

4 x Eurofighter Typhoon fighter jets operating from Trapani Air Base

8 x Panavia Tornado IDS started air attacks against military targets in Libya with Storm Shadow Missiles and smart bombs JDAM and Paveway in 28 April, fighter jets operating from Trapani Air Base.

SI sono ........distratti, non hanno riportato l'impiego del G222 da EW e non solo.

 

I poch

Euronews - Soldi ed armi ai ribelli

 

Il Tempo - Nuovi raid su Tripoli

 

Alla faccia della protezione dei civili! Spero solo che la pressione su Gheddafi si concretizzi in qualche risultato al più presto.

 

Comunque, come ho scritto in altri topic, credo che l'impiego dei nostri Mangusta potrebbe dare man forte agli Apache inglesi molto più che le formazioni di Tiger e Gazelle francesi: gli A-129 possono affrontare i corazzati di Gheddafi in maniera più flessibile, mentre i francesi sono costretti a far portare i missili anticarro ai vulnerabilissimi Gazelle dato che non li hanno integrati sui Tigre. Sarebbe tecnicamente interessante vedere come se la cavano. Anche ci fosse la volontà politica di impiegarli però bisognerebbe accertare che la Marina disponga di un'unità dalla quale farli operare e che l'Esercito non stia logorando troppo la flotta in Afghanistan: in teoria i dieci Mangusta in Afghanistan non dovrebbero aver diminuito a tal punto la capacità di produrre ore di volo, ma con i chiari di luna degli ultimi tempi non mi stupirebbe che sui 60 Mangusta in dotazione all'Esercito ne fossero efficienti meno della metà...

Corazzati in mano ai PRO GAD ne risultano impiegati veramente pochi; hanno "paura" di essere oggetto delle attenzioni della superiorita' aerea (componente ala fissa) della NATO, spesso usano le "tecniche" e per quei mezzi la un hellfire e' pure sprecato.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Corazzati in mano ai PRO GAD ne risultano impiegati veramente pochi; hanno "paura" di essere oggetto delle attenzioni della superiorita' aerea (componente ala fissa) della NATO, spesso usano le "tecniche" e per quei mezzi la un hellfire e' pure sprecato.

Come accadde al check point Pasta, infatti, che l'hellfire di uno dei nostri Mangusta fu fin troppo per distruggere un pick up. Gli elicotteri dovrebbero comunque integrare in parte il dispositivo da CAS della NATO ad ala fissa.

Share this post


Link to post
Share on other sites

infatti i nostri mangusta stanno integrando gli spike-er che sono dei missili israeliani tipo javelin.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Gli elicotteri dovrebbero comunque integrare in parte il dispositivo da CAS della NATO ad ala fissa.

Sai qual'e' il dubbio (atroce!!) che ho io? che anche in questa storia qui, la NATO rischia di vedersi assegnato nuovamente il ruolo di componente aerea di qualcuno, insomma come avvenne in Kosovo nel 1999.

Giusto per essere "politically correct" in ambienti ufficiali NATO noon si parla mai di CAS : ufficialmente la NATO e' al di sopra delle parti ed e' impegnata a far rispettare la NFZ ed a difendere i civili; che poi alcuni paesi dell'alleanza siano ufficialmente schierati a favore degli "insorti"................ :)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Come accadde al check point Pasta, infatti, che l'hellfire di uno dei nostri Mangusta fu fin troppo per distruggere un pick up. Gli elicotteri dovrebbero comunque integrare in parte il dispositivo da CAS della NATO ad ala fissa.

Non era un Hellfire ma un TOW.Era l'unica arma guidata disponibile a meno di non voler usare i razzi da 81mm(che a scanso di equivoci sono fatti per quella tipologia di bersagli ma provocano troppe pruderie politiche).

Share this post


Link to post
Share on other sites

1982-2011... quasi trentanni di missioni militari all'estero: dalla Caorle in panne in rotta verso Beirut sino agli Storm Shadow e alle jdam dei tornado in bombardamento sulla Libia,

 

1982 ero un ragazzino delle medie, mi piaceva leggere i giornali e mi ricordo in occasione della missione italiana in Libano di una delle navi italiane che trasportava i nostri militari che ebbe un'avaria e rimase ferma in mare, inoltre un ministro inglese aveva ironizzato su i nostri mezzi interamente bianchi.

 

1991 desert storm e l'emozione del tornado abbattuto, ancora adesso qualche volta vado a cercare su youtube il video che riporta gli istanti prima dell' eject di Bellini e Cocciolone.

 

La guerra inei Balcani e le missioni dei tornado, amx e harrier. Quanto ridere le affermazioni di un tal ministro, certamente onorevole, Brutti che rimproverava i piloti di parlare alla stampa dei nostri bombardamenti. ' I nostri piloti sono in gamba, ma devono stare zitti' -- affermazioni di Brutti che si commentano da sole.

 

La strage di Nassyria, le notizie che si rincorrevano su internet. Il ricordo un intero ufficio avvolto in un sillenzio colmo di dolore e di emozione. Il sentimento dell'attaccamento alla Patria e all'Italia nel silenzio rotto dal rumore dei condizionatori.

 

Ed eccoci qua al giorno d'oggi dove senza quasi neanche accorgernsene stiamo combattendo una Guerra difficilissima e lontanissima in Afghanistan: task force 45, 10 a-129, predator ecc. e battle group pienamente operativi che combattono ogni giorno, passando da un Libano polveriera pronta ad esplodere per arrivare al bombardamento quotidiano con il top della tecnologia bellica sulla LIBIA!!!.

 

Si era partiti dai bersaglieri sulla Caorle e dal ministro Lagorio che aveva presentato il libro bianco che ridisegnava la difesa italiana... dove stiamo andando? ci fermeremo (vedi Maroni & Calderoli)? ma dove stiamo andando? ... dove stiamo andando?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
Sign in to follow this  

×
×
  • Create New...