Jump to content
Sign in to follow this  
°Delta

Libia - Discussione Ufficiale

Recommended Posts

Uhm,

questa mi era sfuggita; pippotto di Kurt Volker, Ambasciatore statunitense alla Nato. Alla fine, alcuni espliciti paragrafi vergati nel ghiaccio diretti alla Germania, che contraddicono in parte quello che anche io pensavo:

 

L’Italia ha offerto Napoli come base di partenza per le operazioni e contribuito con 8 aerei caccia. Anche se era inizialmente riluttante ad opporsi a Gheddafi, con una risoluzione dell’Onu approvata e in fase di attuazione, l’Italia comprende chiaramente la posta in gioco e sceglie di schierarsi con i suoi alleati occidentali.

 

Questo in contrasto con la Germania, che rimane bloccata nella sua passività - rendendo così impossibile una posizione comune dell’Unione europea e compromettendo la sua stessa richiesta di un seggio permanente nel Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite. Con la decisione di mettere in atto la richiesta delle Nazioni Unite per una no fly zone, l’impegno occidentale nel sostenere l’opposizione libica è solo all’inizio. Ora la sfida è quella di fissare un obiettivo preciso per sostenere la rimozione di Gheddafi e prendere misure decisive per aiutare coloro che lo faranno.

 

http://www.lastampa.it/_web/cmstp/tmplRubriche/editoriali/gEditoriali.asp?ID_blog=25&ID_articolo=8530&ID_sezione=&sezione=

Share this post


Link to post
Share on other sites
senza contare poi non fly zone significa non volo , non bombardamenti.O sbaglio.?

La NFZ si ottiene bombardando eccome. E' una operazione militare anche rischiosa (lo era di più nel 99 in Serbia). Si devono colpire le batterie antiaeree, i centri di comando, gli aeroporti...si neutralizzano le difese aeree.

 

Questa è una grave mancanza per la nostra marina: inglesi, americani e spagnoli hanno i tomahawk, mentre i francesi hanno sviluppato lo scalp naval(versione imbarcata dello storm shadow o scalp).

 

Inglesi, americani e francesi hanno una tradizione e una marina da sempre superiore per capacità ed esigenze territoriali. La Spagna non ha i Tomahawk, li voleva, tagliati per mancanza di fondi. Certo noi non li abbiamo neanche considerati, ma di questi tempi va cosi. Vedi la prua dell'Andrea Doria e Caio Duilio <_< .

 

E cmq. la Libia non è il "nostro biscotto" "nostra polpetta" o quant'altro. Tanto per ricordarlo a qualcuno, c'hanno fatto vedere i sorci verdi. Quella gente sta combattendo e morendo.

Share this post


Link to post
Share on other sites

La NFZ si ottiene bombardando eccome. E' una operazione militare anche rischiosa (lo era di più nel 99 in Serbia). Si devono colpire le batterie antiaeree, i centri di comando, gli aeroporti...si neutralizzano le difese aeree.

 

 

 

Assolutamente. Cosa, però, differente dalla Francia che sin dal primo giorno si è messa a cercare carri armati e bunker...

Share this post


Link to post
Share on other sites

La NFZ si ottiene bombardando eccome. E' una operazione militare anche rischiosa (lo era di più nel 99 in Serbia). Si devono colpire le batterie antiaeree, i centri di comando, gli aeroporti...si neutralizzano le difese aeree.

 

 

 

Inglesi, americani e francesi hanno una tradizione e una marina da sempre superiore per capacità ed esigenze territoriali. La Spagna non ha i Tomahawk, li voleva, tagliati per mancanza di fondi. Certo noi non li abbiamo neanche considerati, ma di questi tempi va cosi. Vedi la prua dell'Andrea Doria e Caio Duilio <_< .

 

 

Si, ci sono delle stive adatte al lancio di missili cruise........ <_< <_< <_<

Edited by Junio Valerio

Share this post


Link to post
Share on other sites

Assolutamente. Cosa, però, differente dalla Francia che sin dal primo giorno si è messa a cercare carri armati e bunker...

Si.

 

La Francia ha utilizzato la parte della risoluzione 1973 che riporta "garantire con ogni mezzo la sicurezza dei civili...(solite frasi frutto di compromessi)". C'è da dire che se non avesse annientato quella colonna di corazzati chissà cosa sarebbe accaduto a Bengasi.

 

I Bunker li hanno presi di mira coi tomahawk gli anglo-americani per eliminare i centri di comando.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Secondo quanto si apprende dal Tg 1:

 

 

- I tedeschi ritirano la loro marina, mentre gli inglesi intendono allargare il loro intervento, attraverso la Royal Navy

 

- I francesi accettano il commando Nato, ma non rinunciano del tutto alla loro autonomia

Edited by Junio Valerio

Share this post


Link to post
Share on other sites

Si, ci sono delle stive adatte al lancio di missili cruise........ <_< <_< <_<

 

No. Servirebbero i Sylver 70, che non ci sono, neanche sulla coppia francese.

Potrebbero esserci sulla Fremm, una o due celle da 8 missili.

Share this post


Link to post
Share on other sites

C'è da dire che se non avesse annientato quella colonna di corazzati chissà cosa sarebbe accaduto a Bengasi.

 

 

non sarebbe caduta subito, ma una volta in citta' non sarebbero stati piu cosi facilmente intercettabili e credo che alla fine l'avrebbero spuntata.

 

Per me il tutto ora si gioca sulla gestione degli approvigionamenti:

se Gheddafi riesce a tenere le sue truppe nei luoghi caldi, ma in citta' o comunque non in campo aperto e riesce a rifornirle usando colonne sparpagliate e non tutte belle in fila, per me la "coalizione dei volenterosi" non riuscira' piu ad essere cosi incisiva.

 

con deserti e spazi cosi grandi abbiamo visto come una colonna di mezzi sia un facile(issimo) obbiettivo per l'aviazione.

Ma allo stesso momento si vede come non si possano (o meglio, non si vogliano per i troppi rischi) bombardare le truppe ed i mezzi gia dislocati in prossimita' delle citta'.

Certo e' complesso gestire un insieme di uomini e mezzi che si muovono sparpagliati nel deserto, non credo proprio le forze di terra del rais siano net-centriche, dotate di gps e simili, ma se gheddafi vuole provare a sfidare la NFZ deve fare cosi.

Avra' un % di perdite, ma sicuro non si metteranno ad inseguire ogni signolo carro o mezzo in movimento nel deserto e qualcosa arrivera'.

 

ma credo che attualmente, purtroppo per lui, non abbia una tecnologia a terra tale da poter gestire una soluzione del genere.

Con la supremazia aerea della coalizione di fatto non puo approvvigionare le truppe impegnate nei vari assedi. e quindi alla lunga non potra' continuare per molto.

Edited by nik978

Share this post


Link to post
Share on other sites

Secondo me ancora siamo all'alba dell'odissea (come da nome della missione). Il peggio inizierà dopo le fasi di bombardamento aereo... cioè nel post conflitto ufficiale.

Share this post


Link to post
Share on other sites

No. Servirebbero i Sylver 70, che non ci sono, neanche sulla coppia francese.

Potrebbero esserci sulla Fremm, una o due celle da 8 missili.

 

Quindi non abbiamo nemmeno i sistemi per lanciare gli scalp naval!

Share this post


Link to post
Share on other sites

IMHO, se neil prossimo futuro la NATO -a causa dei veti che possiamo immaginare da dove proverranno- non potrà fare più attacchi mirati alle colonne od a singoli mezzi, Gheddafi potrà davvero riuscire a spuntarla.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Credo che l'F15 caduto fosse basato a Lakenheath. Mi sembra di aver intravisto nelle immagini TV le lettere LN sui resti della deriva. Sbaglio?

Corretto. Lakenheath rischierato ad Aviano. C'era scritto nelle pagine precedenti.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Salve a tutti sono appena arrivato in questo bel forum, non ho potuto leggere tutto ma faccio i complimenti agli admin per tutta l'organizzazione, finalmente un posto dove sembra sia riconosciuto il valore e la qualità dei nostri ragazzi/piloti/mezzi/tecnici impegnati da anni in varie missioni nel Mondo.

Proprio di questo vorrei dibattere quà, come al solito e come in passato il vero problema Italia non sono gli Uomini impegnati sul campo ma la classe politica i nostri governanti che poco credibili e approssimativi offuscano tutto quello che c'è di buono nell'impianto difesa ma non solo, la nostra Italia eccelle in tecnologia e cervelli vedi Ferrari,Ducati,Agusta,Alenia Finmeccanica ecc. ecc. ma la classe dirigente politica ci fa apparire al Mondo come della gente arrangiata e che campa alla giornata.

Anche quì ho letto che l'Italia non sta facendo nulla, ma scherzate??

I nostri Tornado Ecr specializzati come pochi altri al Mondo nella soppressione degli impianti radar sono i primi che arrivano in Libia e gli ultimi a tornare, se non lanciano è solo perchè i libici non accendono i radar, ma se lo fanno lanceremo eccome se lo faremo, tutti le pattuglie e le unità alleate che hanno avuto a che fare con le nostre basi e i nostri tecnici sono entusiasti della preparazione e della professionalità, ci integriamo sempre con i vari comandi in modo perfetto, lo dimostra il Kosovo e il medio oriente, anche l'esercito e l'Ale sono di altissima preparazione i Mangusta ecc.

Insomma quello che ci tengo a dire che bisogna essere uniti in questi momenti, non dire un giorno poverino un altro a morte a quell'assassino di Gheddafi, mandare le frecce a Tripoli ecc. ecc. il problema è nella classe politica, ieri sera il ministro della difesa chiamava Loaker il generale Americano che attualmente ha il comando, si Loaker che bontà.... ma mi faccia il piacere, se avessimo una classe politica seria unita, preparata e determinata agli interessi del nostro paese conteremmo molto di più a livello internazionale, tutto il grande pregio che c'è sotto non viene riconosciuto all'estero se non quando hanno a che fare direttamente sul campo con i nostri reparti, allora si accorgono..."azz ma sti Italiani però...mica male".

Vorrei esprimere la mia personale vicinanza a tutti i piloti e personale impegnati in missione in questo momento spero che qualcuno di loro legga o passi di quà e come me molti altri Italiani sono fieri e orgogliosi di Voi.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Ma per caso sono stati usati proiettili all'uranio impoverito per distruggere gli obbiettivi militari ?

 

No.

Leggendo la lista degli aerei impiegati dalla coalizione, non trovi A-10, ed anche nel caso non è detto che li avrebbe usati.

 

Sono anni che andiamo dicendo sul forum che l'A-10 può benissimo essere sostituito da un aereo che voli ad alta quota con munizionamento di precisione, di fatto, nei conflitti degli ultimi 20 anni gli USA hanno sempre avuto la superiorità aerea, e l'A-10 è invecchiato tranquillo.

 

Vorrei esprimere la mia personale vicinanza a tutti i piloti e personale impegnati in missione in questo momento spero che qualcuno di loro legga o passi di quà e come me molti altri Italiani sono fieri e orgogliosi di Voi.

 

Complimenti ai nostri, anche quando parlano troppo coi giornalisti, e speriamo che al Governo di turno gli prenda un'attacco di saggezza in futuro, invece che un attacco di panico come al solito.

Edited by -{-Legolas-}-

Share this post


Link to post
Share on other sites

No.

Leggendo la lista degli aerei impiegati dalla coalizione, non trovi A-10, ed anche nel caso non è detto che li avrebbe usati.

 

 

Ma sai, vedendo le immagini dei carri distrutti a me non sembrano danni da missile ma da proiettili di grosso calibro a uranio impoverito. Se non erro tali proiettili quando colpiscono hanno l'effetto di rislaldare tantissimo e tendere ad incendiare tutto. Esattamente quello che sembra essere successo ai carri. Non vorrei che i francesi stiano scaricando un po di scorie con questa scusa.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Se non erro tali proiettili quando colpiscono hanno l'effetto di rislaldare tantissimo e tendere ad incendiare tutto

 

Non sono le armi di gundam, sono penetratori cinetici.

 

Mi chiedo quale esperienza tu abbia per dire che quei carri siano stati distrutti da questo o quel proiettile comunque.

 

Non vorrei che i francesi stiano scaricando un po di scorie con questa scusa.

 

Quindi le armi al DU sarebbero un modo per smaltire le scorie nucleari...interessante visione.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Complimenti ai nostri, anche quando parlano troppo coi giornalisti, e speriamo che al Governo di turno gli prenda un'attacco di saggezza in futuro, invece che un attacco di panico come al solito.

Pensi che abbiano agito male ?

Share this post


Link to post
Share on other sites

a parer mio sarebbe opportuno, nei limiti del segreto militare, che anche in Italia in questi casi si facessero dei debriefing o conferenze stampa gestite dai comandanti per illustrare anche con materiale audiovisivo se disponibile, le attività delle nostre forze impegnate in missione.

Si legge in giro che il pilota che ha rilasciato le dichiarazioni in questione sia stato rispedito a Piacenza, ma su queste notizie ci andrei cauto, però mi sembra strano e fa specie vedere i giornalisti e telecamere all'interno delle basi che intervistano in quel modo i piloti.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il fatto che Gheddafi abbia parlato in tv vuoldire che è vivo e vegeto- forse anche grazie al conforto delle "amazzoni"?- e che disone di un controllo non indifferente sul Paese, visto che la squadra della Tv di stato libica incaricata della ripresa esterna ha potuto muoversi con una certa libertà. Per confronto Saddam fin dai primi giorni del conflitto avvenuto nel 2003 non poteva farlo, a parte qualche sporadica apparizione mentre si spostava in tutta fretta da un "rifugio" ad un altro.

Non si sa più niente del presunto aereo libico "attaccato" nella giornata di ieri, probabilmente si trattava di una falsa notizia, come purtroppo si diffondono troppo spesso in situazioni come questa.

Non voglio fare il pessimista, ma l'operazione a mio avviso si avvia ad entrare nella fase finale, ovvero la constatazione che Gheddafi c'è e resterà salvo situazioni francamente eccezionali; e il ritiro che sa di paura bella e buona della germania non fa che complicare le cose alla coalizione dei volenterosi, la quale sta cominciando- credo- a farei conti con le spese.

Penso alla Francia che far partire mezzi, che costano molto per ogni ora di volo, da Digione e soprattutto Solenzara- che essendo in Corsica è un po' come se fosse base oltremare, tanto è lontana dal Continente. Si tratta di far arrivare, forse con autobotti - tonnellate di carburante (raffinato sul continente, credo, visto che deve essere di qualità eccezionale) per strade strette e tutte curve, credo che che più di tot ore di volo sia impossibile. Per l'Inghilterra dover partire ogni volta dal norfolk rende i consumi presumibilmente ancora maggiori.

Share this post


Link to post
Share on other sites

a parer mio sarebbe opportuno, nei limiti del segreto militare, che anche in Italia in questi casi si facessero dei debriefing o conferenze stampa gestite dai comandanti per illustrare anche con materiale audiovisivo se disponibile, le attività delle nostre forze impegnate in missione.

Si legge in giro che il pilota che ha rilasciato le dichiarazioni in questione sia stato rispedito a Piacenza, ma su queste notizie ci andrei cauto, però mi sembra strano e fa specie vedere i giornalisti e telecamere all'interno delle basi che intervistano in quel modo i piloti.

Ma le V.A.M. (Vigilanza Aeronautica Militare) in quel momento dov'erano ? si fumavano una sigaretta :rotfl:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non sono le armi di gundam, sono penetratori cinetici.

 

Mi chiedo quale esperienza tu abbia per dire che quei carri siano stati distrutti da questo o quel proiettile comunque.

 

 

 

Quindi le armi al DU sarebbero un modo per smaltire le scorie nucleari...interessante visione.

 

Allora, non sono un esperto di armi o esplosivi tuttavia andando per logica: i carri che in tv ho visto distrutti non erano completamente spappolati (come uno si aspetterebbe da un oggetto colpito da un missile aria-terra) ma sembravano belli integri. Probabilmente se filmassero meglio da qualche parte si potrebbe vedere il foro di ingresso di un proiettile di grosso calibro (sempre che la mia idea sia giusta).

 

UNa volta ho visto un documentario (ai tempi del kossovo) dove spiegavano il motivo per cui si utilizzano i proiettili all'uranio impoverito, e il grande vataggio era (vado a memoria), per prima cosa il fatto che pesando molto essi hanno una grande energia cinetica e riscono a perforare corazze molto spesse, e secondariamente, l'attrito che si verifica nel momento dell'impatto e tale che il proiettile spriggiona un sacco di calore. Tutti i mezzi colpiti da questo tipo di proiettili sembrano essere stati incendiati. A occhio sembra il tipo di danno subito dai carri libici.

 

Per l'ultima affermazione: ammettiamo per un momomento che usino proiettili ad uranio impoverito. Da dove ricavano questo uranio impoverito?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il fatto che Gheddafi abbia parlato in tv vuoldire che è vivo e vegeto- forse anche grazie al conforto delle "amazzoni"?- e che disone di un controllo non indifferente sul Paese, visto che la squadra della Tv di stato libica incaricata della ripresa esterna ha potuto muoversi con una certa libertà. Per confronto Saddam fin dai primi giorni del conflitto avvenuto nel 2003 non poteva farlo, a parte qualche sporadica apparizione mentre si spostava in tutta fretta da un "rifugio" ad un altro.

Non si sa più niente del presunto aereo libico "attaccato" nella giornata di ieri, probabilmente si trattava di una falsa notizia, come purtroppo si diffondono troppo spesso in situazioni come questa.

Non voglio fare il pessimista, ma l'operazione a mio avviso si avvia ad entrare nella fase finale, ovvero la constatazione che Gheddafi c'è e resterà salvo situazioni francamente eccezionali; e il ritiro che sa di paura bella e buona della germania non fa che complicare le cose alla coalizione dei volenterosi, la quale sta cominciando- credo- a farei conti con le spese.

Penso alla Francia che far partire mezzi, che costano molto per ogni ora di volo, da Digione e soprattutto Solenzara- che essendo in Corsica è un po' come se fosse base oltremare, tanto è lontana dal Continente. Si tratta di far arrivare, forse con autobotti - tonnellate di carburante (raffinato sul continente, credo, visto che deve essere di qualità eccezionale) per strade strette e tutte curve, credo che che più di tot ore di volo sia impossibile. Per l'Inghilterra dover partire ogni volta dal norfolk rende i consumi presumibilmente ancora maggiori.

Parlo per essere stato in vacanza in corsica (10-15 km da solenzara), per arrivarci c'è una strada abbastanza larga e priva di curve strette.

Non so da dove venga il carburante ma comunque anche se venisse dal punto più lontano (bastia) un camion ci metterebbe un'ora e mezza, forse 2 quindi non penso sia un problema far arrivare il carburante.Certo è che i francesi potrebbero usare le basi messe a disposizione dall'italia ma alla fine, considerando quello che fa la raf, partire dalla corsica è quasi irrilevante.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Pensi che abbiano agito male ?

 

Agito malissimo, dovevamo almeno impiegare lo stesso numero di aerei dei francesi, e magari partire anche un minuto prima di loro.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
Sign in to follow this  

×
×
  • Create New...