Jump to content

Libia - Discussione Ufficiale


°Delta
 Share

Recommended Posts

I francesi faranno migliaia di morti, se andranno avanti in quest'avventura. Alla faccia dei motivi umanitari e democratici che sbandierano, e pensi l'abbiano fatto solo qui? Nessuno ricorda cosa combinarono nella missione turquoise????? No eh, troppo oscura e troppo lontana, nel tempo e nello spazio... Ma passiamo al presente, che cosa succederà mai nello Yemen e nel Barehim e grazie a chi, che lascia fare al contrario della Libia, le rivolte vengono soffocate????

Quindi non capisco, se lo fanno gli altri va bene, ma noi no, non possiamo poi dormire serenamente... E così lo fanno gli altri, poiché se un domani un governo amico (loro) si imponesse in Libia, come da qualsiasi altra parte, e le tribù beduine tripolitane volessero ribellarsi, allora no, sarebbero terroristi da sterminare, e va bene mandarci anche le truppe afrofrancesi come in Ruanda per aiutare nel lavoro!!!

Quanta ipocrisia ragazzi.

Link to comment
Share on other sites

appoggiarono il governo genocida e di fatto è rimasto impunito, mentre avevano un mandato onu.

Ok parliamo di Libia, agiscono esattamente secondo lo stesso principio, e sono pronti ad assistere, e perpetuare in questo caso, un massacro ben più grande di quello che avrebbe fatto Gheddafi per raggiungere i loro interessi. Sinceramente, non so se sperare che Russia e Cina facciano serie minacce al nanetto, oppure che lo lascino fare, perché non vorrei che per un malinteso senso di alleanza gli americani garantissero comunque l'appoggio e si rischi una spirale diplomatica.

Link to comment
Share on other sites

Le difese aeree libiche gia sarebbero state in affanno a sostenere una campagna di difesa attiva negli anni 90...figuriamoci adesso.

Ovvio nulla va sottovalutato e lo ho anche scritto, ma ovvio che la corsa di tutti gli stati a mandare aereii per me nasce anche dalla consapevolezza di non avere di fronte un avversario temibile da quel punto di vista.

ALtri discorsi su invasioni e "colonizzazioni" varie credo che attualmente lascino il tempo che trovano

 

Aspettiamo di vedere cosa decide Gheddafi e come si orienta la coalizione. (senza contare che pare sicuro che dalla bielorussia siano arrivati aiuti in armi al Rais...che la Russia abbia rimosso l'ambasciatore a tripoli, fonte republica da fonti russe..etc)

c''e tanta confusione ora. Non e' possibile prevedere scenari al di la dei bombardamenti attuali

 

un piccolo OT sul Rwanda, un conoscente era in legione straniera all'epoca e mi ha raccontato come avessero delle regole di ingaggio molto complesse. E mi racconta di come abbi visto tanta gente "fatta a pezzi" e non essere potuto intervenire.

Certo, siamo nel campo del "mio cugino mi ha detto", pero' mi sembra una persona credibile.

Fine otti e non parliamone piu.

Edited by nik978
Link to comment
Share on other sites

Gabriele, il fatto che la "coscienza" di altri stati sia infangata da ipocrisia ed atrocità non rende il fango con il quale imbrattiamo le nostra meno sproco.

 

E' come se un cittadino incensurato provasse a giustificare un furto dicendo "ma come, ci sono tanti ladri che rubano ed hanno rubato e io non posso?".

 

 

Inoltre prima di parlare di massacri delle forze occidentali in Libia credo sia giusto perlomeno aspettare qualche notizia certa...

Link to comment
Share on other sites

Non diciamo cavolate, son partiti degli ecr, con gli HARM non si distruggono palazzi.

 

E infatti, SE queste sono (come indicato dal sito di Repubblica) foto relative al palazzo governativo colpito, i pezzi che si vedono in alcune foto non mi pare possano in alcun modo appartenere ad un HARM (mi sembrano qualcosa di molto vicino agli stadi del compressore o di una turbina di un motore come quello del Tomahawk), e nemmeno i danni ripresi possono essere stati fatti da un HARM.

Link to comment
Share on other sites

Buongiorno a tutti,

letto con interesse le varie pagine precedeti.

Ma alla fine di tutto, non ci costerà molto questa "guerra", che sembra sia voluta principalmente dal patner francese?

 

Arrivederci

Guglielmo.

 

E chi lo sa? Se intendi meri costi materiali, tra l'altro sulla vendita dei carburanti in Italia gravano ancora diverse "unatantum" istituite negli anni '80 per finanziare missioni militari italiane in ambito internazionale e mai più revocate.

Chi ci guadagnerà a lungo termine? Se le cose dovessero andare nel modo più liscio e veloce per la "coalizione dei volenterosi" e per l'intero popolo libico, forse l'Italia potrebbe ottenere più sostegno internazionale per fronteggiare e assorbire i futuri flussi migratori che - con Gheddafi o senza - inevitabilmente aumenteranno verso questa lunga penisola affacciata all'Africa.

Se le cose andassero male per gli attori delle operazioni, probabilmente a lungo termine chi ci guadagnerà sarà la Cina.

Non so nemmeno se questa guerra sia voluta principalmente dalla Francia.

Alcuni interessanti commenti su "La stampa" di oggi:

 

http://www.lastampa.it/_web/cmstp/tmplrubriche/finestrasullamerica/grubrica.asp?ID_blog=43&ID_articolo=1990&ID_sezione=58&sezione=

http://www.lastampa.it/_web/cmstp/tmplRubriche/editoriali/gEditoriali.asp?ID_blog=25&ID_articolo=8527&ID_sezione=&sezione=

Edited by Scagnetti
Link to comment
Share on other sites

Parlando di pecunia, a noi conviene appoggiare i ribelli, dal momento che l'ex ministro dell'interno, che praticamente è il loro leader e che ha dichiarato di voler onorare tutti i contratti gia stipulati, e visto che al contrario Gheddafi&Sons hanno invece minacciato di firmare coi cinesi e buttare ai pesci i nostri contratti, ci ritroviamo con l'unica opzione possibile praticabile nell'Operation Dawn appunto.

Edited by -{-Legolas-}-
Link to comment
Share on other sites

... agiscono esattamente secondo lo stesso principio, e sono pronti ad assistere, e perpetuare in questo caso, un massacro ben più grande di quello che avrebbe fatto Gheddafi per raggiungere i loro interessi.

 

Scusa ma che ne sai? sei a conoscenza di piani segreti francesi by "uichilics" forse ? Piani che prevederebbero massacri "ben più grandi" di quelli che avrebbe fatto Gheddafi? Ma che dici? Mi sembra di avvertire una certa antipatia congenita più che una analisi della realtà.

 

Per favore c'è n'è già tanta di carne al fuoco in questo momento. Concentriamoci sui fatti e ciò che sta accadendo -_- .

Edited by Alpino_sommerso
Link to comment
Share on other sites

Parlando di pecunia, a noi conviene appoggiare i ribelli, dal momento che l'ex ministro dell'interno, che praticamente è il loro leader e che ha dichiarato di voler onorare tutti i contratti gia stipulati, e visto che al contrario Gheddafi&Sons hanno invece minacciato di firmare coi cinesi e buttare ai pesci i nostri contratti, ci ritroviamo con l'unica opzione possibile praticabile nell'Operation Dawn appunto.

 

Giustissimo. Per capire meglio cosa c'è in ballo:

 

http://www.repubblica.it/economia/2011/03/20/news/libia_finanze_e_imprese_italiane_tutti_gli_interessi_in_gioco-13873455/?ref=HREA-1

Link to comment
Share on other sites

Mi intrometto un momento.

Ad Istrana c'è un gruppo francese che operava con i Jaguar nel 2002.

 

Siccome ho tempo libero vorrei farci un giro.

Nessuno della zona sa dirmi se si muove qualcosa?

 

Perchè ho sentito dire che usavano la base in Corsica, non vorrei fare km per niente.

Link to comment
Share on other sites

 

Leggiti questo per capie ancora meglio cosa c'è in ballo...

 

http://www.ariannaeditrice.it/articolo.php?id_articolo=37859

 

è lungo perchè sono una raccolta di diversi articoli pre-conflitto ma sono molto calzanti.

Link to comment
Share on other sites

Allora, senza cercare di nascondersi dietro a un dito, sono trenta'anni (non un mese) che Gheddafi regna in un modo tale da aspettarsi che prima o poi sarebbe stato scalzato dalla sua stessa gente, o meglio, dai clan avversari. Se la Clinton ha lanciato comunicati rassicuranti verso "chissà chi" in Libia, sarà perchè gli sono arrivati certi segnali dall'intelligence, una cosa è monitorare la Libia ed essere pronti a reagire, un'altra è andare a organizzare un colpo di stato, appoggiato da milioni di libici. Questo è un momento a lungo atteso, non un colpo di mano ad opera delle potenze occidentali, noi che siamo sulla soglia da decenni ce lo aspettavamo da mò.

Link to comment
Share on other sites

E infatti, SE queste sono (come indicato dal sito di Repubblica) foto relative al palazzo governativo colpito, i pezzi che si vedono in alcune foto non mi pare possano in alcun modo appartenere ad un HARM (mi sembrano qualcosa di molto vicino agli stadi del compressore o di una turbina di un motore come quello del Tomahawk), e nemmeno i danni ripresi possono essere stati fatti da un HARM.

 

A quanto pare ieri sera non sono stati utilizzati nemmeno gli HARM. Così ha comunicato il pilota Nicola Scolari.

Link to comment
Share on other sites

A quanto pare ieri sera non sono stati utilizzati nemmeno gli HARM. Così ha comunicato il pilota Nicola Scolari.

 

Qualcuno più esperto di me sugli HARM e sui sistemi di difesa aerea libica può confermare che non avrebbe avuto senso lanciare HARM se i sistemi libici erano spenti? In tal caso comunque si costringe i libici a non usare i loro sistemi radar.

Se invece oscurano i loro segnali o usano altri accorgimenti (frequenze inusuali, etc.) le capacità dei tornado ECR contro sistemi d'arma non modernissimi sono state messe in discussione?

Link to comment
Share on other sites

Un euro per ogni paese dittatoriale e torniamo a girare in calesse :asd:

 

Re abdallah che sopprime i moti di rivolta pure nei paesi vicini è buono invece? In Arabia saudita notoriamente si vota per chi si vuole...

 

Poi chi ha detto che i libici liberi di votare siano una cosa positiva?

 

Forse non sta a noi spiegare ai libici cosa è meglio per il loro paese.

Per rispondere ai vari facinorosi, assetati di colonialismo: prima degli interessi italiani in libia, contano gli interessi dei libici, perseguiti dai libici. Io sono per il cinismo, avremmo dovuto lasciare i ribelli a loro stessi, e farci i fatti i nostri. D'altra parte, risalendo la china delle cause-coseguenze di questa sciagurata vicenda, non avremmo certo dovuto appoggiare un dittatore come gheddafi. In quanto stato democratico e liberale nonn dovremmo appoggiare nessun dittatore.

 

E dominus direbbe: "se avessimo fatto così a quest'ora giereremmo tutti in calesse". Il che è vero.

 

Allora vedi che siamo imperialisti?

Link to comment
Share on other sites

Qualcuno più esperto di me sugli HARM e sui sistemi di difesa aerea libica può confermare che non avrebbe avuto senso lanciare HARM se i sistemi libici erano spenti? In tal caso comunque si costringe i libici a non usare i loro sistemi radar.

Se invece oscurano i loro segnali o usano altri accorgimenti (frequenze inusuali, etc.) le capacità dei tornado ECR contro sistemi d'arma non modernissimi sono state messe in discussione?

 

 

se vengono individuati e poi spenti il missile dovrebbe centrare comunque il bersaglio.

 

Agm-88E

Edited by ExOceT
Link to comment
Share on other sites

Forse non sta a noi spiegare ai libici cosa è meglio per il loro paese.

Per rispondere ai vari facinorosi, assetati di colonialismo: prima degli interessi italiani in libia, contano gli interessi dei libici, perseguiti dai libici. Io sono per il cinismo, avremmo dovuto lasciare i ribelli a loro stessi, e farci i fatti i nostri. D'altra parte, risalendo la china delle cause-coseguenze di questa sciagurata vicenda, non avremmo certo dovuto appoggiare un dittatore come gheddafi. In quanto stato democratico e liberale nonn dovremmo appoggiare nessun dittatore.

 

E dominus direbbe: "se avessimo fatto così a quest'ora giereremmo tutti in calesse". Il che è vero.

 

Allora vedi che siamo imperialisti?

 

 

Ma di quale appoggio parli?? Non ci siamo mica allleati con la Libia, semplicemente abbiamo interessi economici in comune!

 

 

- Siamo il primo paese esportatore, ricoprendo il 17% delle importazioni libiche

 

- La Libia è il primo fornitore di greggio ed il terzo di gas

 

- Ci sono 100 aziende italiane, operanti nel mercato libico

 

- I libici vantano diverse partecipazione, in gruppi italiani di primaria importanza: Unicredit, Eni, Finmeccanica.....solo per citarne qualcuno

Link to comment
Share on other sites

Un elenco degli assetti coinvolti si qui.

 

UNITED STATES

 

· Submarines Providence, Scranton and Florida launching Tomahawks.

 

· Destroyers Barry and Stout launching Tomahawks.

 

· Amphibious assault ships Kearsarge and Ponce, carrying Marines of the 26th Marine Expeditionary Unit (MEU).

 

· Command ship Mount Whitney.

 

· Support ships Lewis and Clark, Robert E. Peary and Kanawha.

 

· U.S. Navy aircraft include EA-18G Growler electronic air warfare aircraft, at least four P-3C Orion maritime patrol aircraft and one EP-3E Aries electronic surveillance aircraft, all flying from land bases in the Mediterranean. Marine Corps AV-8B Harrier jets are operating from the Kearsarge.

 

· Air Force aircraft include B-2 stealth bombers and F-15 and F-16 fighters.

 

· The Bataan Amphibious Ready Group will deploy from Norfolk,Va., on March 23 ahead of schedule to support Odyssey Dawn operations. The group includes the amphibious ships Bataan, Mesa Verde and Whidbey Island carrying the 22nd MEU.

 

 

FRANCE

 

· Aircraft carrier Charles de Gaulle left its base at Toulon March 20 en route to waters off Libya. De Gaulle is carrying 20 aircraft, including Rafale and Super Etendard strike fighters, and is escorted by the destroyers Dupleix and Forbin, frigate Aconit, oiler La Meuse, and an unnamed nuclear attack submarine.

 

· Destroyer Jean Bart already on the scene.

 

· French land-based strike aircraft spearheaded the March 19 attacks on Libya.

 

 

ITALY

 

· Destroyer Andrea Doria Frigate Euro Support ship Etna As of early March 20, more ships were to be en route from Italy: destroyer Francesco Mimbelli; frigate Fenice; patrol ships Libra and Sirio; amphibious ships San Giorgio and San Marco.

 

· At least 4 Tornado strike aircraft and 4 other combat aircraft are available.

 

 

CANADA

 

· Frigate Charlottetown Six CF-18 Hornet strike fighters Canada's forces are operating as part of Operation Mobile.

 

 

UNITED KINGDOM

 

· Unnamed Trafalgar-class nuclear attack submarine launching Tomahawks.

 

· Frigates Westminster and Cumberland.

 

· Typhoon and Tornado strike aircraft operating from Gioia del Colle air base in southern Italy. Tornado GR4s with Storm Shadow cruise missiles took place in the initial strikes on March 19, flying from the Royal Air Force (RAF) base at Marham in Norfolk, eastern England. Agence-France Presse reported the aircraft conducted four mid-air refueling operations during the 3,000-mile, eight-hour mission, the longest Royal Air Force bombing mission since the 1982 Falklands war.

 

· Additionally, E3-D Sentry, Sentinel and Tristar surveillance aircraft and VC-10 aerial tankers are operating.

 

· The British effort against Libya is dubbed Operation Ellamy.

 

 

BELGIUM

 

· Six F-16 fighters to be ready for operations March 21.

 

DENMARK

 

· Six F-16 fighters and a transport are operating from Sigonella air base on Sicily.

 

 

QATAR

 

· Four combat aircraft reportedly are in operation by March 20.

 

 

SPAIN

 

· Four F-18 strike fighters are operating from Decimomannu air base on the Italian island of Sardinia.

 

· One aerial tanker and one CN-235 maritime surveillance plane.

 

· A submarine and frigate are to deploy this week pending parliamentary approval, according to Deutsche Presse-Agentur.

 

 

UNITED ARAB EMIRATES

 

· Strike aircraft are reported en route to Decimomannu air base.

 

The U.S. aircraft carrier Enterprise, which recently passed through the Mediterranean, is now in the Arabian Sea conducting air operations over Afghanistan for Operation Enduring Freedom.

 

Compiled from reports from U.S. Department of Defense, U.S. Africa Command, U.S. Navy, British Ministry of Defence, Canadian Forces, Agence France-Presse, Deutsche Presse-Agentur.

 

Read more: http://defensetech.o.../#ixzz1HExf04iR

Defense.org

Link to comment
Share on other sites

Qualcuno più esperto di me sugli HARM e sui sistemi di difesa aerea libica può confermare che non avrebbe avuto senso lanciare HARM se i sistemi libici erano spenti? In tal caso comunque si costringe i libici a non usare i loro sistemi radar.

 

se vengono individuati e poi spenti il missile dovrebbe centrare comunque il bersaglio.

Agm-88E

 

Se erano già spenti no. Si, li si costringe a tenerli spenti.

 

Comunque i nostro Tornado ECR sono dotati ancora del AGM-88 HARM, non (ancora) del AARGM che permetterebbe di colpire la fonte radar anche se interrompesse successivamente il segnale. gli AGM-88 HARM invece se "perdono il filo" si autodistruggono per evitare possibili incidenti di fuoco amico..

Link to comment
Share on other sites

Con la costituzione di una No Fly Zone (NFZ), non è inclusa l'opzione dell'occupazione al suolo di alcun esercito. Per cui si sta facendo una campagna aerea per stroncare le difese aere libiche e azzerare le possibilità di offesa contro i ribelli, se ne farà una per continuare la superiorità aerea già ottenuta sin dalle prime fasi dell'operazione.

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
×
  • Create New...