Jump to content
Sign in to follow this  
LC_Revenge

tecniche di modellismo, dai primi passi ai metodi più avanzati

Recommended Posts

come inizio mi pare vada bene!

ottimo il consiglio di bs_yamato!

ma se devi fare una spesa, investi su un aerografo e relativo compressore!

Ps per lo stucco io uso o uno stuzzicadenti o a volte una piccola spatola..

Share this post


Link to post
Share on other sites

come inizio mi pare vada bene!

ottimo il consiglio di bs_yamato!

ma se devi fare una spesa, investi su un aerografo e relativo compressore!

Ps per lo stucco io uso o uno stuzzicadenti o a volte una piccola spatola..

 

sai consigliarmi una marca/modello non troppo caro che vada bene per iniziare?da quello che ho capito è meglio iniziare da un singola azione?o è meglio l'altro?

Share this post


Link to post
Share on other sites

sai consigliarmi una marca/modello non troppo caro che vada bene per iniziare?da quello che ho capito è meglio iniziare da un singola azione?o è meglio l'altro?

 

mah guarda io ho iniziato con uno a singola azione da 7 euro, per poi passare al doppia azione, ma penso che se inizi direttamente da quest'ultimo vada bene lo stesso..

personalmente possiedo un aerografo della mantua model che costa 59 euro e non è nulla di eccezionale, però per quello che faccio adesso va più che bene! poi quando uno padroneggia bene questo strumento è giusto acquistarne uno più valido..

Share this post


Link to post
Share on other sites

io avevo pensato di cominciare con uno sui 40/50 € e o farmi imprestare il compressore dal mio vicino di casa...o all'inizio usare le bombole di aria compressa...

se il mio vicino sarà così gentile da prestarmelo meglio...:)

ma con le bombole come viene il risultato?almeno decente o è meglio lasciar stare?

Share this post


Link to post
Share on other sites

io avevo pensato di cominciare con uno sui 40/50 € e o farmi imprestare il compressore dal mio vicino di casa...o all'inizio usare le bombole di aria compressa...

se il mio vicino sarà così gentile da prestarmelo meglio...:)

ma con le bombole come viene il risultato?almeno decente o è meglio lasciar stare?

 

Ciao,

copio qui di seguito quanto ho scritto lunedì scorso nella discussione dedicata agli aerografi che troverai più sopra e che comunque ti suggerisco di andare a vedere:

 

Io, ai miei inizi ho usato le bombolette: costose e poco efficaci.

 

Il problema del gas compresso in bombole è comune a tutte le bombole, dalle più piccole alle più grandi: all'inizio il gas esce con un pressione piuutosto elevaya che degrada lentamente, se non ricordo male finchè la bombola si è svuotata per 2/3, poi comincia a scendere bruscamente. Alle bombole industriali ed quelle usate nelle vecchie cucine, si applica un regolatore che mantiene la pressione costante almeno per quei famosi 2/3 ma non può nulla nell'ultima fase.

Inoltre, bisogna tener presente che un gas, quando esce da una bombola si espande e, così facendo si raffredda. Raffreddandosi, fa raffreddare anche la bombola stessa ed il raffreddamento abbassa la pressione, quindi devi interrompere la verniciatura per far riscaldare la bombola e così rischi che ti si asciughi la vernice nell'aerografo.

Quando poi il raffeddamento si combina con la bombola quasi vuota ...

Il mio suggerimento è senz'altro quello di utilizzare un compressore, su e-bay se ne trovano a partire da 55 Euro.

Alberto

Share this post


Link to post
Share on other sites

 

Ciao,

il pacchetto proposto nella terza inserzione è decisamnete completo anche se non mi sembra vengano indicate le marche degli aerografi.

Io, peraltro ti suggerirei di provare a fare un'offerta per il Badger 150 che, nuovo, dovrebbe costare oltre 100 Euro.

In un aerografo usato l'importante è che gli aghi non siano storti e che sia stato tenuto ben pulito.

Io non sono un maestro, ma personalmente lo utilizzo per i lavori dove è richiesta maggior sensibilità e precisione, ad esempio le mimetiche fatte a mano libera.

Per i lavori più grossolani, ad esempio stendere il colore principale di una mimetica, uso un Badger 200 a singolo effetto, anche se bastaterebbe un aerografo più economico, perchè hanno in comune sia le coppette che gli attacchi al tubo dell'aria.

Il Badger 200 ha anche il vantaggio di essere più semplice da pulire.

Alberto

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciao,

il pacchetto proposto nella terza inserzione è decisamnete completo anche se non mi sembra vengano indicate le marche degli aerografi.

Io, peraltro ti suggerirei di provare a fare un'offerta per il Badger 150 che, nuovo, dovrebbe costare oltre 100 Euro.

In un aerografo usato l'importante è che gli aghi non siano storti e che sia stato tenuto ben pulito.

Io non sono un maestro, ma personalmente lo utilizzo per i lavori dove è richiesta maggior sensibilità e precisione, ad esempio le mimetiche fatte a mano libera.

Per i lavori più grossolani, ad esempio stendere il colore principale di una mimetica, uso un Badger 200 a singolo effetto, anche se bastaterebbe un aerografo più economico, perchè hanno in comune sia le coppette che gli attacchi al tubo dell'aria.

Il Badger 200 ha anche il vantaggio di essere più semplice da pulire.

Alberto

 

gli ho chiesto lo stato del badger 150 e lui mi ha garantito che è in ottimo stato!ho già fatto un offerta...vediamo se riesco ad aggiudicarmelo!:)

mi da un ssacco di accessori di ricambio tra cui aghi,coppette di varie misure ecc ecc...

speriamo di riuscire...:)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciao a tutti,

avevo un dubbio...che differenza c'è tra la colla cianoacrilica e le altre colle classiche per il modellismo?

grazie a chi mi risponde...:)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciao a tutti,

avevo un dubbio...che differenza c'è tra la colla cianoacrilica e le altre colle classiche per il modellismo?

grazie a chi mi risponde...:)

 

Ciao,

le colle classiche per modellismo creano un leggero rammollimento della plastica quindi i due pezzi, messi a contatto, si uniscono solidamente non appena il solvente evapora e la plastica ritorna dura.

Le cianoacriliche, invece, sono adesivi molto potenti, anche se fragili, che vengono usati principalmente per incollare materiali diversi quali, ad esempio, il metallo dei pezzi fotoincili alla plastica.

Sono molto utilie pratiche anche per riempire piccole fessure e, con molta attenzione, si possono usare anche per incollare i trasparenti. Per questi ultimi é comunque preferibile usare collanti specifici quali, ad esempio, il Contact Clear della Revell.

 

Più sopra ho detto che le cianoacriliche sono "fragili" perchè, in effetti, con un colpo secco è possibile staccare i pezzi incollati e non sono adatte per incollaggi robusti o di parti che non combaciano bene.

In questo caso é meglio utilizzare colle epossidiche bicomponente.

Spero di esserti stato d'aiuto.

Alberto

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciao a tutti, sono nuovo e ho riscoperto questo bellissimo hobby da pochissimo.

Premetto che ho spulciato qualche forum qua e la e qualche guida in rete ma sinceramente in alcuni casi ci ho capito ben poco.

Dato la confusione che ho in testa chiedo a voi guru del modellismo di illuminarmi quel tanto che basta per farmi partire e pian piano progredire.

Ho acquistato un Harrier della Airfix 1:72 e tramite consiglio del rivenditore ho comprato anche qualche colore acrilico della Pactra. Non uso aerografo ma soltanto pennelli e qui viene il dramma. Ho eseguito qualche prova; questi colori diluiti con acqua o alcool "rosa" non coprono praticamente nulla, lasciano i segni delle pennellate in maniera vistosissima insieme a grumi di colore qua e la (sicuramente la colpa sarà anche della mia scarsa abilità pittoresca ). Ora vi chiedo: i colori acrilici sono utilizzabili solo con airbrush? o c'è qualcosa che mi sono perso?

Se inoltre foste cosi gentili da elencarmi punto per punto i passaggi per la verniciatura del modello ve ne sarei veramente grato. Ciao e a presto

Share this post


Link to post
Share on other sites

Per iniziare è ottimo il pennello, ma con colori a smalto. Coprono bene e si possono diluire facilmente. Prova gli Humbrol.

 

Gli acrilici richiedono di solito l'aerografo o almeno uno spruzzatore. Prova a non diluirli, solitamente sono già anche troppo fluidi...

 

Per la mimetica devi separare le zone di volta in volta, partendo dai colori più chiari. Non ti spaventare, anche il primo modello può venire molto bene.

Edited by Gian Vito

Share this post


Link to post
Share on other sites

BENVENUTO...

 

...come dice Gian Vito ....magari se; usi i colori TAMYA..non diluirli..o almeno compra il SUO diluente indicato....per i pennelli io uso l zero della Giotto a punta tonda; per ammorbidire le setole lo immergi in acqua calda magari a temperatura "doccia" (non bollente).... ..e per il caso dell'harrier..che non so che versione hai: in genere RAF ha due tonalità

grigio chiaro e grigio scuro...io ti consiglio di fare così:

 

il modellino proposto da hairfix va benissimo per iniziare proprio per il suo basso contenuto di pezzi ....che non vuol dire che è da sottovalutare..ma anzi ci aiuterà ad imparare le tecniche basilari dell'assemblaggio ... e della verniciatura

 

 

credo che sia così...

 

20117159231_harrier%20airfix.jpg

 

 

PER INIZIARE ED AVERE UN BUON RISULTATO....

ovviamente per i dettagli ti documenti con foto..

>1 monti la cabina..con i dettagli e verniciata (senza montare il seggiolino)

>2 monti la ventola del motore e la parte a vista dell'interno della presa d'aria *in genere in alluminio;

>3 inizzi a colorare gli ugelli di scarico orientabili che ancora stanno attaccati al blister di stampo così come tutti i componenti del carrello ; ruote ecc......così non lasci ditate...e li puoi far asciugare senza appoggiarli....

>4 monti l'aereo le due metà; ali ... ovviamente pareggerai le imperfezioni con la carta vetrata tipo 5000 ...per le PICCOLE stuccature usa magari il super attak e aspetta che si indurisca (passa anche 1 ora) /senza i dettagli come i carrelli , armamento ecc...

 

 

devi mascherare la cabina prima di verniciare..magari usi il nastro isolante o il nastrocarta..

 

>5a* se l'aereo è a tinta unita:puoi verniciare l'aereo con il colore prevalente :(AD ESEMPIO SE L'HARRIER è DELLA RAF) grigioazzurro RAF a spray *TAMYA una volta asciutto/ fai delle passate leggere/ se: è prevista una mimetizzazione , con il grigio più scuro fai la macchia sul dorso e con gli altri colori fai tutti i dettagli vari della fusoliera.....e con il nero MOLTO DILUITO..puoi fare delle leggere sporcature vicino agli ugelli di scarico; bordi delle ali ; alettoni..ti puoi aiutare con il pennellino piccolo e con un fazzolettino: metti un pochino di vernice diluitissima e la levi con il fazzoletto..e vedrai che rimarrà un leggero alone nero..e facendo delle prove capisci poi la tonalotà desiderata..ti aiuti con delle foto...ovviamente per i dettagli ti documenti con foto..

 

 

>5b* se l'aereo è mimetico; passi un colore di fondo spray (CONSIGLIO TAMYA)..in genere grigioblu scuro RAF e poi con il boccettino (consiglio tamya) e con il pennellino fai la mimetica ..in genere l'olive dab o il dark green...fai le macchie seguendo lo schema; per il sotto che è in grigio chiaro o alluminio..una volta asciugata la parte superiore ; ti aiuti con il nastro isolante per delimitare la linea di mezzeria del velivolo (vedi foto e istruzioni) nascondendo tutti i particolari da non verniciare...e adoperando sempre in spray..vernici.e dopo che si sia asciugato BENE togli il nastro isolane...non usare lo scoch perchè potrebbe togliere la vernice.......

ma se ricordo bene è mimetico anche sotto......

 

http://www.modelingtime.com/2009/03/28/modeling-time-high-school-migliorare-la-propria-tecnica-con-il-nostro-aiuto-lharrier-gr3-di-flankedd/

 

 

>6 una volta colorato , attacchi le decalls..-(ancora è presto per usare gli ammorbidenti)....una volta attaccate le decalls..ci passi un velo di trasparente lucido, della GUNZE /ti servirà per omogeneizzare il film delle decalls alla vernice ; una volta sciutto *NON avere fretta ... :rotfl: ci passi un velo di trasparente opaco della GUNZE per rendere più veritiero l'aereo..(NOTA BENE ovviamente i trasparenti *tettuccio non vanno montati ancora e TANTO MENO CI PASSI SOPRA CON IL TRASPARENTE... si rovinano../

>7 una volta asciutto lo finisci di assemblare con gli ultimi pezzi finali : carrello; armamento ecc..ATTENTO alle scolature della colla!!

>8 ora monti il seggiolino e il tettuccio ..e come ultima finitura fai le finiture dei montanti e del blindovetro...e monti il pitot (punta) e le varie antenne

 

GUARDA QUI' PER CAPIRE MEGLIO....

http://airfixtributeforum.myfastforum.org/archive/richard-m-s-1-72-raf-harrier-t.10-build.__o_t__t_8265.html

 

 

 

201171584316_harrier.jpg

Edited by eugy78

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ne approfitto per fare una domanda per il pennello quale consigliate? Con la punta quadrata o normale? E di che dimensione per colorare le parti più grosse tipo ali e corpo?

 

Grazie

Share this post


Link to post
Share on other sites

ciao a tutti come l'amico shinigami984 anche io mi trovo nella stessa situazione..................... ma onestamente il mio è stato un risultato alquanto disastroso ho iniziato con un pezzo d'artiglieria comprato in un negozio che sta chiudendo sapete un m1 a4 scala 1:35 pagato appena 3€ (a proposito domani vado a prendere un B58 scala 1:48 ha detto che me lo molla per 40€) cioè ho fatto sbavature di colla ovunque e non so come pulirla, colorarlo è stata un'impresa.........spero tanto che i prossimi siano almeno guardabili!!!!!!!!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Avrei alte domande... Il colore lo diluisco direttamente nel suo barattolo?? (Io coloro con i pennelli) come pulisco i pennelli?

Share this post


Link to post
Share on other sites

bhe no, i colori non vanno diluiti nei barattoli, ma in apposite tavolozze (benchè, un colore nuovo e ben mescolato raramente ha bisogno di ulteriore diluizione).

per quanto riguarda la pulizia dei pennelli, dipende dal tipo di colore: per gli smalti (i migliori per dipingere a pennello) basta della normale acqua-ragia, mentre, per i gli acrilici dell'acqua normale.

ovviamente, esistono anche i prodotti specifici per ogni marca e tipologia di colore, ma all'inizio è bene, anche per limitare le spese, di andare "sull'artigianale".

Share this post


Link to post
Share on other sites

ciao a tutti siccome sono nuovo e ieri ho acquistato il mio primo modello di aero tamiaya e mi è stato consigliato di assemblarlo e poi colorarlo,

vorrei sapere voi come fate.

E se potete darmi dei consigli su come colorarlo con l'erografo

grazie

Share this post


Link to post
Share on other sites

non sono poche le cose da dire, prova a vedere la sezione "bacheca degli assi" in cui ci sono molti wip completi e molti trucchetti

Share this post


Link to post
Share on other sites

Mi presento sono Danilo e ho da pochissimo intrapreso la passione o meglio ho ripreso una passione appartenente a mio nonno,e siccome non mi ricordo nulla avrei bisogno di avere dei consigli sul come dipingere o meglio diluire i colori,e dare forme mimetiche il doppio colore in alto e poi un secondo in basso questo è il mio problema..Ho preso da poco i colori della tamiya ma non avendoli ancora adoperati non so come utilizzarli se con diluente o no..è un post un po confuso perchè non ho la piu pallida idea di come procedere..

Ringrazio chiunque mi aiuterà a fare un modellino decente grazie!!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciao Danilo in effetti non ho ben chiaro cosa intendi con il "doppio colore in alto e il secondo in basso" tuttavia se come dici sei nuovo del mestiere mi sento di suggerirti di avvicinarti gradualmente alla colorazione ,magari sperimentando tecniche,diluizioni colori,mascherature ecc ecc, su un modello "cavia" per poi trasportare l'esperienze fatte su lavori più complessi e appaganti .

Ciao e buon modellismo.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Per quel che ne so io, non è necessario diluire i colori tamiya. Preciso che dipingo le superfici grandi dei modellini con le bombolette e i pezzi piccoli con il pennello. Non uso l'aerografo.

 

Ti consiglio questo sito: www.modellismo.net in cui ci sono delle guide in pdf per chi comincia, sono utili anche se loro si occupano sopratutto di modellini di automobili.

 

Per iniziare, usa modellini economici e spendi qualche soldo in più in colori e attrezzatura varia.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
Sign in to follow this  

×
×
  • Create New...