Jump to content

Rivolte in medio oriente


Dominus
 Share

Recommended Posts

Se posso dire la mia ...

a quanto sembra questa non è (era?) una rivolta a sfondo fondamentalista, ma alla prossima, se mai ci sarà, sarà fin troppo facile additare "gli opulenti occidentali che non hanno mosso un dito mentre vedevano i nostri fratelli massacrati da Gheddafi" :osama: :osama: :osama: :osama:

Link to comment
Share on other sites

Interventista, non codardo a lasciare la popolazione nel bagno di sangue da un dittatore alla pari di Hitler

 

L'efficacia dell'intervento non si misura dai carri buttati nella mischia o dal coltello tra i denti... se si vuole essere efficaci vanno considerate tante tante questioni di equilibri, ripercussioni politiche ecc... La lega araba ha chiesto la No Fly zone, bene questa andrebbe fatta. Certo è costosa e complessa. Tutto il resto appare al momento un videogame.

Link to comment
Share on other sites

interventista per fare cosa??? Boh io non capisco. Si interviene se ci sono interessi tali da giustificare gli enormi contraccolpi internazionali e sociali interni che la cosa può suscitare, e non c'è un briciolo di necessità per l'Italia al momento, anzi avremmo necessità che non si faccia granché.

 

primo si potrebbe intevenire per motivo etico,perchè stò tizio stà attuando un genocidio a due metri da casa nostra,secondo perchè come sapresti se fossi informato se sta storia finisce a vantaggi del dittatore(come sembra dover accadere) aziende come ENI verranno scacciate dalla libia e il posto sarà preso da società cinesi russe e indiane,infatti gheddafi ha detto chiaramente che quelli che sono andati contro la no fly zone verranno ripagati profumatamente. Naturalemente un intervaneto non alla sbarco in normandia,intendo una no fly zone o una campagna aerea.

Edited by red giacomo
Link to comment
Share on other sites

A mio avviso l'Italia comunque vadano le cose ci rimette:

 

- Se Gheddafi riprende il controllo del Paese ci fa pagare il " tradimento politico" e ci taglia i contratti dell'ENI e ci riempie di emigrati.

 

- Se Gheddafi viene cacciato, il nuovo esecutivo ci rimprovererà la nostra "inattività" a scapito di paesi intraprendenti come Francia e Gran Bretagna i quali entreranno di peso nell'economia

della nuova Libia soppiantando le aziende Italiane.

 

Penso che in politica estera ce la stiamo giocando male.

Link to comment
Share on other sites

Ragazzi come vedete la notizia dei due caccia ribelli che affondano due navi di Gheddafi e ne danneggiano una?

A parte il fatto che bisognerebbe vedere cosa intendono per "navi" (potrebbero essere perfettamente delle motovedette), ma questa notizia mi puzza particolarmente.

Secondo il mio parere o è una bufala propagandistica o quelli non erano per nulla caccia libici "ribelli".

Link to comment
Share on other sites

Ragazzi come vedete la notizia dei due caccia ribelli che affondano due navi di Gheddafi e ne danneggiano una?

A parte il fatto che bisognerebbe vedere cosa intendono per "navi" (potrebbero essere perfettamente delle motovedette), ma questa notizia mi puzza particolarmente.

Secondo il mio parere o è una bufala propagandistica o quelli non erano per nulla caccia libici "ribelli".

 

Se vera, è interessante. Quali sono le fonti giornalistiche dell'accaduto? Avresti voglia di riportarcele? Grazie

Link to comment
Share on other sites

A mio avviso l'Italia comunque vadano le cose ci rimette:

 

- Se Gheddafi riprende il controllo del Paese ci fa pagare il " tradimento politico" e ci taglia i contratti dell'ENI e ci riempie di emigrati.

 

- Se Gheddafi viene cacciato, il nuovo esecutivo ci rimprovererà la nostra "inattività" a scapito di paesi intraprendenti come Francia e Gran Bretagna i quali entreranno di peso nell'economia

della nuova Libia soppiantando le aziende Italiane.

 

Penso che in politica estera ce la stiamo giocando male.

 

Chiunque se la gioca male semplicemente cambiando punto di vista... idem per Francia, Inghilterra, Usa, Germania....ecc ecc.

L'italia è lenta e ipocrita, come tutta europa, un po' meno la Francia, che rischia di più se il pazzoide resta in carica. Ma tant'è.

Poi esiste sempre il rispetto personale, a prescindere da quello che pensano gl'altri.

 

Quanto ai 2 caccia in mano a ribelli ne ho sentito ancora parlare proprio ora dal tg4 notte (si lo so, ma stanno facendo "gli spietati") ma stavolta riferivano fuoco sulle truppe in movimento.

Link to comment
Share on other sites

A mio avviso l'Italia comunque vadano le cose ci rimette:

 

- Se Gheddafi riprende il controllo del Paese ci fa pagare il " tradimento politico" e ci taglia i contratti dell'ENI e ci riempie di emigrati.

 

- Se Gheddafi viene cacciato, il nuovo esecutivo ci rimprovererà la nostra "inattività" a scapito di paesi intraprendenti come Francia e Gran Bretagna i quali entreranno di peso nell'economia

della nuova Libia soppiantando le aziende Italiane.

 

Penso che in politica estera ce la stiamo giocando male.

Io la vedo così.

  1. Se Gheddafi riprende il controllo del paese il nostro governo lo riospiterà nel cortile di palazzo Grazioli, ricomincerà con la politica del baciafondellismo e dell'autostrada da 5 miliardi di Euro ed il Rais ringrazierà per non essere intervenuti. L'ENI perforava la scatola di sabbia mentre Gheddafi spediva Scud su Lampedusa, figurati se adesso si mette a vendere petrolio alla Russia o, peggio mi sento, alla Cina! Alla prima potrebbe far arrivare il petrolio solo tramite oleodotti controllati dall'ENI, alla seconda su costose petroliere con molti armatori italiani pronti a boigottarlo su richiesta del governo (scelta politica coraggiosa ma non del tutto improbabile). E' vero che noi i vicini non ce li siamo scelti, ma è anche vero che noi siamo il cliente, ed il cliente si sa, ha sempre ragione! Noi abbiamo interessi in Libia ma anche la Libia (o meglio, la famiglia Gheddafi) ne ha in Italia.
  2. Se Gheddafi viene cacciato, al nuovo governo non converrà inemicarsi quelli che più potrebbero aiutarli a stabilizzarsi, senza considerare che il nuovo governo non avrebbe le stesse possibilità che ha la famiglia Gheddafi di muovere capitali, e che non appoggierebbe una politica di continuità rispetto a quella del Rais nel suo inemicarsi la comunità internazionale, non è attualmente nelle intenzioni del consiglio. Ad ogni modo, ad un nuovo governo converrà avere l'Italia e la comunità internazionale tutta dalla sua parte. Non dimentichiamoci che non sono fondamentalisti e che rimaniamo i loro vicini ingombranti.

Ad ogni modo, secondo me, bisognava intervenire prima che dal "Gheddafi che bombarda i manifestanti" si passasse all'attuale "I ribelli che resistono alle forze lealiste". E' diventata una guerra civile a tutti gli effetti, diversa dalle manifestazioni di piazza che abbiamo visto negli altri stati arabi. La Lega Araba non ha ancora deciso se appoggiare la NATO in una NFZ, che a questo punto sarebbe un vero e proprio schierarsi dalla parte di una fazione in guerra, cosa che solo un mandato ONU permetterebbe. Sarebbe come se la Lega Nord imbracciasse le armi e la NATO gli fornisse copertura aerea! ;)

Link to comment
Share on other sites

Se vera, è interessante. Quali sono le fonti giornalistiche dell'accaduto? Avresti voglia di riportarcele? Grazie

 

Certamente. Grazie a te.

 

http://www.blitzquotidiano.it/cronaca-mondo/libia-affondate-navi-gheddafi-ribelli-785061/

 

Cronaca Mondo

Libia, i ribelli rispondono colpo su colpo: i caccia affondano due navi di Gheddafi

 

AJDABIYA – I ribelli libici hanno affondato due navi dei militari pro-Gheddafi: gli insorti hanno bombardato le navi da due caccia al largo di Ajdabiya. La notizia è stata diffusa da Al-Jazeera che ha citato fonti dell’opposizione. Secondo la tv araba, una terza nave sarebbe stata solo colpita.

 

Le tre navi sarebbero responsabili dei bombardamenti compiuti tra dalle brigate di Gheddafi sulla città di Ajdabiya. Fonti dei rivoltosi confermano che le truppe del regime sono entrate in città, ma annunciano di voler restare e condurre una guerriglia urbana per fermare l’avanzata delle brigate di Gheddafi. È la prima volta che i ribelli libici annunciano di avere dei caccia.

 

Con questa sortita, i ribelli hanno risposto alle offensive dei miliziani del regime. Il 15 marzo le truppe fedeli a Gheddafi hanno attaccato le postazioni dei ribelli nella città di Ajdabiya, in Cirenaica, e a Zuara, in Tripolitania. Ad Ajdabiya sono entrati in azione solo i caccia, mentre a Zuara si parla anche di intensi cannoneggiamenti da parte dei carri armati che si trovano nella periferia della città.

 

La notizia era stata ripresa anche da corriere della sera. Sinceramente dubito che sia vera. E' probabile che sia solo una notizia fatta circolare dai ribelli per alzare il morale in un momento difficile.

Edited by Dick_Dastardly
Link to comment
Share on other sites

La Lega Araba non ha ancora deciso se appoggiare la NATO in una NFZ

La lega araba chiede una NO FLY ZONE da giorni ormai. Finalmente i "timbri" europeri sono stati messi, stasera.

 

 

 

e noi non bombardiamo niente? alla fine la francia e uk riprendono il nostro petrolio dopo mah

Intanto il petrolio non è nostro. Alcuni impianti e gasdotti si. Poi, bombardare per mostrar muscoli lasciamolo a chi non ha capito ancora che porta solo benefici nel breve tempo e rogne nel medio a lungo termine. Serve fare la scelta giusta. L'italia offre le basi. La NO FLY ZONE necessiterà di eliminazione della contraerea mobile e fissa. C'è da bombardare per tutti. Inteso come rogna, non come "trippa" purtroppo.

Edited by Alpino_sommerso
Link to comment
Share on other sites

dopo alla fine stiamo a guardare come sempre!

 

 

Il che non sarebbe male, se non ci fosse il problema che GB e Francia si preparano a mettere le mani su roba nostra.

Un paese serio e cinico come lo era, tanto per fare un nome, la c.d. Italietta di Andreotti e Craxi a quest'ora avrebbe già messo Gheddafi nelle condizioni di scamparla alla faccia degli alleati anglosassoni. Purtroppo oggi temo che la capacità operativa "sotto traccia" del nostro Governo sia pari a zero. La nostra politica estera è fatta di feste, lustrini, ballerine ed orsi polari al guinzaglio. Non dico che non abbia pagato, anche con lo stesso Gheddafi, ma oggi non serve a nulla.

 

Cosa farà l'Italia. Vi proporrò 3 ipotesi: un sogno "erotico" personale, una speranza ed una triste quasi certezza.

 

1) Ecco il "sogno" erotico politicamente MOLTO SCORRETTO ;) :

 

L'Italia appoggia ufficialmente gli Alleati, ma sottotraccia sbarca truppe speciali e rifornisce di armi l'amico Gheddafi. Alla fine Gheddafi rimane al potere. Tra 20 anni qualcuno ci dirà che ad abbattere un Mirage francese (con pilota salvo e recuperato in salute per carità...) è stato un missile Spada...

 

2) La mia speranza:

 

L'Italia partecipa attivamente ai bombardamenti, fa orgogliosamente, ma a malincuore, la sua parte con una mossa di realismo politico. Se Gheddafi viene fatto fuori alla fine avrà la sua misera (rispetto a prima) parte, ma si sarà rilanciata credibilmente a livello internazionale.

 

3) La mia quasi certezza:

 

L'Italia, cornuta e mazziata, tra uno scandalo politico e l'altro e la spada di damocle dell'invasione di migranti dall'Africa, non interverrà militarmente, ma darà, a malincuore, la disponibilità delle basi. Ogni giorno vedremo caccia inglesi, statunitensi e francesi partire dalle nostre basi per fregarci soldi e contratti. Davvero pietosi.

 

Cosa succederà? E che ne so :)

Temo che l'obiettivo alleato sia di dividere, nel breve termine, la Libia in 2, con l'evidente finalità di accaparrarsi almeno alcune istallazioni petrolifere da gestire tra "amici"...

Edited by Dick_Dastardly
Link to comment
Share on other sites

Vabbe era scontato che l'italia sarebbe stata a vedere...comunque dicono che gli attacchi inizieranno domenica o lunedì, c'è la faranno nel frattempo?

E ormai sarà sufficiente una no fly zone o servirà bombardare i carri?

Non dimentichiamo che ormai sono a bengasi...c'è tutto l'est ma se non riescono a resistere fino a domenica sarà un problema per loro.

Ghedaffi ha ancora gli scud?Se si ci sarà una missione stile bravo two zero?

Link to comment
Share on other sites

Bene con la NFZ! Secondo me i proclami della Francia di intervento in un paio di ore sono un pò troppo affrettati! Probabile in un paio di giorni.

Per quanto riguarda l'Italia non credo starà a guardare e darà sicuramente il suo contributo; non dimenticate che già diamo assistenza al popolo libico con le nostre navi e questo non lo dimenticheranno quando ci sarà da tirare le somme. Piuttosto mi preoccupano le astensioni di Cina, Russia e Germania. Se dalla Russia c'era da aspettarselo in quanto questa crisi gioca a loro favore con l'aumento delle esportazioni del petrolio, non riesco a capire la decisione della Cina e sopratutto della Germania, che ci sia qualche accordo sotto?

Link to comment
Share on other sites

Piccola parentesi di "colore" :) : ma chi sceglie le immagini del Corriere della Sera online? Tempo fa per l'articolo sui caccia italiani in allerta misero una foto con alcuni f-104ASA-M ed oggi, per la notiza del bombardamento imminente degli alleati cosa mettono? Dei Bucanner in formazione.

 

O c'è un nostalgico degli aerei vintage in redazione, oppure urge un nuovo newser :D

Edited by Dick_Dastardly
Link to comment
Share on other sites

Ma chi è che scrive questi articoli?

 

http://www.corriere.it/esteri/11_marzo_17/olimpio-combattimenti-mare-libia_70920d1e-509f-11e0-9bca-0ee66c45c808.shtml

 

Nelle prossime ore potrebbero entrare in azione anche due o tre fregate che erano all’ancora nella città ribelle. Il comando degli insorti è riuscito probabilmente a mettere insieme gli equipaggi.

 

Non so se ridere o piangere per queste castronerie. Cioè i ribelli (che se sono quelli visti ed intervistati alla tv non hanno la minima competenza/preparazione nella gestione di armi sofisticate) sarebbero in grado di far funzionare una fregata da guerra, peraltro già in pessime condizioni?

Ma per cortesia...

Link to comment
Share on other sites

Piccola parentesi di "colore" :) : ma chi sceglie le immagini del Corriere della Sera online? Tempo fa per l'articolo sui caccia italiani in allerta misero una foto con alcuni f-104ASA-M ed oggi, per la notiza del bombardamento imminente degli alleati cosa mettono? Dei Bucanner in formazione.

 

O c'è un nostalgico degli aerei vintage in redazione, oppure urge un nuovo newser :D

 

Sono super etendard, e se la de gaulle è in zona parteciperanno all'operazione.

 

 

Non so se ridere o piangere per queste castronerie. Cioè i ribelli (che se sono quelli visti ed intervistati alla tv non hanno la minima competenza/preparazione nella gestione di armi sofisticate) sarebbero in grado di far funzionare una fregata da guerra, peraltro già in pessime condizioni?

Ma per cortesia...

 

Bisogna principalmente vedere l'equipaggio che fine ha fatto, se si è ammutinato sicuramente è in grado di gestire la fregata.

In ogni caso non credere che l'esercito regolare sia tanto meglio dei ribelli, per conferme chiedere ai chadiani.

Link to comment
Share on other sites

Bisogna principalmente vedere l'equipaggio che fine ha fatto, se si è ammutinato sicuramente è in grado di gestire la fregata.

In ogni caso non credere che l'esercito regolare sia tanto meglio dei ribelli, per conferme chiedere ai chadiani.

 

 

si, in effetti in Libia a livello teorico più o meno tutti dovrebbero avere un minimo addestramento militare, a causa della "Milizia popolare libica".

 

"Nell'organizzazione militare libica, che è ripartita per regioni ai sensi del 3° Statuto del 1984, i coscritti (uomini e donne fra i 17 ed i 35 anni di età) prestano il servizio militare obbligatorio, al termine del quale restano tutti tenuti (se in condizioni di idoneità fisica) ad obbedire ad eventuali richiami. In base al detto statuto, tutti i cittadini di entrambi i sessi ricevono costantemente sin dalla scuola un'istruzione militare, particolarmente presente nei corsi di studi secondari superiori, le cui scuole sono ciascuna "assegnate" ad un reparto militare. L'assegnazione si traduce anche nella presenza dell'alunno, due giorni alla settimana più un mese all'anno, presso l'unità militare di riferimento. Anche per i lavoratori (in particolare artigiani, professionisti ed agricoltori) è previsto lo stesso obbligo di "frequenza" presso le unità militari, con adattamenti speciali dei turni per alcune categorie come gli operai di talune industrie"

 

Se si tiene conto che l'esercito libico non è il massimo dell'efficienza la differenza si assottiglia.

Link to comment
Share on other sites

Non ho ben capito cosa farà la libia! Si dice che interromperanno immediatamente le operazioni militari ma il figlio di ghedaffi ha minacciato l'occidente contro una invasione in libia.

Allora attualmente hanno interrotto le operazioni o stanno andando avanti?

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
×
  • Create New...