Jump to content
Sign in to follow this  
Gabriele

Turchia - Topic ufficiale

Recommended Posts

Nel frattempo? Per quanto è autosufficiente una base del genere?

 

Per quanto si potrà permettere l'isolamento senza aiuti esterni? Sono probabili questi o l'evacuazione della base (comprese bombe b61)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Beh. Ci sono attualmente intorno ai 2500 soldati USA. Più il resto. Il livello di sicurezza della base è attualmente su DELTA, il massimo;

 

DELTA: (Threat level critical) This condition applies in the immediate area where a terrorist attack has occurred or when intelligence has been received that terrorist action against a specific location or person is likely. Normally, this THREATCON is declared as a localized condition. See also antiterrorism.

 

Non arrivi mai, nell'arco di questa crisi, il giorno in cui quella base richiedesse l'evacuazione. Sarebbe male.

Share this post


Link to post
Share on other sites

La situazione alla base è di stallo. Si cerca di minimizzare per come si può ma il nervosismo c'è. Sarà un bel braccio di ferro fra turchia e USA. Oggi inizierà il processo agli 8 soldati turchi che hanno riparato in Grecia. Fra le accuse si legge: "l'aver minato i rapporti d'amicizia fra le 2 nazioni". Oh beh :asd:

Share this post


Link to post
Share on other sites

A Incirlik sono riprese le operazioni di volo anti-IS. Ma con i generatori interni della base che rimane isolata. In più era stato chiuso lo spazio aereo, ora riaperto.

 

http://www.lastampa.it/2016/07/17/esteri/riapre-la-base-di-incirlik-in-turchia-riprendono-le-operazioni-antiisis-qJuyfRzjNtfYRAokWkGUVL/pagina.html

 

Edit: meeting fra Putin e Erdogan fissato per i primi di agosto. Che virata sta facendo Erdogan (mi riferisco anche al fatto che ancora era su quell'aereo e già si era affrettato a dichiarare che il pilota che abbattè il Fencer russo era fra i disertori. Mmazza, aveva già la lista?)

Edited by fabio-22raptor

Share this post


Link to post
Share on other sites

lungi da me fare il complottaro,ma non mi tornano un po di cose.. essenzialmente mi sembra strano che tutto si sia scoperto, evitato, e "punito" in cosi breve tempo.......

Sull'avvicinamento a putin io ho una mia idea........ (cosi come un ammorbidimento con assad): il problema per Erdogan non e' mai stato la Siria,ma i curdi. Preso atto, anche da Assad, che il nord siria molto probabilmente non sara' mai piu' come prima, il rischio piu grosso per erdogan e' trovarsi una stato conederato curdo su praticamente tutto il confine con la siria.

Ovvio che non puo chedere aiuto agli USA, che sono a mio parere molto vicini a sponsorizzare la nascita di uno stato curdo, e va da Assad e Putin.... Che non sono nemci dei curdi (assad per convenienz militare attuale....), ma probabilmente avendo interessi diretti in zona, li vede piu' equidistanti.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Tranquillo Nik, non è questione di complottismo. Anche molti analisti propendono per il golpe fai da te/o che almeno sapesse e ha azzardato con fini molteplici, come ad esempio capire di chi poteva fidarsi e dare la botta finale ad ogni tipo di opposizione. Si ha questa sensazione. Ma servono prove. Circola anche la notizia che i piloti ribelli abbiano avuto un lock sull'aereo di Erdogan mentre era in volo. Ma non hanno fatto fuoco, il che lascia adito a molte incertezze su questo golpe.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il vice sindaco di istanbul è stato raggiunto alla testa da un proiettile sparato da un non meglio identificato uomo che è entrato nel suo ufficio aprendo il fuoco. Versa in gravi condizioni. E' una nota a margine che fa capire come i problemi nel Paese siano tutt'altro che finiti. Anche il primo ministro turco ha dichiarato che l'amicizia con gli USA potrebbe essere compromessa. Segnali forti quindi. In tutto ciò, il noto sito WikiLeak fa sapere che pubblicherà moltissimi documenti inerenti il golpe. Il commissario europeo Johannes Hahn ha invece dichiarato che la lista delle persone da arrestare sia stata preparata prima del golpe.

Insomma: La tesi del golpe a proprio uso e consumo sembra non essere così estranea anche ai piani alti.


Aggiornamento (Escono così tante notizie che è difficile starci dietro): The Aviationist pubblica il report della notte del golpe e dell'attività sui cieli turchi. Per quanto la fiducia in un blog è quella che è e lo capisco, dategli uno sguardo (compresi i video dell'altro link di collegamento in cui viene mostrato lo show of force su Ankara con passaggi molto bassi):

https://theaviationist.com/2016/07/18/exclusive-all-the-details-about-the-aerial-battle-over-turkey-during-the-military-coup/

Edited by fabio-22raptor

Share this post


Link to post
Share on other sites

Kerry (Sul Washington Post): A rischio la partecipazione turca alla NATO.

Secca smentita dell'ambasciata USA e dello stesso WP

 

https://twitter.com/paul2ivan/status/755022954048720896

 

 

La base di incirlik era sotto chiave perchè il comandante, il generale Ozturk, era sospettato di essere coinvolto nel golpe. Oggi lo stesso ha confessato.... Lo sa allah quanto volontariamente

 

A rileggere ora alcuni interventi scappa una risatina.... :D :D

 

Detto ciò, la situazione è ancora delicata.... Le liste di Erdy era pronte da un pò. Il golpe, genuino ma mal pensato e mal eseguito, gli ha solo dato il pretesto per usarle.

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Almeno si sono corretti da se al WP. :asd: Sapevo di Ozturk. Ma visto che ora le cose stanno così dovrebbe tornare tutto alla normalità a Incirlik, anche se i raid sono già ripresi. Beh comunque non è che ho la lista dei dissidenti e allora ripulisco tutto anche se non c'entrano con il golpe. Questa è repressione dell'opposizione, in contrasto con i principi democratici di base che da queste parti cerchiamo di osservare. E non solo come Europa ma anche come NATO. Lui dichiara che sta facendo il bravo. Ma le notizie e le foto mostrano ben altro.

Share this post


Link to post
Share on other sites

che se lo sia fatto da solo ovviamente non lo credo. troppi morti, troppe cose successe che hanno causato morti, danni etc.

Che avesse gia' sospetti prove etc, e che magari non se lo aspettasse con precisione, ma sapesse bene chi poi ci sarebbe stato dietro, lo credo eccome....

in turchia i colpi di stato son stati tanti. Non credo che uno come Erdogan non avesse mai tessuto una rete e struttura di controllo fidata sulle forze armate.

Senza contare che anni fa venne fuori una sorta di "gladio" turcae e mi pare lui fosse gia' presidente.

 

Kerry ovviamente non puo' dire quello che pensa, come mai puo' una persona a quel livello. Ma credo proprio che all'interno della nato, soprattutto con le notizie che vengono fuori ora, siano in parecchi a essere infastiditi.

Edited by nik978

Share this post


Link to post
Share on other sites

Almeno si sono corretti da se al WP. :asd: Sapevo di Ozturk. Ma visto che ora le cose stanno così dovrebbe tornare tutto alla normalità a Incirlik, anche se i raid sono già ripresi. Beh comunque non è che ho la lista dei dissidenti e allora ripulisco tutto anche se non c'entrano con il golpe. Questa è repressione dell'opposizione, in contrasto con i principi democratici di base che da queste parti cerchiamo di osservare. E non solo come Europa ma anche come NATO. Lui dichiara che sta facendo il bravo. Ma le notizie e le foto mostrano ben altro.

 

Certamente. Infatti il problema sta li. La NATO ha bisogno della Turchia e la Turchia ha bisogno della NATO. Ora Erdogan sta solo facendo quello che ha fatto finora Putin. Approfitta della debolezza politica dell'attuale amministrazione americana per "segnare il territorio".

Share this post


Link to post
Share on other sites

Bel modo di segnare il territorio. Dopo 7500 arresti e la voglia matta di pena di morte sembra più che la sua volontà sia il sultanato. La NATO ha bisogno della Turchia, la Turchia ha bisogno della NATO ma a parer mio, stando le cose così, entrambe non hanno bisogno di Erdogan. Il problema sta nel fatto che una buona maggioranza della popolazione sostiene Erdogan, democraticamente eletto, il cui piano è una fusione sempre maggiore della sfera religiosa a quella statale, islamizzando di fatto la Turchia. Oggi comunque ci sarà un incontro fra rappresentanti turchi e americani. Vedremo cosa ne tirano fuori. Intanto, "il problema non è il problema, ma è Asena" (callsign). -semi cit.

 

http://www.repubblica.it/esteri/2016/07/19/news/il_retroscena_una_cisterna_americana_ha_rifornito_gli_f-16_e_ora_erdogan_va_in_pressing_sull_alleato-144402675/

 

Ora, tutto potrebbe essere, ma che i KC-135 USA si siano alzati in volo per rifornire i golpisti con tanto di cognizione di causa, francamente mi sembra fuori da ogni logica. Figurarsi se andavano a rischiare tanto, così alla chitichella, senza certezze che il golpe andasse in porto.

Share this post


Link to post
Share on other sites

 

 

Erdogan: Pronti a ristabilire la pace e la stabiltà nella regione a fianco di Russia e Iran. Aspetto smentite.

 

http://tass.ru/en/world/889162

Ma non c'è neanche un briciolo di preoccupazione che i dati sensibili sull'f35 passino al "nemico"? Tutta questa fatica per arginare gli hackers e le spie cinesi e la turchia può spifferare tutto in totale libertà?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Le cose serie non sono certo in mano turca, un partner di 3° livello che si occupa di cose che non hanno poi così tanto di vitale pur essendo importanti in termini di Know How. Leggevo che sono state richieste le dimissioni di tutti i rettori delle università e i presidi delle scuole idem. Sempre più grave...

Share this post


Link to post
Share on other sites

nel caso la situazione peggiori, gli F-35 non gli arrivano e si blocca qualsiasi assitenza tecnica ai turchi così, nel giro di qualche mese, non avranno manco più un aereonautica.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sarà difficile o lungo spostare la produzione di quelle componenti altrove? (Magari qui eheh)

 

Inoltre hnno più di 200 f16, la maggior parte dei quali costruiti in loco.

 

Siamo sicuri che non siano in grado di mantenerli per qualche anno (anche cannibalizzandoli) senza aiuti americani?

 

 

Comunque una riunione erdogan-putin è prevista la prima settimana di agosto.

Ho come l'impressione che appianeranno le divergenze...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Difficile spostare la produzione della componentistica non è. Ma è troppo presto per paventare un tale scenario.

Io invece me lo aspettavo da quella notte, quando ho sentito la storia delle chiamate per l'asilo e la dichiarazione sui piloti che abbatterono il Fencer. Oggi ci sarà il discorso di Erdogan al mondo. Vedremo che dice.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Erdogan parla al mondo:

 

http://www.repubblica.it/esteri/2016/07/20/news/turchia_ankara_consiglio-144500635/

 

La giustizia farà il suo corso, dice. Si, ma con i giudici che deciderà di lasciare.

 

Intanto cerca di rassicurare sulle relazioni con USA e NATO. Non usa invece mezzi termini con la Francia, e con la Germania l'astio si sente da ambedue le parti.

Share this post


Link to post
Share on other sites

non so come possa restare tranquillo nella nato e po dire; vado con iran e russia a gestire le cose in zona.

Non e' come quando sembrava volesse comprare gli Honqi cinesi (solo per tirare sul prezzo probabilmente)..... e' un po piu serio come discorso...

 

su come sta gestendo la cosa internamente, mi aspetto una presa di posizione ufficiale guardacaso da Germania e simili... non credo arrivera' dagli USA...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Le 6 bombe nucleari di cui parlano i giornali sono gestite da americani? Un asse Turchi Iran Russia mi sembra difficile dopo il Mig russo abbattuto sul confine turco

Share this post


Link to post
Share on other sites

A parte che era un Su-24 Fencer, cosa per cui Erdogan dopo molte reticenze si è scusato proprio qualche settimana prima del golpe. L'asse è possibile ma meno probabile. Il colloquio Putin/Erdogan è ai primi di agosto. Le bombe nucleari B-61 funzionano col sistema della "doppia chiave". Quindi giù le mani. In un ipotetico abbandono USA/NATO, ammesso che rimanessero ai turchi, possono solo smontarlsele. Ma è remota come ipotesi.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Bel modo di segnare il territorio. Dopo 7500 arresti e la voglia matta di pena di morte sembra più che la sua volontà sia il sultanato. La NATO ha bisogno della Turchia, la Turchia ha bisogno della NATO ma a parer mio, stando le cose così, entrambe non hanno bisogno di Erdogan. Il problema sta nel fatto che una buona maggioranza della popolazione sostiene Erdogan, democraticamente eletto, il cui piano è una fusione sempre maggiore della sfera religiosa a quella statale, islamizzando di fatto la Turchia. Oggi comunque ci sarà un incontro fra rappresentanti turchi e americani. Vedremo cosa ne tirano fuori. Intanto, "il problema non è il problema, ma è Asena" (callsign). -semi cit.

 

http://www.repubblica.it/esteri/2016/07/19/news/il_retroscena_una_cisterna_americana_ha_rifornito_gli_f-16_e_ora_erdogan_va_in_pressing_sull_alleato-144402675/

 

Ora, tutto potrebbe essere, ma che i KC-135 USA si siano alzati in volo per rifornire i golpisti con tanto di cognizione di causa, francamente mi sembra fuori da ogni logica. Figurarsi se andavano a rischiare tanto, così alla chitichella, senza certezze che il golpe andasse in porto.

 

 

Si tratta di KC135 turchi

Erdogan: Pronti a ristabilire la pace e la stabiltà nella regione a fianco di Russia e Iran. Aspetto smentite.

 

http://tass.ru/en/world/889162

Perchè, te credi alla tass che riporta un'agenzia iraniana? :D

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

×