Jump to content
red giacomo

indian's medium multi role combact aircraft

Recommended Posts

Ipotizzavo una variante ottimizzata per portaerei STOBAR come la Vikramaditya e la Vikrant,giacché solo la Vishal dovrebbe essere CATOBAR,per cui ammesso che vinca il Rafale la versione M sarebbe perfetta (forse con qualche modifica considerando che la nave non entrerà in servizio prima del 2017,pare) ma solo per quella portaerei. Anche se ammetto che l'ipotesi di una variante STOBAR del vincitore del concorso vista la presenza del MiG29K (non proprio obsoleti) credo sia praticamente impossibile.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Motore e radar inadeguati hanno causato l'eliminazione del MiG-35 dalla competizione MMRCA ....

.... ma i Russi non ci stanno .... :angry:

 

DATE: 04/08/11

SOURCE: Flight International

 

Engines and radar to blame for MiG-35 failure in MMRCA contest

 

By Vladimir Karnozov

 

 

Radar and engine performance shortcomings were to blame for the MiG-35 failing to make the shortlist in India's medium multi-role combat aircraft (MMRCA) contest.

 

The revelations are contained in feedback from India to Russia's arms export agency, Rosboronexport.

 

The MiG-35's radar, the Zhuk-MAE active electronically scanned array (AESA), from Russia's Phazotron, failed to achieve the required acquisition and tracking ranges. And its Klimov RD-33MK engines also fell short of the Indian performance criteria.

 

Speaking to the media on 3 August, Vladimir Barkovsky, chief of MiG's engineering centre, said: "The Klimov and Chernyshev [engine companies] briefed [india] at length about their capabilities and intentions to improve their offering, but unfortunately their arguments were not taken into account."

 

Despite this, the same RD-33MK met Indian navy requirements and powers the newly-built MiG-29K/KUB fighters being delivered to the service.

 

Barkovsky also defended the Zhuk-MAE AESA radar, pointing out that the prototype nature of the model fitted to the MiG-35 meant that it did not meet the tender specifications, particularly regarding range.

 

He said: "We told the tender committee that this particular unit is experimental, and that in future we will make a larger radar antenna [capable of being used at a longer range]."

 

Barkovsky pointed out that the Eurofighter Typhoon is yet to be fitted with a working AESA radar.

 

"While the Russians demonstrated their radar fitted to the real fighter and working, [Eurofighter] demonstrated their radar on a helicopter," he said.

 

"The positive outcome of the Indian tender is that we made a huge effort on the radar development and demonstrated what nobody expected of us, and thus surprised many, including some in our home country." Barkovsky added.

 

The company will continue the MiG-35 project, he said, and look for other export customers.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ipotizzavo una variante ottimizzata per portaerei STOBAR come la Vikramaditya e la Vikrant,giacché solo la Vishal dovrebbe essere CATOBAR,per cui ammesso che vinca il Rafale la versione M sarebbe perfetta (forse con qualche modifica considerando che la nave non entrerà in servizio prima del 2017,pare) ma solo per quella portaerei. Anche se ammetto che l'ipotesi di una variante STOBAR del vincitore del concorso vista la presenza del MiG29K (non proprio obsoleti) credo sia praticamente impossibile.

 

Un aereo progettato per operare da portaerei catobar non ha bisogno di alcuna modifica per operare da una portaerei stobar (se il motore è abbastanza potente). Anzi potrebe anche fare a meno dell'aggancio per la catapulta del carrello anteriore.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Grazie della correzione allora. =)

Ma la versione RafaleD (Discret) si differenzia solo per il nome ed è una versione C commerciale o ha effettive capacità stealth superiori come il Super Hornet International (altro nome molto commerciale)? E' in ogni caso la versione proposta?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Un aereo nato "male" per quanto riguarda la bassa osservabilità non potrà mai eguagliare una macchina progettata per essere stealth. Anche l'EF-2000 ha una bassissima RCS frontale, ma questo non ne fa uno stealth.

 

Per rendere un aereo "low observable" ci vogliono caratteristiche a livello progettuale che vanno al di la degli accorgimenti più classici e blasonati, anche perchè la bassa osservabilità non è solo questione di RAM, forme e contenimento della segnatura infrarossa, ma molto di più.

Share this post


Link to post
Share on other sites

La scelta sarebbe imminente .... anche se è da un pò che lo dicono ....

.... però c'è chi spera che i giochi possano essere riaperti ....

 

Fonte: Aviation Week and Space Technology

 

Indian Fighter Competition Nears Finals

 

By Asia-Pacific Staff

New Delhi (August 11, 2011)

 

 

The winner of the Indian air force’s $12 billion Medium Multi-Role Combat Aircraft (MMRCA) fighter competition should soon emerge, as the government is set to formally begin the process of identifying the lowest bidder in early September.

 

The Eurofighter Typhoon and Dassault Rafale are the final contenders left in the race and Indian government officials have finalized how they will judge offset and industrial participation offers that are crucial in deciding which company will be chosen to supply the initial order for 126 fighters. However, a defense ministry official indicates that the air force wants contractual options to be exercised immediately, which would boost the buy to 189 fighters and the program value to almost $20 billion.

 

Air Chief Marshal (ret.) P.V. Naik revealed the impending source selection decision just before he retired July 31 and said a formula has been found to benchmark the offers to provide a like-for-like comparison. This is designed to determine what the government considers a reasonable cost, reflecting several factors such as pricing in other countries, known commercial bids and inflation.

 

The defense ministry’s Technical Offsets Evaluation Committee has almost completed its review of the two offset packages and will make its report final shortly, according to government officials. The MMRCA competition has a 50% offsets requirement, running into at least $6 billion and acknowledged by industry observers to be one of the most challenging reinvestment propositions in recent aerospace contracting.

 

A key challenge is that India’s aerospace industry is not considered mature enough to absorb all those offsets, putting pressure on the winner to work with companies to establish the capability to deliver on what is being promised, warns a European industry executive.

 

One building manager suggests that the offsets element is likely to simply be looked at as “compliant or non-compliant.” Officials from both Dassault and Eurofighter have held multiple meetings with Indian offset managers, and both companies have expressed confidence that their packages meet what is required. However, that issue will be even more thorny if the option for more aircraft is exercised at the outset.

 

Even though the government says it has determined how to benchmark the two offers, industry watchers warn that there could still be hurdles. For example, the source selection has left the government with two of the most expensive aircraft in the competition, which will try the available budget—the Boeing F/A-18E/F, Lockheed Martin F-16, MiG-35 and Saab Gripen were eliminated in the April downselect.

 

“If the [defense ministry] has benchmarked realistically, it will almost definitely mean that the government will need more money to sign a contract for either the Typhoon or Rafale, even accounting for inflation. Is the ministry willing to go down that road?” asks a manager at Boeing.

 

Both Eurofighter and Dassault have publicly insisted that their bids are competitive and privately hope the government has taken several factors into consideration while arriving at their benchmark price, in particular that the aircraft are more capable and newer than some that were in the running.

 

There is concern, however, that if the government looks across all six competitors originally in the field, the benchmark price will be below that proffered by either Eurofighter or Dassault, which could lead to questions about how the source selection process should proceed.

 

Perhaps anticipating a rapid change of fortunes, the local MMRCA team offices of the four eliminated contenders remain fully staffed. Officials at all four acknowledge that while they have been given satisfactory debriefs on the downselect, they also believe that things are delicate enough in the final phase for them to remain in the country. “We are ready to respond to the government in any eventuality,” says a manager for Rosoboronexport, the Russian agency fronting the MiG-35 offer. Saab officials have also suggested the competition could open again.

 

If the Indian government begins examining commercial bids next month, a lowest bidder could be named in November or December and a contract signed before the end of March.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Interessante articolo su Volare di Agosto: Amici&Nemici, in pratica una breve analisi della contrapposizione tra l'alleanza franco-inglese sul fronte libico e la battaglia nel concorso indiano tra Typhoon e Rafale.

 

La parte più interessante dell'articolo è il racconto, parallelamente da parte inglese e francese, di una simulazione di combattimento tra i due aerei. Le condizioni di partenza sono le medesime per entrambi: quota ideale (FL400), poco combustibile imbarcato, configurazione da superiorità aerea (4 missili a medio raggio, 2 a ricerca infrarossa). Il francese arriva in zona di operazioni supersonico con post bruciatore, l'EF-2000 in max dry mantiene la super cruise. Il Rafale è il primo a vedere ed a sparare grazie alla sua ridotta traccia radar ma il DASS dell'EF-2000 non fatica ad identificare la minaccia e "trashare" il missile francese. In men che non si dica gli aerei si sfilano a distanza ridottissima ed ingaggiano una 2 circle fight, entrambi senza AB per rendersi meno visibili ai sensori IR. L'EF-2000 ha dalla sua un'inerzia maggiore grazie alla superiore velocità e con il casco punta l'avversario, ma il pilota non riesce per fatica e sudore a sparare un IRIS-T. Il Rafale vira più stretto e riesce ad agganciare un MICA, ma l'inglese da motore e riesce a portarsi in volo rovescio sopra il Rafale, cosa che stupisce il pilota francese. I due contendenti sono entrambi senza energia cinetica ma il Typhoon ha più energia potenziale. In quel momento arriva il terminate via radio ed entrambi puntano verso casa.

 

Il "racconto" mette a nudo punti forti e deboli di entrambi.

 

Il Rafale ha una ridottissima traccia radar ed un radar AESA che gli permette di scovare leggermente prima il nemico, inoltre ha una maggiore manovrabilità che gli permette di trovarsi in vantaggio nella 2 circle fight, tanto da costringere l'EF-2000 a dare motore per sottrarsi. Il pilota francese decanta le doti di stabilità in trans sonico ma accusa la cabina di essere angusta ed i comandi HOTAS, con i loro 30 pulsanti, di essere poco intuitivi, nonostante la posizione laterale dello stick gli consenta di affaticare meno il braccio quando sottoposto ad elevati g. Entrambi gli aeromobili hanno un sistema che sovrappone immagini IR alle scansioni del radar per evitare di essere jammati e vedere oggetti più piccoli da più lontano.

 

L'EF-2000 in BVR ha pagato l'assenza di un radar meno prestante del concorrente francese ed una RCS frontale maggiore, ma il DASS ha protetto l'aereo a dovere. Nel dogfhight solo "sudore e fatica", a detta del pilota, hanno impedito di lanciare gli IRIS-T, che erano agganciati. Dalla sua l'inglese aveva i comandi vocali per il sistema, definiti da lui stesso "uno scalino al di sopra del concetto HOTAS", nonchè molto, molto più motore, che gli ha permesso di decollare in 2/3 della lunghezza di pista del francese, arrivare in super cruise nella zona di operazioni e divincolarsi da una situazione sfavorevole. Inoltre, quando il francese nell'articolo dice di cominciare ad avere paura di andare sotto la minima di controllo, l'inglese dice di trovarsi in un assetto difficile ma di non preoccuparsi grazie all'ALSR (Automatic Low Speed Recover) che non gli permetterà di uscire dall'inviluppo volo, ma avrebbe desiderato più angolo di virata.

 

A mio parere questo articolo ha messo in evidenza quanto attualmente l'EF-2000 sia immaturo rispetto al Rafale, ma anche quanto maggiore sia il suo potenziale di crescita. Nella situazione finale sudore e fatica non avrebbero nuovamente impedito all'inglese di sparare un IRIS-T, inoltre si trovava in una condizione favorevole poichè era più in alto ed il DASS lo dava naked, ossia non minacciato dai sistemi dell'avversario. Una cabina su misura di pilota, un sistema di combattimento molto avanzato ed un rapporto peso/potenza estremamente favorevole hanno permesso all'EF-2000 di sopperire alla mancanza di un radar AESA ed un raggio di virata più ampio. E se il Typhoon è disponibile anche con spinta vettorabile e radar AESA il Rafale non ha possibilità di avere tutta quella spinta ed un sistema di combattimento così determinante.

Edited by Tuccio14

Share this post


Link to post
Share on other sites

Interessante articolo su Volare di Agosto: Amici&Nemici, in pratica una breve analisi della contrapposizione tra l'alleanza franco-inglese sul fronte libico e la battaglia nel concorso indiano tra Typhoon e Rafale.

 

Il "racconto" mette a nudo punti forti e deboli di entrambi.

 

 

ma il racconto in questione è "vero" oppure è un interpretazione da parte della rivista?? ci sono alcuni punti che non mi quadrano...

 

1) il fatto che il rafale spari per primo: si può discutere su chi ha laminore traccia radar infatti entrambi i produttori affermano che la traccia radar del propio aereo è inferiore a quella dell'avversario, inoltre un mica ha un braccio di circa 50 km (o di certo inferiore agli amramm versioni C e successive) o giu di li e dubito che a quella distanza il tifone non possa rilevarlo e anzi il fatto che il rafale si avvicini con post acceso lo renderebbe indentificabile dall'irst.

 

2) il lancio del missile...beh mi sembra strano che vengano lanciati missili in un addestramento e se fossero simulati dubito che le contromisure possano attivarsi e/o intervenire in qualche modo.

 

3) l'aggancio del secondo mica...in genere in addestramento basta l'aggancio del missile per essere decretato morto

Share this post


Link to post
Share on other sites

magari l'aggancio del rafale è stato fatto con un missile a medio raggio? Anche se mi sembra improbabile, come ipotesi...

 

Effettivamente anche io sono interessato a qualche dettaglio in più su questo genere di simulazioni. Se il missile fosse totalmente virtuale la suite difensiva del Typhoon come fa a reagire? Forse si utilizza una statistica per determinare le chance di successo o fallimento del DASS? Oppure si fa fuoco con un simulacro privato della testata esplosiva? In quel caso non sarebbe comunque rischioso?

Share this post


Link to post
Share on other sites

lanci di simulacri sarebbero folli! anche senza testata stiamo parlando di oggetto che ti arriva a diverse volte la velocità del suono!

l'unica arma aria-aria disponibile sul rafale è il mica per cui deve aver usato per forza quello

Share this post


Link to post
Share on other sites

Molto interessante!

Caspita mi sarebbe piaciuto vederlo! :D

 

Puoi linkare i racconti dei due piloti, se disponibili?

E' su Volare, su internet non si trova...

 

ma il racconto in questione è "vero" oppure è un interpretazione da parte della rivista?? ci sono alcuni punti che non mi quadrano...

La rivista lo passa per vero. Non lo metto in dubbio, ma ovviamente non sono state comunicate le regole di ingaggio ed i piloti avranno potuto raccontare solo quello che gli venive concesso...

 

1) il fatto che il rafale spari per primo: si può discutere su chi ha laminore traccia radar infatti entrambi i produttori affermano che la traccia radar del propio aereo è inferiore a quella dell'avversario, inoltre un mica ha un braccio di circa 50 km (o di certo inferiore agli amramm versioni C e successive) o giu di li e dubito che a quella distanza il tifone non possa rilevarlo e anzi il fatto che il rafale si avvicini con post acceso lo renderebbe indentificabile dall'irst.

Probabilmente mi sono espresso male: il Rafale si avvicina alla zona di operazioni a Mach 1.5, ma probabilmente, quando il Magic lo ha informato della presenza di un bandit, ha spento gli AB, anzi nei racconti dei piloti si specifica che entrambi i velivoli manovrano senza AB per rendersi meno visibili ai sensori infrarossi dell'avversario, eccetto il momento in cui l'inglese ha preso quota per uscire dall'orbita orizzontale. Comunque è risaputo che con il Rafale si sia stati molto più attenti che con l'EF-2000 alla riduzione dell'RCS, inoltre l'EF-2000 dispone ancora di un radar a scansione meccanica, seppur il migliore mai costruito. Nell'articolo il pilota francese afferma di essere armato con, cito testualmente, "una tanica centrale da 1000 litri, 4 missili attivi a medio raggio e 2 infrarossi a corto raggio", mentre l'inglese parla di "una configurazione identica a quella del mio avversario".

 

2) il lancio del missile...beh mi sembra strano che vengano lanciati missili in un addestramento e se fossero simulati dubito che le contromisure possano attivarsi e/o intervenire in qualche modo.

Con i moderni sistemi addestrativi si può simulare lancio e contromisura, con complessi algoritmi che processano i dati di volo e calcolano le kill probabilities di volta in volta in base ad un'infinità di variabili. Ovviamente non vengono lanciati veramente, però il lock on non basta, anche perchè agganciare un missile ormai è relativamente facile.

 

3) l'aggancio del secondo mica...in genere in addestramento basta l'aggancio del missile per essere decretato morto

Come sopra.

 

magari l'aggancio del rafale è stato fatto con un missile a medio raggio? Anche se mi sembra improbabile, come ipotesi...

 

Effettivamente anche io sono interessato a qualche dettaglio in più su questo genere di simulazioni. Se il missile fosse totalmente virtuale la suite difensiva del Typhoon come fa a reagire? Forse si utilizza una statistica per determinare le chance di successo o fallimento del DASS? Oppure si fa fuoco con un simulacro privato della testata esplosiva? In quel caso non sarebbe comunque rischioso?

Se il missile è stato lanciato a molta distanza il sistema ha avuto tutto il tempo di analizzare la minaccia e mettere in atto la reazione o le reazioni più adeguate.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ci siamo quasi ....

 

Fonte: Aerospace Daily and Defense Report (AW&ST)

 

India To Open Fighter Bids In October

 

By Jay Menon (Sep. 23, 2011)

 

 

NEW DELHI — India will open the commercial bids of its two shortlisted vendors for the $11 billion Medium Multi-Role Combat Aircraft (MMRCA) by the middle of October, with the deal likely to be finalized by the end of this year, the Indian Air Force chief says.

 

“We have a meeting of the Defense Acquisition Council on October 7, where some of the issues are going to be discussed. Once those issued are cleared, hopefully by the middle of month, we should be in a position to open the bids,” Air Chief Marshal Norman Anil Kumar Browne said Sept. 22. “We are in final stages of this process and hopefully [will] be done by the end of the year.”

 

In April, India downselected the Eurofighter Consortium’s Typhoon and Dassault’s Rafale as the final contenders for the 126-fighter deal. The two bidders have extended their offers until December; the Indian government has to decide the final winner by then or the bids will expire.

 

The MMRCA tender was issued in August 2007. Boeing’s F/A-18, Lockheed Martin’s F-16, the MiG-35 and Saab’s Gripen were rejected by the Indian government.

 

The Indian Air Force is looking at inducting the jets into its fleet by 2015, as it will be phasing out its Soviet-era MiG series aircraft.

 

According to defense ministry officials, there has been a delay in finalizing the deal due to the 50% offset clause imposed by the Indian government, which requires the contract winner to plough back half the deal’s value into the Indian defense industry.

 

“Offsets for this program amount to 200 billion rupees [$5 billion] and these are going to be in service for over a period of 13 years,” Browne says.

 

Asked to compare MMRCA with the Indo-Russian fifth-generation fighter aircraft (FGFA), Browne says, “MMRCA does not have stealth features and super cruise capability, while FGFA has all that. FGFA has a recessed armament carrier where all the missiles and weapons are located inside the aircraft, which gives it a certain amount of stealth potential.”

 

India is planning to induct 250-300 FGFAs and it will share the $11 billion development cost equally with Russia. The total cost of the FGFA fleet is likely to surpass $30 billion.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ancora un altro modello? Ma di quanti jet hanno bisogno? Poi non ho capito se quei 13 anni di servizio sono riferiti all'MMRCA... Vorranno mica spendere 11 miliardi di dollari per un gap filler?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ancora un altro modello? Ma di quanti jet hanno bisogno? Poi non ho capito se quei 13 anni di servizio sono riferiti all'MMRCA... Vorranno mica spendere 11 miliardi di dollari per un gap filler?

Lo "FGFA" è una versione del Sukhoi T-50 PAK-FA che l'India sta sviluppando insieme alla Russia ....

.... quanto ai 13 anni .... sarei propenso a credere che non ci si riferisca alla durata in servizio dello MMRCA (sarebbe una cosa ben strana in tempi nei quali gli aerei campano per decine di anni) bensì al periodo in cui saranno in vigore le compensazioni ....

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ah ok... Però continuo a non capire cosa hanno in mente gli indiani... Già la suddivisione in medio, leggero e pesante è assurda, ora quanti programmi stanno portando avanti per ogni classe?

 

Caccia pesanti: Su-30MKI in servizio, avviato PAK-FA

 

Caccia medi: MiG-29UPG attualmente in servizio, avviati MMRCA e FGFA.

 

Caccia leggeri: MiG-21 Bison in fase di radiazione, Mirage 2000 in servizio, LCA in fase avanzata.

 

Attacco al suolo: MiG-27 e Jaguar in servizio

 

Mah...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ormai ci siamo ....

 

Fonte: Aerospace Daily and Defense Report (AW&ST)

 

India Approves Offset Deals From Fighter Bids

 

 

By Jay Menon (Oct. 10, 2011)

 

 

NEW DELHI —

 

India’s defense ministry on Oct. 7 approved the offset proposals of the two short-listed vendors in its $11 billion Medium-Multi-Role Combat Aircraft program, paving the way for the opening of commercial bids.

 

According to a defense ministry official, bids should be opened in the next few days for the Eurofighter consortium’s Typhoon and Dassault’s Rafale, though no specific time frame was given. The original tender was issued by the defense ministry in August 2007.

 

Defense Minister A.K. Antony chaired the Oct. 7 meeting of the Defense Acquisition Council, which cleared the offset evaluation report of the two competitors in the 126-aircraft program.

 

As per the offset clause, foreign vendors must invest 30% of the worth of the contract in the Indian defense and security industry. However, in the MMRCA deal the vendors will have to invest 50%.

 

After the lowest bidder is identified, the proposal will move to the Finance Ministry for the first round of approvals. It then will go to the Cabinet Committee on Security for final approval, which is expected by March 2012.

 

The commercial bids of the two vendors will expire in December of this year; they were asked by the defense ministry in April to extend their offers until then.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Gli indiani, hanno detto nei mesi scorsi, sceglieranno fra l'offerta più conveniente. Certo che, con i soldi a disposizione (10 miliardi di USD) non si va molto distante. E' una cifra non molto superiore all'offerta del consorzio Eurofighter per i ...22 (ventidue) caccia per la Svizzera! Il fatto sarà che più di cento apparecchi saranno costruiti in India e, quindi, non è facile fare calcoli.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Per non parlare dell'assistenza che l'India chiederebbe direttamente all'azienda costruttrice, che credo sia inferiore a quella richiesta dalla Svizzera per garantire certi standard.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Dal "Corriere della Sera" di oggi ....

 

http://rassegna.governo.it/rs_pdf/pdf/16HI/16HIA6.pdf

 

Sui giornali svizzerofrancesi di oggi si riprende un articolo dell' Agence France Presse sulla gara indiana.

Il ceo di Dassault afferma che, con l'ordine dell' AdA per 180 Rafale, la linea di montaggio durerà fino al 2019. Per andare oltre (25-30 anni) la costruzione di "droni" dovrà essere accompagnata dall'export di aerei. Mette inoltre in evidenza il fatto che Dassault è presente in India dagli anni 50. In ogni caso l'aspetto determinante della competizione è il costo della gestione e manutenzione degli apparecchi per 40 anni.

 

Il consorzio Eurofighter ha risposto con un rappresentante (?!?!?). Vi è grande preoccupazione per i tagli agli ordini (dalla Germania soprattutto). La linea di montaggio non andrà oltre il 2017 se non vi saranno nuovi ordini. Nell'articolo si parla dei costi del Typhoon, cose ormai note da tempo.

 

Il sarcasmo (francese) dell'AFP: male che vada, per il consorzio, una vittoria del Rafale potrebbe essere una vittoria alla quasi metà. Il capitale di EADS in Dassault è infatti di poco più del 46%...

 

In ogni caso: se la differenza dell'offerta è grande, la decisione sarà in tempi brevi, se equilibrata, beh, ci vorrà del tempo.

 

Ho riferito in sintesi un articolo (comprensibilmente di parte) dell'AFP. Da parte mia nessun commento, non vi sono grandi novità...

Edited by mo-mo

Share this post


Link to post
Share on other sites

Che voi sappiate in India sono previste elezioni politich,magri "anticipate"e in questi mesi? Da quello che posso pensare le scadenze elettorali in Paesi democratici sì,ma non certo immuni da problemi economici e sociali sono un freno assai potente alle decisioni di tali entità, non è peregrino pensare che dopo la consultazione elettorale le decisioni si sbloccheranno

Share this post


Link to post
Share on other sites

Che voi sappiate in India sono previste elezioni politich,magri "anticipate"e in questi mesi? Da quello che posso pensare le scadenze elettorali in Paesi democratici sì,ma non certo immuni da problemi economici e sociali sono un freno assai potente alle decisioni di tali entità, non è peregrino pensare che dopo la consultazione elettorale le decisioni si sbloccheranno

 

Pittoresco il tuo italiano, soprattutto perché specchio dei tempi. Interessanti anche le tue preoccupazioni per le sorti della giovane democrazia indiana in senso più generale, e di Finmeccanica, principale attore italiano al consorzio EFA .

 

Non so come si svolgano precisamente i tempi in queste giovani democrazie, suscettibili alle più lievi contingenze economiche. In paesi di lunga tradizione democratica, e (sembri dire) "immuni da problemi economici e sociali" come l'Italia, non si sa quando si svolgeranno le prossime elezioni, malgrado la realtà abbia superato ogni farsa.

Intanto Finmeccanica, viene usata come un repositorio di prebende e favori per le transazioni più innominabili per la conservazione della presente legislatura eletta dal popolo italiano. (Mancava poco che ci mettevano come AD Walter Lavitola).

 

Quindi al momento ci asteniamo da previsioni sulla data delle prossime elezioni per i Paesi in via di sviluppo o degrado irreversibile.

 

Cordiali saluti

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×