Jump to content
Sign in to follow this  
W L'ITALIA

IRIAF e difesa aerea iraniana

Recommended Posts

Se le cifre di "Flight" fossero attendibili .... più di una FORZA .... quella sarebbe da considerare una DEBOLEZZA AEREA ....

 

Scusate la battutaccia .... B-)

Share this post


Link to post
Share on other sites

La fonte che ho consultato sull'aeronautica iraniana

 

3x AB206A utility

11x An-74TK-200 heavy transport

10x Bell 212 utility

..x Bell 214 utility

2x Bell 412 VIP transport

6x Boeing 707 air-to-air refueling & heavy transport

3x Boeing 747 air-to-air refueling & heavy transport

6x C-130E Hercules tactical transport

10x C-130H Hercules tactical transport

25x CH-47C Chinook heavy-lift transport

10x Emb312 Tucano basic flying training

15x F-4D Phantom air defence

29x F-4E Phantom air defence

..x F-5A Freedom Fighter air defence

6x F-5B Simorgh operational conversion

3x F-5E Azarakhsh air defence

8x F-5E Saeghe air defence

..x F-5E Tiger air defence

9x F-5F Tiger operational conversion

20x F-7M Airguard air-to-air refueling & heavy transport

59x F-14A Tomcat multi-role

..x Fajr-3 basic flying training

2x Fajr-22 surveillance

" " +10 on order

6x Falcon 20 VIP transport

10x Fokker 27 tactical transport

5x FT-7 operational conversion

10x Il-76 Candid heavy transport

2x JT2-2 Tazarv advanced flying training

" " +22 on order

1x L-1329 Jetstar VIP transport

4x Mi-8MTW Hip medium-lift transport

2x Mi-17 Hip medium-lift transport

46x Mi-171Sh Hip medium-lift transport

60x MiG-29A Fulcrum air defence

15x MiG-29UB Fulcrum operational conversion

12x Mirage F1BQ/EQ multi-role

23x Mushshak basic flying training

5x P-3F Orion anti-submarine warfare & maritime patrol

12x Parastoo basic flying training

12x PC-6 Porter light transport

20x PC-7 Turbo Trainer basic flying training

5x RF-4E Phantom reconnaissance

4x RF-5E Tiger reconnaissance

23x Su-24MK Fencer ground attack

5x T-33A Shooting Star advanced flying training

12x TB-20/200 light transport

14x Y-7 tactical transport

8x Y-12 light transport

Edited by vorthex

Share this post


Link to post
Share on other sites

La fonte che ho consultato sull'aeronautica iraniana ....

Quale ?

 

Di fonti ce ne sono tante .... tipo questa ....

 

http://www.scramble.nl/mil/4/iran/orbat.htm

 

.... ma qual'è la loro reale attendibilità quando ci si trova di fronte ad una forza aerea, quale quella Iraniana, che presenta una notevole varietà di velivoli, per lo più ormai antiquati e provenienti da ogni dove?

 

2n7ebnd.jpg

Edited by TT-1 Pinto

Share this post


Link to post
Share on other sites

@matteo16

eh, decisamente paiono dati non molto attendibili. l'Iran ha, ad esempio, ottenuto 79 F14 (l'ottantesimo fu al centro di una disputa durata anni perchè mai consegnato) e li ebbe a partire dal 1976. Che a distanza di 30 anni ce ne possano essere ancora più di 50 operativi, quando i pezzi di ricambio non ci sono da anni, e' difficile da credere. O non volano mai (e allora e' come non averli) oppure e' un dato che e' il migliore della storia della aeronautica.

Edited by vorthex

Share this post


Link to post
Share on other sites

@matteo16

eh, decisamente paiono dati non molto attendibili. l'Iran ha, ad esempio, ottenuto 79 F14 (l'ottantesimo fu al centro di una disputa durata anni perchè mai consegnato) e li ebbe a partire dal 1976. Che a distanza di 30 anni ce ne possano essere ancora più di 50 operativi, quando i pezzi di ricambio non ci sono da anni, e' difficile da credere. O non volano mai (e allora e' come non averli) oppure e' un dato che e' il migliore della storia della aeronautica.

Sicuramente sul numero di F-14 ho anche io dei forti dubbi, per cui appoggio in pieno il dubbio che hai sollevato!

 

Quale ?

 

Di fonti ce ne sono tante .... tipo questa ....

 

http://www.scramble.nl/mil/4/iran/orbat.htm

 

.... ma qual'è la loro reale attendibilità quando ci si trova di fronte ad una forza aerea, quale quella Iraniana, che presenta una notevole varietà di velivoli, per lo più ormai antiquati e provenienti da ogni dove?

 

Allora la fonte è Milavia

Eh si, ma è noto che i numeri dei mezzi realmente attivi è difficile in certe aeronautiche del mondo come in quella iraniana, ma per questo non bisogna essere così puntigliosi dunque cerchiamo di stare calmi...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Allora la fonte è Milavia

Eh si, ma è noto che i numeri dei mezzi realmente attivi è difficile in certe aeronautiche del mondo come in quella iraniana, ma per questo non bisogna essere così puntigliosi dunque cerchiamo di stare calmi...

Chiedere quale sia una fonte non mi pare sia indice di puntigliosità .... piuttosto, oserei dire, di curiosità ....

Intendevo poi semplicemente sottolineare che, quando si tratta di particolari forze aeree, per quante fonti si possano consultare .... con tutta probabilità non se ne troveranno due che collimino ....

Quanto all'invito alla calma .... potrebbe essere reversibile .... ;)

Share this post


Link to post
Share on other sites

molto interessante il sito segnalato da madmike, quanto su flight nonostante sia sicuramente una bella rivista ho alcuni dubbi, spesso sbagliano nell'elencare l'inventario dei paesi del terzo mondo,l'anno scorso davano a cuba ben 20 mig 29 attivi. Comunque l'iran ha in programma di acquistare,embargo permettendo qualche nuovo aereo? o comunque iniziare qualche programma di ammodernamento? Del tipo portare i mig 29 allo standard SMT come la siria ha già cominciato a fare con un quindicina di esemplari?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Iran unveils air defence systems

 

The Iranian military unveiled several new air defence systems during its 11 to 15 November 'Velayat 4' exercise. The extensively publicised exercise covered an area of nearly 950,000 km 2 in eastern Iran and involved units from the army and the Islamic Revolution Guards Corps (IRGC), with the air force playing the role of opposition forces.

 

The new systems were identified as Ya Zahra 3 (YZ3) low-altitude surface-to-air missile (SAM) system, Ghader mobile medium-altitude SAM, and Shalamcheh SAM.

 

The original Ya Zahra system was first displayed in 2002 and looked very similar to China's FM-80, which is a derivative of the French Crotale system. It was confirmed in November 2010 that Iran had obtained the FM-80 system, although Iranian media reports claimed the systems had been upgraded after arriving from China. Photographs released at the time showed one FM-80 with electro-optical devices fitted next to its radar dish.

 

The recently unveiled YZ3 is also similar in general layout to the FM-80, although uses a slightly different towed launch platform.

Share this post


Link to post
Share on other sites

E' da un'pò che non sento più notizie sul nucleare iraniano, sarà che ora abbiamo cose più importanti di cui occuparcene ma nel frattempo l'arricchimento sta continuando...

Qualcuno ha qualche news da condividere?

Share this post


Link to post
Share on other sites

segnalo questo paper Iran’s Ballistic Missile and Space Launch Programs

 

Iran has long been a source of concern for the United States and other countries because its goals are at odds with core U.S. objectives in the Middle East. Although it is not certain that Iran has made the decision to develop a nuclear weapon, it is taking steps to drastically reduce the time needed to obtain nuclear weapons should a decision be made to do so. It is the prospect of an Iranian nuclear weapon mated to an effective missile delivery capability that is especially worrisome to most.

Congress has long been interested in these matters. Congress has held numerous hearings on Iran, passed various resolutions regarding Iran and approved a range of sanctions against Iran over the past several decades.

According to the U.S. government, Iran has the largest number of ballistic missiles in the Middle East; it is developing missiles and space launch vehicles for multiple purposes. Iran is pursuing its missile and space programs with development and testing facilities that are scattered throughout the country. Assessing Iran’s ballistic missile programs is challenging for many reasons, including the lack of specificity in official public sources, the secretive nature of Iran’s regime and the regime’s frequent exaggerations of its ballistic missile capabilities, and the overwhelming amount of and often conflicting information found in non-official sources.

The vast majority of Iran’s heavy artillery rockets and ballistic missiles are short-range of less than about 500 kilometers. Most of Iran’s ballistic missiles in fact are Scud-B and Scud-Cs, with a majority likely being Scud Cs, which are 500 km range capable. Iran views its short-range ballistic missiles (SRBM) capability as necessary for battlefield and tactical military purposes.

These missiles could not strike U.S. or allied bases in the region unless they were moved far from their operating base and launched from vulnerable positions along Iran’s Persian Gulf coastline. This is not likely because of logistical and operational security reasons. Although these SRBMs are not very accurate, they could be fired against economic or civilian targets. Also, any such missile attacks against U.S. bases, while not militarily decisive, could disrupt or complicate (but not halt) base operations.

Iran has grown increasingly self-sufficient in the production of SRBMs, but it still probably relies on others for some key components. Gaining access to these kinds of critical components and materials has grown increasingly difficult for Iran. Stricter international enforcement of export controls and broadening sanctions have reportedly slowed down Iran’s efforts and forced Iran to find less reliable alternative sources of rocket and missile technology.

Iran is developing and producing medium-range ballistic missile (MRBM) capabilities with ranges estimated up to about 2,000 kilometers (with some non-U.S. government sources citing

slightly higher ranges), sufficient to strike targets throughout the Middle East. U.S. intelligence assessments state such missiles are inherently capable of carrying a nuclear warhead. Although the number of Iran’s MRBMs is thought to be relatively small by official U.S. estimates, it is expected to continue to build more capable MRBMs. Iran views these missiles as an important deterrent and retaliatory force against U.S. and other forces in the region in the event of war. Iran has also constructed an underground network of bunkers and underground silo-like missile launch facilities, and is seeking improved air defenses presumably to enhance the survivability of their MRBMs against preemptive attack.

Currently Iran must rely on others for certain key missile components and materials in its MRBM program. Export controls and sanctions have made it increasingly difficult, but certainly not

impossible, for Iran to acquire the best of such items. On the other hand, these export control measures and sanctions have forced Iran to try to exploit weaknesses in existing export and nonproliferation regimes, including by trying to find foreign sellers willing to circumvent those laws.

Iran also has a genuine and ambitious space launch program, which seeks to enhance Iran’s national pride, and perhaps more importantly, its international reputation as a growing advanced industrial power. Iran also sees itself as a potential leader in the Middle East offering space launch and satellite services. Iran has stated it plans to use future launchers for placing intelligence gathering satellites into orbit, although such a capability is a decade or so in the future. Many believe Iran’s space launch program could mask the development of an

intercontinental ballistic missile (ICBM) – with ranges in excess of 5,500 km that could threaten targets throughout Europe, and even the United States if Iran achieved an ICBM capability of at least 10,000 km. ICBMs share many similar technologies and processes inherent in a space launch program, but it seems clear that Iran has a dedicated space launch effort and it is not simply a cover for ICBM development. Since 1999, the U.S. Intelligence Community (IC) has assessed that Iran could test an ICBM by 2015 with sufficient foreign assistance, especially from a country such as China or Russia (whose support has reportedly diminished over the past decade). It is increasingly uncertain whether Iran will be able to achieve an ICBM capability by 2015 for several reasons: Iran does not appear to be receiving the degree of foreign support many believe would be necessary, Iran has found it increasingly difficult to acquire certain critical components and materials because of sanctions, and Iran has not demonstrated the kind of flight test program many view as necessary to produce an ICBM.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Se fosse per israele avrebbe già attaccato i siti nucleri iraniani. Non tanto perchè pensa di poter da sola distuggerli ma per far scoppiare il casino e obbligare gli USA ad intervenire. Per di più che dove siano tutti i siti e se ce ne siano altri nelle profondità delle montagne non lo sanno. Il punto di vista di Israele è che più tempo si aspetta e più i nostri nemici si rafforzano militarmente, e sia mai, arrivino al nucleare. Dopodichè per quanto la retorica iraniana teorizza la distruzione di israele per galvanizzare le masse i persiani si sono rvelati maestri nel trattare, ritirarsi, avanzare, tirare e mollare con spirito pragmatico. Ciò che gli interessa non è la distruzione di israele mal la sua teorizzazione per contendere ai sauditi la lederschip sul mondo islamico e guadagnare vantaggio geostrategico per garantirsi la sopravvivenza come repubblica rivoluzionaria islamica sciita (non scordiamo che per i sunniti gli sciiti sono degli eretici). La crescita e l'affermazione iraniana (ovvero islamico sciita) si manifesta dal momento in cui l'occidente inizia a ridimensionare il potere islamico sunnita di cui la fine dell'Iraq è il primo atto. Il 65% dell'iraq è di popolazione sciita e filoiraniana: prima era sotto il tallone di Saddam, adesso governa lo stato ed è di fatto indipendente al sud, in libano gli sciiti spadroneggiano.....insomma di terreno ne hanno guadagnato. E molto. Coi petrodollari hanno anche potuto armarsi notevolmente dotandosi di sottomarini classe Kilo e svariati armamentari come ben avete descritto....se negli anni 80 usavano le mine della II GM e gli RPG per attaccare le petroliere occidentali oggi ti mettono in campo centinaia di barche veloci con 4 rampe di missili C-802 o 803 e te le beccano da 30 km guidati dai radar.

L'occidente e gli americani in primis a partire da Bush di attacco israeliano e occidentale non ne vogliono sentir parlare, perchè tutti i rapporti dei servizi dicono che sarebbe un casino totale che inizi e non sai come va a finire. Un gioco che non vale la candela, perchè le possibilità di ritorsione iraniane sono reali e ad ampio spettro. Le analisi dicono che un escaletion può avere risvolti nefasti per gli interessi europei e americani e li obbligherebbe ad un intervento a terra per un cambio di regime con tutti i rischi e gli oneri, perchè i persiani sono un popolo compatto con poche minoranze, che non dividi. Non si può pensare di vincere solo dall'alto bombardando, che gli iraniani si lecchino le ferite e finisce li. Le risposte sarebbero su vasta scala. 20 milioni di sciiti iraqueni sarebbero pronti e ben manovrati da migliaia di pasdaran e guardie della rivoluzione ad esplodere contro i sauditi e i sunniti a nord, e costituiscono una massa d'urto che riaccenderebbe il caos iraqueno e metterebbe sotto pressione gli stati "amici" (patria del salfismo antioccidentale). in libano e palestina israele si troverebbe attaccata da Hezbollha e Hamas con lancio di migliaia di missili. l'arsenale di Hamas è stimato in 22.000 ordigni ben occultati in rampe sotterranee parecchi con gittata di più di 100 km. La guerra di terra ha già dimostrato che sotto la guida dei pasdaran hezbollha ora sa farla e bene. Attacchi suicidi ovunque in europa e america (le cellule dormienti si sa che ci sono ma non sono mai state individuate). Dopodichè l'Iran stesso può dire la sua. la prima ritorsione è il blocco di Hormuz soprattutto attraverso minamento e attacchi al traffico marittimo commerciale. non solo le centinaia di mezzi veloci con i i c.802-3 ma le mine di acquisizione cinese piazzate sul fondo che rilasciano un siluro appena captano movimento....e possono affondare una portaerei....costituiscono le armi per una guerra assimmetrica del mare che rischia di impegnarti mesi......le piazzano in poche ore se già non sono li dormienti. A quel punto gli mandi mezzi per lo sminamento certo protetti da fregate e caccia ma li inizierebbe il bersagliamento con i missili antinave e siluri lanciati da rampe a terra e barchini veloci......si tenga conto che lo stretto hormuz è largo 30 km e lungo 60. il modello è quello che hanno sperimentato in libano. da rampe occultate sotto terra e bunkerate con mimetica lancio mi sposto in un altro bunker già approntato e lancio di nuovo, poi torno al primo se non l'hanno individuato e distrutto come probabile, ricarico e lancio ancora.....come in libano, dall'aria non ne venivano a capo.....costringono così il nemico a venire a terra per far finire lo stillicidio e quando arriva si trova un inferno di tunnel, bunker e plotoni armati che mi attaccano da ogni parte dall'allto e da ogni direzione. E non con gli RPG ma con i Metis o i Kornet....moltiplicate per centinaia di migliaia di pasdaran.....e poi se sfondi, l'esercito che ti lascia penetrare fino all'altopiano centrale e poi attacca dai fianchi e da dietro le linee di rifornimento. la forza iraniana è già ora prevalentemente fondata su principi assimmetrici, perchè sa quello che sapete voi: e cioè che con un F-22 non competi, ma che una mina ti abbatte un incrociatore e un missile da 20 km ti manda a picco un cargo e ti danneggia gravemente una fregata, che con lo sconto corazzato non vinci ma che un'imboscata al giorno che uccide giovani americani e fa saltare per aria un carro alla volta fa notizia su tutti i TG del mondo.

 

per inciso la corvetta israeliana, considerata nella sua categoria e taglia tra le più armate al mondo tra contromisure e CIWS, è stata colpita da un C-802 di fabbricazione cinese lanciato da una postazione occulta (e che non si è mai individuata) tra le colline della costa libanese. il C-802 ha portata di 120 km, e viaggia a 800 km/ora. il punto è che se sei a 20-30 km dalla costa da dove te lo sparano addosso fai attempo appena a vederlo arrivare.....il primo l'hanno beccato, il secondo ha colpito la corvetta. sarebbero le condizioni di Hormutz.

 

Dopodichè le instalazioni petrolifere saudite sarebbero alla mercè di sabotatori infiltrati, attacchi di missili balistici che se vanno a segno addio petrolio. Sarebbe una guerriglia sul mare e sulla terra ma con un bagaglio tecnologico iraniano molto più elevato e difficile da contrastare. e quando è così di perdite importanti ne devi mettere in conto.

 

Gli Israeliani vorrebbero azione subito, l'occidente punta a sovvertire dall'interno vedi primavere arabe. La siria era una pedina importante del fronte iraniano e ora non c'è più: un colpo più duro di un bombardamento di dubbia efficacia. L'occidente punta a fare contenimento sapendo che la minaccia nucleare è ancora di la da venire e che l'iran è pragmatico e sa che se lui ne ha una di bomba atomica israele ne ha 100.

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Intanto, rullo di tamburi, domani l'Iran dovrebbe presentare il suo nuovissimo caccia


 

Iran to Unveil New Home-Made Fighter Jet Tomorrow

The Iranian Defense Ministry announced on Friday that President Mahmoud Ahmadinejad will unveil the second indigenized Iranian jet fighter named 'Qaher 313' on Saturday.

Last week, Iranian Defense Minister Brigadier General Ahmad Vahidi had announced that his ministry would display several defense achievements in the next few days.

The new achievements will be unveiled during the Ten-Day Dawn ceremonies from January 31 to February 10, celebrating the victory of the Islamic Revolution back in 1979.

The Iranian defense minister announced at the time that Iran would unveil the latest home-made fighter jet in the coming days, and said, "The aircraft will be different from the other fighter jets Iran has already made."
....

 

Yet, Iranian officials have always stressed that the country's military and arms programs serve defensive purposes and should not be perceived as a threat to any other country.



http://english.farsnews.com/newstext.php?non=9107140712

 

Mo domani vediamo se ne escono invece con la solita rielaborazione dell'F-5.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

×