Jump to content
Sign in to follow this  
Diguz

Come l'asse avrebbe vinto la guerra

Recommended Posts

Ok, credo che abbiamo una diversa e inconciliabile visione della sequenza causa ed effetto.

 

Voi dite che i tedeschi non ebbero tempo e modo per costruire portaerei e quindi non le costruirono.

Io dico che i tedeschi non vollero costruirle, e pertanto non fecero nulla per avere il tempo e il modo di farlo.

Beh, mica si dev'essere sempre d'accordo, no?

 

Io comunque vedo nella vicenda portaerei una stretta analogia con quella dei bombardieri strategici, un'altra arma che i tedeschi non ritennero mai di sviluppare e immettere in servizio (non in quantità significative, in ogni caso).

 

Ma è meglio non allargare ulteriormente il discorso.

 

Infatti eravamo partiti dall'utilità delle portaerei, e su quello ero intervenuto, poi non so come, ma siamo finiti a parlare della capacità o meno dei tedeschi di costruirle. Però questo è un aspetto diverso da quello dell'utilità.

;)

Share this post


Link to post
Share on other sites
Per quanto riguarda il nucleare: mi sapresti dire di che nazionalità erano fermi, majorana e rossi perchè mi sa che mi sfugge!!!

 

eh di cose te ne sfuggono un bel po.

 

Tralascio il minestrone solito su Dunkerque e portaerei, perchè e' inutile continuare.

 

Per i nomi sopra:

- Majorana e' scomparso nel 1938, e nessuno sa che fine ha fatto. Se nella tua fantapolitica non scompare, allora e' inutile parlare (anzi, e' inutile lo stesso).

- Fermi dal 1938 era negli USA: magari non sai che uno dei padri della Bomba era lui, ma guarda caso la bomba l'hanno costruita in USA non a Frascati. Ah, la moglie era ebrea, uno dei motivi della fuga (oltre al taglio dei finanziamenti alla ricerca) furono le leggi razziali

- Segrè, come testimonia il cognome, seguì la stessa strada per gli stessi motivi

- Rasetti se ne ando' nel 39

- Pontecorvo dal 36 era a Parigi, e diventò comunista, trasferendosi di seguito negli Usa (e, nel 50, in Urss).

- Restava Amaldi, ma era un po poco.

Fermi andò appunto in usa nel 38.

Segrè idem con patate

Majorana scoparse nel 38...

 

ci vedo solo io il nesso con L'italia che improvvisamente annulla le sue ricerche nucleari e che gli usa incominciarono a dare un impennata tecnologica proprio il quel periodo? Se dovessi tirare ad indovinare penso che Majorana è finito negli usa... Non so perchè di questa mia malsana idea ma ho come un certa sensazione... Quindi tutto ciò che hai scritto non fa che confermare quello che dicevo sul nucleare italiano (smantellamento totale nella seconda metà degli anni 30), in cui sono coinvolte persone che in un modo od in un altro sono finiti la dove poi è stata messa a punto (probabilmente portando con loro il know how necessario a eliminare il gap americano nel campo).

 

Per quanto riguarda il Rossi ho fatto un errore di battitura, era rossetti Ovviamente.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Per quanto riguarda le PA non dovevano essere costruite durante il conflitto ma anni prima.

 

Se non erro gran parte del nostro naviglio è stato affondato per mancanza di copertura aerea. Ne avessimo avute anche solo 2 uità, non penso che l'inglesi avrebbero avuto vita facile nel mediterraneo.

 

doppio post, +10%. fa più attenzione ;)

Edited by vorthex

Share this post


Link to post
Share on other sites

Bel tema,

sopratutto per il ruolo e le capacitá che potrebbe aver mostrato l’Italia, senza l’animo di voler fare i Generali dopo la battaglia, si devono avere le idee chiare (se si puó) prima di iniziare un conflitto bellico. (anche se, si sa sempre quando inizia ma mai quando termina)

Indipendentemente se sarebbe servita una Portaerei o no

 

Cosa si sarebbe capito come una vittoria per L’Italia?

1.- Impegnare gli inglesi in multipli scenari e sperare che la Germania invadesse l’Inghilterra (e ricevere parte del bottino)

2.- Una Tregua dopo un paio d’anni (alla Saddam V/s Ayatollah)

3.- Controllare il Mediterraneo (per avere il controllo del Teatro bellico)

4.- Conquistare l’Egitto (per una svolta finale nel Vicino-Oriernte)

5.- Prendere Gibilterra e far uscire i bestioni della Regia Marina all’Atlantico (per aiutare nella battaglia dell’Atlantico)

 

Ci possono essere altre alternative, ma non sembra facile che individualmente si sia potuto sconfiggere L’inghilterra anche se nell’area del Mediterraneo, salvo quella indiretta cui la Germania come ariete principale riuscisse nella sua operazione Sea-Lion del 40 o la posteriore Battaglia dell’Atlantico 41-42.

La Regia Marina godeva di un cómodo vantaggio numérico sulla Royal Navy anche se sulla carta:

 

.............................................Regia M............Royal N

Corazzate..................................4......................5

Portaerei...................................-.......................2

Incrociatori Pesanti.....................7......................-

Incrociatori Leggeri.....................12....................10

Cacciatorpediniere......................53....................35

Torpediniere/Corvette .................71....................-

Sottomarini...............................115...................12

 

TOT..........................................262...................64

 

La Regia Aeronautica godeva se non del miglior materiale, si di basi piazzate strategicamente

 

Saludos

MC72

Edited by MC72

Share this post


Link to post
Share on other sites

Mio parere:

 

- i punti 3\4 sono quelli che cercavamo di perseguire, senza riuscirci.

- il punto due non lo capisco: una tregua con chi?

 

- idem il punto uno: la GB ERA impegnata su diversi scacchieri, ma pare che non sia bastato. L'invasione dell'Inghilterra, ammettendo che Hitler avesse voluto dar corso a Seelowe, era abbastanza complessa: a parte la Royal Navy, che era integra e, come si e' visto, ancora bella battagliera, i tedeschi non avevano mezzi da sbarco di modello alleato, e le truppe non erano minimamente addestrate per lo scopo. La copertura aerea, come dimostrato dalla Battaglia d'Inghilterra, era tutt'altro che certa.... poteva, e probabilmente sarebbe stato, un colossale disastro.

 

- punto 5: parliamo sempre di coinvolgere la Spagna, che non si e' fatta coinvolgere, in guerra.... alternative al controllo di Gibilterra non c'erano.

 

Secondo me stiamo un po troppo riscrivendo la storia....

Share this post


Link to post
Share on other sites
Mio parere:

 

- i punti 3\4 sono quelli che cercavamo di perseguire, senza riuscirci.

- il punto due non lo capisco: una tregua con chi?

 

- idem il punto uno: la GB ERA impegnata su diversi scacchieri, ma pare che non sia bastato. L'invasione dell'Inghilterra, ammettendo che Hitler avesse voluto dar corso a Seelowe, era abbastanza complessa: a parte la Royal Navy, che era integra e, come si e' visto, ancora bella battagliera, i tedeschi non avevano mezzi da sbarco di modello alleato, e le truppe non erano minimamente addestrate per lo scopo. La copertura aerea, come dimostrato dalla Battaglia d'Inghilterra, era tutt'altro che certa.... poteva, e probabilmente sarebbe stato, un colossale disastro.

 

- punto 5: parliamo sempre di coinvolgere la Spagna, che non si e' fatta coinvolgere, in guerra.... alternative al controllo di Gibilterra non c'erano.

 

Secondo me stiamo un po troppo riscrivendo la storia....

 

Bhe questo è un 3d di fantastoria è logico che riscriviamo la storia :rotfl:

Share this post


Link to post
Share on other sites

ricordatevi che churcill aveva fatto un discorso al GB quando hitler iniziò la battaglia d'inghilterra dove diceva che gli inglesi avrebbero combattuto fino alla morte pur di sconfiggere i tedeschi e... patriottici come sono hitler si sarebbe ritirato.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Quel discorso di Churchill per la BBC sembra che i Giapponesi non l'abbiano propio ascoltato, perche hanno spazzato via tutte le forze britanniche nel Lontano Oriente, conquistando importanti capisaldi strategici inespugnabili come Hong-Kong e Singapore, e affondando gli incrociatori di battaglia HMS Repulse e Prince of Wales solo con aerei nel Oceano Indiano. Dopo di che degli Inglesi, non se ne sentí piú parlare, fino que poterono ritornare sotto l'ombrello americano negli ultimi mesi di guerra.

 

É vero che gli Inglesi sono buonissimi per la guerra Psicologica (quella di come un óttimo piatto di ristorante, mescola squisitamente bugie con verita) sono consapevoli che l'avversario se lo puó sconfiggere anche nel suo cervello prima di cominciare a sparare. E Churchill quello lo capiva benissimo, oltre che aveva un ottimo sistema d' Intelligence ( spionaggio e comunicazioni).

 

Churchill come politico e audace ex-militare di carriera, era proclive a fare spazio a nuove idee e flessibile nell'azionare strategico, aspetti nei quali il Duce invece aveva piú una visione politica e scusatemi un po' opportunista ............ infatti in Quel mese di Giunio dell'estate del 1940 (giorni dopo Dunkerque)

 

Se a qualcuno avessero domandato, se la fine della guerra era próssima nel 1940?

Ci sarebbe stato gran consenso generale nella forte possibilitá che L'inghilterra sarebbe stata disposta a far la Pace.

Hitler lo pensó,

Mussolini vide un opportunitá,

Franco preferí osservare (troppo buono per essere vero avrá pensato),

Roosevelt aveva le mani legate per il profondo sentimento Isolazionista del popolo americano,

Stalin felice che si scannassero tra le decadenti potenze occidentali;

Ma Churchill decise di continuare nella guerra (forse consapevole che sarebbe stata una brutta Pace, forse rimandando la guerra solo di un paio di anni). Dopo tutto anche se l'Esercito britannico era da rifare! La vera "Forza" della Gran Bretaña era il suo potere marittimo e il suo estesissimo Impero Mondiale, e l'avrebbe utilizzato come una Boa Constrictor attorno ai suoi nemici , come l'aveva fatto nel suo tempo contro L'Europa di Napoleone.

 

Saludos

MC72

Edited by MC72

Share this post


Link to post
Share on other sites
Ma Churchill decise di continuare nella guerra (forse consapevole che sarebbe stata una brutta Pace, forse rimandando la guerra solo di un paio di anni). Dopo tutto anche se l'Esercito britannico era da rifare! La vera "Forza" della Gran Bretaña era il suo potere marittimo e il suo estesissimo Impero Mondiale, e l'avrebbe utilizzato come una Boa Constrictor attorno ai suoi nemici , come l'aveva fatto nel suo tempo contro L'Europa di Napoleone.

Corretto ma oltre al potere imperiare e di intelligence ricordiamo anche il successivo ed imponente supporto materiale americano. L'azzardo di Churchill fu corretto ma senza quell'aiuto oltreoceano la forza militare inglese si sarebbe spenta nel deserto nord-africano.

Edited by Hicks

Share this post


Link to post
Share on other sites
Corretto ma oltre al potere imperiare e di intelligence ricordiamo anche il successivo ed imponente supporto materiale americano. L'azzardo di Churchill fu corretto ma senza quell'aiuto oltreoceano la forza militare inglese si sarebbe spenta nel deserto nord-africano.

 

Esatto, bisognava utilizzare il forte "Isolazionismo" del popolo americano che per nulla al mondo voleva entrare ad una guerra....ance se Roosevelt lo stesso si arrangiava per inviare "aiuti" militari per l'Atlantico e li in alta mare si decideva la guerra dell'Atlantico. Gli Americani perdevano molto personale nelle navi in mezzo all'oceano, ma il popolo americano cosi e tutto, mai gli dette luce verde a Roosevelt, fino alla fatidica vicenda di Pearl Harbor.

Stalin, non credo che avrebbe attaccato per primo, dopotutto aveva mezzo continente e non era ancora lontana la fine della sanguinosa guerra civile con forti sentimenti Anti-Inglesi e Anti-Americani per haver aiutato ai bianchi

 

Mi azzarderei a dire che:

1.- Asse contro l'Ínghilterra era possibile una vittoria.

2.- Asse contro l'Ínghilterra + Russia ....Uhmmm .....complicato panorama.

3.- Asse contro l'Ínghilterra + USA ....vincono gli alleati ma la guerra finisce nel 46-47.

4.- Asse contro l'Ínghilterra + USA + Russi .... basta leggere la Storia.

 

Veramente per un tempo c'e stato il periodo a cui i libbri di storia si riferiscono a quando L'Inghilterra era sola, e quella situazione politica bisognava mantenerla, mentre Churchill voleva imperiosamente cambiarla.

 

Quindi, i successi que portarono a cambiare quella realtá o alla rovescia i successi che mantenessero quella realtá, determinano, secondo me, in gran parte le sorti finali del Conflitto.

 

Saludos

MC72

Edited by MC72

Share this post


Link to post
Share on other sites

egoisticamente parlando, potrei dire che l'Italia, girando la faccia alla Germania, si sarebbe potuta sedere al tavolo della pace in una posizione di rilievo.

 

mi spiego: una volta destituito il Duce, Badoglio avrebbe dovuto firmare immediatamente la pace, senza aspettare l'8 settembre!

 

nelle 6 settimane risparmiate, la panzerdivision che si trovava in Sardegna (30mila uomini e 300 carri) sarebbe stata bloccata senza aver l'occasione di ripresentarsi a Cassino, inoltre in quei giorni, approfittando dello smarrimento delle F.A. Italiane ben 17 armate tedesche passarono le Alpi per prender possesso del suolo Italiano. questo non sarebbe accaduto se l'Italia fosse diventata ostile alla Germania già a Luglio.

 

senza l'apporto di queste forze la linea di Cassino non ci sarebbe stata, e probabilmente Roma avrebbe festeggiato il Natale '43 LIBERA!

 

e, pazienza per quel pazzo di HH, saremmo andati un pò più fieri di come sarebbero andate le cose...

Share this post


Link to post
Share on other sites

vabè ma truppe e mezzi tedeschi già erano presenti in Italia in maniera capillare ed in ogni caso ci avrebbero invaso in poco tempo, con o senza truppe sbandato.

sicuramente, però, non avere un fronte in Italia sarebbe stato un bene per i tedeschi (anche se lasciare tutto il Nord Italia a base per i quadrimotori dell'USAAF non era proprio una genialata)... quindi chissà... si sarebbero potuti ritirare in buon ordine.

Edited by vorthex

Share this post


Link to post
Share on other sites

vabè ma truppe e mezzi tedeschi già erano presenti in Italia in maniera capillare ed in ogni caso ci avrebbero invaso in poco tempo, con o senza truppe sbandato.

sicuramente, però, non avere un fronte in Italia sarebbe stato un bene per i tedeschi (anche se lasciare tutto il Nord Italia a base per i quadrimotori dell'USAAF non era proprio una genialata)... quindi chissà... si sarebbero potuti ritirare in buon ordine.

 

forse non mi sono ben spigato, con la situazione da me ipotizzata l'Italia forse avrebbe firmato una pace da vincitrice, ma difatto la Germania sarebbe caduta molto prima, perchè gli alleati avrebbero avuto la vita facile in Italia.

Share this post


Link to post
Share on other sites

no un attimo.

tu hai parlato dell'estate '43, dove si prospetta la situazione da me descritta, non di quella del '40 dove avremmo ancora potuto entrare in guerra al fianco degli alleati e firmare una pace da vincitori, come la sconfitta e divisa Francia.

Share this post


Link to post
Share on other sites

ribadisco estate '43: Badoglio firma la pace a luglio, ad agosto dichiara nemica la Germania, gli alleati liberano Roma a Novembre e nei primi giorni del '44 la Germania cade. a questo punto gli alleati considerano alleata l'Italia e la fanno sedere da vincitrice al tavolo della pace.

spero di essermi spiegato meglio :rolleyes:

 

probabilmente a Badoglio quest'idea non gli è balenata neanche lontanamente...

Share this post


Link to post
Share on other sites

bhe, bisognava sgominare rapidamente i tedeschi presenti in Italia, chiudere i passi e muovere rapidamente truppe anglo-americane nel nord. tuttavia non so come gli alleati avrebbero preso il nostro voltafaccia.

Share this post


Link to post
Share on other sites

veramente le trattavive con gli alleati erano già in corso da tempo , erano i savoia che tentennavano e prendevano tempo , quando tutti, incluso Ciano , volevano che si faccesse un accordo prima di avere truppe alleate nel territorio .

 

il grosso delle truppe tedesche arrivò dopo la seduta del gran consiglio .

Share this post


Link to post
Share on other sites
ribadisco estate '43: Badoglio firma la pace a luglio, ad agosto dichiara nemica la Germania, gli alleati liberano Roma a Novembre e nei primi giorni del '44 la Germania cade. a questo punto gli alleati considerano alleata l'Italia e la fanno sedere da vincitrice al tavolo della pace.

spero di essermi spiegato meglio :rolleyes:

 

probabilmente a Badoglio quest'idea non gli è balenata neanche lontanamente...

 

Non capisco come gli Inglesi e Americani farebbero sedere L´Italia come ""nazione vincitrice"", solo perché apparentemente avrebbero accorciato un po' la campagna militare in uno dei molti fronti di guerra. Non entrarono in una Roma indifesa quando sbarcarono ad Anzio, meno ancora avrebbero preso d'un sol colpo tutta la penisola (Con Kesserling in giro?).

Avrebbero restituito L'Africa Orientale Italiana, Libia, Dodecanneso e L'Istria ????

No , perché una cosa é la resa senza condizioni e un altra e la resa con condizioni che se si vuole la si puó decorare come firma di una Pace tra gli antagonisti.......No-Problem Man! Ma rimaniamo chiari é una Resa prematura (Un nemico ragionevole se si vuole), dove si puó ragionevolmente chiedere qualche condizione a cambio ma non esageriamo.

 

Saludos

MC72

 

PD: Grazie per considerare gli interessi dei centinaia di migliaia di italiani che lavoravano nel Reich e pure delle decine di migliaia di soldati in Russia.

Edited by MC72

Share this post


Link to post
Share on other sites
PD: Grazie per considerare gli interessi dei centinaia di migliaia di italiani che lavoravano nel Reich e pure delle decine di migliaia di soldati in Russia.

 

capisco benissimo cosa intendi dire con questa frase, e concordo pienamente!

quello da me ipotizzato era solo un ripiego per evitare altri morti, italiani e non, che appunto han trovato la morte nei quasi 2 anni successivi all'armistizio italiano.

 

purtroppo se il duce avesse avuto un po di vero amore per il suo popolo non si sarebbe alleato con HH ma questa è un altra storia...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Beh, a quel punto la situazione era molto delicata.

I tedeschi sarebbero piombati alle 48 ore con Armistizio o firma della Pace, di fatto L'Armistizio fu tremendamente disastroso per il súbito collasso delle forze Armate, moltissimi soldati disertarono nei giorni successivi, producendo il Vuoto di potere che i Tedeschi riempirono rápidamente. Il sentimento di quei giorni é colto molto bene dalla pellicola "Il mandolino del tenente Corelli" dove i tedeschi con armistizio, hanno súbito trattato di nemici agli Italiani, quello che rimane chiaro nella pellicola é quella senzazione di chi vede il film che si immagina col beneficio del tempo cosa poteva accadere, ma che lo spirito quasi innocente di quei giorni era che tutto fosse veramente finito e "Tutti a Casa" , non si aspettavano la reazione tedesca.

 

Gli alleati sicuro, volevano avanzare ma chiaramente non correre, quello ha molto a che vedere con la loggistica, specie in terreni montagnosi e con la distruzzione de molti ponti e strade.

Condivido il punto di Vorthex, che il punto critico fu L'Estate del '40 e non quella del '43, dove efettivamente si poteva legittimamente scegliere il bando o meglio starsene a parte come fece la Spagna.

 

Saludos

MC72

Edited by MC72

Share this post


Link to post
Share on other sites

<_< Badoglio non poteva far nulla perchè il tutti a casa era già iniziato dopo la Tunisia, infatti in agosto i reparti italiani rimasti al fronte in sicilia erano già sotto il controllo tedesco.

<_< a gli alleati dell' Italia importava molto poco, era più un obiettivo simbolico che altro, sopratutto gli americani ne avrebbero fatto volentieri a meno se Churchill non li avesse trascinati.

<_< a teheran era stato deciso "niente paci separate", sapete bene come la pensassero i russi

<_< l'Italia non poteva fare nulla perchè non aveva di fatto più uno strumento bellico. L'unica cosa un gesto simbolico con sciaboletta che restava a Roma a farsi ammazzare o prendere prgioniero ( i re servono anche a questo)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sempre parlando nel forse e dell'ipotetico profondo;

Ci sarebbe anche la possibilitá opposta a quella citata da Star104G, cioé :

 

Continuare a battersi con lo stesso discorso di Churchill cuando L'inghilterra era sull'orlo dell'invasione tedesca <Combatteremo nelle spiagge, combatteremo nelle montagne, combatteremo nelle cittá.......mai ci arrenderemo> Messaggio doppiamente chiaro sia per l'invasore che per il popolo.

Si consegue mantenere la coesione e non scatenare il caos e il vuoto di potere che é sopraggiunto súbito dopo l'armistizio.

Se la avanzata Alleata per la penisola é stata per dire lo meno traumatica e penosamente lenta tanto per gli italiani come per gli alleati; Una disposizione piú coesionata da parte Italiana avrebbe piú facilmente inchiodato gli alleati nel Sud, con tre Montecassino in piú, ricorderebbe la guerra di trincere e l'Afganistan insieme.

 

POSSIBILI VANTAGGI -_-

1.- La guerra si circonscribirebbe in una zona minore della penisola, salvo i bombardamenti aerei.

2.- Altri fronti piú fluidi sarebbero piú attraenti per gli alleati come Normandia e le steppe Russe e d'Europa Orientale, arrivando puntuali i Russi a Berlino nel Aprile del 45; in Italia allo stesso tempo la situazione sarebbe quasi congelata.

3.- In quel punto una resa incondizionale o un conveniente Armistizio realmente sarebbe la fine della guerra, salvando quel che si puó di un bel pezzo della Penisola che si sarebbe mantenuta piú o meno lontano dal fronte di guerra (come invece successe realmente dove la guerra si passeggió da Sud a Nord)

 

POSSIBILI SVANTAGGI :(

1.-Una resistenza fino al finale potrebbe fare considerare agli alleati trattare all'Italia della stessa maniera che la Germania, cioé dividendola in Zone di Occupazzione per ogni paese vincente, includendo la partizione edella capitale Roma allo stesso stile di Berlino.

2.- Forse sarebbero nate due Repúbliche Italiane una Federale e l'altra allo stile della Ex-DDR

 

Se L'talia finalmente sia rimasta in quasi un Pezzo, sembra che si possa considerare un efetto positivo e benvenuto dell'Armistizio di Badoglio che non si considera nella sua giusta dimensione.

 

Saludos

MC72

 

Italia_divisa.jpg

Edited by MC72

Share this post


Link to post
Share on other sites

Le sudivisioni sarebbero state differenti:

 

Penso che avrebbero diviso dando il meridione agli usa, il piemonte e val d'aosta ai francesi, il centro italia ai russi e il rimanente agli inglesi (lombardia e veneto). Dico questo perchè il meridione è sempre stato molto vicino agli usa per via delle mafie, non dimentichiamo che il voltafaccia di badoglio è stato possibile con l'aiuto della mafia e quindi gli usa avrebbero optato per quel territorio, oltre al fatto che è militarmente più strategico il sud Italia rispetto al nord.

 

Il centro Italia è la culla dei partigiani e cmq sono sempre stati comunisti quindi i russi avrebbero avuto molto più agevolazioni a colonizzare quella parte, oltre al fatto che essendo eventualmente confinante con gli usa si ptevano tenere sotto controllo. La francia la posizione dove la posizioni tu per via del confine e l'inghilterra avrebbe preso il rimanente che ha anche il vantaggio di essere un territorio simile a quello inglese come clima e anche territorio (vagamente) e quindi probabilmente gli sarebbe venuto meglio a gestirlo.

 

Per i meridonali sarebbe stato come vincere la lotteria e probabilmente oggi (ammettiamo ci fosse stato una riunificazione a fine anni 80 come in germania) sarebbeo i ricchi d'Italia, il nord penso sarebbero allo stesso livello di oggi, i gran morti di fame sarebbero stati quelli dell'italia centrale (visto cosa è accaduto in germania est).

Edited by David79

Share this post


Link to post
Share on other sites
Le sudivisioni sarebbero state differenti:

 

Penso che avrebbero diviso dando il meridione agli usa, il piemonte e val d'aosta ai francesi, il centro italia ai russi e il rimanente agli inglesi (lombardia e veneto). Dico questo perchè il meridione è sempre stato molto vicino agli usa per via delle mafie, non dimentichiamo che il voltafaccia di badoglio è stato possibile con l'aiuto della mafia e quindi gli usa avrebbero optato per quel territorio, oltre al fatto che è militarmente più strategico il sud Italia rispetto al nord.

 

Il centro Italia è la culla dei partigiani e cmq sono sempre stati comunisti quindi i russi avrebbero avuto molto più agevolazioni a colonizzare quella parte, oltre al fatto che essendo eventualmente confinante con gli usa si ptevano tenere sotto controllo. La francia la posizione dove la posizioni tu per via del confine e l'inghilterra avrebbe preso il rimanente che ha anche il vantaggio di essere un territorio simile a quello inglese come clima e anche territorio (vagamente) e quindi probabilmente gli sarebbe venuto meglio a gestirlo.

 

Per i meridonali sarebbe stato come vincere la lotteria e probabilmente oggi (ammettiamo ci fosse stato una riunificazione a fine anni 80 come in germania) sarebbeo i ricchi d'Italia, il nord penso sarebbero allo stesso livello di oggi, i gran morti di fame sarebbero stati quelli dell'italia centrale (visto cosa è accaduto in germania est).

 

I Russi vorrebbero mantenere le línee di comunicazioni terrestri aperte al suo "Main Land", e sebbene molte regioni centrali sarebbero proclive all'Urss , la pragmatica avrebbe primato e potrebbero tenere il Nord Oriente fra cui, Lombardia Veneto e Emilia Romagna.

D'accordo che gli USA si sentirebbero comodi al Sud con dominio del Mediterraneo.

Per gli Inglesi il porto di Genova e L'Italia Centrale....Toscana affascina gli inglesi.

Italy_Zones2_copia.jpg

Saludos

MC72

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

×