Jump to content
easy

AgustaWestland AW-101 - discussione ufficiale

Recommended Posts

Altra domanda per i più dotti sul AW/EH-101

 

I 2 tubi, che poi sono raccordati dall'altra parte, che sono sotto la fusoliera del 2-14 che sono? Non erano presenti ne sugli originali TTH (mk410) ne ASH (mk413) ma ora sono apparsi su esemplari di entrambe le serie.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Enr mi hai anticipato 3 volte....

anche io avevo notato il radome, ma non sapevo su quanti esemplari fosse stato implementato.

 

....e mi hai anticipato sulla domanda relativa a quei due tubi posti sulla pancia dell'elicottero (sono forse supporti per agganciare qualche dispositivo trainato?!?!).

 

Non ho capito invece a cosa ti riferisci per "stato impietoso"...che ha che non va quell'EH-101???

Edited by paperinik

Share this post


Link to post
Share on other sites
Non ho capito invece a cosa ti riferisci per "stato impietoso"...che ha che non va quell'EH-101???
Quello che presumo essere il pre-serie PP-7, ovvero l'EH-101 con il muso rosso, non sembra presentare una bella cera e oltretutto sembra mancare anche del finestrino sullo sportello laterale. Ad occhio sembra parcheggiato la da un bel pezzo ad ammuffire al sole.

Share this post


Link to post
Share on other sites

I due tubi dovrebbero essere antenne

Share this post


Link to post
Share on other sites
Quello che presumo essere il pre-serie PP-7, ovvero l'EH-101 con il muso rosso, non sembra presentare una bella cera e oltretutto sembra mancare anche del finestrino sullo sportello laterale. Ad occhio sembra parcheggiato la da un bel pezzo ad ammuffire al sole.

 

A dir la verità di solito è parcheggiato(in uno stato veramente impietoso appunto) sotto un capannone(aperto) posto di fronte alla mensa.

Magari hanno deciso di dargli una ripitturata e metterlo come "gate guardian"(il posto c'è,e come gate guardian a Luni c'è già un SH-34 Seabat,un AB.205,un AB.47G e un AB.47J),e quindi è stato spostato vicino all'area manutenzione.

 

Comunque Nickel complimenti per le foto,bellissime,anche se potresti mettere anche qualcuna del mio(futuro) AB.212ASW...cattivone... :angry:

 

Ah,per quanto riguarda il 2-10 mica vuol dire che siccome ora ha il radome allora è operativo nel ruolo AEW...giusto per precisare...

Share this post


Link to post
Share on other sites
A dir la verità di solito è parcheggiato(in uno stato veramente impietoso appunto) sotto un capannone(aperto) posto di fronte alla mensa.

...

Ah,per quanto riguarda il 2-10 mica vuol dire che siccome ora ha il radome allora è operativo nel ruolo AEW...giusto per precisare...

Per carità, è pur sempre meglio di niente

 

Comunque confermi che è il PP-7?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Comunque Nickel complimenti per le foto,bellissime,anche se potresti mettere anche qualcuna del mio(futuro) AB.212ASW...cattivone... :angry:

 

ahaha Grazie, metterò qualcosa di decente quando, spero, verrò a fare un servizio sul 5°.

Ric

Share this post


Link to post
Share on other sites

Bellissime foto Nickel, davvero! Io invece, che sono ancora meno dotto di te Enrr, da queste faoto capisco soprattutto una cosa: che bestiaccia di elicottero!!!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ripropongo un post da me già postato in passato, per vedere se ci sono news riguardo ai quesiti da me posti !!

 

"Buongiorno a tutti, vorrei tirare in causa il preparatissimo ed aggiornatissimo collega di forum Merlin, riguardo la situazione attuale degli EH101 AEW.

Mi scuso sin da ora per la raffica di domande, ma questo è un argomento molto interessante e per di più su uno degli apparecchi più avanzati attualmente disponibili !!

A che punto siamo, quanti sono attualmente quelli operativi? Il radar sta dando i riscontri desiderati, in paeticolare per quanto riguarda le portate di scoperta?

Questi apparecchi montano anche apparecciature EW attive? In caso contrario chi dovrebbe farsi carico anche delle missioni una volta appannaggio degli SH3D EW (chiamati affettusamente Mazinga)?

Per quanto riguarda le opzioni ancora esercitabili, mi pare 4, le sembra piu' reale una possibile suddivisione per due ulteriori AEW e due ASW o al posto di questi ultimi 2 ulteriori ASH?"

 

Cordiali saluti

Share this post


Link to post
Share on other sites

Forse a qualcosa posso rispondere io, per il resto passo la palla.

Dovremmo essere ancora fermi a 1 radar montato su 1 101, che sta svolgendo ancora le prove, mentre la suite EW, per quanto utile, dovrebbe essere le stessa tra 101 ASW e HEW.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Per quanto riguarda le opzioni ancora esercitabili, mi pare 4, le sembra piu' reale una possibile suddivisione per due ulteriori AEW e due ASW o al posto di questi ultimi 2 ulteriori ASH?"
Sono state esercitate le 2 opzioni per gli ASW da un bel pezzo, tant'è vero che il 21° e 22° dovrebbero arrivare quest'anno. Aimeh quest'ultimi sembrano essere gli ultimi a causa delle ristrettezze di bilancio sempre stando a RID.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest iscandar

OT mode ON

Visto il documentario di ierisera su discovery? attore principale AW EH101

OT mode OFF

Share this post


Link to post
Share on other sites

Nuone brutte news per "la casa bianca in elicottero":

 

Elicottero presidenziale USA: salgono i costi, programma a rischio?

Un elicottero verde e bianco, lucido al punto di potercisi specchiare da due metri di distanza, atterra in emergenza per un’avaria meccanica. Nessun danno, ma tanta preoccupazione: si trattava del "Marine One" della flotta presidenziale. La data, poco dopo l’11 settembre 2001. L’esigenza di sostituire i vecchi Sikorsky VH-3D Sea King - ha rivelato nei giorni scorsi Giuseppe Orsi, a.d. di AgustaWestland - nacque in quel momento, di fronte alla consapevolezza dell’invecchiamento degli elicotteri meglio mantenuti e più controllati del mondo.

È da qui che bisogna partire per comprendere la richiesta di rivedere il programma presentata da Rosa DeLauro, deputata democratica del Connecticut, uno degli stati con la più alta popolazione di origine italiana ma anche sede dell’elicotterista Sikorsky e della sua capogruppo United Technologies. Richiesta formalmente ineccepibile: la legge americana impone che i programmi debbano essere riapprovati dal Congresso quando eccedano i costi preventivati. Nel caso del programma VH-71A si è passati - secondo fonti di stampa - da circa 6 a circa 11 miliardi di dollari.

La US Navy ha presentato la richiesta di "re-certification" un mese fa circa, ed è questo che ha riaperto il mai sopito dibattito sul "buy American" facendolo approdare sulle pagine del New York Times e, di qui, rimbalzare sulla stampa italiana. Fin qui i fatti.

Il particolare momento politico-economico, con le sue derive protezioniste, rende impossibile escludere qualsiasi esito, per quanto clamoroso. Ad una analisi obbiettiva sembra però difficile che il contratto "Marine One" possa essere sfilato a Lockheed Martin, capocommessa per il VH-71A in nome della straordinaria dotazione elettronica e della sua altrettanto straordinaria complessità, per essere assegnato a Sikorsky.

A indicarlo sono proprio l’allungamento dei tempi di sviluppo e l’incremento dei costi per trasformare la piattaforma AgustaWestland EH.101 (o AW101 o US-101, fate voi) in una Casa Bianca volante. Non più un mezzo di trasporto ma un vero e proprio posto di comando, con sofisticatissimi sistemi di protezione e comunicazione. Tanto segreti da imporre una rigida compartimentazione delle informazioni persino tra i due partner industriali americano ed europeo. Nei mesi scorsi la US Navy ha ammesso di aver mirato troppo in alto e di aver rallentato il programma con troppe richieste. Di qui il "re-baselining" e la divisione in due fasi, la prima delle quali ("increment 1") è ormai in dirittura d’arrivo : le consegne saranno completate entro il 2009. Seguirà l’Increment 2 , ancora più sofisticato, con un rotore con pale più avanzate derivate dall’AW139, motori e trasmissioni potenziate, che l’ex responsabile del programma US Navy ha definito mesi fa «uno dei migliori elicotteri che ci siano».

La domanda che il Congresso americano si farà nelle prossime settimane - osserva Dedalonews - non sarà quindi se il Sikorsky H-92 possa o meno raggiungere tali livelli di prestazione, ma quanto costerebbe e quanto tempo richiederebbe il farlo. Perchè è chiaro a tutti che un cambio di piattaforma significherebbe gettare a mare tutto il lavoro di sviluppo e integrazione di sistema fatto da Lockheed Martin e ricominciare da capo, rinviando la sostituzione dei Sea King di un’altra decina di anni e svariati di miliardi di dollari. Con l’ulteriore beffa che capo commessa dell’eventuale nuovo contratto resterebbe probabilmente Lockheed Martin, non a caso già responsabile dell’integrazione di sistema per le nuove versioni MH-60R ed S del classico Sikorsky H-60.

In un’ottica di risparmio sembra più plausibile la riduzione quantitativa dell’Increment 2 - oggi previsto in quattro elicotteri di sviluppo e 23 di serie - oppure la standardizzazione sul solo Increment 1, già infinitamente più capace ed affidabile del vecchio VH-3D.

L’esplosione dei costi e la dilatazione dei tempi potrebbero però indurre il Pentagono a ripensare il proprio sistema di acquisizione, semplificando le procedure e soprattutto i requisiti, per evitare che un acquisto "off the shelf" di un elicottero già super collaudato o la realizzazione di una nave "low cost" (come le Littoral Combat Ship) si riveli ingestibile ogni volta

 

Dedalonews

Share this post


Link to post
Share on other sites

Andare avanti sui VH-3 mi sembra veramente difficile, poi le penali da pagare nel caso di ritiro dalla commessa penso che gli faranno passare queste idee balzane.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Hanno voluto la bicicletta, ora pedalano... Nel senso che non si può integrare il mondo su una macchina e continuare a fare i calcoli come se fosse "off the shelf".

 

E' la stessa storia del modulo europeo di esplorazione marziana: all'inizio doveva solo dimostrare che anche l'ESA è in grado di spedire qualcosa sul pianeta rosso, poi si sono chiesti "ma perchè, già che ci siamo, non mettiamo anche questo? E questo? E quest'altro?" ed il programma è cresciuto inesorabilmente in termini di costi e tempi.

 

L'unico programma che fin'ora non mi spiego abbia fatto tutto questo ritardo è il tanker di Boeing, dovuto ad interferenza fisica, vera e propria, cose che nell'era del digitale credevo un ricordo del passato. La fortuna di AirBus è di ritrovarsi sul 330 l'ala del 340, gli è bastato mettere un pod in corrispondenza del rinforzo alare dei motori 3 e 4.

 

Credo infatti che quando si tratterà di sostituire gli attuali rotori e scatole i riduzione i problemi non saranno eccessivi, AW ha un po' di esperienza in merito. Se la fase 2 del programma verte su questi aggiornamenti secondo me sarebbe poco lungimirante evitarla.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Un articolo riportava che le modifiche apportate in corsa al progetto originale sono 1100, fate un pò voi se non comportano un aumento della spesa.

 

Il ritorno al Sikorsky, o meglio all'S-92 potrebbe essere una catastrofe, basta a chiedere i canadesi che ne sanno qualcosa di ritardi per un programma SAR che a problematiche è un programma da poppanti a confronto :rotfl::rotfl:

 

Questo piccolo, piccolo fattore e tanti altri faranno riflettere parecchio la casa bianca e a meno di enormi sorprese non credo che molleranno il VH-71, la famiglia 101 ha un passato militare di tutto rispetto, l'S-92 no.

 

Non dimentichiamoci che è dal 2006 che cercano di affondare "o scarrafone de mamma Agusta" e non ci sono ancora riusciti nonostante sia oltre 1 anno che si parla delle cifre attuali.

 

PS: L'AW-101 presidenziale è già usato in Giappone, già venduto all'Arabia Saudita e in via di contrattualizzazione con gli Indiani.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Penso che il marine one abbia il meglio che esista, meglio ancora di quello che c'è sui caccia, invece gli altri elicotteri VIP utilizzati dai dignitari dei vari paesi non credo.

Share this post


Link to post
Share on other sites

E' realmente difficile reperire informazioni sulla dotazione del Marine One, proprio a causa della loro specificità. E' facilmente immaginabile che la suite dedicata alle telecomunicazioni ed i sistemi anti-missile saranno quanto più sofisticato possibile....ma ciò che rende il Marine One superiore al resto è il disporre di un intero apparato militare di difesa che opera a tutto campo (in primis curando in modo maniacale la pianificazione del volo).

 

Ad esempio il Whitehawk (VH-60) versione derivata dal Blackhawk per il trasporto VIP e presidenziale, incorpora tutta una serie di migliorie rispetto all'UH-60A di base, selezionate da altre varianti: dall'HH-60D all'SH-60B passando per il SH-60F...senza considerare la dotazione di motori diversi: i T700-GE-401C anzichè i T700-GE-700

Edited by paperinik

Share this post


Link to post
Share on other sites

E' ovvio che il "Marine One" abbia dei sistemi di autodifesa elettronica, ma non pensiamo a chissà chè. RWR, allarmi soprattutto dedicati all'illuminazione laser ed avvertitori di lancio IR, ritengo nulla di più. D'altra parte quando vola lo fa in corridoi definiti "sicuri" e con "copertura" aerea.

La vera differenza rispetto al precedente Sea King sono invece gli apparati di Comando e Controllo. Di fatto il VH-71 ha una replica avionica in miniatura degli apparati presenti a bordo dell'Air Force One, capaci quindi di governare una nazione, comprese le Forze Armate, rimanendo in volo.

Ora, a parte la completa schermatura del VH-71, se questi apparati stanno a bordo di un B-747, la vera sfida è farli entrare nello spazio disnonibile di un EH-101, grande quanto si vuole, ma sempre limitato rispetto ad un Jumbo.

Share this post


Link to post
Share on other sites

La Russa: per noi elicottero presidenziale USA contratto definito

Sulla questione del rinnovo della flotta degli elicotteri presidenziali USA VH-71 di realizzati da Agusta-Westland entra anche il ministro della Difesa Ignazio La Russa. «Per noi si tratta di un contratto definito» ha detto il ministro a proposito dell’incontro avuto ieri con Nancy Pelosi, la speaker della Camera dei rappresentanti statunitensi. «E’ un tema che non abbiamo affrontato, pur essendo un argomento che poteva essere all’ordine del giorno. - ha detto La Russa - se non ne hanno parlato loro, non c’era alcun motivo che ne parlassimo noi».

 

Fonte dedalonews

Edited by lele85

Share this post


Link to post
Share on other sites
Penso che il marine one abbia il meglio che esista, meglio ancora di quello che c'è sui caccia, ...

Probabilmente, anzi con molta probabilità non lo sa nemmeno la AW cosa hanno deciso e progettato quelli di LM da montare, probabilmente si sono limitati ad indicargli il peso e l'ingombro.

 

Per il Marine One gli "optional" sono stati in gran parte decisi dai Servizi Segreti che non hanno dovuto chiedere niente a nessuno, anzi si sono limitati ad ordinare questo e quello.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×