Jump to content
Sign in to follow this  
gobbomaledetto

Scomparso aereo Air France

Recommended Posts

Scusate,non per fare il menagramo,ma quando saranno definitivamente"morte"non emettendo più alcun tipo di segnale,come faranno a trovarle?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Accidenti ai Francesi,ma non c'è una versione in inglese del rapporto??

 

Ma urtare la superficie del mare di "piatto" significa che l'aereo è caduto di pancia con un "lunghissimo" stallo irrecuperabile stile "corpo morto"?Di Vite piatta? A muso alto mentre tentava di ammarare? :mellow:

Share this post


Link to post
Share on other sites
Accidenti ai Francesi,ma non c'è una versione in inglese del rapporto??

 

Ma urtare la superficie del mare di "piatto" significa che l'aereo è caduto di pancia con un "lunghissimo" stallo irrecuperabile stile "corpo morto"?Di Vite piatta? A muso alto mentre tentava di ammarare? :mellow:

 

Piatto intende dire perpendicolare alla superficie. Si parla però dell'impatto. Se il contatto con l'Atlantico sia occorso in seguito ad una progressiva perdita di quota o ad una caduta libera, è tutt'ora da accertare.

 

Il fatto che l'aereo abbia subito questo tipo di urto è compravato dai resti rinvenuti, i quali evidenziano (tutti) uno sollecitazione dal basso verso l'alto (per far capire meglio: tutto ciò che si dovrebbe trovare sulla pancia dell'aereo è stato rinvenuto schiacciato verso il dorso).

 

@Wilson: non è questione di fare i menagrami, i tuoi dubbi sono legittimi...penso che tutti si domandino quali sono queste tecniche diverse per la ricerca delle scatole nere. Ma come ho scritto esse non sono state precisate (ipotizzo uno scandaglio dei fondali alla ricerca generica di parti metalliche e resti dell'aereo, con la speranza poi di riuscire a trovare fra di esse i Flight Recorders).

Share this post


Link to post
Share on other sites

salve gente sono nuovo in questo forum :rolleyes: ,

io suppongo , visto, che si è inabissato in verticale :

 

1) guasto all'impianto elettrico dell'aereo

 

2) problemi seri al timone di coda con conseguente avvitamento dell' aereo in verticale

 

3) rapida ed improvvisa depressurizzazione tale da far perdere i sensi all'equipaggio

 

4) problemi di pressurizzazione prima e durante il volo non segnalati dagli strumenti di bordo

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io invece suppongo che sia quantomeno azzardato giocare a fare il piccolo investigatore con praticamente nulla in mano...

Se sei nuovo forse non sai che questo genere di cose, oltre che lasciare il tempo che trova, non viene particolarmente ben visto qui...

Share this post


Link to post
Share on other sites

purtroppo un aeroplano nuovo è precipitato, i psseggeri sono passati a miglior vita- eufemismo- e non è stato possibile recuperare i registratori di volo. anche s esula un pò dall'aspetto tecnico, a rimetterci sono anche i lavoratori e gli azionisti di Airbus che fino a quando non verrà accertato che non è stato un difetto "all'origine" non venderà più abbastanza aerei per chiudere il bilancio in pareggio.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Io invece suppongo che sia quantomeno azzardato giocare a fare il piccolo investigatore con praticamente nulla in mano...

Se sei nuovo forse non sai che questo genere di cose, oltre che lasciare il tempo che trova, non viene particolarmente ben visto qui...

Appena arrivato e subito segato! :asd:

Share this post


Link to post
Share on other sites
Una prima conclusione, in attesa delle scatole nere

 

Ora immaginiamo che alle 02.15 tempo presunto in cui l’aereo ha impattato l’oceano, vi fosse qualche fortunato sopravvissuto, come è avvenuto nell’incidente occorso poche settimane dopo alle Comore. La domanda che ci si deve porre è se quel sopravvissuto sarebbe stato ancora in vita alle 15.30 quando il primo aereo dei soccorsi ha iniziato a perlustrare l’area interessata…..

La vicenda dell’Air France 447 oltre a evidenziare una tecnica di controllo decisamente obsoleta e un mancato coordinamento fra le parti interessate, potrebbe pure significare che forse, se qualcuno avesse dato l’allarme con tempi anticipati, qualcosa in più per salvare eventuali superstiti o recuperare rottami si sarebbe potuto fare. Anche in attesa di poter disporre delle scatole nere, l’aviazione civile ha già molto da imparare da questa sciagura.

 

http://www.dedalonews.it/it/index.php/08/2...lla-preistoria/

Share this post


Link to post
Share on other sites

Alla luce di questo articolo, molto ancora deve essere fatto per addestrare gli operatori di quell'area del mondo, ma più che altro spero che rivedano la fiducia nelle comunicazioni HF, intestando il servizio a qualcosa di più sicuro, anche se meno economico.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Si parla non solo metodi di registrazione dei dati ma soprattutto di altre modalità di recupero dei dati contenuti nelle scatole nere:

PARIGI - Basta con le scatole nere che si perdono in fondo agli oceani o si danneggiano. I registratori di volo degli aerei sono stati messi in discussione oggi proprio da Airbus che rivela di stare lavorando già su sistemi alternativi di invio dei dati via satellite. E se ad aprire il dibattito è l'amministratore delegato del costruttore europeo, il tedesco Thomas Enders, è anche perché a tre mesi dal disastro del volo Rio de Janeiro-Parigi, precipitato in mare con 228 persone a bordo lo scorso primo giugno, le scatole nere restano introvabili. Parigi ci ha già investito 10 milioni di euro e Airbus è pronto a finanziare nuove ricerche. "Per migliorare il futuro della sicurezza del trasporto aereo, dobbiamo essere sicuri in caso di incidente di poter recuperare tutti i dati del volo", ha detto Enders al quotidiano francese. "Stiamo esaminando la possibilità di migliorare il sistema attuale - aggiunge - con un altro metodo di raccolta dei dati".

 

Il satellite potrebbe trasmettere cioé in tempo reale i dati più rilevanti come si fa già per le informazioni legate alla manutenzione. Il superamento delle scatole nere non si farà però da un giorno all'altro: la tecnologia via satellite, avverte Airbus, non è ancora abbastanza avanzata (c'é per esempio il problema di certe zone del globo terrestre, come i poli, che non sono coperte dal satellite). Ma la Francia, nella persona del segretario di stato ai Trasporti Dominique Bussereau, si è impegnata oggi a rilanciare tra qualche settimana il dibattito all'Organizzazione dell'aviazione civile internazionale (Icao). E' d'accordo con Enders anche Pierre Jeanniot, uno degli ideatori delle scatole nere (entrate in funzione negli anni Sessanta) che ricorda - intervistato da Le Parisien - che gli aerei possono trasmettere fino a 1.000 parametri via satellite, comprese le immagini della cabina di pilotaggio. Per lui "non ci sono dubbi che le scatole nere sono ormai obsolete". Un problema sussiste, il costo: sostituirle implicherebbe, secondo lui, un investimento di circa 50.000 dollari per apparecchio. Ci sono poi i timori e le reticenze dei piloti che non sono disposti ad accettare un sistema come quello via satellite senza garanzie di sicurezza. "Non si può accettare che conversazioni tra piloti o video filmati nella cabina di pilotaggio finiscano su siti internet", ha riferito un sindacato di piloti Air France.

Sono molto felice di questa notizia perchè alla fine avevo visto giusto sul fatto che le attuali scatole nere hanno dei limiti evidenti come sostenevo nel post #137

Share this post


Link to post
Share on other sites

Intanto questo aereo è sparito e nessuno sa il perchè. Come fare per evitare uno spiacevole bis?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Intanto questo aereo è sparito e nessuno sa il perchè. Come fare per evitare uno spiacevole bis?

 

 

Dicono che i poteri della preghiera sono pressochè infiniti...

Share this post


Link to post
Share on other sites

detto da te Dominus non è molto rassicurante ...

Share this post


Link to post
Share on other sites
Sono molto felice di questa notizia perchè alla fine avevo visto giusto sul fatto che le attuali scatole nere hanno dei limiti evidenti come sostenevo nel post #137

 

Hicks, ricordo bene di essere stato io ad oppormi in misura maggiore...

E alla luce di questa notizia confermo quanto scrissi allora.

 

1)Il concetto di scatola nera è in continua evoluzione, logico quindi che esso si vada miglirando...anzi che debba migliorarsi!

 

2)Trasmissione: il poter trasmettere via satellite fino a 1000 parametri significa che il 1001esimo parametro non può essere conosciuto. Mentre i dati registrati attualmente dalle scatole nere sono ritenuti da molti addirittura insufficienti: si vorrebbero anche immagini della cabina....e allora come si risolve il limite della trasmissione di tali dati?

 

3)Ricezione: la trasmissione dei dati via satellite non può avvenire ovunque, quella radio ancora meno. Si pongono quindi problemi enormi circa la stazione ricevente per tali dati (fosse essa un satellite o un'antenna). Che facciamo piazziamo antenne in mezzo all'oceano? Oppure aboliamo le rotte che sorvolano i poli (notoriamente le più econome)?!

 

3)La risoluzione dei suddetti problemi si annuncia lunga e costosa....quindi non ci aspettiamo che certe idee di oggi diventino realtà domani...e nemmeno passatodomani....qui si parla di anni.

 

4)Oltre ai costi per la progettazione bisognerà affrontare i costi per la distribuzione delle nuove "scatole nere"....decine di migliaia di euro per ognuno dei velivoli in uso ad ogni singola linea aerea. Pensando proprio all'Air France con un costo stimato di 50.000 dollari per velivolo, la sola compagnia francese si dovrebbe accollare per i suoi 261 velivoli qualcosa come 13 milioni di dollari circa....che in tempi di crisi globale non sono proprio noccioline.

 

EDIT: come scrissi allora ripeto oggi: non voglio essere frainteso, sarei felice se certi problemi potessero essere risolti....ma non penso sia una questione di mera volontà, ci sono ostacoli oggettivi non semplici da rimuovere.

Edited by paperinik

Share this post


Link to post
Share on other sites
detto da te Dominus non è molto rassicurante ...

 

 

Il fatto è che gli aerei cadono e continueranno a cadere, questa è una cosa più che sicura, e non è il caso di farsi prendere ogni volta da isterismi o cacce alle streghe.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Il fatto è che gli aerei cadono e continueranno a cadere, questa è una cosa più che sicura, e non è il caso di farsi prendere ogni volta da isterismi o cacce alle streghe.

 

Quoto! :adorazione:

Certi isterismi sono fomentati dalle imprecisioni riportate dai "giornalisti" ignoranti e supponenti della stampa generica

 

Interessante il timore del sindacato piloti che registrazioni audio/ video della cabina possano trapelare.. che sia il caso del piccante spogliarello di un'hostess air france nella cabina di pilotaggio di un Airbus, che andava per la maggiore su youtube qualche tempo fa???? :rolleyes:

scusate l'OT :rotfl:

Edited by samurai

Share this post


Link to post
Share on other sites

Una cosa brutta è che ad oggi nessuno sa cosa sia accaduto (omeglio, ci sono alcune fondate ipotesi, ma nesna verificata) e qualcuno comincia a far circolare la voce che gli Airbus siano pericolosi come le carrette ex sovietiche,e "suggerisce" di comprare solo americano... Ovviamente senza interesse personale, come no

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il filmato piccante era un porno ambientato in un aereo, non una scena di vita vera all'Air France.

 

Delle voci che circolano non so niente, ma da qualche parte qui in questo 3D, ho lasciato un link ad un'articolo che parlava del ritardo dei controllori di volo, nel lanciare l'allarme. Già è brutta quella zona perchè senza copertura radar, se ancora gli operatori aggiungono ritardi diventa un dramma.

 

Occhio a non fare diventare Blog&News una discussione come le altre, qui si mettono solo le novità in tema.

Edited by -{-Legolas-}-

Share this post


Link to post
Share on other sites
Nello schianto morirono 228 passeggeri

Disastro Air France, l'accusa di due piloti: «Disastro evitabile, colpa dei sensori»

Un rapporto indipendente indica nel malfunzionamento dei rilevatori di velocità la causa della tragedia

 

PARIGI - «Bisogna smentire la tesi secondo la quale non sappiamo cosa sia successo». Due piloti francesi si apprestano a consegnare un rapporto indipendente al giudice incaricato di far luce sulla tragedia aerea dell'Airbus AF 447 precipitato tra Rio e Parigi con 228 persone a bordo. Lo rivela "Journal du dimanche". Il comandante Gérard Arnoux, presidente del Sindacato dei piloti di Air France, presenterà la relazione assieme al collega Henri Marnet-Cornus. I due sostengono che l'incidente non fu provocato da una causa unica. «Ma è una verità incontestabile che senza il guasto delle sonde Pitot (i sensori che indicano la velocità dell'aereo, ndr) non ci sarebbe stato alcuno schianto» afferma Arnoux.

 

SICUREZZA - Questi strumenti, prima dell'incidente, erano già stati al centro di alcune segnalazioni, a causa del loro malfunzionamento. Tanto che ne era stata richiesta la sostituzione. Secondo Arnoux, finora il ruolo delle sonde Pinot è stato minimizzato dal Bureau d'enquêtes et d'analyses (BEA), perché proprio quest'ultimo avrebbe dovuto avviare una seria inchiesta sulla sicurezza di questi strumenti. Arnoux punta anche il dito contro Air France: «Obnubilata dalla riduzione dei costi, i dirigenti non hanno compreso che la sicurezza è un investimento produttivo».

Dal Corriere.it

Edited by Hicks

Share this post


Link to post
Share on other sites

 

Se il presidente del sindacato dei piloti si fa avanti in questo modo, è un ulteriore segno che la compagnia non recepisce l'allarme lanciato dai piloti su queste sonde.

Share this post


Link to post
Share on other sites

perdonate l'ignoranza tecnica,manonc'è il radar-altimetro perdeterminarei ndirettamente la velocitàrispetto al suolo,e quindi approssimativamente rispetto all'aria?

Share this post


Link to post
Share on other sites
perdonate l'ignoranza tecnica,manonc'è il radar-altimetro perdeterminarei ndirettamente la velocitàrispetto al suolo,e quindi approssimativamente rispetto all'aria?

 

Vado a memoria e magari sbaglierò, ma un radar altimetro funziona per le basse quote, forse 1000 metri o giu di li, prova a fare una ricerca per controllare, ma mi sembra così.

 

Il volo doveva essere in alta quota quando è avvenuto l'incidente.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
Sign in to follow this  

×
×
  • Create New...