Jump to content
Sign in to follow this  
typhoon

L'Italia firma il contratto per 16 nuovi elicotteri Boeing CH-47F: licenza ad AgustaWestland

Recommended Posts

L'Italia firma il contratto per 16 nuovi elicotteri Boeing CH-47F: licenza ad AgustaWestland

 

Vale circa 900 milioni di euro per AgustaWestland il contratto per 16 elicotteri Boeing ICH-7F Chinook con cinque anni di supporto logistico firmato poco fa a Roma presso il Segretariato Generale della Difesa dal Direttore Generale degli Armamenti Aeronautici, gen. Giovanni Perrone Compagni. Gli elicotteri da trasporto saranno consegnati all’Aviazione dell’Esercito partire dal 2013 per sostituire gli ultimi CH-47C del lotto di 40 esemplari in servizio dal 1973. L’ultimo CH-47F dovrebbe essere consegnato nel 2017, sempre che non venga esercitata l’opzione per altri quattro esemplari.

L’elicottero sarà costruito in Italia da AgustaWestland in base all’accordo industriale siglato con Boeing nel luglio 2008 . Oltre ad essere capo commessa con responsabilità per l’integrazione di sistema, l’assemblaggio finale e la consegna al cliente, AgustaWestland ha ottenuto i diritti di licenza anche per il Regno Unito e alcuni paesi europei e mediterranei.

Alla cerimonia di firma hanno presenziato l’a.d. di AgustaWestland Giuseppe Orsi, il Direttore Nazionale degli Armamenti gen. Cinelli e rappresentanti di Boeing.

La sigla ICH indica che i Chinook italiani - pur essendo in larghissima misura analoghi a quelli statunitensi - avranno alcune modifiche agli apparati di comunicazione, navigazione, missione, protezione (tra i quali un sistema integrato di avviso di minacce, protezioni balistiche e lanciatori di autoprotezione) e sedili "crashworthy" per l’equipaggio.

 

Dedalonews

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non sono un po' pochini 16? Sempre meglio di ora (quanti ne avremo in servizio contemporaneamente, 5? 6?), ma spero che si eserciti l'opzione, più in la, per arrivare a numeri credibili...

Share this post


Link to post
Share on other sites
Non sono un po' pochini 16? Sempre meglio di ora (quanti ne avremo in servizio contemporaneamente, 5? 6?), ma spero che si eserciti l'opzione, più in la, per arrivare a numeri credibili...

 

Sedici è un numero adeguato, vista la consistenza numerica dell'EI, anche se certo 20 sarebbe meglio. In ogni caso nessun programma di acquisizione recente prevede la sostituzione dei mezzi in rapporto 1:1.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Concordo sul numero, ma forse se si volevano risparmiare un po di soldi si poteva anche pensare a rimettere a nuovo i CH-47C dell'EI.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Concordo sul numero, ma forse se si volevano risparmiare un po di soldi si poteva anche pensare a rimettere a nuovo i CH-47C dell'EI.

 

Scherzi? Sono mezzi vetusti e obsoleti, tanto che i pezzi di ricambio sono diventati ormai introvabili e gli equipaggi hanno problemi ad impiegarli in teatri quali l'A-Stan.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Oh, ma tanto quelli alla fine sbagliano sempre....

 

Se comprano mezzi nuovi si scatenano le solite critiche: perchè se ne comprano di nuovi o perchè non si aggiornano i mezzi in servizio o piuttosto perchè così pochi o perchè così tanti. Se invece non comprano nuovi mezzi perchè si continua ad aggiornare quelli vecchi!?

 

Insomma, vogliamo prender coscienza che è un periodo di vacche magre? In questo contesto si cerca di assicurare alle forze armate mezzi che siano efficenti per il fine a cui sono destinati e che soprattutto ripaghino l'esborso economico su un lungho (lunghissimo) periodo. Cerchiamo di capire che una scelta di mediazione di questo tipo non è mai semplice e soprattutto non è mai scevra di aspetti negativi.

 

Volete gli elicotteri nuovi? scordatevi che saranno tanti come i vecchi! Volete una linea caccia moderna per 40 anni? Scordatevi gli altri giocattolini! Volete una portaerei? Scordatevi le altre navi! (faccio esempi di scuola, e per evitare di andare OT specifico da ora che sono parole generiche non rivolte a nessun caso specifico).

Share this post


Link to post
Share on other sites

Anche perché trasformare un C in un F non è tanto più economico che comprarli nuovi di pacca.Mi sembrava che il costo arrivasse a 2/3 di un CH47F nuovo;insomma il gioco non vale la candela.Almeno abbiamo mezzi nuovi upgradabili nel tempo e che non riservino sorprese come i CH della RAF.Quanto al numero ritengo che 16-20 sia adeguato per le attuali necessità sopratutto se si riesce a supportarli adeguatamente;se andate al Fabbri di Viterbo potrete ammirare circa 20 o + CH47 sui 38 in organico,alcuni con la livrea bianca della missione in Mozambico,a fare da casa per i topi..

Share this post


Link to post
Share on other sites
Volete gli elicotteri nuovi? scordatevi che saranno tanti come i vecchi! Volete una linea caccia moderna per 40 anni? Scordatevi gli altri giocattolini! Volete una portaerei? Scordatevi le altre navi! (faccio esempi di scuola, e per evitare di andare OT specifico da ora che sono parole generiche non rivolte a nessun caso specifico).

 

Non è che gli elicotteri nuovi sono di meno di quelli vecchi perchè si vuole risparmiare, ma perchè l'EI ha nel tempo ridotto gli organici, così che 16/20 elicotteri da trasporto "pesanti" bastano e avanzano.

Share this post


Link to post
Share on other sites

il costo di un CH-47D trasformato in F è di 18 mil di $ nuovo di 30 mil di $ il fatto è che noi li paghiamo molto di più , almeno il doppio (53 mil di $).

 

questo per pagare la linea di produzione ad augustawestland , il che tenuto conto delle esportazioni non sarebbe male

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ma infatti io non volevo criticare e basta. Facevo solo notare che, al posto di spendere 53 milioni a macchina si poteva fare l'upgrade su 16 - 20 delle macchine rimaste spendendo meno della metà. Logico che, nonostante siano state riportate ad ore zero, le macchine non sono nuove, ma si risparmiava un buon 60% e Agusta aveva comunque la sua fetta di torta.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Ma infatti io non volevo criticare e basta. Facevo solo notare che, al posto di spendere 53 milioni a macchina si poteva fare l'upgrade su 16 - 20 delle macchine rimaste spendendo meno della metà. Logico che, nonostante siano state riportate ad ore zero, le macchine non sono nuove, ma si risparmiava un buon 60% e Agusta aveva comunque la sua fetta di torta.

 

Scusate ma in base a cosa riuscite a determinare in 18M $ il costo per esemplare dell'upgrade dei nostri CH-47 (che tra l'altro non appartengono al "block" D, ma al C+)? Io pensavo che un'operazione del genere nemmeno fosse possibile.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Non è che gli elicotteri nuovi sono di meno di quelli vecchi perchè si vuole risparmiare, ma perchè l'EI ha nel tempo ridotto gli organici, così che 16/20 elicotteri da trasporto "pesanti" bastano e avanzano.

per l'utilizzo che ne facciamo penso che siano più che suficiente dato che non abbiamo questo grande spostamento di truppe urgente.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non ha senso ricondizionare delle vecchie cellule con meccanica ed avionica all'ultimo grido. E' come mettere un motore euro 5, elettronica ed airbag ad una vecchia Fiat Uno! :D

I CH-47 che verranno sostituiti dagli "Effe" sono i più vecchi che sono nati nei primi anni '70, ormai hanno esaurito tutta la loro vita.

Ricordiamo inoltre che il costo di una cellula nuova non è esorbitante e che viene direttamente dagli stabilimenti della Boeing (lì ne sfornano come il pane, il costo unitario non può essere alto).

Share this post


Link to post
Share on other sites

il costo di 18 mil di $ è il costo che lo USARMY paga a Boeing per riconvertire i suoi D in F .

tra l'altro i nostri non sono dei D ma dei C, già sottoposti , in passato , ad un aggiornamento fatto in casa da Augusta , la quale non volle comprare la licenza per i D e propose con scarso successo i C plus perdendo mercato .

 

essendo uno standard diverso su cellule già ricondizionate una volta , un ennesimo upgrade potrebbe non essere fattibile .

 

si parlava comunque di rifilare i nostri vecchi C+ al Canada

 

 

Ricordiamo inoltre che il costo di una cellula nuova non è esorbitante e che viene direttamente dagli stabilimenti della Boeing (lì ne sfornano come il pane, il costo unitario non può essere alto).

 

ma abbiamo comprato una licenza di assemblaggio o di costruzione ?

 

sinceramente giustifico il sovrapprezzo che paghiamo rispetto all' USARMY (53 vrs 30 mil e col cambio favorevole) solo per la licenza di costruzione e di vendita ad altri acquirenti

Edited by cama81

Share this post


Link to post
Share on other sites

Pap mica ne vorrei di più, anzi, contando che gli euri non ci sono è già tanto che si sia adottata la soluzione più lungimirante. Anche perchè attualmente ce ne sono pochissimi efficienti contemporaneamente (meno di 10 andando a memoria), diciamo che è un acquisto fatto come si deve, anche perchè gli F sono macchine decisamente avanzate che in scenari difficili come l'Afghanistan porteranno indubbiamente dei vantaggi, a cominciare dalla compatibilità con i NVG.

Share this post


Link to post
Share on other sites
il costo di un CH-47D trasformato in F è di 18 mil di $ nuovo di 30 mil di $ il fatto è che noi li paghiamo molto di più , almeno il doppio (53 mil di $).

 

questo per pagare la linea di produzione ad augustawestland , il che tenuto conto delle esportazioni non sarebbe male

 

C'è una bella differenza tra un elicottero trasformato ed un nuovo costruito per intero per giunta con assemblaggio finale in italia. Ma mi sembra, guardando su internet, che l'Australia abbia comprato 7 elicotteri CH-47F per 560 milioni di dollari. Fanno 80 miliomi a macchina. forse il prezzo pagato dall'Italia non è così sconveniente

Roberto

Share this post


Link to post
Share on other sites

premetto che sono contento per come è stato acquistato il 47 , l'Augusta in passato ne ha venduti in tutto il medio oriente sarebbe un errore perdere quei clienti .

 

sarei ancora più contento se , in catalogo AW , avessimo una macchia pari classe ma , non s può aver tutto .

 

circa i costo bisogna considerare che normalmente in questi programmi non si calcola solo la macchina chiavi in mano ma ,anche addestramento ,la manutenzione le compensazioni industriali ....

 

non è facile calcolare i veri costi dei programmi militari

Share this post


Link to post
Share on other sites
premetto che sono contento per come è stato acquistato il 47 , l'Augusta in passato ne ha venduti in tutto il medio oriente sarebbe un errore perdere quei clienti .

 

sarei ancora più contento se , in catalogo AW , avessimo una macchia pari classe ma , non s può aver tutto .

 

circa i costo bisogna considerare che normalmente in questi programmi non si calcola solo la macchina chiavi in mano ma ,anche addestramento ,la manutenzione le compensazioni industriali ....

 

non è facile calcolare i veri costi dei programmi militari

 

Sottoscrivo. Non dimentichiamo che nel contratto è incluso il supporto logistico per 5 anni.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

×