Jump to content

Aeronautica Militare Italiana - AMI


Axta
 Share

Recommended Posts

Salve ragazzi, perdonatemi l’ignoranza (sono nuovo dell’ambiente), però ho sempre amato, fin da piccolo, il mondo dell’aviazione militare, e vorrei introdurre un discorso che mi incuriosisce parecchio.

Come lo vedete voi il futuro dell’Aeronautica Militare da qui ai prossimi 10/20/30 anni? 
Come evolverà la situazione con la legge 244/2012? Secondo voi si avrà una rimodulazione, magari nel 2023, degli f35 totali da acquistare? E con i progetti futuri, come Tempest, Kawasaki C2, G550, Future Vertical Lift e droni? 
Ma soprattutto, a parer vostro, l’Aeronautica continuerà ad essere un’eccellenza internazionale , al pari delle omologhe RAF, Armee de l’Air ecc, o si andrà verso un declino? 
Grazie infinite delle risposte! 

Link to comment
Share on other sites

11 minuti fa, Maverik1402 ha scritto:

Ma soprattutto, a parer vostro, l’Aeronautica continuerà ad essere un’eccellenza internazionale , al pari delle omologhe RAF, Armee de l’Air ecc, o si andrà verso un declino?

se il paese continuerà il sue declino economico, demografico, etico, è difficile che le forze armate non ne risentantano.

Link to comment
Share on other sites

50 minuti fa, Maverik1402 ha scritto:

Ma soprattutto, a parer vostro, l’Aeronautica continuerà ad essere un’eccellenza internazionale , al pari delle omologhe RAF, Armee de l’Air ecc, o si andrà verso un declino? 

parlare di eccellenza internazionale per l'AMI è eccessivo... i soldi sono pochi e quei pochi vengono puntalmente investiti in malo modo.

Link to comment
Share on other sites

In questo momento tutte le forze ( aeree e non )  sono in declino , dati i costi di sviluppo dei mezzi di nuova generazione e la necessità di capire qual'è il modo migliore di usarli.

Dal punto di vista aeronautico , il numero di aziende costruttrici è drammaticamente crollato negli ultimi vent'anni e , di conseguenza la creatività che ne consegue.

Spesso si fanno requisiti campati in aria per poi imbattersi in un mare di problemi una volta entrati in contatto con la realtà.

A riguardo dell' AM , non si può dire che sia un'eccellenza perchè il numero dei mezzi schierabili è troppo ridotto , tuttavia molte scelte fatte negli ultimi anni si possono considerare indovinate ( Typhoon , M-346 , C 130 J ) .

Il resto è un problema di soldi ; anche altri paesi " sprecano " o spendono in malo modo ; per chi , come noi,  ha pochi soldi , lo spreco ha un impatto maggiore . 

Link to comment
Share on other sites

Difesa Aerea: caccia Eurofighter intercettano un velivolo civile che aveva perso il contatto radio from Difesa Online

è normale che per un aereo civile che perde il contatto radio si fanno decollare due caccia?

capirei se si fosse dovuto intercettare un aereo sconosciuto che non sai cosa sia.

e poi ci sono conseguenze economiche per i piloti o la compagnia che crea un problema del genere?

Link to comment
Share on other sites

24 minuti fa, Yuri Gagarin ha scritto:

è normale che per un aereo civile che perde il contatto radio si fanno decollare due caccia?

Sarebbe anormale non lo si facesse visti anche i precedenti...

Rientra tra i compiti dell'Aeronautica. Se non emergono responsabilità civili o penali non vedo che conseguenze possano esserci e comunque l'AMI non credo mandi il conto del carburante.

Link to comment
Share on other sites

Si chiama ridondanza e fa parte della procedura standard di scramble. 

Se poi proprio vogliamo non è che farne decollare uno porterebbe a tangibili risparmi: i piloti devono operare un numero di ore di volo minimo per mantenere l'abilitazione e anche con queste "emergenze" (che comunque sono preziose esperienze addestrative) a malapena ci arrivano.

In ogni caso è anche capitato che singoli EF-2000 in volo di addestramento venissero dirottati per un motivo analogo.

https://www.facebook.com/AeronauticaMilitareOfficialPage/posts/1655664404599585?comment_id=1655730131259679

Edited by Flaggy
Link to comment
Share on other sites

La regola è : uno intercetta / identifica e l'altro copre.

Si parte dall' ipotesi che il target sia ostile, altrimenti lo scramble non avrebbe senso.

 

 

Link to comment
Share on other sites

5 ore fa, Flaggy ha scritto:

 ogni caso è anche capitato che singoli EF-2000 in volo di addestramento venissero dirottati per un motivo analogo.

https://www.facebook.com/AeronauticaMilitareOfficialPage/posts/1655664404599585?comment_id=1655730131259679

ricordavo il caso, comunque io avrei capito il contrario, hai due aerei in esercitazione e gli cambi missione non farne decollare due.

 

28 minuti fa, engine ha scritto:

La regola è : uno intercetta / identifica e l'altro copre.

Si parte dall' ipotesi che il target sia ostile, altrimenti lo scramble non avrebbe senso.

ok, ma ai sapeva che era un aereo civile

image.jpeg.de641569bbed6db63a454cb1058efd57.jpeg

lo puoi buttare giù senza neanche sparare un colpo

Link to comment
Share on other sites

38 minuti fa, Yuri Gagarin ha scritto:

ricordavo il caso, comunque io avrei capito il contrario, hai due aerei in esercitazione e gli cambi missione non farne decollare due.

Non son sicuro di aver capito cosa tu abbia capito, comunque l'aereo in esercitazione era uno e ce lo si è fatto bastare (fossero stati due sarebbero però andati entrambi), come a dire che in caso sia già in aria e si faccia prima ne mandi anche uno e non aspetti di farne partire due.

Le procedure di scramble invece sono quelle indicate. In allerta c'è una coppia pronta al decollo: uno identifica e l'altro fa da riserva/copre, perchè non sai in quale situazione ti troverai davanti indipendentemente dal velivolo che l'ha provocata.

La maggior parte delle volte, i caccia in scramble si ritrovano ad intercettare voli di linea che mancano l’identificazione o dei quali si è perso il segnale o velivoli con problema al transponder.

Dirottamenti di velivoli civili e velivoli militari sono ben più rari.

Cio non toglie che "Two i megli che uan"...

Edited by Flaggy
Link to comment
Share on other sites

  • 2 weeks later...

Intanto si va al fresco :

https://www.aviation-report.com/f35-aeronautica-militare-sono-arrivati-in-estonia-per-la-missione-nato-baltic-air-policing/

Questa volta i Sukhoi li vediamo per davvero .

p.s. : " .... In questo ambito sempre il 29 aprile gli Eurofighter Typhoon italiani hanno lasciato la Lituania, dopo 8 mesi di impegno, sostituiti dagli Eurofighter spagnoli che hanno preso il comando della missione dall’Italia. .... " 

Otto mesi ? Ma il turno non era di quattro ? 

Link to comment
Share on other sites

7 ore fa, engine ha scritto:

p.s. : " .... In questo ambito sempre il 29 aprile gli Eurofighter Typhoon italiani hanno lasciato la Lituania, dopo 8 mesi di impegno, sostituiti dagli Eurofighter spagnoli che hanno preso il comando della missione dall’Italia. .... " 

Otto mesi ? Ma il turno non era di quattro ? 

Questa volta si è trattato di un doppio turno ...

... aeronautica.difesa.it ... http://www.aeronautica.difesa.it/comunicazione/notizie/Pagine/20210430_NATO-Air-Policing-Lituania-si-conclude-la-missione-di-difesa-aerea-Baltic-Thunder.aspx ...

🇮🇹

Link to comment
Share on other sites

  • 2 weeks later...

Primo incontro sul Baltico 

https://www.aviation-report.com/nato-baltic-air-policing-in-estonia-primo-scramble-per-f35-aeronautica-militare/

Dello Antonov citato , non viene specificata la versione .

Ne esiste una per lo spionaggio elettronico ( Cub - B ) e una per la guerra elettronica  ( Cub - C )

https://it.wikipedia.org/wiki/Antonov_An-12#Militari

Link to comment
Share on other sites

Importanti risultati a Beja ...

Quote

 

Importanti risultati per l'edizione 2021 del NATO Tiger Meet: "Silver Tiger Trophy" per il 36° Stormo e premio miglior gruppo elicotteri per il 9° Stormo.

E' terminata venerdì 14 maggio, a Beja, in Portogallo, l'esercitazione aerea NATO Tiger Meet 2021 organizzata quest'anno dall'Aeronautica Militare portoghese a cui hanno partecipato Reparti di Volo di differenti Nazioni appartenenti alla NATO Tiger Association (NTA).
Uno scenario internazionale in cui addestramento ed esperienze operative si intrecciano per sviluppare e massimizzare l'integrazione e l'interoperabilità dei Reparti di volo sia ad ala fissa che ad ala rotante.
Dal 2 al 14 maggio, nel pieno rispetto delle disposizioni relative all'emergenza Covid-19, piloti ed equipaggi di volo si sono addestrati, svolgendo operazioni aeree composite, attività di Personnel Recovery, nonché operazioni con le forze speciali.

 

... aeronautica.difesa.it ... http://www.aeronautica.difesa.it/comunicazione/notizie/Pagine/nato-tiger-meet-esercitazione-Aeronautica-.aspx ...

🇮🇹

Link to comment
Share on other sites

Russi , bielorussi e cinesi questi problemi non se li pongono quando si avvicinano ai paesi baltici all'Islanda o a Taiwan .

Bisogna vedere se l'aereo civile fosse talmente addentro il cielo bielorusso da non poter fare nulla.

Uno scramble poteva essere ordinato e magari qualche manovra intimidatoria verso il Mig, come sparargli addosso qualche segnale di disturbo o simili .

Non credo che in Lituania siano felici della dinamica degli eventi .

Link to comment
Share on other sites

Diamo per scontato che per ordinare lo scramble anti-Mig si sapesse già che a bordo c’era un dissidente obiettivo dei servizi segreti di Minsk e che la storia della bomba fosse una balla?

In ogni caso azioni intimidatorie nello spazio aereo di un paese sovrano non credo siano contemplate dall’AMI. Credo comunque che il pilota del Mig se ne sarebbe fregato altamente visto che sapeva di non rischiare l’abbattimento, finchè rimaneva entro i propri confini.

Link to comment
Share on other sites

Si poteva comunque ordinare uno scramble , permettimi il termine  , " preventivo " una volta accortisi che c'era qualcosa di strano. Il pilota dell'aereo civile non ha comunicato nulla ?  D'accordo poi sulla scarsa efficacia con le attuali regole d'ingaggio . Se, tuttavia , lo spazio aereo di quella zona è da considerarsi a rischio , visti i numerosi " curiosi " segnalati in altro topic, è chiaro che la difesa aerea di quella zona non può essere limitata al cielo dei paesi baltici e dintorni. Non ci si può limitare a un lavoro di monitoraggio / identificazione che finisce per manifestare un atteggiamento remissivo  .

Qualcosa va cambiato o episodi del genere si ripeteranno  .

Altro argomento

grossa esercitazione che da l'idea di come la Grecia sia diventando il perno della NATO nel Mediterraneo.

https://www.blogbeforeflight.net/2021/05/astral-knight-21-liberty-wing.html

E' possibile una futura Aegean air policing ?

 

Link to comment
Share on other sites

Qualcosa va cambiato?

Le compagnie aeree chiedono di volare altrove e la Russia fa ostruzionismo non consentendo di bypassare la Bielorussia a chi vola da e per la Russia.

Scramble?

Bisogna capire chi sapeva cosa.

Link to comment
Share on other sites

  • 2 weeks later...

L'Aeronautica Militare ringrazia ... la pandemia ... :o

Quote

The Italian Air Force is getting its money’s worth out of its single F-35B jet.
The jet made a short landing Tuesday on the Italian island of Pantelleria to join a British Royal Air Force F-35B. 
The two Joint Strike Fighters practiced fast ground refueling from a parked C-130J, marking the first time F-35Bs from Italy and the U.K. have trained together.
The British jet had flown in from the Royal Navy’s new aircraft carrier HMS Queen Elizabeth, which is steaming past the island on a flag-flying mission to the Asia-Pacific region.
The Italian F-35B arrived on Pantelleria, a tiny speck in the middle of the Mediterranean Sea, for the second time as it tests Italy’s plan to deploy the type to advance bases with very short runways.
And it is all thanks to COVID-19.
After rolling off Italy’s F-35 final assembly line, the Air Force’s first and so far only “B” model was due to fly to the U.S. for pilot training in February 2020, but was stuck in Italy because of pandemic-related restrictions. 
According to officials, things have worked out just fine.
“Because of the pandemic ... it stayed in Italy, and in a year we have acquired notable experience, including on maintenance, qualifying technicians, and achieved a series of certifications allowing activities like today,” said Gen. Gianni Candotti, the Italian Air Force’s operational commander. 
“Partnering is absolutely important in Europe where we and the British use the F-35B, and we exploring [additional] opportunities to exercise together.”

... defensenews.com ... https://www.defensenews.com/training-sim/2021/06/08/italian-british-f-35b-jets-train-together-for-first-time-all-thanks-to-the-pandemic/ ...

🇮🇹 & 🇬🇧

Link to comment
Share on other sites

  • 2 weeks later...

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
×
  • Create New...