Jump to content

Consigliere Militare del Presidente della Repubblica


picpus
 Share

Recommended Posts

in ogni caso, una domanda, ovviamente retorica, spunta: è se Napolitano fosse stato, in gioventù un giovane nazista o un giovane fascista, chiedendo poi scusa per le sue uscite... voi cosa avreste detto?

sinceramente, penso che la questione vada affrontata su di un piano diverso dal dire "sono passati 50anni"... dal nazismo ne sono passati un pò di più eppure...

 

vORTHEX, MA CHE SCHERZIAMO? Qui siamo in Italia, dove il PF e' vietato, il Partito Comunista no.

 

E' una novita'? O la tua domanda e' retorica pura?

 

Poi quoto Viaggi per quanto dice riguardo alle posizioni vecchie di 15 o addirittura 50 anni, di cui lo stesso Napolitano si e' pubblicamente pentito (e non ieri, 20 anni fa, e ricorderei anche che prese ben diverse posizioni nel 68 all'atto della invasione della Cecoslovacchia). Cosi' come Fini.

 

Poi, se vogliamo trovare lo scheletro nell'armadio, lo troviamo a tutti. Ma se ci attacchiamo all'eta', o a quanto diceva 53 anni fa... beh ragazzi, vuol dire che abbiamo a che fare con un vero galantuomo, se le sue colpe sono queste.

 

Magari ogni tanto ricordiamoci della parabola evangelica della pagliuzza e della trave.

Link to comment
Share on other sites

  • Replies 55
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

mad ma ti contraddici da solo: prima sembri difendere la messa fuori legge del PF, poi ,però, ci dici che posizioni antiche non devono essere tenute in considerazione... insomma, un pò di coerenza!

 

comunque, se vuoi, rispondi alla precendente domanda: se Napolitano fosse stato un ex-combattente dell' RSI? magari della X Mas... cosa avresti detto? sono passati 60anni, si è pentito? o avresti detto: "io, fascisti al governo, non ne voglio"?

Edited by vorthex
Link to comment
Share on other sites

Ma va, Dindon, che nel 56 non eri neanche al mondo, figurati se ti ricordi l'invasione dell'Ungheria..

 

Io che ho avuto la divisa quando a cannonate ci potevamo prendere sul serio, nei '70-80', coi comunisti, a queste pacchianate non ci credo più, ancora oggi stiamo a sbandierare il 'comunista' o il 'fascista' per cose di 50 anni fa?

 

Ma fatemi il piacere.

 

Sbagli a dire che nel '56 non ero neanche nato così come sbagli a definire "pacchianate" i miei ricordi.

 

Certo oggi l'U.R.S.S. non c'è più, ma come si fa a far finta che non sia mai esistita?

 

Quanto all'uniforme (e non la "divisa"), io l'ho indossata solo per 34 anni ma son bastati per fornirmi un punto di osservazione privilegiato sulle forze minacciose del Patto di Varsavia cui Napolitano applaudì quando repressero sia nella DDR che in Ungheria: chiese scusa?, ... si penti? .... benissimo, ma questo non lo fa migliore di chi a quelle forze del male e all'ideologia comunista sempre si oppose.

Edited by dindon
Link to comment
Share on other sites

E allora col tuo ragionamento oltre ad un presidente della Repubblica inadeguato, abbiamo anche un presidente della Camera inadeguato, visto che fino a pochi anni fa era iscritto e successivamente segretario di un partito che apertamente aveva l'ideologia fascista fra le linee guida e che si recava a Predappio per i compleanni di Mussolini.

 

Quindi che facciamo, visto che fino al 1989 il mondo era diviso in due ideologie, e precedentemente ve ne erano altre, che facciamo, mettiamo al confino tutti quelli che vi appartenevano? Non l'abbiamo fatto nel 1946, lo facciamo oggi?

 

Vorthex, proprio perche' io credo nella LEGGE, e non nei tiramenti di questo o quello a seconda di come si sveglia al mattino, e la LEGGE ITALIANA dice una cosa ma non l'altra, affermo quello che ho scritto.

 

Poi, vogliamo dire che e' anacronistico? certo, l'ho detto IO. Ma questo non toglie che finche' c'e' una legge, la si RISPETTA, e in silenzio anche,e se non piace o non serve, la si cambia.

 

Un po troppo comodo, e troppo italiano, dire che la Legge non si rispetta, perche' anacronistica, ingiusta, sbagliata....

 

O che addirittura «La legge è uguale per tutti, ma non necessariamente la sua applicazione, " Ghedini dixit.

 

No ragazzi, la legge e' legge, tutti siamo tenuti a rispettarla, e stop. Non va bene? raccogliere firme e presentare un disegno di legge popolare. Oppure incazzarsi con gli eletti.

Link to comment
Share on other sites

Mi sembra che qualcuno stia tentando di alzare una cortina di fumo per non inquadrare il problema: si è parlato di Fini, Almirante, Berlusconi che, con Napolitano, non c'entrano affatto.

 

Vediamo i fatti in sintesi.

 

Napolitano è stato un comunista: per tutta la sua vita è stato un alto dirigente del PCI, il partito che era agli ordini di Mosca e che dall'URSS riceveva denari. Nella sua qualità di alto dirigente sapeva tutto. Per chi vuole solo dimenticare, dirò che l'URSS era l'impero dove, bandita la democrazia, calpestati tutti i diritti umani e le libertà civili, il PCUS sviluppava i piani per esportare, con tutti i mezzi ed anche con i carri armati, il comunismo nel mondo: talvolta ha fallito, talvolta, mai con metodi democratici, ha avuto successo.

Napolitano ha avuto così tanto spregio dei valori di libertà e democrazia che, in occasione dell'invasione dell'Ungheria, in luogo dei patrioti ungheresi appoggiò la causa del comunismo sovietico; si penti' e chiese scusa.

 

Gli italiani se lo sono ritrovati Presidente della Repubblica come se fosse stato un pater patriae, un eroe della resistenza, un modello di virtù democratiche ma, in realtà, non fu nulla di tutto ciò: mille e mille italiani, più di lui, avrebbero meritato di sedere sul Colle ma, quando fu nominato, tutti tacquero, nessuno protestò perchè, in luogo dei Valori, prevalse il calcolo politico. A tutti faceva comodo un debole al Quirinale, per dirla all'americana, un'anatra zoppa!

Link to comment
Share on other sites

Scusate, ma a me sembra che si parli di tutti pur di non affrontare il tema di fondo posto dalla presenza di un consigliere militare particolarmente anziano, indice evidente del mancato ricambio generazionale tipico dell'Italia...

giusto!

... circolano voci di Mosca Moschini senatore a vita!

Link to comment
Share on other sites

Da tutta questa discussione ho capito che:

 

1- del Consigliere Militare del Presidente della Repubblica si è parlato pochissimo....uff, e io che speravo di imparare qualcosa... :rolleyes: ;

2- l'Italia è un paese vecchio, vecchio se guardiamo a chi ne gestisce la cosa pubblica (ma non solo...) e vecchio, probabilmente come conseguenza della precedente asserzione, dal punto di vista politico-culturale, rivolto sempre verso il passato e avvitato su desuete categorie socio-politiche (fascista-comunista) bocciate dalla storia;

3- è incredibile come il dibattito politico si risolva spesso e volentieri (qui, come ovunque, il forum pare essere lo specchio della realtà) in accuse reciproche a chi l'ha combinata più grossa...e quindi, ancora una volta, si guarda indietro.

Edited by Montgomery
Link to comment
Share on other sites

Infatti Montgomery e' proprio cosi'. Siamo l'unica nazione AL MONDO a sventolare il pericolo comunista, manco in Germania dove un partito di chiara derivazione comunista ha appena preso il 17% (ed e' maggioritario in molti Lander dell'Est), e non badiamo MAI, dico MAI, a quello che una persona fa oggi, o deve, soprattutto, fare domani, ma sempre a quello che disse ieri.

 

Credo che sia veramente un carattere nostrano: io ho vissuto all'estero molti anni, negli USA prevalentemente, ma cose cosi' non le ho mai sentite. Ho sentito parlare 'male', politicamente parlando, da ambienti conservatori come quelli militari di Kennedy o di FD Roosvelt, ma sempre in conversazioni 'storiche', nessuno che si sia anche solo azzardato a dire 'visto che i Democratici sono quelli di Roosvelt, anche Clinton e' come lui...'. Proprio roba che negli stati Occidentali non esiste, non esiste in Germania dove i Socialdemocratici erano per il colloquio con l'URSS, ma nessuno si e' mai sognato di dire che erano filo russi, e' proprio una concezione tutta nostra. E che fra l'altro sta solo avvelenando le discussioni: ricordo, perchè ho i capelli bianchi, che fra DC e PCI, o PLI, o anche MSI, c'erano dialogo ed educazione, ma adesso....

 

Noi si vede che vogliamo continuare la Guerra Fredda, come Kim Il Sung e compagnia cantante.

 

Per tornare a Mosca Moschini,

questo e' il suo Curruculum: (da difesa.it)

 

Il Generale Rolando Mosca Moschini è nato in Umbria il 9 marzo del 1939. E' laureato in Sociologia, in Scienze Strategiche e in Scienze Internazionali e Diplomatiche.

Ha frequentato la Scuola Militare Nunziatella, l'Accademia Militare, la Scuola di Applicazione, la Scuola di Guerra ed il Centro Alti Studi per la Difesa.

 

Nominato Ufficiale il 1° settembre 1959, ha ricoperto incarichi di comando in unità di artiglieria dei 3° Corpo d'Armata della Divisione "Folgore" e della Divisione "Mantova".

 

Inoltre, è stato Vice Comandante della Brigata corazzata "Vittorio Veneto" e Comandante della Brigata meccanizzata "Granatieri di Sardegna".

 

Ha operato per molti anni nell'ambito dello Stato Maggiore Esercito dove, tra l'altro, ha diretto l'Ufficio Impiego del Personale, l'Ufficio del Capo di Stato Maggiore dell'Esercito ed il Reparto Operazioni-Addestramento-Regolamenti.

 

Dal 1991 al 1993, ha ricoperto l'incarico di Vice Segretario Generale dei Comitato Esecutivo per il Servizi di Informazione e Sicurezza.

 

In ambito internazionale, ha prestato servizio per due anni, nel grado di Capitano, presso il Comando della 3^ Divisione Britannica (United Kingdom Mobile Force) e per tre anni, nel grado di Colonnello, quale Addetto Militare presso l'Ambasciata d'Italia a Londra.

 

Nominato nel 1993 Consigliere Militare della Rappresentanza Permanente d'Italia presso le Nazioni Unite, ha partecipato ai lavori della 48^, 49^ e 50^ Assemblea Generale dell'ONU ed ha fatto parte della delegazione italiana al Consiglio di Sicurezza.

 

Nel 1996 ha comandato il 3° Corpo d'Armata.

 

Dal gennaio 1997 al marzo 2001, è stato Comandante Generale del Corpo della Guardia di Finanza.

 

Il Generale Rolando Mosca Moschini dal 01 aprile 2001 al 09 Marzo 2004 è stato Capo di Stato Maggiore della Difesa.

 

Il 09 aprile 2004, ha assunto l'incarico di "Presidente del Comitato Militare dell'Unione Europea" in Bruxelles.

 

 

Al termine dell'incarico, rientrato in Italia il 7 novembre 2006 è stato nominato Consigliere Militare del Presidente della Repubblica Italiana

 

Mi pare un curriculum di tutto rispetto, e vorrei ricordare che il 'consigliere militare' e' una carica, appunto, senza reali poteri, ma di 'appoggio' al Presidente, che credo possa avvalersi di chi gli pare, essendo Mosca Moschini sicuramente di sua fiducia.

 

Poi, se Cossiga vorrebbe magari 'spingere' un altro, o gli sta sulle scatole MM, affari suoi: ma lui stesso, nel link indicato, lo definisce "pur eccellente Ufficiale".

 

E allora? chi dovremmo metterci, un colonnello quarantenne? Perche' no?

 

Ma siamo sicuri che abbia, magari in un contesto internazionale, le stesse esperienze-conoscenze-entrature di MM?

 

Perche' quando il PDR va, ad esempio, in viaggio all'estero, puo' essere utile, in un incontro con i vertici militari, avere qualcuno a fianco che li conosce di persona, e magari legge anche tra le righe il detto e il non detto.

 

Se poi, è il sodalizio 'Napoletano-Comunista' che fa spavento (con la E, non con la I) come detto nel testo, mi pare davvero curioso, visto che MM e' Umbro. Ma tant'e'.

 

ps: sempre per concludere con il problema 'anagrafico', e visto che alcuni avanzano un problema 'geriatrico' su MM, ricordo che l'attuale presidente del Consiglio e' 3 anni più vecchio, essendo del 36.

 

E che un grosso problema di gerontocrazia, nel nostro paese, c'e' senza alcun dubbio.

Link to comment
Share on other sites

...

ps: sempre per concludere con il problema 'anagrafico', e visto che alcuni avanzano un problema 'geriatrico' su MM, ricordo che l'attuale presidente del Consiglio e' 3 anni più vecchio, essendo del 36.

...

Intervengo, "una tantum", perché l'hai sparata più grossa del solito: per i militari, come per tutti i pubblici dipendenti, per legge, vi sono dei limiti d'età, per i politici no!!!

Link to comment
Share on other sites

per i militari, come per tutti i pubblici dipendenti, per legge, vi sono dei limiti d'età, per i politici no!!!

 

e infatti, MM NON ha un incarico militare, e' un consulente:

 

gen. Rolando MOSCA MOSCHINI, (Consigliere per gli Affari Militari e del Consiglio Supremo di Difesa)

 

http://www.quirinale.it/qrnw/statico/uffici/uffici.htm

 

il Consiglio Supremo di Difesa NON e' organo Militare, essendo composto in prevalenza da Ministri E dal CSM, ed e' organo Costituzionale che "esamina i problemi generali politici e tecnici attinenti alla difesa nazionale e determina i criteri e fissa le direttive per l'organizzazione e il coordinamento delle attività che comunque la riguardano" .

 

Nulla di più.

 

ma poi, MM, che fastidio vi da???

 

ps: Picpus, benvenuto, sempre i soliti bei modi eh?

Edited by madmike
Link to comment
Share on other sites

Non è un consulente, è il direttore dell'Ufficio Affari Militari.

 

Dal link: http://www.difesa.it/circolouff/Servizi+pe...ca+Militare.htm

 

riporto:

 

" ...

 

b) La casa militare

 

All'avvento della Repubblica il Capo Provvisorio dello Stato disponeva di una Casa Militare costituita da un Generale di Brigata, Capo della Casa, da tre Aiutanti di Campo e da due Ufficiali addetti. Le principali attribuzioni consistevano nel tenere aggiornato il Capo Provvisorio dello Stato sulle essenziali questioni militari, specie in relazione alle loro connessioni con la situazione internazionale, nel mantenere i contatti con i Ministeri Militari e con gli Stati Maggiori e nel sovrintendere ai servizi d'onore e di sicurezza della Presidenza .

Con l'istituzione, nel 1948, del Segretariato Generale della Presidenza della Repubblica la tradizionale denominazione di Casa Militare fu trasformata con decreto del 9 novembre 1948, in "Ufficio del Consigliere Militare" e conseguentemente l'incarico di Primo Aiutante di Campo si mutò in quello di Consigliere Militare del Presidente della Repubblica, la dizione di "Casa Militare" fu ufficialmente abbandonata pur continuando a rimanere ben viva nell'uso corrente.

A tali provvedimenti fa seguito tutta una serie di trasformazioni che modificano di volta in volta le competenze e le attribuzioni del Consigliere Militare e del suo ufficio che, da11949, assumerà la denominazione di Ufficio Affari Militari, fino ad arrivare al Decreto Presidenziale del 28 settembre 1990 che reintroduce ufficialmente la dizione "Casa Militare" e ne stabilisce l'ordinamento che è in vigore attualmente.

 

... ".

 

 

Per l'anomalia rappresentata dalla situazione attuale, dal link: http://it.wikipedia.org/wiki/Capo_di_Stato...re_della_Difesa

 

riporto:

 

" ...

In quanto militare "più anziano in grado" delle Forze Armate italiane, il Capo di Stato Maggiore della Difesa è gerarchicamente sovraordinato rispetto a qualunque militare in servizio attivo.[5]

...

Note

...

5. ^ Nel corso degli anni 2007, 2008 e 2009, si è verificata una situazione particolare, dovuta all'incarico di "Consigliere Militare del Presidente della Repubblica" assegnato al Gen. Rolando Mosca Moschini, già Capo di Stato Maggiore della Difesa nel periodo 2001 - 2004. Il Generale Mosca Moschini, richiamato in servizio attivo, risulta essere, infatti, "più anziano" del Generale Camporini, attuale Capo di Stato Maggiore della Difesa.

... ".

Edited by picpus
Link to comment
Share on other sites

Mi sfugge il problema: PDR, in Italia, conta quanto il due di coppe con l'asso di denari a briscola, il suo consigliere, civile, incivile o militare che sia, pure. E...?

 

A chi fa le affermazioni di cui sopra, consiglio almeno la lettura di un testo di educazione civica per studenti delle medie: se poi ne ha le capacità, potrà tentare di capire un Bignami di diritto pubblico e costituzionale.

Link to comment
Share on other sites

non ho ancora capito quale sarebbe il ruolo del direttore dell'ufficio affari militari...e non ho capito in cosa consisterebbe l'anomalia attuale, nel fatto che MM sia più anziano di Camporini che è CSMD?

Vedi post 1, 3, 6 e 8.

 

Comunque, in teoria, il ruolo è quello di informare e consigliare il Presidente della Repubblica, in materia di affari militari; in pratica, ne indirizza ed influenza gli orientamenti sull'argomento (in particolare, nomine degli alti vertici militari e scelte di programmi e sistemi d'arma della difesa).

 

L'anomalia consiste nel fatto che è ancora in servizio, pur avendo superato di oltre 7 anni i limiti massimi d'età previsti per il suo grado; nei 63 anni di storia repubblicana italiana, ritengo che, per tale ruolo, sia la prima volta che ciò avvenga, nonostante che i Generali di Corpo d'Armata (dell'Esercito), gli Ammiragli di Squadra (della Marina) e i Generali di Squadra Aerea (dell'Aeronautica), più che titolati per ricoprire tale incarico, non difettino certo nei ruoli delle rispettive Forze Armate.

 

L'unica spiegazione plausibile è quella di cui si parla nell'articolo al post n° 42 e ciò a dimostrazione che l'attuale Presidente della Repubblica (che, peraltro, ritengo una persona stimabile) è del tutto ... imparziale!!!

 

 

Mi sfugge il problema: PDR, in Italia, conta quanto il due di coppe con l'asso di denari a briscola, il suo consigliere, civile, incivile o militare che sia, pure. E...?

Lo stile non mi risulta nuovo!

Link to comment
Share on other sites

Quindi state sostenendo che Mosca Moschini e' comunista? ne piu, ne meno?

Nessuno è mai giunto a tale conclusione e non si capisce come tu possa attribuire ad altri questa farneticante affermazione.

 

Per quanto mi riguarda, in aggiunta a quanto da me sostenuto sopra che, se vuoi, puoi leggere cercando solo di capire senza curarti di interpretarmi, affermo che, considerato l'ampissimo superamento dei limiti di età previsto, per legge, dallo Stato Giuridico degli Ufficiali, il generale MM, non dovrebbe più indossare l'uniforme.

Se Napolitano, per il quale valgono tutte le mie affermazioni ed i giudizi che qui confermo, lo vuole vicino a sè, dopo averlo invitato a vestire un bel gessato alla moda, gli trovi una posizione ricopribile senza scandalo, sia essa supervisore generale al taglio delle siepi dei giardini quirinalizi o consigliere personale supplettivo per le dichiarazioni di guerra.

Edited by dindon
Link to comment
Share on other sites

Vabbe', Mosca Moschini non ti piace in quel posto perche' troppo vecchio, e oramai in eta' pensionabile. Il problema non lo solleva il CSMD, ma Dindon, e Picpus, sostenendo che e' uno scadalo, e che dovrebbe essere rimosso.

 

Prendo atto.

 

Discussione terminata.

Link to comment
Share on other sites

Vabbe', Mosca Moschini non ti piace in quel posto perche' troppo vecchio, e oramai in eta' pensionabile. Il problema non lo solleva il CSMD, ma Dindon, e Picpus, sostenendo che e' uno scadalo, e che dovrebbe essere rimosso.

 

Prendo atto.

 

Discussione terminata.

E si ritorna al primo post (per la serie non c'è più sordo di chi non vuol sentire!)!!!

 

Dal link http://www.congedatifolgore.com/wp/2009/02...lla-repubblica/

 

riporto;

 

MARESCIALLO DELLA REPUBBLICA

 

23 Febbraio 2009

 

Versione in italiano dal cossighese

 

Riprendiamo da news del nostro sito di oggi :

 

 

“A quanto mi è stato detto. è imminente la emanazione di un decreto legge con la quale si istituisce il grado a vita di “Maresciallo della Repubblica”, grado al quale sarà subito nominato il Generale Mosca Moschini”.

 

Lo afferma il presidente emerito della Repubblica Francesco Cossiga. “Al nuovo Maresciallo della Repubblica - sostiene - sarà attribuita una posizione di ‘preminenza’ su tutti gli altri ufficiali generali e ammiragli e, con lo stesso decreto legge, sarà attribuita a questi il comando in capo delle Forze armate, lasciando al ministro della Difesa la sola sovraordinazione e competenza, in materia logistica, nell’ambito della pianificazione predisposta dal Maresciallo della Repubblica.

 

Le insegne del nuovo grado saranno costituite da una falce e martello d’oro sormontate da una corona reale sovrapposte a un drappo azzurro ‘borbone’ con i gigli dei Borbone-Napoli appaiato alla Croce Bianca di Savoia su campo rosso”

 

Con la ben nota ironia pungente il Presidente Cossiga piccona violentemente una situazione paradossale che da alcuni anni ” disturba ” l’istituzione Forze Armate : il perdurare, ben oltre i limiti d’età previsti, del servizio presso il Quirinale del Gen. Rolando Mosca Moschini in qualità di Consigliere Militare del Presidente della Repubblica.

 

Questo perdurare si connota come un arbitrio che Cossiga contesta :

 

- in primis perchè attribuisce a quell’incarico poteri nel tempo rafforzati ma non costituzionali ( Maresciallo con pieni poteri ! ) e sottolineati con un insegna di colore comunista-totalitaria che non si concilia affatto con la nostra democrazia;

 

- e poi perché derivante da un sodalizio ( Napolitano-Mosca Moschini ) che ha tutto a che vedere con la comune origine partenopea del Presidente e del Consigliere Militare da lui voluto e da lui insediato all’inizio del suo mandato presidenziale.

 

In estema sintesi : ” Caro Napolitano, il tuo Consigliere ( ndr: pur eccellente Ufficiale ) ha fatto il suo tempo…………..questo pensano tutti ma in particolare coloro che, pur altrettanto meritevoli, da troppi anni aspirano a quell’incarico ! ”

 

 

E con questo post me ne ritorno nel dimenticatoio!!!

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share


×
×
  • Create New...