Jump to content
Sign in to follow this  
Sangria

Aster block 2: un evento epocale

Recommended Posts

L'aster block2 è un progetto di MBDA e quindi non francese.

 

MBDA France= Francese, non fingiamo che la multinazionale del missile sia una vera società.

 

Oggi gli States possono minacciare, in determinati tavoli, di negare l'ombrello atomico, richiamando le nazioni a più miti consigli quando non allineate.
Se Washington decide che quello non è un obiettivo strategic,o non lo difende, se il paese che ha bisogno della difesa non gli sta simpatico non gli dà i missili o interrompe il supporto

 

Ma quando mai è successo? Non sò se ti risulta ma c'è una cosa che si chiama NATO e noi ci siamo dentro.

Non si parla di tattica (uso questo sistema che è migliore di quello, gli ACBM sono più fighi degli ASTER, lancio quello e non lancio quell'altro) ma di strategia, e di quella molto, molto ad alto livello.

 

Scusa ma se ci compriamo un sistema americano o l'aster che differenza fa?

Sempre l'AMI lo gestisce, e di certo gli americani non hanno un grosso bottone rosso con il quale, con le intenzioni malefiche che da sempre li connotano, possono inabilitare il sistema e lasciarci in mutande.

Share this post


Link to post
Share on other sites
e di certo gli americani non hanno un grosso bottone rosso con il quale, con le intenzioni malefiche che da sempre li connotano, possono inabilitare il sistema e lasciarci in mutande.

l'ordignuo fine di moundo :asd:

Share this post


Link to post
Share on other sites
Scusa ma se ci compriamo un sistema americano o l'aster che differenza fa?

Sempre l'AMI lo gestisce, e di certo gli americani non hanno un grosso bottone rosso con il quale, con le intenzioni malefiche che da sempre li connotano, possono inabilitare il sistema e lasciarci in mutande.

 

La diferenza è che OGGI avremmo quasi operativo il Sampt/T con Aster30 block1 (con limitate capacità antibalistiche), che avremmo risparmiato un bel pò di soldi e che con calma avremmo potuto partecipare allo sviluppo dell'Aster30 block2, senza contare tutta la sinergia che si avrebbe avuto avendo lo stesso sistema missilistico (Aster30 block 1/1+) sia per l'EI, per la MM che per l'AMI, almeno fino al 2020.

Il tutto acresciuto che come già detto l'Aster30 block2 ovvre capacità ben maggiori del Meads.

 

Little intendo che gli Americani hanno esperienza con sistemi ABM da cinquant'anni, ci hanno investito un mare di soldi, hanno già avuto impieghi operativi e i loro sistemi sono fatti per andare a fare la guerra il giorno dopo l'entrata in servizio, stessa cosa, al di là delle specifiche tecniche e delle schede, non posso dire di un sistema francese.

 

Questo è un discorso che, almeno personalmente, proprio non concepisco.

Se dovremmo ragionare così sempre, l'industria italiana della difesa oggi non esisterebbe, e staremmo messi peggio della Spagna in campo di sistemi militari e dipendendi al 101% dagli USA.

Ovviamente è una cosa fuori dal mondo.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Beh però è un discorso sensato, l'industria della difesa Italiana vive delle eccellenze, come il 76 navale, ma negli altri settori, specie quelli più complessi, la mancanza di know-how si fa sentire e non ci permette di sviluppare mezzi al pari di chi questo ce l'ha.

Per esempio ti posso citare il carro Ariete al confronto di mezzi Tedeschi o Americani, oppure l'impossibilità di costruire un motore aereonautico nazionale.

Si da il caso che la difesa antibalistica è uno dei settori più complessi in assoluto e che in america per arrivare dove sono sono passati per i miliardi su miliardi spesi per la SDI, bastanti da soli a coprire non il bilancio della difesa Italiano e Francese ma più del PIL dei due paesi, oltre che una miriade di programmi precedenti, è dagli anni '50 che ci lavorano, e successivi, hanno già in linea THAAD e SM-3, hanno testato gli EKV e il PAC-3, progettato i nuovi missili navali ecc, senza contare le prove "on the field" contro attacchi balistici Iracheni che hanno ridefinito le tattiche, mentre in Europa il know-how a riguardo è pari a zero.

Ora se permetti mi fido più di un prodotto americano, per altro già progettato, rispetto ad una chimera francese di cui ancora, all'atto pratico, non si sa nulla.

E credo che le minacce che vanno concretizzandosi consiglino di avere in linea il più presto possibile questo sistema invece che continuare ad attendere, al 99,9% dei casi non accadrà niente, ma non si sa mai.

Non dimentichiamo che siamo l'unico paese europeo ad essere stato attaccato con missili balistici dal dopoguerra ;)

Share this post


Link to post
Share on other sites

E in parte sono anche d'accordo, ma se non si inizia in un settore non si raggiungerà mai una capacità minima di sviluppo indipendente nazionale (o meglio, europeo).

 

Abbiamo dimostrato che i missili antiaerei/antimissile li sappiamo fare (Aster 15/30), perchè non fare un altro passo?

Share this post


Link to post
Share on other sites

A quanto pare il block2 potrà intercettare missili balistici di 3.000km di raggio, praticamente sarà un sistema molto simile al THAAD :rolleyes:

Edited by Little_Bird

Share this post


Link to post
Share on other sites

MBDA PRODUCES 1000TH ASTER MISSILE

 

The end of November 2012 marked the achievement of another key milestone in the history of the Aster family of missiles. Not only had all the naval and ground based air and missile defence capabilities been qualified - with the various supplied systems having also entered operational service with their respective domestic and export customers – but significantly, the integration and final assembly of the 1,000th Aster missile was also completed at MBDA’s Selles-Saint-Denis R&D and production facility in the Centre region of France.

This significant production milestone is further evidence of both the maturity and the success of the Aster family of air defence missiles developed through a major European cooperative programme led by OCCAR on behalf of France and Italy.

Production of Aster started in 2006 at a low rate of five missiles per month. In 2008 this increased to a medium rate of 15 per month. Since 2011, full series production of over 20 missiles a month has been successfully achieved to meet customer delivery requirements. This achievement has been made possible thanks to MBDA’s international programme management skills which have served to optimise the involvement of major European defence industry businesses such as Avio, Roxel, Thales, Selex, Sagem and Simmel.

To ensure that the highest standards for all the leading-edge technologies involved were maintained as production was ramped up, MBDA introduced and implemented a quality improvement plan across the entire Aster industrial chain. This plan has been implemented since 2008. Ongoing testimony to the success of this initiative has been provided by the results of the last 22 consecutive firings, all of which were fully successful. In addition to providing a clear demonstration of product robustness, these firings have also provided evidence of Aster’s operational flexibility and its unique capabilities with regard to the interception of more challenging current threats, such as those posed by ballistic and supersonic sea-skimming/cruise missiles.

Referring to this production milestone, Antoine Bouvier, Chief Executive Officer of MBDA, said: “I am very proud of the way that MBDA has met both the technology and the industrial challenges presented by such a complex programme that involves different system variants and the cooperation of three countries. We are now providing our domestic and export customers with a highly cost-effective operational capability that is second to none. Such an achievement is thanks to MBDA’s global and fully integrated business model as well as to the enlightened programme coordination provided by OCCAR. The continued support of the French and Italian governments has also been extremely influential in ensuring the success story that Aster has now clearly become”.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

×