Jump to content
Sign in to follow this  
paperinik

Emergenza stupri

Recommended Posts

...

è vero che le denunce in capo agli Italiani sono oltre 3400, ma considera che sono a fronte di una popolazione di 50 milioni, mentre si parla di 400 denunce su 600 mila rumeni.

...

...

Su questo dato c'è ben poco da obiettare, è sufficente fare una proporzione (come quella che saggiamente indicava Legolas) per comprendere che questo reato odioso si sta annodando sempre più al problema dell'immigrazione incontrollata.

...

Ma dai, non sapevate che la matematica è solo un'opinione!!! :asd:

Share this post


Link to post
Share on other sites
Berty io non voglio fare un'analisi del fenomeno, ma piuttosto evidenziare un aspetto del fenomeno stesso. Ovvero che l'allarme stupri è fortemente legato al mondo dell'immigrazione. Su questo dato c'è ben poco da obiettare, è sufficente fare una proporzione (come quella che saggiamente indicava Legolas) per comprendere che questo reato odioso si sta annodando sempre più al problema dell'immigrazione incontrollata.

Facciamo le proporzione con i giusti dati, cioè prendendo la quota di italiani che vive nelle stesse condizioni socio-economiche.

 

Le eccezioni del tipo "ah no, anche gli italiani stuprano" o "le vere violenze vengono compiute da italiani dentro le mura di casa" a me fanno solo ridere....è un evidente non voler riconoscere il dato fattuale. Se in un anno 500 rumeni su 650.000 sono stati denunciati per stupro c'è qualcosa che non va....e non me ne frega niente di andare a vedere la classe sociale o il disagio in cui vivono (questi sono discorsi da intellettuale di sinistra....figurati alla vittima di uno stupro cosa gliene importa se il suo aggressore era un povero clandestino senza lavoro).

Gliene frega nel momento in cui vai a risolvere i problemi sociali di cui sopra e quindi non vengono a crearsi quelle condizioni di degrado sociale e morale in cui questi comportamenti si sviluppano. Il problema non è "immigrazione=stupri". Il problema è "immigrazione di bassa qualità=criminalità". Il contesto socio economico va analizzato non per "giustificare" inn qualche modo i delinquenti ma per porvi rimedio e non c'è altro modo. Cercare di semplificare in questo modo è la stessa miopia che porta a dire che le strade sarebbero più sicure con 30.000 soldati in più che le pattugliano.

 

Il nostro ordinamento penale si sta rivelando giorno dopo giorno sempre più inadeguato a offrire soluzioni per questa emergenza sociale, i clandestini non vengono rimpatriati per molteplici cause, le carceri straboccano di delinquenti, gli stupratori abituali entrano ed escono dai penitenziari....di fronte a tutto ciò io vedo la castrazione chimica come unica misura di sicurezza capace di prevenire e reprimere questo fenomeno criminale.

Un qualsiasi ordinamento penale non può (non è il suo compito) dare soluzioni ad un'emergenza sociale. Può essere quota parte della soluzione, ma in misura sostanzialmente marginale.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Le ricerche compiute negli ultimi dieci anni dimostrano che la violenza contro le donne è endemica, nei paesi industrializzati come in quelli in via di sviluppo. Le vittime e i loro aggressori appartengono a tutte le classi sociali o culturali, e a tutti i ceti economici. Secondo l'Organizzazione mondiale della sanità, almeno una donna su cinque ha subito abusi fisici o sessuali da parte di un uomo nel corso della sua vita. E il rischio maggiore sono i familiari, mariti e padri, seguiti dagli amici, vicini di casa, conoscenti stretti e colleghi di lavoro o di studio.

 

Il 69,7% degli stupri, è opera di partner, il 17,4% di un conoscente. Solo il 6,2% è stato opera di estranei.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Solo il 6,2% è stato opera di estranei.

 

Ripeto, per la mia fidanzata, le mie sorelle e le mie amiche è questa percentuale che mi preoccupa...

Share this post


Link to post
Share on other sites
Farneticazioni facili

 

I giudici liberano un clandestino e lui stupra una quindicenne». Così Il Giornale, domenica. E così quasi tutti i giornali e i tg, per non parlare dell’acuto Cicchitto («la magistratura è inflessibile con i colletti bianchi e morbida con gli extracomunitari»: infatti, com’è noto, le carceri italiane pullulano di colletti bianchi). Ora, sapete che dovete farne di questa robaccia? Gettarla nel water e tirare l’acqua. 1) Nessuna legge prevede la galera per i clandestini. 2) Ogni giorno vengono scarcerati (scadenza della pena, della custodia, del fermo) centinaia di italiani e stranieri, che poi fanno ciò che vogliono. 3) Jamel Moamid, il tunisino poi riarrestato per stupro a Bologna, era libero grazie alla Bossi-Fini, scritta e approvata dagli stessi tromboni che tuonano alle “scarcerazioni facili”.

 

L’ha spiegato a Repubblica il procuratore di Bologna, Silverio Piro: «Il nodo sono i tempi infiniti delle procedure di identificazione. La Bossi-Fini non consente di trattenere una persona ‘non compiutamente identificata’ per più di 2 mesi negli ex Cpt. In altri paesi le procedure sono molto più veloci ed efficaci».

 

Moamid, arrestato in agosto e scarcerato dal Riesame, era libero perché i 2 mesi per l’identificazione erano trascorsi invano. Impossibile espellerlo: nessun paese si prende un tizio di identità e nazionalità ignota. «Non ci vengano a dire che siamo morbidi, piuttosto trovino un altro modo per rimandare i clandestini nei loro paesi. Noi applichiamo la legge». Ora, con calma, qualcuno dovrebbe spiegare il tutto al Giornale e a Cicchitto. Magari con un disegnino.

http://www.unita.it/rubriche/Travaglio

 

mi pareva attinente

 

Titolo azzecato

Share this post


Link to post
Share on other sites

difatti da ciò che ho sentito sui tg volevano aumentare il limite di tempo per l'identificazione...

 

mi sembra la proposta venisse da maroni.

Share this post


Link to post
Share on other sites

E la romania ci accusa anche di xenofobia ma intanto tutta la loro spazzatura ce la mandano qui da noi.

Ci paragona ai nazisti e ci accusa di voler applicare la soluzione finale.

Ma che se ne vadano a :incazz::censura:

 

Dal sito dell'ANSA

"BUCAREST - La stampa romena critica duramente oggi la proposta avanzata da alcuni esponenti politici questi giorni in Italia di introdurre la castrazione per gli stupratori a seguito delle violenze sessuali di cui sono accusati dei romeni, usando il concetto di 'soluzione finale'. "La soluzione finale: i ministri italiani propongono la castrazione degli stupratori", titola il quotidiano 'Gandul', ricordando anche che i romeni sono "al primo posto nella classifica degli aggressori sessuali" in Italia. "Il ministro dell'Agricoltura Luca Zaia propone la castrazione chimica, mentre quello per la Semplificazione Roberto Calderoli è per quella chirurgica". Citando statistiche del ministero dell' interno italiano, il quotidiano 'Cotidianul' ricorda che, degli oltre un milione di romeni in Italia, solo uno su 3.355 commette uno stupro, cioé circa lo 0,03%, rispetto allo 0,4% tra gli albanesi e lo 0,53% tra i marocchini. Le statistiche del Viminale, prosegue il giornale, indicano però anche una crescita del numero di romeni accusati di violenze sessuali da 170 nel 2004 a 447 nel 2007. Il giornale ricorda anche le recenti dichiarazioni del senatore Piergiorgio Stiffoni della Lega Nord, stando al quale "l'etnia romena, se rappresentata da questi personaggi specializzati in stupri, non è degna di restare in una Europa unita". "Eppure, quando il ministro degli esteri romeno Cristian Diaconescu ha protestato contro alcune manifestazioni xenofobe in Italia, anche da parte di alcuni responsabili, il collega Franco Frattini si è ribellato e ha chiesto spiegazioni all'ambasciatore romeno a Roma", conclude il giornale. "

 

Non è per fare di tutta l'erba un fascio ma leggendo questa lista:

ROMA 18 feb. 2 ROMENI arrestati per stupro di ragazza di 14 anni e violenze sul fidanzato di 16 anni.

PAVIA 17 feb. ROMENO di 31 anni arrestato per violenza sessuale su una anziana di 83 anni cieca e disabile.

TRAPANI 12 feb. 3 ROMENI e 1 italiano arrestati per sequestro, riduzione in schiavitù e violenza sessuale.

ROMA 11 feb. 5 ROMENI arrestati clonavano carte di credito.

SAVONA 9 feb. ROMENO di 17 anni arrestato per ricettazione, ingiurie e resistenza a pubblico ufficiale.

MOZZANICA 9 feb. ROMENO arrestato, aveva installato su un Bancomat apparecchiatura per rubare i codici.

MILANO 9 feb. 3 ROMENI arrestati per estorsione ad un parroco.

CASERTA 8 feb. ROMENO di 50 anni arrestato per aver violentato una donna lituana.

FROSINONE 8 feb. 2 ROMENI arrestati per aver violentato una ragazza connazionale.

ROMA 7 feb. ROMENO arrestato ubriaco alla guioda di un furgone a tutta velocità nel centro, ha cercato di investire gli agenti.

ROMA 7 feb. ROMENO ubriaco con auto rubata travolge e uccide trentasettenne e poi va al bar a bere.

MILANO 7 feb. ROMENO minorenne arrestato, trascinata a terra e picchiata selvaggiamente settantenne per scipparla.

ROMA 6 feb. ROMENO di 19 anni arrestato mentre cercava di violentare una ragazza.

UDINE 6 feb. ROMENO di 32 anni arrestato,responsabile di una settantina di furti in negozi e aziende della zona.

TARVISIO 6 feb. ROMENO di 21 anni arrestato per violenta aggressione a frati di Belmonte nell'Agosto 2008.

PERUGIA 5 FEB. ROMENO arrestato in auto aveva: 40 Notebook di ultima generazione,314 cellulari, 57 fotocamere e 52 telecamere.

TREVISO 5 feb. 4 ROMENI arrestatiper numerosi furti in Veneto ed Emilia Romagna.

NAPOLI 4 feb. 2 ROMENI arrestati mentre cercavano di stuprare una donna.

VERBANIA 4 feb. 19 ROMENI arrestati per furti in appartamenti, negozi e centri commerciali.

ROMA 4 feb. ROMENO arrestato per aver picchiato e costretto una connazionale a prostituirsi con minacce alla famiglia.

CESENA 1 feb. ROMENO picchia e rapina una signora, poi picchia un poliziotto ma viene arrestato.

ROMA 31 gen. ROMENO arrestato comprava, picchiava e faceva prostituire giovani connazionali.

COSENZA 31 gen. 5 ROMENI arrestati per violenza sessuale di gruppo su ragazza di 21 anni.

SAVONA 30 gen. 2 ROMENI arrestati per aver acquistato un computer con carta di credito clonata e passaporto falso.

ROMA 30 gen. ROMENO minorenne arrestato per omicidio di un connazionale l'8 nov. 2008, sgozzato.

BOLOGNA 29 gen. ROMENO di 23 anni arrestato per rapina e tentato sequestro di una prostituta.

ROMA 29 gen. 3 ROMENI arrestati, prostituta sequestrata, picchiata, violentata e rapinata.

ROMA 28 gen. ROMENO pregiudicato arrestato per violenza e lesioni.

ROMA 27 gen. 6 ROMENI errestati per stupro di gruppo a Guidonia.

FIRENZE 26 gen. ROMENO arrestato picchiava e faceva prostituire giovane connazionale.

RIETI 26 gen. ROMENO arrestato per violenza sessuale ad una connazionale, era in fuga da un mese.

TRENTO 20 gen. ROMENO violenta ragazza marocchina in stazione.

ROMA 14 gen. 4 ROMENI arrestati, prostituta connazionale marchiata a sangue.

ROMA 28 Dic. 4 ROMENI arrestati per aggressione e rapina.

 

io già al secondo episodio mi son rotto le OO dei rumeni!

 

Qui il rapporto del viminale sulla criminalità:

http://www.interno.it/mininterno/export/si...criminalita.pdf

Edited by Venon84

Share this post


Link to post
Share on other sites

Vedi Venon....ma di fronte a questi dati (RELATIVI AI SOLI DUE ULTIMI MESI) c'è più d'uno che continua a dire: "ah no però, il 60% degli stupri avviene in casa per mano di italiani!"

 

Ma 'sti grandissimi ca**i!!! Allora visto che abbiamo già una buona dotazione di stupratori italiani diamo il benevenuto anche a quelli rumeni, marocchini, albanesi, algerini.

 

PAVIA 17 feb. ROMENO di 31 anni arrestato per violenza sessuale su una anziana di 83 anni cieca e disabile.

 

:blink::huh::ph34r::furioso:

Edited by paperinik

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il fatto che bisogna far si che vengano messe pene che facessero pensare a chiunque di non commettere reati prima di tutto omicidi e stupri. Non possiamo essere definiti razzisti: un razzista odia tutte le persone di un etnia diversa dalla sua,noi invece siamo contro chi faccia del male a persone innocenti che,nella maggior parte dei casi sono stranieri :ph34r: .

Share this post


Link to post
Share on other sites

Rispondo a vittorio evitando di esprimere la palese irritazione: se si violenta una ragazza sotto i quattordici anni si ha un aggravio di pena, che, pensate bene, può arrivare addirittura fino a 12 terribili anni di carcere.

Share this post


Link to post
Share on other sites

c'è un codice interno tra detenuti: chi va in galera per pedofilia da parte dei compagni di carcere subisce una vita durissima.

http://club.quotidianonet.ilsole24ore.com/?q=node/5352

 

ma è essenziale dire la nazionalità degli autori di reato?

 

vauro050209.gif

 

Anomala sta inpennata di stupri commessi da rumeni in primis, proprio perchè è stata improvisa.

Servono misure drastiche almeno a livello temporaneo, la castrazione chimica per tutti eccetto che loro che spontaneamente si presentano in caserma a confessare, aumento della prescrizione a 20 anni anzichè 9 (siamo sempre lì, quanta gente deve farla franca a causa di uno?? ovviamente mi riferivo alla ex-Cirielli e alla ventata di inpunità che ha provocato) con pena minima di 12 anni.

 

ma occorre rimettere in sesto la macchina repressiva con fondi alle volanti ferme in garage.

Provo un minimo sdegno per la UE, come al solito non vedono non sentono e non parlano in questo problema tra due paesi comunitari.

 

Sulla custodia cautelare detentiva da applicare semrpe sono contrario : scoraggierebbe le confessioni e le auto denuncie.

 

Sulle ronde dei cittadini è un discorso potenzialmente utile.

Lo stato acconsente la formazione di ronde di cittadini.

E qua proporrei che chi vuole aderire deve conseguire un patentino con lezioni base di auto-difesa, accenni di diritto, e poco altro, piccoli e brevi corsi offerti dagli enti locali, ma comunque l'attività di tali ronde deve essere supervisionato dalla polizia e dalla magistratura.

Almeno nel breve periodo si avrebbe una mano, misura che lascerei provvisoria

 

 

EDIT

non ve la prendete per la vignetta, l'ho messa perchè in parte attinente, ma sopratutto perchè è spassosa

Edited by Leviathan

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io continuo a capire cosa serva la castrazione chimica, specie per uno straniero che deve essere messo in galera per molti e molti anni e poi devono essere rispediti al paese d'origine dove certo non seguiranno la profilassi farmaceutica.

E' la solita falsa soluzione proposta da demagoghi che non vogliono realmente affrontare la situazione e su cui la gente non è assolutamente informata.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Io continuo a capire cosa serva la castrazione chimica, specie per uno straniero che deve essere messo in galera per molti e molti anni e poi devono essere rispediti al paese d'origine dove certo non seguiranno la profilassi farmaceutica.

E' la solita falsa soluzione proposta da demagoghi che non vogliono realmente affrontare la situazione e su cui la gente non è assolutamente informata.

Sano e puro populismo.

 

Ma i cari vecchi lavori forzati? Io, purtroppo, con tutto che la mia fidanzata studia scienza sociali (e di trattati su stupri e pedofilia ne ho letto qualcuno), non ce la faccio a considerare malati reversibili gli stupratori, romeni, marocchini o italiani che siano. Sono quei casi, come gli evasori del fisco, in cui c'è bisogno di repressione e non di correzione.

 

La castrazione chimica mi sembra un provvedimento da cani, al pari del taglio delle mani ai ladri. Sano e puro carcere, che come credo sappiate per i colpevoli di stupro è tutt'altro che piacevole. Mio padre ha fatto la guardia carceraria, fortunatamente a lui non è mai capitato che mi racconti, ma so che ai detenuti condannati per stupro o pedofilia non viene riservato un trattamento particolare, e spesso per non inemicarsi gli altri carcerati le guardie non possono biasimare chi faccia rispettare il codice interno tra i detenuti.

 

Scandalose le solite sparate (queste sì razziste) della Lega Nord. Dimostrano un'ignoranza insita nello statuto del partito stesso. E ci credo che poi ci accusano di xenofobia! Anche vero che ai tg ultimamente piace focalizzare l'attenzione sul ROMENO!!! accusato di stupro, piuttosto che sull'uomo di 45 anni che violentava la figlia. Non mi meraviglia che in tempi di centrodestra l'attenzione si debba focalizzare nella cronaca sul caprio espiatorio di turno...

Share this post


Link to post
Share on other sites

In pendenza di principi di libera circolazione imposti dall'UE diventa difficile rimpatriare i rumeni....visto che ce li dobbiamo tenere in casa castriamoli chimicamente (e fuori dalle nostre carceri, dove costano al contribuente un occhio della testa....e da dove comunque grazie ad interpretazioni più o meno estensive delle norme- spesso vengono rilasciati). Nessun populismo, semplcie pragmatismo.

 

Ho detto: questo topic nasce perchè è necessario che si prenda atto di determinate situazioni di fatto....

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ma non è giusto che stiano fuori dal carcere per spendere meno!

A questo punto lobotomizziamo gli assassini per risparmiare!

La pena deve essere scontata in carcere e deve essere molto più dura di quella attualmente prevista.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Ma non è giusto che stiano fuori dal carcere per spendere meno!

A questo punto lobotomizziamo gli assassini per risparmiare!

La pena deve essere scontata in carcere e deve essere molto più dura di quella attualmente prevista.

 

Caro Dominus con me sfondi una porta aperta circa la necessità di rendere effettivo il principio della certezza della pena....tuttavia, dovendo essere pratici e osservando che in Italia non scontano interamente le pene nemmeno i pluri-omicidi, tanto vale prendere atto della situzione e saltare del tutto il passaggio della reclusione. Castrazione chimica e via.... Se poi il reato è particolarmente aggravato (come il caso della vittima 14enne) allora reclusione più castrazione.

 

In USA o UK per casi gravi di violenza sessuale è previsto l'ergastolo....con l'effettiva erogazione della pena!

 

Qui in Italia i giudici sembrano fare a gara per chi ha la scarcerazione più facile (tanto per dirne una: il rumeno che ha violentato la 14enne doveva essere espulso ma un brillante giudice di Bologna aveva annullato il provvedimento poichè nella sua interpretazione delle norme -alla faccia del fumus boni iuris- non sussistevano i presupposti per adottarlo!!!)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Vabbè per rendere effettiva la pena basta cambiare le leggi e cominciare a costruire nuovi carceri.

Sono vent'anni che si sente parlare di sovraffolamento delle carceri, se invece che parlarne avessero cominciato a costruirle allora oggi saremmo più che a posto.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest intruder
Vabbè per rendere effettiva la pena basta cambiare le leggi e cominciare a costruire nuovi carceri.

Sono vent'anni che si sente parlare di sovraffolamento delle carceri, se invece che parlarne avessero cominciato a costruirle allora oggi saremmo più che a posto.

 

 

I carceri ci sono ma inutilizzati (e ormai, dopo anni di abbandono, anche inutilizzabili, salvo spendere milioni di lavori vari per renderli nuovamente agibili).

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest galland

Compio qualche riflessione, ovviamente da bastian contrario.

 

Una buona trentina d’anni fa avvenne il massacro del Circeo, i benpensanti dell’epoca dissero che in definitiva le due ragazze se l’erano andata a cercare e avrebbero dovuto restare a casa. Questi erano i commenti che sentivo fare dai “grandi”, avrò avuto dodici o tredici anni.

Negli anni 80 venne votata la nuova legge sulla violenza sessuale che, tra le varie grosse novità, cambiava il reato, fino allora contro la pubblica morale in reato contro la persona; le forze politiche che oggi chiameremmo di centro destra condussero una campagna battente contro la legge: giornali come “Il Tempo” di Roma ebbero per settimane quotidiani articoli di critica alla legge.

Trattandosi di una legge fortemente voluta dal movimento femminista era per evidenza invisa e da ostacolare in ogni modo.

 

La questione è semplice: la gran parte delle violenze sessuali NON viene compiuta da sconosciuti ma da persone vicine alla stuprata: fidanzato, marito, convivente, padre. Ed è per questo che i reati denunciati corrispondono alla punta d’un iceberg. La maggior parte delle donne si tiene i lividi sul corpo e sull’anima e tace.

 

Gli stranieri violentano le italiane? Io direi che molto spesso avviene il contrario. Le migliaia di ragazze sui bordi delle strade italiane stanno a testimoniarlo. Dite che esagero? Domani invierò per MP ai partecipanti MAGGIORENNI alla discussione - .lo farò in privato perché il testo non è presentabile a minorenni - un brano tratto dal libro “Le ragazze di Benin City”, almeno io dopo averlo letto mi è tornato in mente centinaia di volte, se quella descritta non è una violenza carnale sistematica allora affermo di non saper leggere in italiano.

 

Vogliamo scaricare sugli stranieri tutti i mali della nazione? Cerchiamo di vedere quanto siamo causa dei nostri mali: la mafia è la più grande azienda italiana e nessuno se ne cura più di tanto. Trovatemi una dichiarazione di un componente del governo sull’argomento o l’abbozzo di una politica in questa direzione, credo neppure più esista la “commissione antimafia”.

 

Le leggi sono permissive? Dato che con la massima sollecitudine sono state votati provvedimenti legislativi negazione di qualsiasi cultura giuridica credo che non dovrebbe di soverchia difficoltà votare leggi più restrittive.

 

Concludo: l’italianissimo responsabile dello stupro di capodanno a Roma ha ricevuto una manifestazione d’appoggio da parte dei suoi amici che hanno dichiarato “Che noi che lo conosciamo e sappiamo com’è veramente”, Forza Nuova non è intervenuta.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Concludo: l’italianissimo responsabile dello stupro di capodanno a Roma ha ricevuto una manifestazione d’appoggio da parte dei suoi amici che hanno dichiarato “Che noi che lo conosciamo e sappiamo com’è veramente”, Forza Nuova non è intervenuta.

 

...in compenso lo volevano linciare all'uscita della questura dopo l'interrogatorio di garanzia.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest intruder

Intanto lo hanno mandato ai domiciliari perché è "di buona famiglia" e nessuno fiata.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest galland
...in compenso lo volevano linciare all'uscita della questura dopo l'interrogatorio di garanzia.

 

Prendo atto che anche la destra ha avuto una positiva evoluzione: la sinistra ha fatto a meno di tutto il ciarpame marxista-leninista e la destra ... oggi difende le donne dai violentatori.

Ci sono voluti decenni ma le cose sono cambiate.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Intanto lo hanno mandato ai domiciliari perché è "di buona famiglia" e nessuno fiata.

 

Veramente sono stati concessi gli arresti domiciliari perchè non c'erano i presupposti per la custodia cautelare in carcere.

 

Scusatemi se mi intrometto ma la discussione era troppo interessante per restarne fuori.

 

Non condivido affatto l'idea che i violentatori non siano malati...violentano perchè non sono capaci di raggiungere il loro scopo (l'atto sessuale) in altro modo, o perchè non riescono a contenere la loro libido sessuale. In definitiva un soggetto che non controlla la pulzione sessuale è patologico, oltre che socialmente pericoloso! Ma poichè ritengo che ospitare questi soggetti nei penitenziari nazionali serva davvero a poco (se non a consentire loro di pavoneggiarsi delle loro mirabili imprese con gli altri criminali del carcere) tanto meglio procedere alla cstrazione chimica.

 

La penso come Dominus qui. Andrei ben cauto, infatti, nell'asserire con tanta certezza che gli stupratori siano "malati" nel vero ed unico senso del termine cioè quello clinico.

Perchè una persona può essere definita malata quando presenta una disfunzione dell'organismo rilevabile oggettivamente. La disfunzione è definita come l'alterazione nel funzionamento di una determinata parte dell'organismo. Bè non mi pare proprio che questo sia il caso degli stupratori.

In genere, infatti, salvo rari casi, l'abusatore è un soggetto che si sente sessualmente rifiutato e che manifesta odio e disprezzo verso le sue vittime; con l’abuso prova eccitazione e trova la sua affermazione personale. Quindi ci troviamo di fronte ad un disturbo di carattere psicologico più che psichiatrico che, di conseguenza, è "curabile" unicamente con la psicoterapia e non con i medicinali.

 

Per quanto riguarda più specificamente la castrazione chimica, questa viene praticata nei paesi dove è ammessa con l'uso di un farmaco che si chiama Depo provera che agisce sul cervello inibendo TEMPORANEAMENTE la produzione di testosterone. Meno testosterone = meno desiderio. Si tratta quindi di un processo totalmente reversibile. Ed è proprio qui il punto importante. In California e Canada dove la castrazione chimica viene praticata da parecchio tempo si rileva come al momento dell'interruzione del trattamento vi siano dei picchi nella produzione di testosterone e quindi un desiderio sessuale ancora maggiore di prima, oltre ad accrescere enormemente la frustrazione dello stupratore. Quindi tutto bene finchè il soggetto è sotto trattamento ma dopo? Che succede, se per qualsiasi motivo, viene interrotto? Meglio a questo punto tenerli rinchiusi in carcere con, magari, un'adeguata psicoterapia nel mentre in grado di eliminare le cause del disagio psicologico.

Edited by Paladin

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

×