Jump to content
Sign in to follow this  
MC72

Spaccati

Recommended Posts

Ju-188

Ovvero il Super Ju-88

La macchina di Junkers continuo fabbricandosi fino alla fine della guerra, incorporando tecnologie e nuovi motori

Nelle intenzioni iniziali lo Ju 188 avrebbe dovuto rappresentare una soluzione transitoria nella ricerca di una nuova generazione di bombardieri, tuttavia si rivelò utile fino al termine del conflitto, venendo utilizzato soprattutto nel ruolo di ricognitore- Dotato di migliori prestazioni e capacità di carico rispetto al suo predecessore

 

Saludos

MC72

iMqrCTBfKDuol.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Programma Fiat G.95
Prima dell'Harrier

La Fiat con Gabrielli alla testa, negli anni '60 studió versioni V/STOL per la Nato, programmi pioneri insieme a britannici e tedeschi che finalmente sfoció nel conosciuto Harrier britannico,
In ogni modo la Fiat prevedeva una variante sub-sonica il G.95/4 e un'altra variante supersonica il G.95/6; senz'altro il sistema di propulsione era un po' complesso e empirico, con soluzioni di 6 e 8 motori, che dovevano funzionare alternatamente nel volo di crociera e in volo VTOL, con il conseguente castigo di pesi morti, di volare in crociera con 4 o 6 motori di peso extra secondo il modello, inoltre il consumo di JP4 sicuramente astronomico gli conferirebbe corte autonomie; ma forse era un prezzo accettabile per decentrare aviogetti dalle esposte piste aeree.

 

Riposto questo spaccato del programma Fiat G.95 per un aereo S/Vtol approfittando anche di riaggiornarlo.

ibrIQjPnFNd3D7.jpg

Magari con un po' d'immaginazione questo aviogetto potrebbe aver militato in differenti teatri e forze aeree, imbarcato nel golfo del Tonchino o in servizio nelle pianure dell'Elba fronteggiando le forze del Patto di Varsovia

Saludos
MC72

iE3svqAQ0Mhy9.jpg

Edited by MC72

Share this post


Link to post
Share on other sites

iDuwnEOqKl5z2.jpg

 

Immaginate vedere volare nel cielo la metà esatta di un cuadrato, con i suoi due lati in angolo di 90 gradi e la sua diagonale, senza timoni verticali.......................lo stealth perfetto

Ogni tanto, s'intraprendono programmi di sviluppo realmente rivoluzionari nel mondo della aviazione, come il A-12 AVENGER-II ; Scaturito dallla necessità dell' US-Navy di rimpiazzare le sue aeronavi d'attacco A-6 , nel 1983 al nuovo programma gli si incorporò i nuovi avanzi sulla tecnologia Stealth per lo sviluppo di aerei invisibili al radar, e il primo esempio de questa tendenza sarebbe stato il secretissimo Lockheed F-117 che il mondo conoscerebbe solo un paio di anni dopo.

Il programma Avenger-II, non solo significó un grande passo in soluzioni rivoluzionarie Stealth per aerei, ma anche lo sviluppo parallelo di nuove e numerose tecnologie elettróniche; Oggi comuni e correnti e imprescindibili per la vita cotidiana, come il GPS, schermi LCD/LED, e visori holográfici 3D, un notabile insieme di avanzi tecnologici (23 anni fa'), ma che trasformarono il programma Avenger-II in crescentemente costoso, una delle principali ragioni della sua cancellazione nel 1991.

Tutta la tecnología generata fú approfittata comunque per posteriori programmi , come i motori per il F/A-18D, armamento GPS (JADAM), Cabina di volo con "cristal copkit" e correlazionate a sistemas elettronici avanzati , Etc

Ho finito da poco questo spaccato esclusivo del Avenger-II con la sua anatomia interiore e sistemi elettronici e armamento

 

Saludos MC72

 

ibk8JhhaqDrTgf.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

 

 

Immaginate vedere volare nel cielo la metà esatta di un cuadrato, con i suoi due lati in angolo di 90 gradi e la sua diagonale, senza timoni verticali.......................lo stealth perfetto

Ogni tanto, s'intraprendono programmi di sviluppo realmente rivoluzionari nel mondo della aviazione, come il A-12 AVENGER-II ; Scaturito dallla necessità dell' US-Navy di rimpiazzare le sue aeronavi d'attacco A-6 , nel 1983 al nuovo programma gli si incorporò i nuovi avanzi sulla tecnologia Stealth per lo sviluppo di aerei invisibili al radar, e il primo esempio de questa tendenza sarebbe stato il secretissimo Lockheed F-117 che il mondo conoscerebbe solo un paio di anni dopo.

Il programma Avenger-II, non solo significó un grande passo in soluzioni rivoluzionarie Stealth per aerei, ma anche lo sviluppo parallelo di nuove e numerose tecnologie elettróniche; Oggi comuni e correnti e imprescindibili per la vita cotidiana, come il GPS, schermi LCD/LED, e visori holográfici 3D, un notabile insieme di avanzi tecnologici (23 anni fa'), ma che trasformarono il programma Avenger-II in crescentemente costoso, una delle principali ragioni della sua cancellazione nel 1991.

Tutta la tecnología generata fú approfittata comunque per posteriori programmi , come i motori per il F/A-18D, armamento GPS (JADAM), Cabina di volo con "cristal copkit" e correlazionate a sistemas elettronici avanzati , Etc

Ho finito da poco questo spaccato esclusivo del Avenger-II con la sua anatomia interiore e sistemi elettronici e armamento

 

Saludos MC72

 

 

Come sempre ottima anche l'ultima tua fatica! Qual'è la base di partenza del tuo cutaway?

E il prossimo quale sarà?

Edited by matteo16

Share this post


Link to post
Share on other sites

Come sempre ottima anche l'ultima tua fatica! Qual'è la base di partenza del tuo cutaway?

E il prossimo quale sarà?

Ciao Matteo16

Come punto di partenza per realizzare lo spaccato de A-12 Avenger-II è questa immagine che ho trovato in internet un paio di anni fá, era un resoconto dei diversi componenti strutturali del A-12, sembra un documento di un manuale, ma sufficiente per poter cercare di descifrare il resto, il che significa investigare e leggere numerosi documenti e studiare le poche foto esistenti degli originali, per ricostruire, l'elettronica, armamento, carrelli, e piante motrici involucrate.......il risultato finale é il più fedele possibile all'originale d'accordo alla ricerca.

Adesso sto lavorando nel Lockheed T-33 T-Bird, F-16DJ Block50 e Boeing B-50

Saludos

MC72

Edited by MC72

Share this post


Link to post
Share on other sites

ipjkEf5wlmJuZ.jpg

Dei F-16 nuovi "Block 50", comperati pochi anni fa dal Cile; 4 unità son bipiazza “D” specíficamente riconoscibili per la loro caratteristica spina dorsale , dentro il cuale si ricupera il volume interno per la aviónica che si perde al accomodare un secondo tripulante, questa versióne é molto utile per la invisible guerra elettrónica, per questo il secondo uomo a bordo gioca un ruolo dedicato alla guerra elettronica e gestione dei armamenti, specialmente nel ruolo della suppressione dei radars nemici, critici per il proseguimento delle azioni mediante i suoi sensori e armamento HARM con un raggio d'azione di 150 Km; Conosciuto extra-officialmente come F-16DJ, questi aerei sono i moderni Wild Weasel della aviazione.

Spaccato del F-16 esistente, modificato allo standard del F-16DJ Block-50

Saludos MC72

ibpY7NK7tFxrtn.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

 

Dei F-16 nuovi "Block 50", comperati pochi anni fa dal Cile; 4 unità son bipiazza “D” specíficamente riconoscibili per la loro caratteristica spina dorsale , dentro il cuale si ricupera il volume interno per la aviónica che si perde al accomodare un secondo tripulante, questa versióne é molto utile per la invisible guerra elettrónica, per questo il secondo uomo a bordo gioca un ruolo dedicato alla guerra elettronica e gestione dei armamenti, specialmente nel ruolo della suppressione dei radars nemici, critici per il proseguimento delle azioni mediante i suoi sensori e armamento HARM con un raggio d'azione di 150 Km; Conosciuto extra-officialmente come F-16DJ, questi aerei sono i moderni Wild Weasel della aviazione.

Spaccato del F-16 esistente, modificato allo standard del F-16DJ Block-50

Saludos MC72

 

Ottimo Cutaway come sempre MC72 quando parlavi nel post precedente di F-16DJ pensavo americano,con scoperta invece hai fatto la versione con la spina dorsale dell'aviazione cilena,e che dire complimenti,il prossimo sarà il B-50 o il T-33?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ottimo Cutaway come sempre MC72 quando parlavi nel post precedente di F-16DJ pensavo americano,con scoperta invece hai fatto la versione con la spina dorsale dell'aviazione cilena,e che dire complimenti,il prossimo sarà il B-50 o il T-33?

Il T33 "T-Bird" è al 50%, anche se é la versione di addestramento nata dal F-80 , di questi se ne fecero ben 1718 caccia!!!

e nessuno si aspettava che la versione di addestramento sarebbe arrivata a battere tutti i records con ben 5691 addestratori venduti in tutto il mondo! E pure così non si trova uno spaccato decente in giro, similarmente come nel caso del addestratore Aermacchi MB.326

Saludos MC72

Share this post


Link to post
Share on other sites

ipoE5gS4EWtNc.jpg

Un apparecchio concepito e nato nella Guerra Fredda, giusto quando la Marina Americana cercava un rimpiazzo del suo cavallo di battaglia, il famoso F-4 Phantom-II, questa stava valutando la proposta dell’amministrazione, del F-111 dell’ USAF navalizzato, cioé il General Dynamics F-111B, ma questo aéreo non faceva altro che aumentare continuamente di peso, il che lo faceva difficile di operare dalle portaerei; La Grumman esperta in aerei navali, allora propose un nuovo aéreo, più piccolo e leggero, bimotore e di geometría variabile, che avesse la possibilità di portare la pesante elettronica e armamento del sistema AWG-9 e l’insuperato sistema Hughes AIM-54 Phoenix. L’aereo si apri rápidamente consenso negli ambienti della Marina, e così nacque il F-14 A Tomcat, destinato a la difesa lontana e strategica delle Task Forces Americane, dispiegate in ogni angolo del pianeta, questo aéreo, doveva imporre la superiorità aérea in qualsiasi teatro operativo immaginabile, assicurando la difesa della flotta prima ancora che il nemico potesse avvicinarsi a una distanza ùtile. Il Tomcat F-14 fù nel 1974 (Giá ben 40 anni fa)il primo aéreo capace di colpire un bersaglio a più di 200 Km di distanza, e ne poteva attaccare vari simultáneamente, e le vittime potevano andaré da aerei supersonici a missili anti-nave. Tutte queste capacità si son perse con il recenté ritiro dei F-14 Tomcat dalla US Navy , perché il suo “Moderno Rimpiazzo” F-18F Hornet, non ha il raggio e le armi e le capacità strategiche del Tomcat, attualmente vari paesi hanno aerei con capacità eguale o superiori al F-18F.

Un bell lavoro di A. Rigato del1987, mostra questa bella e riuscita macchina con tutti i suoi dettagli e particolarità che compongono al Tomcat, andato in pensione, senza mai essere stato superato ne da avversari ne dal suo più economico successore.

 

Saludos

MC72

ibsoVt4DhIPNl8.jpg

Edited by MC72

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il T33 "T-Bird" è al 50%, anche se é la versione di addestramento nata dal F-80 , di questi se ne fecero ben 1718 caccia!!!

e nessuno si aspettava che la versione di addestramento sarebbe arrivata a battere tutti i records con ben 5691 addestratori venduti in tutto il mondo! E pure così non si trova uno spaccato decente in giro, similarmente come nel caso del addestratore Aermacchi MB.326

Saludos MC72

T-33 è ormai prossimo? o è stato accantonato per i nuovi progetti?

Share this post


Link to post
Share on other sites

iErRXDIu4LDQo.jpg

Mezzo secolo fà la Us Navy sollecitava alla Bell un arero convertiplano da trasporto per il servizio nella marina, pure y Marines e l'USAF erano interessate nel programma che si denomino X-22, caratterizzato da quattro eliche intubate rotabili in per il volo verticale e girevoli sullàsse longitudinale per il volo orizzontale.
X-22 offriva l'opportunità sempre desiderata dall'aviazione, di non dover dipendere da una pista d'atterraggio, e poter andare dove nessun aereo lo aveva fatto prima. Propolso da quattro turbine General Electric YT58-GE-8D per una potenza totale di 5000 hp, ma una macchina così avanti nei tempi si toppava con una sottopotenza, dei motori, materiali costruttivi considerati al giorno di oggi non propio leggeri, e una complessità d'operazione notevole...allora non si contava con l'aiuto della elettronica attuale che permette l'alleggerimento e semplificazione di operazioni complesse.
X-22 non arrivò pote raggiungere gli obiettivi desiderati e così si fini il programma; comunque segnò il desiderio , che aspettarebbe che la tecnologia raggiungesse nuovi traguardi.

ivJtE2G3W270t.jpg

Nel 1981 le forze armate statunitensi avviavano il programma JVX (Joint Vertical-lift Experimental) orientato per dotare le forze armate di un convertiplano di trasporto, per sostituire i Chinook e Stallions, con una macchina più veloce ed efficiente, il concorso fu vinto dalla Bell, forte con l'esperienza guadagnata con il suo aereo convertiplano Bell XV-15.
Il V-22 anche se utilizza una formula convertiplano qualcosa di differente al X-22, certamente riprende il tema del X-22, con motori di maggior potenza e facendo uso dei nuovi leggeri e resistenti materiali dell'alchimia moderna e soprattutto dell' elettronica d'avanguardia che permette realizzare complesse operazioni con una notevole semplificazione del carico di lavoro per i piloti.
Certamente la tecnologia di vanguardia , non è economica, e i prezzi ipotizzatti son rimasti superati molte volte da questo programma, e il tallone d'achille del programma già non è tecnologico se no economico.
Saludos
MC72

iGbme51G6ouVd.jpg

lkj

Share this post


Link to post
Share on other sites

iHYPmaR74pICW.jpg

Forti dell'esperienza guadagnata nella Guerra di Corea, l' Unione Sovietica si mise a introdurre nelle sue file il allora modernissimo delta puro, supersonico Mig-21, che per decade sarebbe stato il principale caccia del Patto di Varsavia, e il metro sul quale ogni apparecchio occidentale doveva misurarsi. Ma ciò solo in base nel càlcolo delle capacità sulla carta, perche la guerra fredda non arrivava a provocare scontri tra Mirage, Starfighters, Hunters e Mig-21.

Nell' Aprile del 1966 arrivano in mercantili al porto Nord-Vietnamita di Haiphong y primi MiG-21 per la Forza aerea , già impiegata da tempo ad una guerra asimetrica con l'USAF e la Us-Navy, ma pronto le forze americane notarono l'arrivo di quei primi MiG-21, facendone le spese parecchi F-105 e impiegando y F-4 Phantom II al màssimo, combattimenti che dimostrarono la necessità di ritornare ai cannoni, dei cuali i Phantom-II erano incredibilmente privi, già che i missili avevano un altissimo livello di fracassi. Sebbene lo score totale fu favorevole ai Phantom-II la proporzione di perdite fu significativa, attivando tutte le luci rosse a Washington-DC; I Phantom prima ricevettero pod esterni con cannoni, versioni posteriori con cannoni interni, come si usa fino ad oggi, ma non bastava con gli agili e ben pilotati Mig-21 del Nord Vietman, si dovette inoltre studiare nuove tattiche e capacità, nascendo così le scuole degli assi Top-Gun per la UsNavy e Red-Flag per L'USAF, inoltre era necessario un aereo più agile per la superiorità aerea, e così si misero le specifiche per quello che sarebbe diventato l'F-16 Fighter Falcon.

Un piccolo gran dettaglio, ma che la dice lunga sulla pericolosità del MiG-21 nelle mani dei abili piloti vietnamiti, è l'unico caccia del mondo che si è aggiudicato l'abbattimenti di ben 2 bombardieri B-52 Stratofortress, il che obbligò all'USAF a sospendere temporalmente l'operazione di questo modello sul Nord-Vietnam, rinforzando, le sue difese elettroniche e profili di missione.

I MiG-21 anche operarono nella guerra Indo-Paquistani dove continuò a mietere successi contro i F-104 Paquistani, solo nella guerre Arabe-Israelite, gli assi d'israele, ebbero un chiaro vantaggio su questo caccia ma solo in base della sua superiore preparazione.

Pure furono molto attivi nelle mani della forza aerea Cubana che intervenne in forze con questo velivolo in Angola e la guerra Somalo-Etiope nell' Ogaden, ottenendo la vittoria per i loro alleati (MPLA-Angola e Etiopia).

Questo aereo ha già più di 50 anni dalla sua introduzzione, e anche se non è un aereo vistosissimo, Sì è stato uno dei grandi attori tra gli anni che vanno a cavallo del 1960 e 1985, ricoprendo ancora oggi molti ruoli in diverse forze aeree. Si può aggiungere che ancora questo caccia con una buona elettronica e missili aggiornati, rappresenta un formidabile avversario.

 

Ci sono in giro parecchi spaccati del MiG-21, ma quello che raccoglie meglio lo spirito di guerriero del MiG-21 in mia opinione è questo di John Weal, che ho rispolverato un po'.

 

Saludos

MC72

iPi2WFPGprWTy.jpg

Edited by MC72

Share this post


Link to post
Share on other sites

il Mig-21 non ha mai abbattuto il B-52... al più, è stato il contrario, con i mitraglieri del Buff, che tirarano giù due Fishbed.

Share this post


Link to post
Share on other sites

il Mig-21 non ha mai abbattuto il B-52... al più, è stato il contrario, con i mitraglieri del Buff, che tirarano giù due Fishbed.

 

Nell'estate del 1972, come i Mig-17 ne MiG-19 della NVAF non potevano arrivare alla cuota d'operazione dei B-52, si decise di specializzare una dozzina di Mig-21 per far fronte alle formazioni dei B-52 oltre che della antiaerea missilistica, il fatto che ben 2 MìG-21 siano stati abbattuti dai mitraglieri di coda dei B-52, dimostra precisamente questa capacità del MiG-21 d'intercettare in cuota ai B-52.

Il 27 di diciembre del 1972, un MiG-21MF pilotato dal Mag Pham Tuan abbatté un B-52D BuNo 56-0674 "Ebony 02" (449º BW, 307ª SW) sopra Hanoi impiegando due missiles tipo Atoll, é il primo abbattimento di un B-52 in combattimento aria-aria. Altre fonti argomentano che l'abbattimento fu causato dalla difesa antiaérea di Hanói. Fonti officiali del Vietnam reclamano un secondo abbattimento al giorno seguente (28 dic)per il MiG-21 di Vu Xuan Thieu che morì nell'azione distruggendosi il suo areo contro i frammenti del distrutto bombardiere, in cambio, l'USAF non riconobbe mai la pérdida di un B-52 per nessuna causa il giorno 28. Ma questo non é "esattamente" vero : quel giorno l' USAF perse due Stratofortresses...........

 

Tratto da Wiki

 

The biggest threat to North Vietnam during the war had always been the Strategic Air Command's B-52 Stratofortress. Hanoi's MiG-17 and MiG-19 interceptors could not deal with those bombers at their flying altitude. In the summer of 1972 the NVAF was directed to train 12 MiG-21 pilots for the specific mission of attacking and shooting down B-52 bombers; with two-thirds of those pilots specifically trained in the night attack.[36] On 26 December 1972, just two days after Tail gunner Albert Moore downed his MiG-21, a VPAF (North Vietnamese Air Force) MiG-21MF (number 5121)[37] from the 921st Fighter Regiment, flown by Major Phạm Tuân over Hanoi, North Vietnam claimed responsibility for the first aerial combat kill of a U.S. Air Force Boeing B-52 Stratofortress in aviation history.[38] The Stratofortress had been above Hanoi at over 30,000 feet (9,100 m) during Operation Linebacker II, when Major Tuân launched two Atoll missiles from 2 kilometres, claiming to have destroyed one of the bombers flying in the three plane formation.[38] Other sources argue that his missiles failed to hit their mark, but as he was disengaging, a B-52 from a three-bomber cell in front of his target took a hit from a SAM, exploding in mid-air: this may have caused Tuan to think his missiles destroyed the target he had been aiming for.[39]

The Vietnamese side also claims another kill to have taken place on 28 December 1972 by a MiG-21 from the 921st FR, this time flown by Vu Xuan Thieu. Thieu is said to have perished in the explosion of a B-52 hit by his own missiles, having approached the target too closely.[40] In this case the Vietnamese version appears to be erroneous: while one MiG-21 kill was claimed by Phantoms that night (this may have been Thieu's MiG), no B-52s were lost to any cause on the date of the claimed kill.[41]

Edited by MC72

Share this post


Link to post
Share on other sites

iLRcy6gWK0wAE.jpg

Poco tempo fa' ho ritrovato questo spaccato sicuramente del Flyng Rewview, ma il suo autore è illeggibile, comunque il soggetto è interessante...un progetto di Gabrielli realizzato nei difficili tempi del dopoguerra, si tratta del Fiat G.82, versione definitiva del Fiat G.80, un aereo per addestramento a getto, che però anche se di prestazioni oneste, non arrivò a entusiasmare le autorità e i prezzi non erano neanche atrattivi, e subito dovette soccombere alla forte concorrenza Americana del più economico e vendutissimo Lockheed T-33.

Poco dopo arrivò pure il Aermacchi M.B.326 , più leggero e brillante del Fiat G.82

Comunque uno di questi esemplari rimane a Vigna del Valle come testimone di epoche difficili per l'industria aeronautica e che comunque cominciava a lottare per riprendere un posto sotto il Sole.

 

Abbiamo rispolverato questo vecchio e ingiallito spaccato, restaurato e tradotto la sua descrizione ìnglese originale.

 

Saludos

MC72

ibdJfhl7OvE6T5.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

iZkg9RFi37A3.jpg
Il Moschito Russo

Agli inizi della Seconda guerra Mondiale poco e niente si sapeva in occidente delle più moderne realizzazioni russe; Il resoconto di due Squadrons di Hurricanes della RAF inviati urgentemente a Munsmark, quello stesso Autunno del 1941, dà una idea di prima mano dei piloti britannici.

“La prima missione di combattimento dello Squadron 151 consisteva nella scolta di un Reggimento soviético di bombardamento dotato di Petlyakov Pe-2, questo elegante aéreo era totalmente sconosciuto alla RAF e risultò una gran sorpresa in tutti i sensi, arrivati al punto del Rendezvous, gli Hurricanes ebbero grandi difficoltà nel mantenere il ritmo della velocita d’avanzo di questo grupo di filanti bombardieri. In quel tempo non si sapeva che i sovietici nelle loro missioni usassero il regime militare durante tutta la durazione della missione.
I bombardieri superarono fácilmente la loro scolta e il comandante britannico dovette forzare al massimo i Merlins dei loro Hurricanes, rischiando il surriscaldamento del motore o rimanere senza combustibile, se non voleva che i bimotori sovietici gli lasciassero indietro”

Saludos
MC72

iz7Hv2memKVyX.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

ibiW6L6ga6D72C.jpg

Negli ultimi mesi del 1944, M.V.F.Short Vicepresidente delle relazioni pùbbliche con il Pentagono della Lockheed , suggerì che ci sarebbe stata una necessità per un aereo a getto d’addestramento, e il P-80 Shooting Star sarebbe stato una buona base per questa idea……. La risposta non si fece aspettare ….. “ ¡¡DIÁVOLO Mac ¡!!, il P-80 è il nostro migliore caccia, che mai abbiamo avuto! Perchè trasformarlo in un Giocattolo ??? ”

Quattro anni più tardi, e come iniciativa particolare della Lockheed, faceva le prime prove di volo un P-80C modificato con doppia cabina ridisegnato come TF-80C e più tardi come T-33A.

Certamente nessuno nella Lockheed si aspettava che dopò aver venduto l’ impresionante cifra di ben 1718 caccia F-80 (P-80) Shooting Star; Del T-33A si sarebbero prodotto la fantástica cifra di ben ….5961 ¡!! T-33A Silver Bird (conosciuto universalmente come “T-Bird”) trasformando questo aviogeto in uno dei più Grossi Colpi della Lockheed di tutti i tempi ¡!!

Questa creazione di Clarence“Kelly “Johnson oltre a serviré in tutti y servizi degli Stati Uniti è stato esportato a ben 40 differenti forze aeree di tutto il mondo (includendo l'Italia), trasformandosi nel addestratore universale dell’ occidente, e l’aereo da battere per chi volesse competeré nel mondo dell’addestramento militare, come lo fece il Macchi MB-326

65 anni dopo il suo primo volo, Ancora 18 T-33(2013) séguono operando in Bolivia ¡!

Incredibilmente non c’era un buón spaccato di un aéreo con tanto successo, per il quale, ho modificato uno spaccato di Mike Badrocke per trasformarlo nella versione più famosa e diffusa del Shooting Star, anche se somigliano abastanza il F-80C e il T-33A, ci sono parecchi cambi , arrivando a questa versione in italiano per il Forum.

 

Saludos

MC72

ibfJHa14Sm4O6c.jpg

Edited by MC72

Share this post


Link to post
Share on other sites

iLmflRnZX0PtZ.jpg

In cerca d'un aereo a getto d'addestramento per la Forza Aerea Cilena (FACh) ai principi degli anni 80’ ,si giunge a selezzionare l'aereo Spagnolo della CASA C.101 B "Aviojet", arrivando 12 unita di questo aviogetto nel 1982; Come il fabbisogno di aeronavi di combattimento di qualsiasi tipo era una grande necessità per la Forza Aerea Cilena, per l'embargo militare di armi contro il Regime Miltare di quei anni e le grosse grane con paesi limitrofi come il Perù e soprattutto l'Argentina che minacciava di andare in guerra per alcune isole pròssime all'Isola di Terra del Fuoco, poi con la conosiuta invasione delle Isole Falklands e Georgia del Sud, andò invece in guerra contro L'Inghilterra lo stesso anno.

La Forza Aerea Cilena (FACh) quindi chiese nel 1982 alla CASA spagnola, che sviluppasse una versione Ripotenziata e con maggiore autonomia, per compiti di attacco, interdizione e CAS, ne uscì il modello Casa C.101 CC, e costruito su licenza dalla ENAER Cilena come A-36 Halcón (Falco), prestando da allora servizio nelle file della FACh ma il suo retiro è molto pròssimo , quest'anno si sceglie il suo rimpiazzo tra cui cùi figura l'Alenia Aermacchi M-346 Master, che compete con il clàssico Bae Hawk e il KAI T-50 Golden Eagle

 

Saludos

MC72

ibbyHoFAQjbUvr.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

iX6fxt7cBqlVW.jpg

Questo aereo d'addestramento a getto abbastanza sconosciuto, é in forza in Cina e Paquistan, ampliamente presente in numerose Forze Aeree Africane e facendo il suo debut in Sud-America, con la Forza Aerea Venezolana (FAV) e finalmente con la Forza Aerea Boliviana (FAB) que dal 2011 a cominciato il rimpiazzo degli últimi Lockheed T-33 operativi del mondo (dopo 60 anni di servizio)

Questo aereo ha anche capacitá d'interdizione e attacco leggero con capacitá equivalenti al Alenia-Aermacchi M-311

l' HONGDU JL/K-8 KARAKORUM ha presentato certi problemi con il motore WS-11 copia Cina del Russo Ivchenco Al-25 TLK producendo alcune perdite di velivoli

Lo Spaccato del Hongdu JL/K-8 KARAKORUM é una elaborazione personale, che ha richiesto abbastanza lavoro investigativo per sviluppare e raffinare.....

 

Saludos

MC-72

iCI0EOhT9rmET.jpg

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

EMBRAER KC-390

Nel Brasile , l'Embraer è impegnata nei primi prototipi del KC-390 che adesso in fase di construzione vedranno i primi voli nel 2016, il KC-390 è il cargo militare che rimpiazzarà gli Hercs "H" e"J" della forza Aèrea Brasiliana e di varie altre forze aeree militari, infatti più grande degli Hercules, volara più rapido più alto e con maggiori pesi su distanze sostanzialmente simili.

Qui uno splendido Spaccato publicato su Flight e realizzato da Tim Hall (2014)

 

Saludos

MC72

ikbpSRTbKmt9G.jpg

Edited by MC72

Share this post


Link to post
Share on other sites

La collana di libri "AIRCRAFT" conteneva molti di questi spaccati,specialmente il volume 1.

Share this post


Link to post
Share on other sites

iRHHhtXOdprt4.gif

Il progetto del Consolidated B-24 Liberator fu avviato all'inizio del 1939 su richiesta dell' United States Army Air Corps che voleva un bombardiere pesante più moderno e dotato di prestazioni più elevate del B-17. Fu il più diffuso bombardiere pesante alleato, e la sua produzione (18.442 esemplari) fu la più elevata in assoluto tra i bombardieri della seconda guerra mondiale.

Era una macchina eccellente e versatile, ma non troppo amata dagli equipaggi in quanto a differenza del suo predecessore B-17, che si era rivelato incredibilmente robusto essendo in grado di tornare alla base con parti vitali danneggiate gravemente, il B-24 non era in grado di sopportare seri danni in combattimento.

Il Terzo Reich dovette per la prima volta affrontare queste poderose macchine da guerra nel 1943.

 

Come curiosità, l'11 gennaio del 1943 un B-24 Liberator fu catturato in Italia dopo fare un atterraggio d'emergenza vicino a Salerno, l'aereo impressionò molto le cupule della Regia che che chiesero all'ingegnere Casiraghi di farne una versione italiana che però, rimase inconclusa e conosciuta come Piaggio P.133 070711_P.133_01-680x328.jpg

Questo spaccato realizzato da Alfonso Rigato apparso sulla rivista Aerei .....molti anni fa, ne da un idèa delle soluzioni interna di questo Bombardiere dell'USAAF

 

Saludos

MC72

 

ifqDCQrjQAvVV.jpg

Edited by MC72

Share this post


Link to post
Share on other sites

ijXN5resQv3Xl.gif

 

Un aerèo che non ha bisogno di presentazioni........

il migliore del suo tipo prodotto dall'industria Italiana durante la Seconda Guerra Mondiale, non arrivò a tempo per entrare nelle file della Regia Aeronautica, quindi si trasformò nel cavallo di battaglia Dell'Aeronautica Nazionale Republiccana dove in quei terribili mesi finali, svolse la sua carriera in mano di selezzionati piloti che anche se in constante svantaggio numerico, finalmente avevano un purosangue equivalente in prestazioni e armamento ai più agguerriti rivali.

Questo spaccato è un collage ritoccato di diversi frammenti di spaccati provenienti di diversi autori (Weal, Rigato) completato nelle parti mancanti e quindi completato con le sue leggende

Saludos

MC72

iEVigEakqbOaW.jpgmc72

Share this post


Link to post
Share on other sites

HENSCHEL HS 129B-2

 

Ùnico aereo espressamente disegnato per la caccia ai carri armati nel III Reich, sebbene dotato d'un amplio potere di fuoco molto efettivo, il suo ingresso nel teatro di guerra fu nella seconda metà della Seconda Guerra Mondiale, quindi quando la Luftwaffe non godeva già più della superiorità aerea per l'adeguata protezione di queste operazioni.

Per presentare una minima sezione frontale contro il fuoco terrestre, l'abitacolo del HS 129B-2 era molto ristretto e blindato obbligando ai proggettisti incluso a riubicare gli orologi dei controlli nella cappotta esterna dei motori, come si vede in questo spaccato di John Weal

 

Saludos

MC72

iblIk4y4ytopGv.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

ibpZ9o6WeFunXN.jpg

Quando entrò in servizio in Italia nel 1936 era l'unico bombardiere costruito interamente in metallo in Italia ed uno dei più moderni velivoli al mondo della sua categoria.

Ebbe il suo battesimo del fuoco nel 1937, con le insegne dell' Aviazione Legionaria nella Guerra Civile Spagnola , durante la quale costituì la spina dorsale delle operazioni di bombardamento dei Nazionalisti insieme al Heinkel, He.111.

Colgo l'occasione di presentare lo stesso soggetto da due eccellenti artisti...

Prima rispolverando questo bell spaccato di un Fiat Br.20M realizzato da Alfonso Rigato, corrisponde a una versione posteriore del Br.20, cioè la "M" col naso leggermente allungato e prodotto in 264 esemplari, egregiamente rappresentato da Rigato, aggiunge dettagli meccanici come la postazione inferiore per il mitragliere in una specie di guscio che si apre quando operativo o la struttura tubulare del carrello di coda

 

iBGdzn3H5iswg.jpg

 

Il Secondo Spaccato corrisponde alla versione iniziale Br.20 prodotta in 233 esemplari, colto in una opptima perspettiva da quell'altro straordinario artista che è John Weal, che in unos stile asciutto e ben valorizzato raccoglie egregiamente l'essenza di questo bombardiere della Fiat nella sua prima versione.

Personalmente aggiungo il profilo di Pre-guerra del Br.20 prototipo ancora con la coccarda tricolore nel timone

 

izXnpwXmI5KyJ.jpg
Saludos
MC72

Edited by MC72

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

×