Jump to content

dalla Russia di Putin


Guest intruder
 Share

Recommended Posts

Forse sarò "ai limiti della paranoia" (in tal caso serenase anche per me!) però ricordo che un generale del SAC degli anni '70-80 .intervistayo per un "documentario First Strike" disse che nonostante gli immensi arsenali e la tecnologia avanzata NON era stato tentato un primo colpo nucleare perchè principalmente nessuno aveva "abbastanza esperienza" per sapere se, al di là dei calcoli teorici, fosse davvero in grado di vincerlo disarmando il nemico

Ora, nella guerra fredda le potenze nucleari contro cui eventualmente tentare un FS erano tutte alleate fra loro, e quindi non ci sarebbe stato un "dopo" per mettere a frutto l'esperienza (per fortuna) in quanto un attacco contro una avrebbe scatenato l'azione delle altre, però OGGI non è così. Immaginiamo, per esempio, che le relazioni fra Nord corea e russia, o fra Iran e Russia, peggiorino di colpo e che ci fosse un "pretesto plausibile" per un attacco nucleare contro i suoi siti fortificati; la Russia di Putin acquisirebbe l'esperienza per il suo First Strike (quindi verrebbe meno una riserva potente sull'uso di questo metodo), e il Mondo non troverebbe abbastanza motivi per intervenire energicamente.

se davvero la principale remora è proprio la mancanza di esperienza pratica, una volta che questa limitazione viene a mancare ci sarebbero tutti i presupposti per un First Strike

Edited by Simone
Link to comment
Share on other sites

Guest intruder

Sì, rispecchia abbastanza bene il sentimento condiviso della popolazione. Inutile stare a chiedersi le colpe di chi sono, non finiremmo mai di discutere.

Link to comment
Share on other sites

Guest intruder

June 20, 2009: The global economic recession is hitting Russia hard (because it is so dependent on raw materials exports, especially oil and gas.) The GPD was down 9.5 percent in the first quarter, and industrial output shrank 17 percent last month. The government now expects GDP to shrink 6-8 percent for the year. But current budgets are based on a 2.2 percent drop. So more cuts in spending are mandatory, and the defense budget will not be immune.

Counter-terrorism operations in the Caucasus have left over a hundred people dead, wounded or under arrest so far this month. The violence down there is partly due to Islamic terrorism, but most of it is caused by the fact that the Caucasus has always been full of troublesome people. Russia took over the area in the 19th century as part of an effort to stop the raiding into southern Russia. The usual suspects are still at it.

 

Several retired officers have come forward and pointed out that, despite the installation of new, S-400 anti-aircraft missile systems around Moscow, the city's air defenses have basically fallen apart since the 1990s. The government made a big deal about installing the S-400s, but nothing was said about all the support gear (radars, communications) needed to provide an integrated air-defense system. These items have not been updated for two decades, and effectiveness has suffered.

 

June 17, 2009: Another Su-24 all-weather bomber crashed. Despite many earlier problems with this aircraft type, the air force did not ground all Su-24s until the cause of the recent crash could be determined.

 

June 16, 2009: Russia used its veto in the UN Security Council to block the continuation of the UN monitoring team that has been patrolling the border between Georgia and the separatist province of Abkhazia (which was recently annexed by Russia.)

 

June 10, 2009: In Ingushetia, a senior judge was killed by Islamic militants, while she was taking her children to school. The judge, Aza Gazgireyeva, had been investigating earlier attacks. Killing judges and senior police officials is a favorite tactic in the region, as it often discourages prosecution of criminals.

 

June 9, 2009: A series of raids and search operations along the Chechnya-Ingushetia border are believed to have led to the death of Islamic terrorist leader Doku Umarov. He replaced the former head of the "Caucasus Emirate", Abdul-Khalim Sadulayev, who was killed three years ago. It later turned out that the dead man was not Doku Umarov (who has been fighting the Russians since 1994).

 

June 5, 2009: The interior minister of Dagestan (Lieutenant General Adilgerei Magomedtagirov), while leaving a wedding reception, was assassinated by a sniper. This was the fourth attempt to kill him in the last four years. Police are not sure if the killers were Islamic militants, political rivals or gangsters. All three groups were out to get Magomedtagirov.

 

June 1, 2009: Police charged two Ingush men with building the bomb used in a 2007 train bombing that injured 30 people. The incident occurred on the rail line between Moscow and St Petersburg. Police are still searching for the man who placed the bomb.

 

May 29, 2009: The government told the UN that it will veto any attempt to impose more sanctions on North Korea, the wake of the recent North Korea nuclear weapons test. Russia wants to try and talk North Korea down from its increasingly dire positions (politically and economically). Meanwhile, 1,600 kilometers east of the capital, a chemical munitions destruction plant (built with American technical and financial assistance) was opened. The plant will destroy over two million artillery shells filled with nerve gas.

 

May 28, 2009: In the southern (Caucasus) province of Kabardino-Balkaria, police killed three Islamic terrorists, one of them a leader (of a 2005 attack that killed 130 people), Anzor Astemirov. Elsewhere, police arrested several dozen active and retired military officers, who had been stealing and smuggling millions of dollars worth of anti-aircraft missile parts out of the country each year. Police seized 22 tons of such parts. The gang also had members in Belarus and Ukraine. Such scams actually date back to the Soviet period, and grew more ambitious in the 1980s, just before the Soviet Union collapsed.

 

May 26, 2009: In Dagestan, which borders Chechnya, an assassin killed a senior Moslem cleric, who had been outspoken in his opposition to Islamic radicalism.

 

May 24, 2009: Ingushetia, in the Caucasus, and neighboring Chechnya, was the scene of several clashes between police and various armed groups (political, or just gangsters) in the last week. Nothing unusual in this part of Russia, especially when you consider that the political corruption here is pretty bad. There aren't many people involved in making these attacks, which include roadside bombs, assassinations and ambushes, and more police are being assigned to hunt down the terrorists.

 

May 21, 2009: A military communications satellite was launched from the Plesetsk space center (some 800 kilometers north of the capital, near the port of Archangel). In the last few years, Russia has been rebuilding its satellite fleet, which had deteriorated in the 1990s, when there was no money to replace satellites that had worn out (most have useful lives of less than ten years.) The Russian satellite fleet is much smaller than the Soviet one, but uses higher quality birds, since there is now access to more Western technology.

 

 

 

http://www.strategypage.com/qnd/russia/art...s/20090620.aspx

Link to comment
Share on other sites

Guest iscandar

Indubbiamente va messo qui, poi se i moderatori reputano che sia importante creino un topic nuovo

 

Delitto Politkovskaya, caso riaperto

Annullata la sentenza d'assoluzione

La Corte Suprema invalida la sentenza che assolveva i presunti killer della giornalista uccisa nel 2006

 

 

MOSCA - La Corte Suprema russa ha annullato la sentenza di assoluzione dei presunti killer della giornalista Anna Politkovskaya , uccisa nel 2006, e ha ordinato la riapertura del processo.

 

PROCESSO DA RIFARE - La Corte ha così accolto il ricorso della procura, presentato dopo che lo scorso febbraio una corte militare integrata da giudici popolari aveva assolto all'unanimità i tre imputati dell'omicidio - tutti ceceni - della giornalista, uccisa nell'ascensore della sua abitazione a Mosca il 7 ottobre 2006. I tre imputati sono l'ex dirigente della polizia moscovita Serghei Khadzhikurbanov, accusato di essere l'organizzatore logistico del delitto, e i fratelli Dzhabrail e Ibragim Makhmudov, presunti "pedinatori" della vittima (un terzo fratello, Rustan, è ricercato all'estero come presunto killer). Khadzhikurbanov si trova in carcere perché arrestato poco dopo l'assoluzione per una vicenda di estorsione, mentre non è noto dove si trovino i due fratelli Makhmudov.

 

Ordinata la riapertura del processo contro del gruppo di ceceni accusati di aver ucciso

la giornalista "scomoda", che non piaceva al governo e al presidente russi

L'omicidio di Anna Politkovskaia

Corte Suprema: assoluzioni nulle

 

este_25105120_51340.jpg

Anna Politkovskaya

MOSCA - La Corte Suprema russa ha annullato la sentenza di assoluzione per le tre persone accusate dell'omicidio della giornalista Anna Politkovskaia, uccisa nell'ottobre del 2006, e ha ordinato la riapertura del processo. Lo riferisce l'agenzia Interfax.

 

La Corte dunque ha accolto il ricorso della procura, presentato dopo che lo scorso febbraio una corte militare integrata da giudici popolari aveva assolto gli imputati imputati dell'omicidio - tutti ceceni - della giornalista, uccisa nell'ascensore della sua abitazione a Mosca.

 

Nel febbraio di quest'anno, la giuria aveva ritenuto non provate le responsabilità degli imputati. Si tratta dell'ex dirigente della polizia moscovita Serghei Khadzhikurbanov, accusato di essere l'organizzatore del delitto per conto di un mandante non ancora identificato; dei fratelli ceceni Dzhabrail e Ibragim Makhmudov, presunti 'pedinatori' della giornalista. Al quarto imputato, l'ex colonnello dei servizi segreti Pavel Riaguzov, erano contestati reati minori insieme allo stesso Khadzhkurbanov: abuso d'ufficio ed estorsione. Riaguzov, in particolare, avrebbe fornito l'indirizzo della Politkovskaia (trovata morta nell'atrio della sua abitazione) al gruppo ceceno.

 

La decisione della giuria aveva provocato lo sdegno e la delusione dei colleghi della giornalista, famosa per le sue critiche aperte all'allora presidente Vladimir Putin e per le sue denunce della violazione dei diritti umani nel conflitto ceceno. "Fin dall'inizio sarei stato d'accordo con qualsiasi decisione dei giurati, che apparivano persone molto preparate e serie - aveva dichiarato Dmitri Muratov, direttore di Novaia Gazeta, il giornale per cui lavorava Politkovskaia - Ma devo dire che il caso non sarà chiuso, e che la principale inchiesta è ancora in corso".

Edited by iscandar
Link to comment
Share on other sites

ecco cosa è successo:

25/6/2009

Mosca,blitz di Putin in supermarket

Caro-prezzi, "salsicce troppo care"

 

Blitz di Vladimir Putin in un supermercato di Mosca per toccare con mano il caro-prezzi. Il premier russo è entrato in un negozio della catena Perekrestok e, nello stupore di tutti i presenti, si è rivolto al direttore della filiale: "Perché queste salsicce costano 240 rubli (5,5 euro)?", ha chiesto. Dopo la risposta affermativa che ha giustificato la qualità del prodotto, Putin ha ribadito: "Troppo care, domani abbasseremo i prezzi".

 

Secondo quanto racconta la stampa nazionale, Putin avrebbe interrotto una riunione con il governo su una nuova legge che dovrebbe garantire nel Paese prezzi più equi contro la crisi economica per andare a verificare di persona la situazione.

 

Poi il leader è ritornato alla Casa Bianca, sede del governo, per continuare la riunione.

TGcom

 

se la notizia è vera ha veramente fatto una cosa utile...anche se non so per che ma sa di manovra pubblicitaria.

Nell'articolo è presente un errore dato che nell'ultima riga parla della Casa Bianca...

EDIT:

ho sbagliato io esiste anche una Casa bianca "russa"

Edited by F-14
Link to comment
Share on other sites

E come fa ad abbassare i prezzi se in Russia oramai l'economia è quasi tutta incentrata sul settore estrattivo? Con calmieri, anche la roba che c'è sarà presto fatta sparire per tornare al mercato nero.

Mossa di propaganda, forse, perchè c'è del malcontento sull'economia quasi come all'epoca di Andropov?

Link to comment
Share on other sites

  • 2 weeks later...

sembra che la Russia voglia iniziareuna nuova era in merito alla riduzione delle testate nucleari a livelli decisamente minori rispetto ad oggi ma non mancano le voci di chi sostiene che con meno testate una guerra termonucleare potrebbe diventare seriamente "vincibile" magari da chi inizia per primo. la cosa non è tranquillizzante, non vorrei che fosse un ingegnoso trucco dell'astuto Putin; da un lato fa disarmare gli avversari, all'altro costruisce "armi da first strike" come i bulava- che prima o poi funzioneanno anche loro...- ed i topol-m, con i quali davvero un attacco di sorpresa potrebbe avere ragione contro una manciata di testate ancora attive

Edited by Simone
Link to comment
Share on other sites

Le hanno ridotte perchè a livello economico conviene così, per il resto 1600 testate bastano e avanzano.

 

Nulla cambia e le sparate di "un futuro senza armi nucleari" si sentono ogni volta che si firma un qualcosa.

Link to comment
Share on other sites

MOSCA - Stati Uniti e Russia si impegnano a ridurre

gli arsenali atomici a 1.500-1675 testate e sino a 500-1.100 vettori balistici, per ciascun paese, entro sette anni. L'accordo storico è stato firmato oggi a Mosca dal presidente russo Dmitri Medvedev e dal presidente americano Barack Obama, insieme ad altri sette documenti, a conclusione del vertice bilaterale tenuto oggi a Mosca, prima tappa del viaggio europeo del presidente Usa in vista del G8 dell'Aquila e anche prima visita ufficiale di Obama in terra russa.

 

Gli accordi sono stati soprattutto di natura militare-strategica. Un altro punto importante riguarda l'Agfghanistan, una zona "calda" dove oggi sono impegnati gli americani come lo furono trent'anni fa i sovietici. La Russia permetterà infatti l'utilizzo del proprio spazio aereo per il transito dei soldati americani e del materiale militare diretto in Afghanistan. Una concessione significativa, visto l'interesse prioritario da parte degli Stati Uniti per la guerra ai Taliban, e nell'ottica di rilanciare le relazioni fra Mosca e Washington alquanto tese.

 

Proprio su questo tema - far ripartire con un nuovo inizio un rapporto che è diventato negli ultimi anni molto complicato - i due presidenti hanno molto insistito durante la conferenza stampa congiunta, sottolineando come sia prioritario ricercare un "dialogo degno del 21esimo secolo".

 

La principale divergenza resta sullo scudo antimissile e sulla Georgia la cui sovranità, ha detto Obama, deve essere rispettata, in riferimento al riconoscimento da parte russa delle due repubbliche separatiste dell'Abkhazia e dell'Ossezia del Sud. Ma Russia e Stati Uniti riprenderanno la collaborazione a livello militare "sospesa dall'agosto 2008", dopo lo scoppio del conflitto russo-georgiano, ha assicurato la Casa Bianca. I comandanti delle forze americane e russe, l'ammiraglio Michael Mullen e il generale Nikolai Makarov, hanno firmato, a margine del vertice tra i due capi di Stato, un nuovo quadro strategico di scambio di cooperazione.

 

L'incontro di oggi è stato definito sia da Medvedev che da Obama "proficuo" e "produttivo". Il presidente russo ha parlato di passi concreti raggiunti con la firma dell'intesa comune sulla riduzione degli armamenti nucleari, "elemento base per la sicurezza reciproca", e Obama ha definito l'accordo "un importante passo verso la sicurezza nucleare e contro la proliferazione delle armi nucleari". Le divergenze con Washington sullo scudo antimissile rimangono, non nasconde il presidente russo, ma è stato firmato un documento per proseguire il negoziato. Per Medvedev è stato trovato un compromesso ragionevole in vista del nuovo trattato sul disarmo nucleare che sostituirà lo Start a fine anno. E una cooperazione a tutto piano fra i due paesi, potrà portare vantaggi per tutti e garantire la pace mondiale.

 

"Dobbiamo dare l'esempio perché le altre nazioni seguano la nostra strada", ha aggiunto Obama, citando fra le minacce internazionali Corea del Nord e Iran ed i rischi di una corsa agli armamenti in Medio Oriente. Fra le minacce da combattere insieme, il presidente americano mette ai primi posti Al Qaeda e apprezza la concessione da parte di Mosca dello spazio aereo per il transito da e per l'Afghanistan, che farà risparmiare agli Usa tempo e denaro. "Crediamo fortemente in una nuova cooperazione, non pretendiamo di essere d'accordo su tutto ma collaboriamo sugli interessi comuni per costruire una relazione più costruttiva, ha detto ancora il presidente americano. Obama ha proposto a Medvedev di organizzare insieme a Mosca il prossimo anno un vertice globale sulla sicurezza cui invitare tutti i paesi interessati.

Usa-Russia, storico accordo sul nucleare "Un dialogo degno del 21esimo secolo"

 

La first lady russa Svetlana Medvedeva con Michelle Obama

 

Il trattato di riduzione degli arsenali americani, che entrambe le parti sperano di concludere per la fine dell'anno, sostituirà l'attuale Start del 1991, che scade a dicembre. La dichiarazione di intenti, già preannunciata, darà così il via ai negoziatori per mettere a punto il trattato proprio per la firma a dicembre.

 

Obama si è detto sicuro che i due Paesi potranno

"avanzare sulla direzione tracciata a Londra", un riferimento al primo incontro con Medvedev a margine dello scorso G20. "Su tutte le questioni, come sicurezza, economia, energia, tutela dell'ambiente, tra Usa e Russia ci sono molte più cose in comune di quelle che ci dividono", ha proseguito il presidente americano. Anche Medvedev si è mostrato fiducioso, soprattutto nella possibilità di avviare una nuova fase dei rapporti bilaterali dopo le tensioni che hanno caratterizzato l'ultimo periodo della presidenza Bush, in particolare con la guerra in Georgia.

 

Dopo i colloqui al Cremlino e la conferenza stampa congiunta, Obama dedicherà a Medvedev anche la serata: il presidente Usa e la first lady Michelle saranno ospiti di una cena nella abitazione del presidente russo con un numero ristretto di invitati. Domani mattina Obama incontrerà invece a colazione il premier russo Vladimir Putin, ancora molto potente, nonostante l'anno scorso abbia lasciato la presidenza, che ha accusato alcuni giorni fa di avere ancora un piede nella Guerra fredda. In seguito vedrà anche Mickhail Gorbaciov.

 

http://www.repubblica.it/2009/04/sezioni/e...do-disarmo.html

 

consiglio anche: http://www.repubblica.it/2009/04/sezioni/e...utin-obama.html

Link to comment
Share on other sites

Non so, ma secondo me non è vero al 100% che Putin sia "il meno peggio" che i Russi possano aspettarsi; Gorbaciov, non certo amnesty nternational, non lo può vedere, e se lo dice un comunista sui generis che Putin sta facendo "peggio del PCUS", beh, c'è da crederci.

E' vero che la Russia non è stata rispettata dai vicini negli anni scorsi, e che il popolo russo può sentirsi un pò offeso per certi film o certe battute che girano sulle inefficenzedella Russia post comunista, ma non è spedendo bombardieri a far baccano con le eliche nel mondo che si guadagna rispetto, almeno secondo me.

Link to comment
Share on other sites

Non so, ma secondo me non è vero al 100% che Putin sia "il meno peggio" che i Russi possano aspettarsi; Gorbaciov, non certo amnesty nternational, non lo può vedere, e se lo dice un comunista sui generis che Putin sta facendo "peggio del PCUS", beh, c'è da crederci.

E' vero che la Russia non è stata rispettata dai vicini negli anni scorsi, e che il popolo russo può sentirsi un pò offeso per certi film o certe battute che girano sulle inefficenzedella Russia post comunista, ma non è spedendo bombardieri a far baccano con le eliche nel mondo che si guadagna rispetto, almeno secondo me.

 

 

Beh se lo dice il peggior politico sovietico/russo di sempre allora c'è da crederci

Link to comment
Share on other sites

Beh se lo dice il peggior politico sovietico/russo di sempre allora c'è da crederci

 

:blink::blink:

Gorbaciov , l'uomo della apertura all'occidente e uno dei fautori della caduta del regime sovietico , della perestroyka e di glasnost , nonchè premio nobel per la pace ,il peggior politico sovietico/russo di sempre ?!

 

Perchè dici questo ?

Link to comment
Share on other sites

:blink::blink:

Gorbaciov , l'uomo della apertura all'occidente e uno dei fautori della caduta del regime sovietico , della perestroyka e di glasnost , nonchè premio nobel per la pace ,il peggior politico sovietico/russo di sempre ?!

 

Perchè dici questo ?

Cosa penso del premio nobel per la pace gorbaciov (tutte le parole rigorosamente in minuscolo! :thumbdown::furioso: ), l'ho espresso chiaramente al punto n° 2, del post n° 289, al link che segue: http://www.aereimilitari.org/forum/index.p...st&p=136141 !!!

Link to comment
Share on other sites

:blink::blink:

Gorbaciov , l'uomo della apertura all'occidente e uno dei fautori della caduta del regime sovietico , della perestroyka e di glasnost , nonchè premio nobel per la pace ,il peggior politico sovietico/russo di sempre ?!

 

Perchè dici questo ?

 

 

L'uomo che voleva portare la dittatura sovietica nel terzo millennio con qualche palliativo ma che è stato talmente incompetente e alienato dalla realtà del suo paese che non ha capito cosa stava innescando (grazie a dio aggiungo).

Link to comment
Share on other sites

L'uomo che voleva portare la dittatura sovietica nel terzo millennio con qualche palliativo ma che è stato talmente incompetente e alienato dalla realtà del suo paese che non ha capito cosa stava innescando (grazie a dio aggiungo).

 

Già , ma da un comunista ci si aspetta che si adoperi per la sopravvivenza del comunismo (come han fatto tutti i suoi predecessori del resto) , cosa lo fa essere peggiore di tutti loro secondo te ? (Individui che han schiacciato la rivolta di Praga coi carriarmati o che hanno portato il mondo sul baratro di una guerra nucleare , per citare le prime cose che mi vengono a mente) .

Link to comment
Share on other sites

Gorbaciov non era diverso da coloro che soffocarono le rivolte precedenti, semplicemente ha avuto meno potere

Gorbaciov e la sua Unione Sovietica sono stati ABBATTUTI da 2 UOMINI: Ronald Wilson Reagan e Giovanni Paolo II !!! :adorazione::adorazione::adorazione:

Link to comment
Share on other sites

Gorbaciov e la sua Unione Sovietica sono stati ABBATTUTI da 2 UOMINI: Ronald Wilson Reagan e Giovanni Paolo II !!! :adorazione::adorazione::adorazione:

 

Secondo me gli uomini che hanno abbattuto l'unione sovietica sono stati marx e lenin e tutti i loro seguaci, non è pensabile che un paese così ricco in tutti i sensi si sia ridotto così (oggi campano già meglio di allora basandosi solo sulle esportazioni energetiche e questo dice molto).

Link to comment
Share on other sites

Gorbaciov non era diverso da coloro che soffocarono le rivolte precedenti, semplicemente ha avuto meno potere

 

"Non era diverso " , ma non era il peggiore ?

 

Ultima domanda , consideri Gorbaciov peggiore anche di Stalin ?

 

 

Gorbaciov e la sua Unione Sovietica sono stati ABBATTUTI da 2 UOMINI: Ronald Wilson Reagan e Giovanni Paolo II !!!

 

Secondo me bisogna aggiungere un'altra persona ... Michail Gorbaciov ! :lol:

Link to comment
Share on other sites

Secondo me bisogna aggiungere un'altra persona ... Michail Gorbaciov !

 

esattamente, la fortuna degli USA è che dopo Breznev i vari successori non riuscirono bene nè a far rispettare i piani quinquennali nè a migliore l'economia sovietica.

 

Sopratutto la crisi del settore agricolo, fortissima nell'era andranov, mi lascia perplesso.

 

ho poco tempo posterò qualche approfondimento in merito appena posso

Edited by Leviathan
Link to comment
Share on other sites

"Non era diverso " , ma non era il peggiore ?

Ultima domanda , consideri Gorbaciov peggiore anche di Stalin ?

 

 

Assolutamente no, ma più stupido senza dubbio.

 

Il baffone è stata una delle incarnazioni dei lati peggiori dell'uomo ma non gli si può certo dire di essere uno sprovveduto o uno stupido mentre uno che oggi è costretto a mendicare compassione portandosi a paladino dei diritti umani quando lui stesso diceva sempre "non occorre democrazia in URSS" et similia è veramente patetico.

 

esattamente, la fortuna degli USA è che dopo Breznev i vari successori non riuscirono bene nè a far rispettare i piani quinquennali nè a migliore l'economia sovietica.

 

Perchè leonid che ha fatto? Al massimo ha ampliato a dismisura l'incredibile burocrazia dell'URSS ma, di fatto, la loro economia è andata sempre peggiorando.

Edited by Dominus
Link to comment
Share on other sites

Gorbaciov forse era troppo idealista e molto avulso dalla realtà, un pò ome il "doppiomento" Veltroni fatte le dovute proporzioni, ma almeno ha avuto il merito di cercare di migliorare una situazione incancrinita. Di dichiarazioni contraddittorie ne ha fatte come succede a tutti i politici fra cui i nostri, e può avere avuto molte idee.

é anche possibile che fosse stato messo al potere come "uomo di rappresentanza" senza effettivo potere nè autorevolezza personale, appunto contando sulla sua ingenuità.

urtroppo chi non è str....zo all'ennesima potenza in politica fa poca strada, e per converso chi lo è ne fa molta come vediamo in molti Paesi

Link to comment
Share on other sites

Gorbaciov forse era troppo idealista

 

Ma il fatto è che non era idealista per niente!

 

Voleva mantenere lo status quo, semplicemente ha provato a rinfrescare la facciata per dare un' immagine diversa e tutta la baracca gli è crollata appresso.

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

×
×
  • Create New...