Jump to content
Unholy

Panavia MRCA Tornado - discussione ufficiale

Recommended Posts

Ho fatto una ricerca e ho appurato che non esiste una discussione che tratti unicamente del Tornado. In compenso ci sono diverse discussioni che trattano del Tornado in relazione a determinati sistemi d'arma (GBU, ASRAAM, JDAM...), quindi ho deciso di aprire questa discussione poichè ho un paio di quesiti di diverso tipo da porre riguardo al Tornado.

 

1)ho visto su Airliners.net questa fotografia di un Tornado F.3 (la versione inglese della variante da difesa aerea ADV) identificato nella coda col il codice "TANGO". La didascalia della foto indicava che il velivolo era un "twin stick Tornado" e per questo nella coda vi era la denominazione "TANGO". Alludeva al doppio comando di volo?! Ma non tutti i Tornado hanno i doppi comandi?! Oppure solo gli ADV o magari alcuni di essi? E' questa la ragione per cui Superades64 (nel topic dell'F-35) parlando dei navigatori del Tornado scriveva che solo quelli assegnati al Tornado ADV avevano l'abilitazione di pilota?

1423741twinsticktornadoqs3.th.jpgthpix.gif

 

2)La RAF ha una versione speciale ECR del Tornado come l'AM e la Luftwaffe? A me pare di no (la versione GR.4 è cosa ben diversa)....in tal caso, quale velivolo assolve attualmente il compito SEAD per gli Inglesi?

Edited by paperinik

Share this post


Link to post
Share on other sites
...

2)La RAF ha una versione speciale ECR del Tornado come l'AM e la Luftwaffe? A me pare di no (la versione GR.4 è cosa ben diversa)....in tal caso, quale velivolo assolve attualmente il compito SEAD per gli Inglesi?

 

 

Dalla scheda del nostro sito: :rolleyes:

Si noti, infine, che anche la RAF si è dotata di un certo numero di Tornado ottimizzati per il ruolo SEAD, ma ha preferito utilizzare a questo scopo alcuni Tornado ADV opportunamente modificati per l'impiego dei missili ALARM.

 

Da http://www.janes.com/extracts/extract/jau/jau_9310.html

Royal Air Force launched an Urgent Operational Requirement (UOR) in 2000 for a limited number of RAF Tornado F3s to be modified with an Emitter Locator System (ELS) for use as an unarmed Suppression of Enemy Air Defence (SEAD) platform. It had long been understood that the F. Mk 3 would make a highly suitable SEAD platform due to its tail and wing-glove mounted Radar Homing And Warning System (RHAWS) antennas - giving it an extremely effective Emitter Locator System (ELS). Sources suggest that the aircraft is able to pinpoint enemy radars with greater precision than dedicated SEAD aircraft like the Tornado ECR and F-16CJ. Furthermore, the Tornado F. Mk 3s Joint Tactical Information Distribution System (JTIDS) datalink provides key links to other strike assets as well as to decision-makers.Several SEAD demonstration sorties were flown over the Spadeadam electronic warfare range by 2002, with further reports that the F3 Operational Evaluation Unit (OEU) as it was at the time received one BAE Systems Thermal Imaging And Laser Designation (TIALD) pod, possibly for trials to gain a precision-guided munition designation role.In early 2003, it emerged that 12 RAF Panavia Tornado F. Mk 3s had indeed been modified with the ELS under a hastily introduced new Urgent Operational Requirement (UOR) as part of the build up to Operation 'Telic'. These aircraft, known as Tornado EF. Mk 3Bs, had been further equipped to carry the MBDA Air-Launched Anti-Radar Missile (ALARM) on two underfuselage pylons, giving the upgraded Tornado F. Mk 3s a

 

Da http://www.raf.mod.uk/equipment/tornadof3.cfm:

In the months before the 2003 Gulf War, a small number of Tornado F3s underwent a modification programme to allow them to operate in the Suppression of Enemy Air Defences (SEAD) role. The modifications permitted the carriage of a pair of ALARM missiles in place of the Skyflash or AMRAAM missiles, but the modified aircraft were not in the event deployed during the conflict.

In its usual air defence role, the F3 can receive real-time information on approaching targets through a datalink from patrolling Airborne Early Warning Sentry aircraft and attack nominated targets using AMRAAM missiles. In the anti-radar role, F3s can pass information on the location of an opponent's radar site back to the Sentry or ground-stations for onward relay to other aircraft or ground forces.

Edited by lender

Share this post


Link to post
Share on other sites
Ho fatto una ricerca e ho appurato che non esiste una discussione che tratti unicamente del Tornado. In compenso ci sono diverse discussioni che trattano del Tornado in relazione a determinati sistemi d'arma (GBU, ASRAAM, JDAM...), quindi ho deciso di aprire questa discussione poichè ho un paio di quesiti di diverso tipo da porre riguardo al Tornado.

 

1)ho visto su Airliners.net questa fotografia di un Tornado F.3 (la versione inglese della variante da difesa aerea ADV) identificato nella coda col il codice "TANGO". La didascalia della foto indicava che il velivolo era un "twin stick Tornado" e per questo nella coda vi era la denominazione "TANGO". Alludeva al doppio comando di volo?! Ma non tutti i Tornado hanno i doppi comandi?! Oppure solo gli ADV o magari alcuni di essi? E' questa la ragione per cui Superades64 (nel topic dell'F-35) parlando dei navigatori del Tornado scriveva che solo quelli assegnati al Tornado ADV avevano l'abilitazione di pilota?

1423741twinsticktornadoqs3.th.jpgthpix.gif

 

2)La RAF ha una versione speciale ECR del Tornado come l'AM e la Luftwaffe? A me pare di no (la versione GR.4 è cosa ben diversa)....in tal caso, quale velivolo assolve attualmente il compito SEAD per gli Inglesi?

Dunque..no.Io mi riferivo asolo ed esclusivamente ai Tornado ADV italiani.Infatti per una questione d'urgenza fu deciso in ambito AM di convertire dei piloti di 104 per fare i navigatori,dato che quest'ultima categoria non dispone degli Ufficiali di complemento e vengono dai corsi regolari d'accademia(quindi 4 anni di formazione);in seguito vennero presi dai corsi normali dei navigatori anche a seguito di ricorsi dei piloti che erano entrati in accademia per fare i piloti e non il RIO/WSO.Detto questo sia l'ADV che l'IDS dispongono di versione Tranier a doppi comandi come OCU ed esse sono grosso-modo uguali per capacità a quelle operative.

Edited by super64des

Share this post


Link to post
Share on other sites

Grazie a entrambe per le -prontissime- risposte.

 

Dunqueda quello che ha scritto Superades64 mi par di capire che non tutti i Tornado hanno il doppio comando. Ma non è una scelta poco sicura?! Nell'ipotesi in cui venga a mancare il pilota (ad esempio per un improvviso malore) al navigatore non resterebbe che l'eiezione?! Non sarebbe stato più opportuno abilitare al volo anche i navigatori (come accade ad esempio per la USN, dove il RIO dei Tomcat e il WSO dei SuperHonrnet sono comq piloti)? oppure si ritiene l'ipotesi così marginale da non giustificare le spese necessarie per addestrare un navigatore al volo base?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Grazie a entrambe per le -prontissime- risposte.

 

Dunqueda quello che ha scritto Superades64 mi par di capire che non tutti i Tornado hanno il doppio comando. Ma non è una scelta poco sicura?! Nell'ipotesi in cui venga a mancare il pilota (ad esempio per un improvviso malore) al navigatore non resterebbe che l'eiezione?! Non sarebbe stato più opportuno abilitare al volo anche i navigatori (come accade ad esempio per la USN, dove il RIO dei Tomcat e il WSO dei SuperHonrnet sono comq piloti)? oppure si ritiene l'ipotesi così marginale da non giustificare le spese necessarie per addestrare un navigatore al volo base?

Direi la seconda;in ogni caso tieni conto che le versioni doppio comando hanno alcune limitazioni operative,dato che per mettere i doppi comandi e gli strumenti ad essi associati per forza di cose eliminare parte delle consolles dedicate al lavoro d navigatore(guarda ad esempio la foto di back seater di un IDS operativo e un trainer,e vedrai moltissime differenze.).Infatti se guardi velivoli come gli F18D o gli F USA vedi come per l'impiego trainer utilizzano i doppi comandi,ma per l'impiego operativo vengono convertiti(mi sembra in un ora grazie alla modularità degli apparati)con l'aggiunta delle suddette consolles.Una limitazione degli IDS trainer ad esempio è l'impossibilità di utilizzare il Pod designatore.

 

EDIT:le foto dei cockpit del navigatore del Tornado sono abbastanza rare(almeno facendo una breve ricerca sul web);ho fotografato,non avendo uno scanner,un'immagine da una vecchissima enciclopedia;scusate quindi,la scarsa qualità

 

img1170yu3.th.jpgthpix.gif

A sinistra c'è il cockpit di una versione operativa a destra del trainer

Edited by super64des

Share this post


Link to post
Share on other sites

Aprendo da Aeronautica e Difesa che si stanno apportando importanti modifiche avioniche (addirittura il software del main computer) ai tornado It.ECR dell'AMI, che saranno a breve aggiornati al protocollo standard NATO Link 16. Al momento sono in corso i collaudi presso il RSV. Gli IDS dell'AMI sono già stati portati a questo standard?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Aprendo da Aeronautica e Difesa che si stanno apportando importanti modifiche avioniche (addirittura il software del main computer) ai tornado It.ECR dell'AMI, che saranno a breve aggiornati al protocollo standard NATO Link 16. Al momento sono in corso i collaudi presso il RSV. Gli IDS dell'AMI sono già stati portati a questo standard?

Da quel che sapevo gli IDS 1st MLU erano solo predisposti ma non ne sono sicuro;dovrei ricontrollare i vari step previsti.Forse quelli inviati in Afghanistan hanno avuto delle modifiche d'urgenza,dato che il link 16 sarebbe sicuramente utile(non dico obbligatorio perchè quelli Tedeschi non credo l'abbiano installato).

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ho controllato io:

dai miei sacri testi (A&D,Rivista Aeonautica,ecc. ecc.), la modifica 1st upgrade MLU,

non prevedeva ne l'introduzione del link 16, ne la predisposizione.

Sembrerebbe una modifica ulteriore dell'avionica..

 

Riguardo gli aerei inviati in Afghanistan, non si hanno notizie di nessun tipo se siano stati modificati o no.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Scusate la domanda stupida, ma da cosa dipende l'idea di progettare un aeroplano con uno o due piloti? Nel senso: se aerei come f15, f16, f18, volano tranquillamente con un solo pilota, come mai altri come tornado ed f14 necessitano di un secondo pilota? E' "solo" una questione di sviluppo tecnologico? Oppure c'è qualche vantaggio nello avere due piloti?

Share this post


Link to post
Share on other sites

è una questione di avionica, in genere. aerei con un avionica particolarmente complessa bisognano di un secondo membro dell'equipaggio che se occupi. inoltre, 4 occhi sono sempre meglio di 2 ;)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Senza dimenticare che la versione da attacco al suolo del F15 (strike eagle) è un biposto, quindi con pilota e WSO.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Ho controllato io:

dai miei sacri testi (A&D,Rivista Aeonautica,ecc. ecc.), la modifica 1st upgrade MLU,

non prevedeva ne l'introduzione del link 16, ne la predisposizione.

Sembrerebbe una modifica ulteriore dell'avionica..

 

Riguardo gli aerei inviati in Afghanistan, non si hanno notizie di nessun tipo se siano stati modificati o no.

Dunque leggendo Rivista Aeronautica,attualmente in edicola,si parla di una modifica effettuata a 3 IDS e a 3 ECR per poter operare con il Link 16 e che tale capacità sia stata provata durante l'esercitazione Trial Hammer.Nello stesso numero si specifica che i Reccelite non hanno ancora la capacità di trasmissioni dati ma che questa verrà implementata nei prossimi mesi.

Share this post


Link to post
Share on other sites

I Tornado italiani avranno un nuovo dispenser pod per le contromisure. La svedese Saab Avitronics si è aggiudicata il contratto per l'aggiornamento e l'implementazione di nuovi sensori sui pod già in dotazione all'intera flotta (spero ve la caviate con l'inglese perchè non ho molto tempo per tradurre).

 

Saab Avitronics wins Italian Tornado contract

 

Saab Avitronics has received a contract of undisclosed value to provide a variant of its BOZ Enhanced Capability (EC) countermeasures dispenser pod for the Italian air force's Panavia Tornado fleet.

 

Covering an unspecified number of systems, the contract addresses an urgent operational requirement to enhance the protection of Italian Tornados against shoulder-launched, infrared-guided surface-to-air missiles in Afghanistan, where a detachment of reconnaissance-configured Interdictor Strike aircraft are now deployed.

 

Saab Avitronics will refurbish and upgrade existing Italian air force BOZ-102 pods with its compact defensive aids suite, which includes an electronic warfare controller, four-sensor MAW-300 ultraviolet-based missile approach warning system and five BOP countermeasures dispensers.

 

The new BOZ-102EC self-protection system (computer-generated image below) has a mass and centre of gravity within the clearance tolerances of the baseline design, and keeps the existing aircraft interface. No specific integration activities are foreseen for initial operational capability, which will see deployed aircraft carry one baseline pod and one upgraded BOZ-102EC.

 

Saab Avitronics will deliver one modified pod a month from the middle of this year, says the Italian air force, which hopes to eventually support its entire Tornado fleet with the new system. An acquisition option could be exercised in the current fiscal year

Share this post


Link to post
Share on other sites

Stinger non è possibile, al massimo hanno contrabbandato qualche missile di provenienza russo/cinese, ma comunque il tipo di missione svolta dai nostri aerei dovrebbe metterli fuori dalla portata utile dei MANPADS.

Ovviamente, poi, la prudenza non è mai troppa.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Ma cè la probabilità che un talebano col RPG riesca ad abbattere un aereo a bassa quota?

 

Si magari quando è fermo sulla pista! :asd: :asd: :asd:

Share this post


Link to post
Share on other sites
Ma cè la probabilità che un talebano col RPG riesca ad abbattere un aereo a bassa quota?

 

Inumano...impossibile..

Share this post


Link to post
Share on other sites
Stinger non è possibile, al massimo hanno contrabbandato qualche missile di provenienza russo/cinese, ma comunque il tipo di missione svolta dai nostri aerei dovrebbe metterli fuori dalla portata utile dei MANPADS.

Ovviamente, poi, la prudenza non è mai troppa.

 

beh di sicuro qualche missile spalleggiabile lo hanno,i superetendard francesi sono stati bersaglio (senza conseguenze) di missili a guida IR.

 

per quanto riguarda ai nostri, qual'è la quota ideale per usare il pod di ricognizione??

Edited by IamMarco

Share this post


Link to post
Share on other sites
Ma cè la probabilità che un talebano col RPG riesca ad abbattere un aereo a bassa quota?

 

secondo Murphy è possibile.. secondo in buon senso è praticamente irrealizzabile.. si dovrebbe calcolare esattamente la traiettoria di collisione del missile con l'aereo e in più, il momento esatto per sparare, e in + sperare che il pilota non decida di correggere la rotta..

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

×
×
  • Create New...